Sardegna e turismo

Siamo in piena stagione turistica. I media si affannano a decantare le bellezze della Sardegna, le sue spiagge, l’interno, le tradizioni, i prodotti locali, la gastronomia, etc…
I sardi vanno molto fieri del fatto che la loro terra sia apprezzata.
Ed i mezzi di informazione fanno a gara a raccontarci quotidianamente il flusso di turisti che, pur con qualche inevitabile disagio, sbarcano in Sardegna.
E gli stessi media ci presentano il boom turistico come un toccasana per l’economia sarda.
E così anche quest’anno milioni di turisti affolleranno le spiagge dell’isola, facendo registrare il tutto esaurito in hotels, residences, campeggi etc, in gran parte di proprietà di imprenditori milanesi, romani, belgi, francesi, arabi etc. I sardi si accontentano di qualche chioschetto abusivo lungo le spiagge, dove spacciano come prodotti locali angurie e meloni che arrivano dalla Spagna.
E se va bene, con un po’ di fortuna, qualche centinaia di sardi riusciranno a lavorare come camerieri, lavapiatti, addetti alle pulizie nelle varie strutture alberghiere.

I beni di consumo per sfamare tanta gente vengono acquistati, in gran parte, non dai produttori locali, ma dalle varie ditte nazionali o estere che garantiscono prezzi più convenienti ( la globalizzazione servirà pure a qualcosa)
In compenso consumeranno gran parte delle esigue risorse e scorte idriche per lavarsi ed eliminare quella fastidiosa salsedine sulla pelle.

Poi, finalmente, la stagione turistica finirà.
Ed ancora gli stessi media ci diranno con grande enfasi ed evidente soddisfazione (specie degli operatori turistici) che anche quest’anno sono sbarcati nell’isola milioni di turisti, e tutti saranno felici e contenti!
Già…ma cosa resta di tutto questo turismo in mano ai sardi ?
Cosa resta nelle loro mani? Ve lo dico. Restano i calli e un vasto assortimento di colibatteri nazionali ed esteri!

E’ un vecchio post del 2003, ma a istanza di anni è ancora valido. L’unica cosa che è cambiata è la crescente concentrazione di colibatteri.

In compenso vedi Jazz e casu marzu

 

Hyperloop e altre amenità

Cos’è “Hyperloop”? E’ un progetto che sfrutta tecnologie avanzate, e la levitazione magnetica, per il trasporto ad alta velocità (1.200 Km/h) di persone e merci lungo un tunnel, dentro capsule “sparate” dentro un tubo; più o meno come la posta pneumatica. Praticamente il futuro del trasporto terrestre (Treno supersonico a levitazione magnetica).  Dopo la prima fase di studi e simulazioni, l’anno scorso è stato realizzato in America, nel Nevada, un primo esperimento lungo un percorso di un miglio. Ed ora si passerà alla fase di attuazione di progetti che, avendo necessità di investire grossi capitali, devono avere anche la prospettiva di grandi rientri economici; ovvero di opere che prevedano grandi flussi di merci e passeggeri su lunghi percorsi su vasti territori. La Russia ed altri importanti Stati hanno già dimostrato un certo interesse per la nuova tecnologia. Ed in questo avveniristico progetto si inserisce la Sardegna.

Hyperloop

La Sardegna? Sì, incredibile, ma vero: “Da Cagliari alla Corsica in 40 minuti“. Il progetto è stato presentato dalla Hyperloop One nel corso di una conferenza ad Amsterdam, organizzata dal ministro dei trasporti olandese, alla presenza dell’assessore regionale dei trasporti della Sardegna, Massimo Deiana. Ora, a parte l’entusiasmo per l’opera che tutto il mondo ci invidierà, bisognerebbe fare qualche precisazione. La Sardegna è una delle regioni più povere, anzi le province di Carbonia – Iglesias e Medio Campidano sono proprio in cima alla classifica, sono le più povere d’Italia.

Abbiamo tanti problemi irrisolti, dalla disoccupazione alla crisi perenne di settori fondamentali come l’agricoltura, la pastorizia, l’industria. Ogni anno dobbiamo combattere contro incendi che devastano il territorio; e la siccità sempre più grave prospetta scenari di desertificazione del territorio. Abbiamo il record di disoccupazione giovanile oltre il 40%. Abbiamo una rete trasporti da terzo mondo. Siamo l’unica regione a non avere nemmeno un Km di autostrade; cosa non necessariamente negativa, almeno risparmiamo i pedaggi. L’unica superstrada, che attraversa tutta la Sardegna e collega Cagliari a Sassari e Porto Torres è la Carlo felice che, tra inizio lavori (fine anni ’50), adeguamenti, modifiche, varianti, circonvallazioni, nuovi tragitti ed eterni lavori in corso, è in costruzione da almeno 60 anni. A noi la Salerno-Reggio Calabria ci fa un baffo. In questo panorama non proprio idilliaco, invece che pensare ad utilizzare i pochi fondi disponibili per opere serie, urgenti e di utilità pratica, cosa facciamo? Approviamo un progetto per collegare Cagliari alla Corsica con l’Hyperloop.

Cagliari-Corsica in 40 minuti. Fantastico, finalmente, ecco cosa mancava ai sardi; un treno veloce per la Corsica. Immagino che sia sempre stato il sogno segreto dei cagliaritani: alzarsi al mattino ed andare a fare una passeggiatina ad Aiaccio, Bastia, Bonifacio, prendere un caffè o un aperitivo e tornare a casa per l’ora di pranzo. Ora, come dicevo, un progetto simile richiede un tornaconto economico; ovvero un grande e costante flusso di merci e passeggeri che, nel tempo, non solo ripaghi le spese sostenute, ma garantisca dei profitti. E quanti anni, o secoli, ci vorranno per rifarsi delle spese del progetto, prima di incassare qualche soldino di utili? Bisognerebbe che almeno metà dei sardi, o dei cagliaritani  tutti i giorni vadano in Corsica.  Allora, come direbbe Lubrano,  la domanda sorge spontanea: “Ma quanti saranno i cagliaritani che ogni giorno andranno in Corsica o i corsicani che scenderanno a Cagliari? E soprattutto, per fare cosa?”. Mistero.  Eppure l’assessore regionale dei trasporti, Massimo Deiana, ha dato l’annuncio dell’approvazione del progetto con gande orgoglio ed entusiasmo: “Abbiamo colto la portata rivoluzionaria di questa tecnologia.”, afferma. E se lo garantisce un politico possiamo fidarci. No?

Questo progetto Cagliari-Bastia in 40 minuti mi ricorda una vecchia barzelletta di Bramieri; quella del tizio un po’ spaccone che compra un’auto velocissima e tutte le mattine, per provarla, va da Milano a Varese, ogni giorno migliora il tempo di percorso e poi la sera agli amici del bar racconta l’impresa ed il nuovo record. La storia si ripete per una settimana circa,  finché un giorno  lo vedono arrivare al bar  al mattino e, sorpresi, gli chiedono come mai non abbia fatto la solita corsa a Varese: “No, basta con Milano-Varese. Eh, cosa ci andavo a fare tutti i giorni a Varese?”.

Ecco, mi sa che questa storia finisce così: “Cosa ci vanno a fare i cagliaritani in Corsica tutti i giorni?”. Mistero. Ma sono certo che il nostro assessore Deiana lo sa e, visto che la fantasia non gli manca, in futuro ci riserverà altri grandi progetti fondamentali per la Sardegna: un tunnel sottomarino Cagliari-Miami beach, una teleferica Gennargentu-Courmayeur, uno scivolo Cagliari-Tripoli (facile, viene in discesa) e chissà quale altra genialata. Che fortuna abbiamo ad avere politici così geniali e creativi.

Ma non è l’unica idea geniale dei nostri governanti. Un altro progetto simile riguarda la costruzione di 2.000 Km di piste ciclabili lungo le coste ed all’interno del territorio dell’isola (Grande rete ciclabile sarda: 2.000 Km di piste). Dicono che attirerebbe milioni di turisti: “Il più importante progetto di infrastrutturazione turistica che la regione abbia mai visto.”, lo ha definito l’assessore regionale al Turismo, Francesco Morandi. E giusto per sopperire alle prime spese hanno già stanziato 15 milioni di euro per una prima tranche del progetto; tanto per cominciare, è solo l’anticipo, poi si vedrà.

