Andiamo verso il “Partito unico”

C’è nell’aria una gran voglia di aggregazione, di unificazione, specie in politica. La sinistra ne ha fatto addirittura il motto della propria coalizione chiamandosi "Unione". E durante la campagna elettorale Prodi ed i suoi prodi seguaci hanno ripetuto fino alla nausea la necessità di unificare, di unire il Paese. Ne hanno fatto il motto ispiratore del programma elettorale. Ma non basta ancora, bisogna andare oltre, creare nuove aggregazioni, fino ad arrivare ad un unico grande partito del pensiero unico. Su questa via si sono mossi laici, radicali, liberali e socialisti, tutti insieme appassionatamente sotto il simbolo della rosa nel pugno. Bastava che aggiungessero cani e porci e ci sarebbero stati davvero tutti.

Continua a leggere “Andiamo verso il “Partito unico””

Miracolo: l’Unione degli opposti…

Prendiamo un insieme di partiti, partitini, movimenti e gruppuscoli vari, che hanno ideologie e programmi del tutto diversi, contrastanti e spesso addirittura opposti. Sono destinati ad annullarsi reciprocamente, essendo costantemente in disaccordo su tutto e difficilmente riusciranno a trovare un’intesa. Non avranno mai una probabilità di successo. Allora ecco l’idea, la trovata, la "pensata geniale". Ci si inventa un comune denominatore, un’idea aggregante sulla quale siano tutti d’accordo. Storicamente ciò che pone fine ai dissidi, alle faide ed alle lotte sociali è la minaccia da parte di un nemico esterno.

Continua a leggere “Miracolo: l’Unione degli opposti…”