Dicono che il ritorno economico è assicurato. Immagino che, anche in questo caso, per recuperare le spese debbano arrivare ogni giorno in Sardegna milioni di ciclisti europei. Magari attraverso un tunnel Hyperloop Olbia-Livorno.  Stranamente sembrano dimenticare un piccolo dettaglio; la costante lamentela degli operatori turistici per la mancanza di incremento delle presenze, a causa soprattutto dell’eccessivo costo dei trasporti. Tanto è vero che col solo costo di una traversata in traghetto, una famiglia si paga una settimana di vacanze in altre località non meno belle della Sardegna. Ovvio che venga in mente un’altra domanda alla Lubrano: ma quanti saranno i turisti che verranno a pedalare in Sardegna?  E davvero porteranno i grandi benefici economici ipotizzati? E quanto tempo occorrerà, non solo per avere dei riscontri economici positivi, ma almeno per rientrare dalle spese sostenute? Altro mistero.

Ma per noi queste sono sciocchezzuole, perché abbiamo una creatività incontenibile, ce l’abbiamo nel sangue.  Ne abbiamo così tanta che sprizziamo creatività da tutti i pori. E dobbiamo esprimerla, altrimenti ci viene lo stress, l’ansia e la nevrosi da creatività repressa. La dimostrazione più evidente la forniamo nell’organizzazione nell’arco dell’anno di centinaia di sagre paesane ed eventi culturali. Per le sagre enogastronomiche ormai abbiamo quasi esaurito il repertorio disponibile di frutti, ortaggi, dolci e specialità tipiche. Abbiamo inventato la sagra delle pesche, delle arance, delle ciliegie, dell’asparago, del pane, del grano, dei cereali, della pecora bollita, di tutte le specie di dolci, di frutta ed ortaggi,  e perfino la sagra della patata. Credo che sia rimasta disponibile ancora solo la sagra del cavolo. Ma prima o poi qualcuno farà anche quella, magari proprio all’Isola dei Cavoli (Villasimius).  Strano che ancora non ci abbiano pensato.

Non c’è paesino della Sardegna che nell’arco dell’anno non organizzi una sagra o, specie d’estate, un evento culturale per richiamare i turisti. Siamo col culo per terra per la crisi economica e per la siccità, ma noi pensiamo alla cultura. Possiamo crepare di fame e di sete, ma guai se ci manca la poesia o il Jazz. Si fa più Jazz nel Sulcis e in Marmilla che a New Orleans. La Sardegna pullula di eventi,  rassegne e festival del cinema, della musica, del teatro, della poesia, del Jazz, di musica etnica, di convegni, dibattiti e serate a tema letterario, passerelle di scrittori, giornalisti, intellettuali, personaggi dello spettacolo, sportivi, attori, cantanti, giocolieri e saltimbanchi; c’è spazio per tutti; grazie a lauti contributi di denaro pubblico elargito magnanimamente da Mamma Regione, Comuni e province.

Dicono che “I sardi hanno sete di cultura“; lo dicono quelli (artisti, organizzatori, tecnici) che con queste manifestazioni ci campano (e i sardi ci credono). Così, mentre uno dei problemi più gravi è la perenne mancanza d’acqua e la siccità ormai cronica prelude ad una desertificazione del territorio, dicono che la gente ha sete di cultura. E invece che procurargli l’acqua, organizzano serate Jazz e reading di poesia.

Facciamo un piccolo esempio di cosa riusciamo ad inventarci.  Curcuris è un paesino della Marmilla che conta 307 abitanti. Così pochi? Anzi, sono già tanti. Nella stessa zona, sempre Marmilla, a distanza di pochi chilometri c’è un altro paesino, Setzu, che conta appena 150 abitanti. Uno dei tanti piccoli centri che rischiano di scomparire e che patiscono gli stessi problemi  di crisi economica, disoccupazione, spopolamento; non hanno certo motivo di gioire e festeggiare. Ma non rinunciano alla loro bella sagra. Così da anni organizzano la “Sagra de sa fregua e de su pani indorau“. Di questa sagra e di altre sagre e manifestazioni in Sardegna ( e di cosa sia “su pani indorau“) ho scritto nel post “Jazz e casu marzu” (consiglio di leggerlo per capire perché me la prendo tanto con queste iniziative strampalate; alla fine c’è anche un link che rimanda all’elenco di associazioni che usufruiscono di oltre 6 milioni di contributi regionali, ai quali si aggiungono quelli di Comuni e province, per organizzare questi eventi).

Ora, chiaro che Curcuris, che ha il doppio degli abitanti di Setzu, non può restare indietro; è anche una questione di orgoglio campanilistico. Ed ecco, infatti, cosa hanno inventato. L’anno scorso hanno partecipato, insieme ad altri Comuni della zona, al progetto “Litighi-Amo“, iniziativa originale e fondamentale per la crescita culturale e socio-economica della zona, partorita dalle menti creative del Plus di Ales-Terralba (al cui confronto quelli di Silicon Valley sono dei dilettanti), gestito dalla cooperativa Coagi e dedicato ai bambini.

In cosa consiste? Una specie di corso accelerato con lezioni teorico-pratiche, laboratori vari,  per imparare a litigare (come se i bambini abbiano bisogno di qualcuno che glielo insegni) e poi, trovare il modo di fare pace. “Abbiamo fatto vivere ai ragazzi il momento del bisticcio come un’esperienza rigenerante, contenendo il sentimento di colpa provato quando si litiga.“, dice Susanna Murru, una delle mediatrici culturali del progetto. Riusciamo perfino ad inventarci dei corsi per imparare a litigare. Ragazzi, questa è creatività pura, geniale. No?

Nota

A proposito di siccità, giusto per dire che il problema è serio (altro che pensare a Jazz, poesia e sagre del piffero), ecco le notizie recenti riportate dal quotidiano locale L’Unione sarda, un autentico bollettino di guerra:

Piogge scarse e cambiamenti climatici; agricoltori sardi in allarme. (15 marzo)

Sassari, siccità; stato di calamità naturale. (6 maggio)

Mandas, siccità, campi all’asciutto; chiesta la calamità naturale. (7 maggio)

Emergenza siccità; Coldiretti e sindaci di Guilcier e Barigadu chiedono incontro con Regione. (12 maggio)

Trexenta, siccità; niente acqua per irrigazione. (12 maggio)

Sardegna, si aggrava la siccità; stato di allerta per numerosi bacini idrici (13 maggio)

– Sardegna, siccità; bacini vuoti, danni enormi. (15 maggio)

Siccità; aziende e animali stanno morendo. (19 maggio)

Emergenza siccità; allarme rosso in Sardegna (20 maggio)

Villaputzu, siccità; scende in campo il Comune (25 maggio)

Orgosolo, emergenza siccità. (26 maggio)

Musei, stato di calamità naturale a causa della siccità (25 maggio)

Guamaggiore, siccità; dichiarato stato di calamità naturale (7 giugno)

Selegas, siccità; scende in campo il Comune a sostegno degli agricoltori. (9 giugno)

– Sardegna, siccità: perso il 40% della produzione. (10 giugno)

Gesico, siccità; agricoltori in crisi. (10 giugno)

Sant’Efisio folk

Il 1° maggio è la festa dei lavoratori. La festa dei disoccupati la devono ancora inventare, poi faranno la festa degli esodati, la festa dei precari, ed infine faranno la festa ai pensionati che vivono troppo a lungo, così l’INPS risparmierà sulle pensioni.  Ma in Sardegna il 1° maggio  è anche la festa di Sant’Efisio, che si celebra a Cagliari per sciogliere un voto che risale al 1656, per ringraziare il santo che avrebbe salvato la città dalla peste.  Niente a che vedere con “peste e corna“; infatti salvò Cagliari dalla peste, ma non dalle corna che proliferano ancora oggi. Secondo Wikipedia, Efisio nacque ad Antiochia, in Siria, nel 250, (oggi sarebbe considerato profugo ed ospitato in hotel, vitto e alloggio garantiti).  Secondo l’ufficio stampa del Comune di Cagliari, invece, sarebbe nato a Gerusalemme.  Quando queste fonti autorevoli si metteranno d’accordo vi faremo sapere.

Nasce come festa religiosa e così è stata celebrata per secoli. Fino a quando, a partire dagli anni ’60, è diventata l’occasione per far partecipare numerosi “gruppi folk” che in quegli anni cominciavano a nascere come funghi. Si era in piena riscoperta delle tradizioni sarde; costumi, usanze, feste, rilancio della lingua, malloreddus, pabassinus, vernaccia  e cannonau. Infatti, per dimostrare l’attaccamento alla lingua, i gruppi che indossano i classici costumi sardi si chiamano “folk“, classico termine sardo della Barbagia. No? Beh, non stiamo a sottilizzare. Il fatto è che, anno dopo anno, i gruppi partecipanti alla processione che accompagnava Sant’Efisio, sono diventati sempre più numerosi (partecipare era motivo di orgoglio, specie da quando a fine anni ’70, le televisioni locali cominciarono a fare la cronaca in diretta della festa) e la processione religiosa è diventata più propriamente una sfilata di gruppi in costume, a beneficio di autorità, turisti, fotografi e TV.

Intanto, sempre più numeroso era anche il pubblico che, pur non partecipando alla processione, assisteva al passaggio delle confraternite, dei miliziani a cavallo e del cocchio col simulacro del santo. La festa, grazie anche ad una campagna pubblicitaria di agenzie ed Enti turistici regionali, oltre ai numerosi sardi provenienti da tutta l’isola, richiamò anche turisti dall’Italia e perfino dall’estero. Si allestirono tribune lungo il percorso, in modo che potessero assistere alla processione comodamente seduti e, giusto per onorare la proverbiale ospitalità sarda, i vari gruppi “Folk” (sempre il termine barbaricino) cominciarono ad offrire dolciumi e bevande. E così la festa di Sant’Efisio, più che una processione religiosa che accompagnava il santo dalla città a Nora (il luogo dove venne martirizzato), divenne una sfilata di costumi a favore di telecamere e fotografi, con gentile offerta di specialità locali. Insomma, finì a tarallucci e vino.

La conferma viene da questo articolo pubblicato di recente sul quotidiano locale L’Unione sarda (In vendita i biglietti per Sant’Efisio), nel quale, circa un mese fa,  si annunciava la vendita dei biglietti per i posti nelle diverse tribune sistemate lungo il percorso della processione. I prezzi variano da 15 a 25 euro, secondo l’ubicazione delle tribune, coperte o meno, per un totale di 1.730 posti a sedere. E’ l’unico caso, per quanto ne sappia, in cui si paga un biglietto per assistere ad una processione religiosa. Come si fa al Circo o in un qualunque spettacolo pubblico all’aperto.

Il fatto che siano in vendita i biglietti conferma quanto dicevo, ovvero che non è più una processione religiosa; è uno spettacolo a cui assiste un pubblico pagante. E’ diventato una rappresentazione, una passerella di costumi sardi, gruppi folk e belle ragazze che, in atteggiamento da sfilata di moda più che da processione religiosa, sorridono indossando ricchi costumi e  preziosi monili a beneficio di turisti, fotografi e telecamere. Ma allora non chiamatela Festa di S. Efisio, chiamatela rassegna di gruppi folk e traccas addobbate. Una ulteriore conferma è che, come si vede, la foto che accompagna l’articolo non mostra Sant’Efisio, ma una bella ragazza in costume.  Anche le feste religiose si sono evolute, sono diventate mediatiche. Strano che non abbiano ancora messo sul cocchio del santo il logo di uno sponsor. Ma magari ci stanno pensando.  Eh, signora mia, non ci sono più le processioni di una volta.

Nota – Il post è dell’anno scorso (Santi e sfilate), ma è sempre valido.  La sfilata è la stessa, i costumi sono gli stessi, il santo è lo stesso, i buoi sono gli stessi, i gruppi “Folk” sono gli stessi. Anche  la lunga e noiosa telecronaca in diretta è la stessa  e pure i commenti banali, scontati e falsamente entusiasti dei cronisti, che non  concedono un attimo di tregua e silenzio (parlano ininterrottamente per tre ore; non ci sono 30 secondi di silenzio nemmeno a pagarli a peso d’oro). Forse lo fanno perché sono convinti che quello sia proprio il loro compito: parlare continuamente per evitare di farci sentire in diretta suoni e  rumori che provengono dalla processione, i canti religiosi, le preghiere, i goccius e il suono delle launeddas (tutta roba evidentemente inutile, noiosa e fastidiosa; meglio il chiacchiericcio forzato dei commentatori). Sì, anche la telecronaca è sempre la stessa; stucchevole, petulante e pallosa. L’unica cosa che cambia rispetto allo scorso anno, forse, è il numero delle corna (buoi compresi).

Nota 2 – La Tv ha il grande merito di mostrare in tempo reale gli avvenimenti. Ciò che è insopportabile è l’inspiegabile convinzione che debba esserci qualcuno, spesso più di uno, che spieghi quello che le telecamere riprendono e che tutti vedono e capiscono benissimo senza la necessità dei commenti inutili e banali del cronista di turno. Ma questi telecronisti sono convinti del contrario e, quindi, parlano, parlano, parlano sempre, hanno orrore del silenzio.  Anche quando dovrebbero tacere. Non capire che talvolta il silenzio è il miglior commento è segno di stupidità. Ma siccome in televisione la stupidità è  un ingrediente indispensabile, nessuno ci fa caso. Ho provato anche a scrivere 3 o 4 commenti sul sito del quotidiano L’Unione sarda (è lo stesso editore di Videolina, la TV che trasmetteva la diretta) per segnalare questo fastidioso commento. Come immaginavo non sono passati; censura. Sì, perché la stupidità esiste, è diffusa, ma non si può dire. E se lo dite vi censurano.

In uno dei commenti censurati segnalavo che in quel momento la TV riprendeva il passaggio di un gruppo corale che cantava “Deus ti salvet Maria“, uno dei canti religiosi più belli ed amati  della musica popolare sarda. Lo si sentiva in sottofondo, ma non si poteva seguire perché i nostri infaticabili telecronisti parlavano sopra, dilungandosi in commenti sulla bellezza dei costumi, la fattura, i colori, i monili. Anche questo censurato. Allora, sono io ad essere troppo critico e severo? Può darsi. Giudicate voi, se seguendo la ripresa di una processione (perché anche se lo dimenticano tutti, quella di Sant’Efisio non è una sfilata di moda, ma una processione religiosa) è più serio ascoltare un antico canto sacro oppure l’insopportabile ed inutile chiacchiericcio di due telecronisti che pensano di commentare una sfilata di moda.

Ecco una versione di “Deus ti salvet Maria” nell’interpretazione del Coro di Ozieri.

Suicidio per legge

Suicidarsi sì. ma con calma, piano, giorno per giorno, lentamente. Due giorni fa è comparsa questa notizia su L’Unione sarda: “I ragazzini sardi i più precoci; a 12 anni il primo spinello“.  Una volta tanto siamo primi in classifica. Ma non è il solo primato. Ecco l’ultimissima di oggi: “Redditi: i sardi tra i più poveri d’Italia“. E due; non solo poveri, ma anche drogati. Ma non basta, perché abbiamo anche il record delle due province più povere d’Italia (Iglesias-Carbonia e Medio Campidano) e pure quello della più alta disoccupazione generale e giovanile (che arriva al 60%). Insomma, non ci possiamo lamentare, facciamo la nostra bella figura in graduatoria. Così, forse perché abbiamo capito quale avvenire ci aspetta, cominciamo a drogarci fin da bambini. Chi ben comincia! Si parte con spinelli, roba leggera, poi si aggiunge alcol e roba più pesante, poi si passa a coca, e via in un crescendo di sballo sempre più forte, sempre più devastante.  Pare che i ragazzi sardi siano “tra i maggiori consumatori di stupefacenti in Italia”. Un bel primato di cui andare orgogliosi. Sì, i sardi sono precoci, cominciano ad ammazzarsi presto, ma lo fanno con calma, senza fretta. E’ una forma di eutanasia (oggi va di moda) lenta, graduale, dilazionata nel tempo. Una specie di suicidio a rate.

Ma non è che nel resto d’Italia stiano molto meglio. Ci sono diversi modi di suicidarsi. C’è chi lo fa con la droga e chi lo fa quasi inconsapevolmente con l’inquinamento dell’aria; purché sia contenuto entro i limiti di legge. Anche la morte deve rispettare le norme europee. Del resto, oggi a quanto pare il suicidio, più o meno assistito, va di moda. E’ solo una questione di modalità. C’è chi lo fa in un’unica soluzione in Svizzera e spende 10.000 euro, e chi fa un percorso più lungo (anche contro la propria volontà), cominciando a suicidarsi lentamente fin da appena nato quando va a passeggio sulle strade cittadine su una carrozzina che, per agevolare l’avvelenamento, è giusto all’altezza dei tubi di scappamento delle automobili. Così i tempi del decesso si allungano e si risparmia qualcosa sulle spese.

Una volta era normale sentire che in Val Padana c’era la nebbia. Ma non era preoccupante; poteva creare qualche problema alla circolazione, ma niente di più. Ma il tempo passa e anche le condizioni atmosferiche cambiano. Eh, signora mia, non c’è più la nebbia di una volta.  Oggi nella Val Padana non c’è più la nebbia, ormai da decenni ci sono le polveri sottili Pm 10, un concentrato di veleni micidiali, letali; un problema che interessa in particolare le grandi città (“Smog, l’Italia avvolta dalle polveri sottili: Pm 10 oltre 3 volte i limiti“). Ma ormai queste notizie non allarmano più nessuno, o quasi. A forza di sentire le rilevazioni quotidiane che indicano sempre più spesso livelli superiori a quelli normali, la gente non ci fa più caso, ci si fa l’abitudine, ci si abitua lentamente al veleno. E’ una forma di mitridatismo in versione 2.000. Mitridate, re del Ponto, lo ricordiamo tutti, per paura di essere avvelenato (cosa che ai suoi tempi era abbastanza probabile), assumeva ogni giorno piccole quantità di veleno, per abituarsi e così pensava di diventare immune.

Oggi la gente fa lo stesso; si avvelena giorno per giorno, a piccole dosi, sperando di farci l’abitudine e diventare immune dagli effetti del veleno. Specie nel periodo invernale i dati sulla concentrazione di Pm 10 nell’aria sono allarmanti; i limiti consentiti dalla legge vengono superati di molto (anche fino a 3 o 4 volte) e permangono per decine di giorni. Gli effetti magari non sono percepiti immediatamente, ma sono come un lento e graduale suicidio. E non hanno solo effetti sull’apparato respiratorio (quelli più facilmente riscontrabili). Interessano anche il cervello ed hanno effetti nocivi direttamente sui neuroni, modificando la funzionalità mentale. Ho accennato spesso a questo problema gravissimo che, però, sembra passare inosservato. Ne parlavo anche di recente, accennando alla follia dilagante che sembra non avere una causa specifica e che, invece, ha delle cause anche nell’inquinamento dell’aria (vedi: “Follia umana 1“).

Sì, ci stiamo avvelenando gradualmente, coscientemente (perché siamo coscienti dei danni provocati dall’inquinamento), ma al tempo stesso incoscientemente (perché dimostriamo una incoscienza inaccettabile e tragica di fronte al pericolo reale). Ma ciò che è più assurdo è che, pur sapendo che queste polveri sottili sono dannose, se ne fissa “per legge” il limite massimo in  50 microgrammi per metro cubo. Vuol dire che se sono al 49% non fanno male? Sono dannose, ci avvelenano, ma entro certi limiti sono “tollerate”. Come se ci dicessero che arsenico, cianuro e mercurio sono mortali, ma se ne prendiamo piccole dosi ogni giorno, è consentito dalla legge. L’importante è tenersi entro il limite. La cosa curiosa è che da decenni si combatte una battaglia contro i danni del fumo, anche quello passivo. Hanno proibito il fumo nei locali pubblici, negli uffici, nei parchi, addirittura in macchina. E sui pacchetti di sigarette compaiono avvisi allarmanti sui danni del fumo. Ma non vediamo nessun avviso o cartello di pericolo sulle marmitte delle automobili, sugli scarichi degli impianti industriali o sulle ciminiere delle fabbriche.

Ed infine, se è vero che le Pm 10 sono nocive perché, invece che eliminare le cause che le producono, si consente l’emissione e la concentrazione nell’aria entro quei limiti di legge? Significa che respirare ogni giorno per anni, fin dalla nascita, un’aria che contiene 49 microgrammi di Pm 10 (al di sotto del limite), non è nocivo? Se è entro i limiti di legge invece che avvelenarci fa bene alla salute, libera i polmoni, facilita la respirazione, è come fare delle sedute di aerosol con l’eucaliptolo? No, sono comunque dannosi, ci avvelenano lentamente, e la prolungata esposizione comporta danni irreversibili e riduce di molto la durata della vita. E’ un suicidio lento, ma sempre suicidio è.  Allora bisogna ricordare che incitare al suicidio, aiutarlo o favorirlo è reato (il caso di Marco Cappato, indagato per aver accompagnato ed aiutato DJ Fabo in Svizzera  è tragicamente attuale). Se ciò è vero, favorire e realizzare volontariamente le condizioni che comportano un grave rischio per la salute è ancora più grave di un semplice “aiuto” al suicidio. E’ una responsabilità nei confronti non solo di un singolo individuo, ma dell’intera collettività; una strage. Allora, perché tutti coloro che contribuiscono all’inquinamento atmosferico, che è una forma di suicidio lento, non vengono indagati ed incriminati?  Ovvio, perché sarebbe impossibile eliminare le cause; sconvolgerebbe l’intero sistema sociale ed economico. Quindi è più semplice fingere di rimediare, stabilire dei “limiti di legge”  e se ci si mantiene entro quei limiti non è reato; così possiamo continuare ad avvelenarci, ma legalmente. E’ un suicidio, ma “entro i limiti di legge“. Buffoni.

Sardi, non ammalatevi

Fuori i sardi dagli ospedali, lasciate posto agli immigrati. Non è una battuta o uno slogan di facile propaganda anti immigrazione; purtroppo è la verità nuda e cruda. Ed è anche la dimostrazione di come l’ideologia terzomondista, il buonismo ipocrita di facciata e la cultura dell’accoglienza siano arrivati a livelli intollerabili di follia e idiozia pura.  La notizia è stata diffusa venerdì scorso da diverse testate nazionali (Il Giornale: Migranti al posto dei pazienti  Adnkronos: Stop ai ricoveri programmati per far posto ai migranti),  e regionali (Unidos: Bloccare i ricoveri, dimettere i pazienti, arrivano i migranti – Sardegna oggi: Polemica di Pili su circolare dell’ospedale – Casteddu on line: Sos migranti, degenti allontanati dagli ospedali –  Vistanet: Pericolosa e stupida bufala sui social), e da altri siti di informazione in rete.

La riportano tutti, compreso qualche  TG nazionale. Tutti, ma non L’Unione sarda on line, il maggior quotidiano locale. Curioso, vero? Forse pensano che sia meglio nascondere certe notizie per non “alimentare la xenofobia e l’odio etnico” ed esacerbare gli animi dei sardi già ampiamente esasperati dall’invasione africana. La cosa buffa è che non solo non ne parlano, ma censurano anche i commenti che chiedono perché non abbiano dato la notizia. Se questa non è censura da regime cos’è? In compenso danno sempre ampio spazio a tutte le iniziative e manifestazione che, a vario titolo, promuovono l’accoglienza e l’integrazione degli immigrati. Quelle le trovate sempre, ogni giorno in prima pagina con ampio rilievo. Ma guai a mettere in dubbio l’imparzialità della stampa. Danno spazio a tutti, purché siano a favore dell’immigrazione. E se non sei d’accordo con la linea editoriale ti censurano; alla faccia dell’art. 21 e della libertà di espressione.

Ecco a lato la circolare, firmata dal direttore medico dei presidi ospedalieri di Cagliari dott. Giuseppe Orrù, che ha come oggetto: “Blocco ricoveri programmati e dimissioni pazienti dimissibili“. La lettera, che era riservata, è stata divulgata dal leader di Unidos Mauro Pili. Dice : “In previsione dello sbarco dei migranti previsto per la giornata di oggi, si invitano le SS.LL  a voler provvedere a bloccare i ricoveri programmati e a dimettere i pazienti dimissibili, al fine di poter affrontare l’eventuale emergenza.”.  Il senso è chiarissimo e non lascia spazio ad interpretazioni di sorta. Ed è talmente folle ed incredibile che qualcuno ha scritto che si trattasse di una vecchia bufala di anni fa. Infatti, dietro segnalazione,  se ne è occupato anche Bufale.net, un sito specializzato nello scovare bufale in rete. Ma dopo aver accertato l’esistenza della circolare chiedendo conferma direttamente agli uffici della Regione, ha constatato che non è una bufala, è vera e si tratta di misure preventive adottate normalmente in occasione di potenziali emergenze sanitarie dovute agli sbarchi di immigrati. E per dimostrare che non solo scovano le bufale, ma sono anche “imparziali” (più o meno come L’Unione sarda) concludono l’indagine classificando la notizia come “Disinformazione“. La notizia è vera, la circolare è vera, il senso è chiaro, ma divulgare questa notizia è…Disinformazione. No comment; si commentano da soli. Diceva Togliatti, il “migliore” (figuratevi gli altri): “La verità è ciò che conviene al partito.”. Ragazzi, questo è parlar chiaro. Oggi potrebbe aggiungere: “La verità che NON conviene al partito è… Disinformazione.”. Punto.

Infatti, lo stesso assessore alla sanità Luigi Arru, già ieri, dopo la divulgazione della circolare  e la polemica scaturita dalla denuncia di Pili (vedi qui la sua la sua denuncia), rilasciava una dichiarazione riportata dal sito Vistanet.it che titolava “Pericolosa e stupida bufala sui social.”.  Chiaro? Sarebbe una bufala, ovvero una notizia falsa, e pure pericolosa. Ma sarà così? Vediamo cosa dice la dichiarazione di Arru riportata nel sito della Regione Sardegna:

“Cagliari, 16 dicembre 2016 – “Circola in queste ore sui social media la notizia che il direttore sanitario di un presidio ospedaliero di Cagliari avrebbe dato ordine di dimettere i pazienti ricoverati per liberare i posti letto e accogliere i migranti sbarcati martedì”. Così interviene l’assessore della Sanità, Luigi Arru, in riferimento ad una circolare del responsabile di un presidio cagliaritano, emessa in occasione dell’ultimo sbarco di migranti.

“Forse qualcuno non sa che è una regola generale – prosegue Arru – che, quando avvengono dei fatti eccezionali per numero di persone coinvolte o per la gravità delle condizioni cliniche (che potenzialmente potrebbero portare ad un aumentato numero di ricoveri), si attiva un piano che prevede che siano prontamente dimessi i pazienti per i quali il medico che li ha in cura – e solo lui – ha già stabilito la dimissibilità. Nessuna dimissione, quindi, per pazienti che richiedono altre cure, come qualcuno in malafede afferma. Fortunatamente il numero di persone che sono finora sbarcate e che hanno ricevuto cure in ospedale o sono state ricoverate, è inferiore all’1%. Anche durante questo ultimo sbarco nel porto di Cagliari, pur essendoci numerose donne vittime di violenza, numerosi bambini, pochi sono stati coloro che hanno avuto bisogno di cure ospedaliere. Dispiace che si diffondano notizie con il solo scopo di suscitare la paura, odio contro persone che hanno solo bisogno di aiuto e conforto, dopo aver effettuato viaggi lunghi e pericolosi. L’assistenza a queste persone è dovuta e, certamente, non avviene a scapito della risposta sanitaria che ricevono i cittadini sardi.”.

Questa è la spiegazione dell’assessore Arru che vediamo a lato in un primo piano molto espressivo. Ed è anche convinto che sia una spiegazione accettabile. Lo si capisce anche dallo sguardo che denota acutezza d’ingegno e dal sorriso soddisfatto. E bravo assessore. Risposta in perfetto stile buonista che non solo non smentisce la notizia, ma la conferma in tutta la sua allucinante realtà. Quella circolare non è una bufala, come alcuni hanno insinuato. E non è nemmeno stata male interpretata allo scopo di diffondere “paura e odio contro persone che hanno bisogno di aiuto“. Dice esattamente e chiaramente che devono essere bloccati ricoveri già programmati e dimessi i pazienti dimissibili, evidentemente  anche in anticipo rispetto al previsto, altrimenti non avrebbe senso. Sarebbe come dire che “siano dimessi i pazienti che devono essere dimessi“; che sarebbe pleonastico e pure un po’ stupido. E ricorderebbe la famosa domanda che Totò rivolgeva al vigile milanese per sapere “dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare”. Ecco, qualcosa del genere, ma riveduta e corretta in stile sardo/ospedaliero.

Insomma, chi è ricoverato deve essere mandato a casa in anticipo, mentre quelli che hanno già fissato il ricovero dovranno aspettare qualche giorno. Abbiate pazienza, stringete i denti; prima dobbiamo assistere i migranti. Quindi evitate di ammalarvi e, soprattutto, di aver necessità di un ricovero. Aspettate che tutti i nuovi arrivati siano stati accuratamente visitati, siano dichiarati in buona salute, di sana e robusta costituzione, e siano ospitati in qualche delizioso hotel con piscina e vista sul mare (a spese nostre, è bene ricordarlo). Solo allora potrete concedervi il lusso di ammalarvi e di ricoverarvi; sperando che non arrivi un altro carico di “turisti” travestiti da migranti; altrimenti saltate di nuovo il ricovero. Chiaro? Come giustificazione ufficiale di un assessore alla Sanità ci aspettavamo qualcosa di meglio. Non sembra molto convincente.

Anzi, scopriamo che le disposizioni impartite con questa circolare non sono un fatto eccezionale, che sarebbe sempre grave, ma almeno si tratterebbe di un episodio unico e straordinario. No, si scopre che questa è la norma, la prassi adottata ogni volta che arriva una nave con immigrati. Quindi, cari sardi, prima di ammalarvi informatevi bene sul traffico di gommoni e barconi in partenza dalla Libia e sulla possibilità che vengano “salvati”, imbarcati sulle navi che fanno servizio taxi gratuito per l’Italia, e sbarcati a Cagliari. Regolatevi con i tempi di arrivo, magari contattate la Capitaneria di porto per avere informazioni precise, ed eventualmente rimandate la malattia a data da stabilire, in bassa stagione migranti. Oppure, se proprio è urgente, presentatevi all’ospedale come “migranti” appena sbarcati e senza documenti. Allora avrete il posto sicuro ed uno stuolo di specialisti che vi prestano tutte le cure del caso; e pure gratis, non pagate  nemmeno il ticket.  E questa sarebbe la spiegazione dell’assessore. Come dicono al nord “La toppa è peggio del buco“.

Ieri, è intervenuta anche la “prefetta” di Cagliari Giuliana Perrotta (nella foto sotto), che ha dichiarato: “Sui migranti bugie pericolose, uniamo le forze.”.  Anche per lei sono “bufale”. Recentemente la popolazione di Monastir, un paese ad una decina di chilometri da Cagliari, è scesa in piazza per protestare, con in testa il sindaco, contro l’arrivo di immigrati in una struttura prevista come scuola di polizia penitenziaria, ma ancora inutilizzata: “Accoglienza migranti, Monastir dice no.”. Ma anche gli altri sindaci della zona riuniti in assemblea hanno manifestato preoccupazione per l’arrivo di centinaia di immigrati che creerebbero non pochi problemi alla popolazione: “Assemblea popolare contro il centro di accoglienza“. In quella occasione la Perrotta ebbe parole poco simpatiche, anzi decisamente arroganti, affermando che comunque il loro dovere era quello di accogliere i migranti e lo avrebbero fatto con o senza il consenso della gente. Dichiarazione ineccepibile sotto l’aspetto del dovere istituzionale, ma alquanto azzardato e pericoloso in un momento di esasperazione dei cittadini per i continui sbarchi di immigrati.

Subito dopo, per tutta risposta, la struttura fu danneggiata da un incendio doloso ed al prefetto arrivò una lettera minacciosa accompagnata da alcuni proiettili.  Seguì una lettera di rimprovero del prefetto che strigliava il sindaco per le proteste e per l’attentato incendiario, nonché una circolare indirizzata ai sindaci, contestando l’adozione di provvedimenti sulla sicurezza, che suscitò la reazione polemica degli stessi sindaci. Come gettare benzina sul fuoco.  Infine sembrò trovare un aggiustamento assicurando che gli immigrati sarebbero arrivati a Monastir solo in mancanza di altre soluzioni: “Il centro di Monastir sarà aperto solo se necessario“. Il che sembra aver risolto il problema, ma non lo risolve affatto. Significa solo che, siccome tutte le strutture disponibili in Sardegna sono ormai piene da tempo, l’invio di immigrati a Monastir è solo rimandata, questione di tempo. Ora, dopo le minacce ricevute,  il prefetto cerca di minimizzare la propria responsabilità e se la prende con chi le ha addossato la colpa dell’accoglienza dei migranti. “Qualcuno ha pensato che il rappresentante dello Stato avesse il potere di decidere numeri e tempi degli arrivi. Un clamoroso errore.”, dice. E giusto per escludere possibilità che rinunci al proprio ruolo o si trasferisca in altra sede,  strizza l’occhio ai sardi in un ultimo tentativo di conciliazione ed afferma: “Voglio restare, ho tante cose da fare qui.”.

Siamo felici che la signora si trovi bene in Sardegna ed abbia intenzione di restarci a lungo. Dice che non dipende da lei stabilire il numero dei migranti e la data di arrivo. Certo, però ha il potere di decidere dove sistemarli. E, come già messo in atto da altri prefetti, per esempio a Ficarolo ed a Gorino, potrebbe decidere di requisire immobili privati per alloggiare gli immigrati. Per lei accoglierli è un dovere istituzionale, certo, ma è pur sempre un dovere espletato “Contro la volontà popolare“. E questo si chiama autoritarismo, totalitarismo e dittatura. E quando un tiranno impone delle scelte contro il popolo, prima o poi ne paga le conseguenze.

Cara “prefetta”, anche i sardi hanno “tante cose da fare qui“. Fra le tante cose da fare la più importante è una: vogliono vivere. E vorrebbero farlo qui, in pace e tranquillità, perché la Sardegna è la loro casa, la loro  terra. E vorrebbero vivere sereni, senza aver paura di uscire di casa o di intrattenersi in una piazza o un parco pubblico col rischio di essere importunati, minacciati, aggrediti e borseggiati. Vorrebbero vivere qui senza subire quotidianamente ricatti ed estorsioni in tutti i parcheggi pubblici, senza dover fare lo slalom nei marciapiedi occupati permanentemente da venditori abusivi di cianfrusaglie, senza doversi guardare le spalle e difendersi da insulti, aggressioni, scippi, furti, rapine e stupri, senza essere invasi da clandestini travestiti da profughi; e dover anche pagare le spese del loro soggiorno. Vorrebbero vivere qui, in casa loro,  e passeggiare per la città senza  sentire linguaggi incomprensibili invece che la lingua familiare,  senza avere l’impressione di essere finiti, per qualche strano incantesimo o magia, in una casbah, in un mercato popolare di Nairobi o un caravanserraglio di beduini e carovanieri (mancano solo i cammelli, ma con la siccità e la desertificazione che incombe presto arriveranno anche quelli). Vorrebbero vivere qui e sentirsi a casa, sardi fra sardi, e non sentirsi stranieri in patria.

Le bufale, cara “prefetta”, e caro assessore Arru,  sono quelle che raccontano le anime belle, i buonisti per caso, quelli che vogliono imporre la beneficenza di Stato, che fanno i filantropi con i soldi degli altri, gli sciacalli che incassano milioni di euro speculando sull’accoglienza. Bufala è quel governo bocciato dal 72% di sardi che hanno detto NO alle riforme fasulle perché sono stufi di questa marmaglia di sinistra che favorisce l’invasione, pensa a tutelare gli immigrati prima che gli italiani, e sta portando l’Italia alla rovina. Bufale sono quelle di chi continua a raccontarci che gli invasori sono “preziose risorse”, mentre invece ci costano miliardi di euro per pagare vitto, alloggio, assistenza, annessi e connessi. Bufale sono quelle di chi ci dice che dobbiamo accogliere amorevolmente tutti i disperati del mondo perché sono nostri fratelli, ma poi ne paghiamo le conseguenze e subiamo i disagi, la paura, i vandalismi, la violenza spesso bestiale di chi non si fa scrupoli ad aggredire e ammazzare delle persone anziane per rubare pochi euro, come dimostrazione di “riconoscenza”. Bufale sono le giustificazioni fasulle di chi ci obbliga ad una convivenza forzata con gente con cui, per insanabili diversità culturali e religiose, è impossibile qualunque integrazione e convivenza che non generi conflitti, attriti, tensioni sociali che porteranno inevitabilmente a scontri anche violenti. Bufala delle più tragiche è la scellerata  visione del mondo secondo un’ideologia sinistra criminale e storicamente fallimentare mascherata da falso umanitarismo che porterà all’autodistruzione della civiltà occidentale.

Migranti in mare

Domanda per i più preparati. La foto sotto accompagna l’articolo “Ennesimo naufragio al largo della Libia“, sul quotidiano L’Unione sarda di oggi, versione on line. Il titolo riferisce del naufragio avvenuto al largo della costa libica nel quale sembra che ci siano più di 200 morti. La didascalia della foto, però, che mostra degli africani su un gommone, dice “Migranti nel Canale di Sicilia“.

Posto che, cosa che ripeto da diversi anni, il Canale di Sicilia si trova ad almeno 300 miglia a nord della costa libica, ed è quel tratto di mare che separa l’estrema punta occidentale della Sicilia dalla Tunisia, perché ogni volta che parlano di barconi con migranti, naufragi, o salvataggi, li collocano sempre nel “Canale di Sicilia”, anche quando lo stesso articolo spesso dice chiaramente che sono al largo della Libia e spesso, addirittura “dentro le acque territoriali libiche“? E’ una domanda che pongo spesso nei siti dei quotidiani che permettono ai lettori di inserire commenti. Lo faccio da anni, ma ancora non ho ricevuto risposta. Chissà perché.

Ed ecco la domanda. Vedendo la foto sopra, da cosa si capisce che quel gommone con degli africani a bordo si riferisce a “Migranti nel Canale di Sicilia“? Più che un agitato mar Mediterraneo sembra un tranquillo laghetto. Ma nemmeno il lago Maggiore o un tranquillo laghetto alpino hanno acque così piatte. Per quel che si vede potrebbe essere una comitiva di africani in gita domenicale sul lago Vittoria. Ma allora perché insistono a citare il Canale di Sicilia? Perché citare la Sicilia fa sentire queste tragedie più vicine a noi, quasi in casa nostra, come se il naufragio sia avvenuto sotto il faro di Calamosca o nella spiaggia del Poetto.  E questa vicinanza quindi, stimola la pietà umana per le vittime, sottintende una nostra ipotetica responsabilità sulle tragedie,  ed alimenta il nostro senso di colpa. Così siamo più disposti ad accoglierli e mantenerli a nostre spese: per la gioia delle coop, delle associazioni umanitarie, di albergatori in crisi e di privati che hanno fiutato l’affare accoglienza.

Giusto per la cronaca anche ieri ed avantieri, sulla costa sud occidentale sarda, sono sbarcati una cinquantina di algerini: “Altri sbarchi di migranti nel Sulcis“. I dati ufficiali dicono che fino ad oggi sono almeno 500 gli algerini sbarcati in Sardegna a bordo di piccoli barchini di 5 metri (come quello nella foto a lato con 16 algerini, su uno sbarco di qualche mese fa)  con a bordo da 15 a 20 persone. Un barchino simile con 20 persone non solo non arriverebbe mai dall’Algeria, ma non  attraverserebbe nemmeno il lago Omodeo senza ribaltarsi. La spiegazione più plausibile è che vengano caricati dalle navi in Algeria e poi calati in mare su quei barchini e lasciati in prossimità della costa sarda.  Si dice che dobbiamo accogliere i migranti perché scappano dalla guerra. Vi risulta che in Algeria sia scoppiata una guerra?

Vedi

Migranti e costi

Varia umanità

Scusi, dov’è la guerra?

Solidarietà al sugo

Ottima iniziativa umanitaria di un’associazione culturale cagliaritana che ha organizzato per questa sera una spaghettata all’aperto, nel piazzale della Casa dello studente in via Trentino a partire dalle ore 19.30 fino alle ore 23, per raccogliere fondi a favore dei terremotati di Amatrice: “A Cagliari amatriciana popolare a favore dei terremotati.”.

Si prevede e si auspica una grande partecipazione di pubblico.  Ovviamente la spaghettata sarà la classica amatriciana. Mi raccomando, senza cipolla e pancetta; si fa con il guanciale. Ora, però, l’iniziativa potrebbe essere ripetuta anche per altre situazioni di crisi. Per esempio, tanto per restare in Sardegna, nella zona del  Sulcis (la provincia più povera d’Italia, insieme al Medio Campidano) si vive da anni una situazione di grave sofferenza per la chiusura di fabbriche e la crisi delle miniere. Quindi sarebbe un’ottima idea, dopo l’amatriciana per Amatrice, fare una carbonara per Carbonia.

Jazz e casu marzu

La Sardegna d’estate si trasforma. Di colpo, con l’arrivo della bella stagione, dimentichiamo la crisi economica, la disoccupazione, i cassintegrati, la povertà che avanza, il record delle due province più povere d’Italia (Carbonia-Iglesias e Medio Campidano). Dimentichiamo tutto e diventiamo un’isola felice in cui si campa a pane e cultura. Ogni angolo di Sardegna diventa teatro di manifestazioni culturali per tutti i gusti: arte, musica, poesia, cinema, teatro, launeddas, jazz e casu marzu. Siamo poveri, ma ci togliamo il pane di bocca pur di organizzare e finanziare con denaro pubblico ogni sorta di manifestazione di piazza, facendo passare anche la sagra dei  culurgionis come evento culturale.

Non c’è paesello o sperduto villaggio della Sardegna che non organizzi (con regolare contributo pubblico, s’intende) passerelle di illustri personalità nazionali (gettonate, ovvio), festival di vario genere, rassegne di cinema e teatro, “reading poetici” (fanno scena e costano poco), dibattiti storico-filosofici, sagre gastronomiche di ogni tipo, musica per tutti, disc Jockey, Jazz, Pop, Reggae, Ballu tundu e cannonau. Qualcuno, tanto per esagerare, aggiunge anche la partitella di calcetto fra scapoli e ammogliati. E tutte queste esibizioni di ciarlatani, giullari di corte, intellettuali da fiera, artisti precari e saltimbanchi (che alla fine viene a costare milioni di euro di denaro pubblico generosamente elargito da Comuni e Regione) viene spacciato per “evento culturale”; da Grazia Deledda alla sagra della pecora bollita.

In verità è la solita inutile  passerella della compagnia di giro, più utile agli ospiti ed a chi organizza che ai sardi che poveri sono e poveri resteranno. Gli ospiti intascano il gettone, qualcuno intasca i contributi pubblici, si chiacchiera, si porta a casa qualche delizioso souvenir donato da enti, aziende, operatori turistici e sponsor, si chiude la serata con la classica cena a base di specialità regionali e via, fino alla prossima tappa. E tutto resta come prima; compresa la disoccupazione, la povertà ed un futuro sempre più nero. Ma in questo modo si fa un po’ di scena, ci si riempie la bocca di cultura e si intascano i contributi pubblici.

Ecco un esempio di evento culturale riportato di recente dal quotidiano locale L’Unione sarda: “Festival letterario a Neoneli“. Interessante questo “festival letterario” a Neoneli (notoriamente uno dei luoghi simbolo della cultura: Parigi, Vienna, New York, Neoneli…). Si comincia al mattino col giornalista Mameli che sfoglia i quotidiani e fa la sua rassegna stampa. La sera i bambini giocano con gli acrobati (acrobati e saltimbanchi sono da sempre simbolo di letteratura), per poi intrattenersi con il “disc jockey Arrogalla” (altro illustre esponente della letteratura: Proust, Joyce, Kafka, e… Arrogalla). Si chiude la giornata culturale alla sera incontrando uno dei pilastri della letteratura moderna, quello che si vede nella foto a lato.

Altafini

Non sforzatevi di capire chi sia cercando di identificarlo fra gli importanti scrittori contemporanei. Non ha niente a che fare con la letteratura, è una vecchia gloria del calcio mondiale: il calciatore Josè Altafini. Vi chiederete cosa c’entra un calciatore con la letteratura e la cultura. Domanda legittima. Dipende. Dipende da cosa si intende per cultura.

In Sardegna, pur di incassare contributi regionali, tutto è letteratura, arte, cultura, anche la coltivazione del melone. Lo dice chiaramente questo video realizzato pochi anni fa dalla provincia del Medio Campidano che afferma in apertura “Il melone in asciutto: emblema culturale e identitario di Marmilla“. Ogni luogo ha il suo emblema culturale che lo identifica. Parigi ha il Louvre, Londra il British museum, Milano ha La Scala, la Marmilla ha il melone asciutto, a ciascuno il suo. Capite bene che, se anche coltivare meloni è un fatto “culturale“, è ovvio che in Sardegna tutto è cultura: musica, poesia, la sagra della pecora bollita, cinema,  calcetto, la corsa nei sacchi, saltimbanchi, Jazz, il palio degli asinelli, la tosatura delle pecore, melone asciutto, binucasu marzu (il formaggio coi vermi).

Ma la Marmilla non è solo melone in asciutto. Nell’Alta Marmilla c’è un piccolo paese, Pau, che conta 300 abitanti. E per dimostrare che in Sardegna la cultura è di casa anche nei più piccoli paeselli dell’interno, ecco cosa si inventano a Pau, giusto per dare il proprio contributo alla crescita culturale della zona. Un Gruppo teatrale ed una compagnia di danza mettono in scena nientemeno che un’edizione sperimentale di “Antonio e Cleopatra” di Shakespeare. Ma essendo Pau sprovvisto di un teatro adeguato, non demordono, si trasferiscono armi e bagagli, e rappresentano l’opera fra i boschi del Monte Arci: “Shakespeare in campeggio“.

Ragazzi, altro che melone asciutto, la Marmilla ha la cultura nel sangue; qui Shakespeare, Molière, Pirandello, Goldoni, Eschilo, Sofocle, sono di casa. In Marmilla Shakespeare è così amato che i bambini alle elementari, invece che imparare La vispa Teresa, recitano “To be, or not to be, that is the question…”, o l’orazione funebre di Marco Antonio sul cadavere di Giulio Cesare (ovviamente in lingua originale). Qui si campa a pane, melone e Shakespeare.

Una volta, quando ancora la televisione era agli esordi e al massimo si vedeva qualche televisore al bar, ed anche il cinema era un lusso che non tutti i paesi potevano permettersi, il massimo dello spettacolo, dell’intrattenimento e dello svago,  era la  rappresentazione di qualche farsa dialettale messa in scena dalla filodrammatica parrocchiale (quando c’era). Poi, chissà come e perché, in Sardegna è esploso questo bisogno improvviso di arte, musica, teatro, poesia, danza (da quando queste iniziative sono finanziate con contributi pubblici). Un miracolo, un Rinascimento sardo; da popolo di pastori a popolo di artisti.  Così, in breve tempo, si è passati da “Ziu Paddori” a Shakespeare.

Altro esempio. La provincia del Medio Campidano è la più povera d’Italia. Il Medio Campidano comprende 28 comuni (e parte della Marmilla). Di questi, solo due comuni superano i 10.000 abitanti (Villacidro 14.463 e Guspini 12,457), mentre sono 9 i comuni che non arrivano a mille abitanti e di questi 4 sono sotto i 500. Per un totale di 100.000 abitanti. In pratica gli abitanti di una cittadina di provincia o di una borgata romana.

Il comune più piccolo è Setzu con soli 146 abitanti. Pochi, ma buoni: “Meno siamo, meglio stiamo…”, cantava la banda Arbore.  E volete che Setzu, nel suo piccolo,  non organizzi una piccola “Sagra“? Quando mai, non sia mai detto che Siddi e Turri abbiano una sagra e Setzu no.

setzu-sagra-fregua-2014

Ed infatti ecco a lato la locandina che pubblicizza la “Sagra de sa Fregua e Pani indorau“.  “Fregua” è la fregola sarda, “Su pani indorau” si fa con delle fette di pane bagnate nel latte, strizzate e poi passate  nell’uovo sbattuto, fritte e cosparse di zucchero. Una volta era un’abitudine molto diffusa nelle case sarde, quando non c’erano merendine, torte industriali e porcherie varie. Era un modo semplice ed economico per portare in tavola qualcosa di dolce o per rimediare in pochi minuti un’ottima merenda per i bambini (ma anche per gli adulti). Ormai è un’abitudine quasi scomparsa. Purtroppo si preferisce mangiare quelle micidiali schifezze industriali a base di coloranti, conservanti, additivi, aromi chimici, olii vegetali e chissà quali ingredienti segreti e dannosissimi per la salute e pure costosi, invece che una bella fetta di Pane indorau, gustosa, sana ed economica (Vedi “Torta di Pasqua con sorpresa“). Et voilà, così anche Setzu ha la sua sagra. Ovviamente, così come il melone in asciutto, anche su Pani indorau è un emblema culturale e identitario.

Chiaro che dove ci sono contributi pubblici, spuntano come funghi centinaia di associazioni di ogni genere che propongono spettacoli per tutti i gusti. L’importante è partecipare, come alle Olimpiadi; solo che qui, invece che accontentarsi di una medaglia, preferiscono incassare soldoni. Se siete curiosi e volete sapere quanto spende la Regione Sardegna per finanziare associazioni, Enti, cooperative che operano nel mondo dello spettacolo, basta fare una piccola ricerca in rete. Ci vuole un po’ di pazienza prima di arrivare a scoprire gli elenchi dei beneficiari con i relativi importi. Si trovano tantissime voci, bandi, delibere, moduli, informazioni, diversificati per settori, dall’agricoltura all’industria, dal turismo al commercio, dallo spettacolo alle sagre paesane; ci sono soldi per tutti. Ma arrivare al dunque e scoprire quanto incassano è un’impresa; se non si sa in giro è meglio (forse si vergognano). Sembra una caccia al tesoro, ma con un po’ di pazienza ci si arriva.  Ecco i link:

12 luglio 2016: Assegnati i contributi per attività di spettacolo (musica, teatro, danza e arti visive). Importo totale: Euro 6.615.031,00

Elenco soggetti beneficiari e importi percepiti. (file PDF, tre pagine da scaricare)

VediI sardi sono ospitali

Santi e sfilate

Il 1° maggio è la festa dei lavoratori. La festa dei disoccupati la devono ancora inventare, poi faranno la festa degli esodati, la festa dei precari, ed infine faranno la festa ai pensionati che vivono troppo a lungo, così l’INPS risparmierà sulle pensioni.  Ma in Sardegna il 1° maggio  è anche la festa di Sant’Efisio, che si celebra a Cagliari per sciogliere un voto che risale al 1656, per ringraziare il santo che avrebbe salvato la città dalla peste.  Niente a che vedere con “peste e corna“; infatti salvò Cagliari dalla peste, ma non dalle corna che proliferano ancora oggi. Secondo Wikipedia, Efisio nacque ad Antiochia, in Siria, nel 250, (oggi sarebbe considerato profugo ed ospitato in hotel, vitto e alloggio garantiti).  Secondo l’ufficio stampa del Comune di Cagliari, invece, sarebbe nato a Gerusalemme.  Quando queste fonti autorevoli si metteranno d’accordo vi faremo sapere. 

Nasce come festa religiosa e così è stata celebrata per secoli. Fino a quando, a partire dagli anni ’60, è diventata l’occasione per far partecipare numerosi “gruppi folk” che in quegli anni cominciavano a nascere come funghi. Si era in piena riscoperta delle tradizioni sarde; costumi, usanze, feste, rilancio della lingua, malloreddus, pabassinus, vernaccia  e cannonau. Infatti, per dimostrare l’attaccamento alla lingua, i gruppi che indossano i classici costumi sardi si chiamano “folk“, classico termine sardo della Barbagia. No? Beh, non stiamo a sottilizzare. Il fatto è che, anno dopo anno, i gruppi partecipanti alla processione che accompagnava Sant’Efisio, sono diventati sempre più numerosi (partecipare era motivo di orgoglio, specie da quando a fine anni ’70, le televisioni locali cominciarono a fare la cronaca in diretta della festa) e la processione religiosa è diventata più propriamente una sfilata di gruppi in costume, a beneficio di autorità, turisti, fotografi e TV.

Intanto, sempre più numeroso era anche il pubblico che, pur non partecipando alla processione, assisteva al passaggio delle confraternite, dei miliziani a cavallo e del cocchio col simulacro del santo. La festa, grazie anche ad una campagna pubblicitaria di agenzie ed Enti turistici regionali, oltre ai numerosi sardi provenienti da tutta l’isola, richiamò anche turisti dall’Italia e perfino dall’estero. Si allestirono tribune lungo il percorso, in modo che potessero assistere alla processione comodamente seduti e, giusto per onorare la proverbiale ospitalità sarda, i vari gruppi “Folk” (sempre il termine barbaricino) cominciarono ad offrire dolciumi e bevande. E così la festa di Sant’Efisio, più che una processione religiosa che accompagnava il santo dalla città a Nora (il luogo dove venne martirizzato), divenne una sfilata di costumi a favore di telecamere e fotografi, con gentile offerta di specialità locali. Insomma, finì a tarallucci e vino.

La conferma viene da questo articolo pubblicato di recente sul quotidiano locale L’Unione sarda (In vendita i biglietti per Sant’Efisio), nel quale, circa un mese fa,  si annunciava la vendita dei biglietti per i posti nelle diverse tribune sistemate lungo il percorso della processione. I prezzi variano da 15 a 25 euro, secondo l’ubicazione delle tribune, coperte o meno, per un totale di 1.730 posti a sedere. E’ l’unico caso, per quanto ne sappia, in cui si paga un biglietto per assistere ad una processione religiosa. Come si fa al Circo o in un qualunque spettacolo pubblico all’aperto. Il fatto che siano in vendita i biglietti conferma quanto dicevo, ovvero che non è più una processione religiosa; è uno spettacolo a cui assiste un pubblico pagante. E’ diventato una rappresentazione, una passerella di costumi sardi, gruppi folk e belle ragazze che, in atteggiamento da sfilata di moda più che da processione religiosa, sorridono indossando ricchi costumi e  preziosi monili a beneficio di turisti, fotografi e telecamere. Ma allora non chiamatela Festa di S. Efisio, chiamatela rassegna di gruppi folk e traccas addobbate. Una ulteriore conferma è che, come si vede, la foto che accompagna l’articolo non mostra Sant’Efisio, ma una bella ragazza in costume.  Anche le feste religiose si sono evolute, sono diventate mediatiche. Strano che non abbiano ancora messo sul cocchio del santo il logo di uno sponsor. Ma magari ci stanno pensando.  Eh, signora mia, non ci sono più le processioni di una volta.

Giornalismo d’inchiesta

Come si riconosce un terrorista? Semplice, basta fermare chi arriva in Italia e chiedergli “Scusi, lei è terrorista?”.  Se risponde “” lo avete beccato; altrimenti riprovate, sarete più fortunati. Avete qualche dubbio sulla serietà del metodo? Strano, eppure è lo stesso metodo utilizzato per realizzare un servizio, con tanto di video intervista, apparso sul quotidiano L’Unione sarda:A Cagliari non ci sono integralisti“. Ovvero, come imbastire un articoletto per tranquillizzare i sardi, dimostrare che gli immigrati sono tutti brave persone e che fra terrorismo e islam non c’è nessuna relazione; in perfetto stile politicamente corretto.

Per sapere se tra i musulmani presenti a Cagliari ci fossero integralisti e, quindi, pericoli di attentati terroristici, cosa ha fatto il cronista? Ha fatto un’indagine cercando testimonianze, prove, documenti e informazioni dei servizi più o meno segreti? Ma no, troppo complicato. Ha fatto una cosa più facile: è andato a chiederlo direttamente al portavoce della comunità musulmana, il quale, com’era prevedibile, ha tranquillizzato il cronista (ed i sardi), affermando che nella comunità musulmana (sono circa 3.500 nella provincia) non ci sono integralisti, sono tutti tranquilli e mansueti come agnellini. Ecco un buon esempio di giornalismo d’inchiesta.  E tanto basta per fare un titolone in prima pagina ed affermare che a Cagliari non ci sono pericolosi integralisti musulmani. Chi lo dice? Ovvio, i musulmani. Come chiedere all’oste se il vino è buono.

Nemmeno a Olbia c’erano integralisti. Finché, lo scorso anno, è stata scoperta una cellula di Al Qaeda e sono stati fermate 18 persone per “associazione a delinquere finalizzata al terrorismo“: “Terrorismo islamico, scoperta cellula di Al Qaeda a Olbia“. Chissà, forse anche in questo caso qualche solerte cronista aveva fatto un servizio per tranquillizzare la gente; e per scoprire se ci fosse pericolo di terrorismo magari lo aveva chiesto al portavoce della comunità musulmana di Olbia. E non si trattava mica di quattro sfigati fanatici; era una “base operativa dalla quale partivano uomini, mezzi e programmi per commettere azioni terroristiche” in varie località del mondo, dal Vaticano al Pakistan.  Ma fino alla scoperta della cellula, erano persone del tutto insospettabili, con normali attività commerciali.

Ecco a lato come veniva riportata la notizia.  Sgomento,  incredulità, mai un sospetto, anzi “Una persona educata, un grande lavoratore“, dicono di uno degli arrestati. La solita sorpresa del giorno dopo la strage, quando di qualcuno che ammazza moglie, figli e pure qualche vicino di passaggio, i testimoni parlano di “una persona educata, gran lavoratore“. Sono tutte brave persone. Meno male; figuriamoci cosa farebbero se fossero delinquenti! Anche i terroristi sono “brave persone”, finché non compiono le stragi. Ma la stampa cerca sempre di tranquillizzarci, sminuendo il pericolo e mostrandoci il volto buono degli immigrati. E se vogliono scoprire la presenza di possibili terroristi, vanno a chiederlo ai musulmani. E con queste notizie riempiono le pagine dei giornali. La cosa grave è che questa passi per informazione seria. Ma ancora più grave è che nessuno ci faccia caso e che per tutti questo tipo di informazione sia “normale”.

Chissà, forse oggi è questa la nuova scuola di giornalismo. Magari si impara a fare i giornalisti per corrispondenza, a fascicoli settimanali, come al Cepu o com’era una volta Radio Elettra. Pratico, ma c’è un inconveniente. Può succedere che, per un disguido, perdi un fascicolo, salti una lezione, e ti resta qualche lacuna. E così può succedere che, se hai perso proprio la lezione su come si fanno le inchieste, per scoprire se in Sicilia c’è la mafia o a Napoli c’è la camorra, vai a chiederlo a don Vito Corleone o a Gennaro ‘o fetente, il boss del quartiere. Ironia a parte, questo ci dà la misura di quale sia oggi il livello di serietà e attendibilità dell’informazione. Ciò che conta non è fornire un’informazione seria, documentata ed utile per i cittadini. Conta riempire le pagine, attirare l’attenzione dei lettori, vendere. Ma siccome siamo in tempi di taroccamenti facili, di falsi spacciati per originali, di sofisticazioni alimentari, di cianfrusaglie vendute come monili pregiati, allora ci si può aspettare di tutto. Così come siamo invasi da prodotti taroccati di ogni genere, spesso di provenienza cinese, vuoi vedere che abbiamo anche giornalisti taroccati made in China?  Per accertarlo bisognerebbe fare un’inchiesta. Magari chiedendo al primo cinese di passaggio: “Scusi, i cinesi vendono prodotti taroccati?”.  Se vi risponde “Sì” avete fatto lo scoop. Altrimenti riprovate con un altro cinese; tanto non mancano. Oppure, per essere ancora più sicuri e seguire le regole del moderno giornalismo d’inchiesta, chiedete direttamente al portavoce della comunità cinese.