Quirinale news

Il Quirinale è al centro dell’attenzione mediatica. Incontri, consultazioni, prove di dialogo, solita manfrina di politici vecchi e nuovi e solita pantomima di finta democrazia. E in primo piano la faccia imperscrutabile, impassibile, immutabile, inespressiva, fossilizzata, del nostro Presidente: impossibile da interpretare e cercare di capire cosa pensa o cosa prova perché, in quanto ad espressività, se la gioca a pari merito con il Mocio Vileda. Già, non ho voglia di ripetere cose che dico da anni. Allora tanto vale riproporre due dei tanti post dedicati al Quirinale. Cambiano gli attori, ma, a parte qualche piccola variante scenica o improvvisazione occasionale, la messinscena, il canovaccio,  la farsa tragicomica  è sempre la stessa.

Follie italiche (2014)

Quirinale, ma quanto mi costi? Periodicamente vengono forniti i dati dei costi stratosferici della politica; Camera, Senato, province, regioni, finanziamento ai partiti e via sperperando. Cifre pazzesche difficilmente comprensibili per un cittadino normale. Ma il dato più incredibile è quello che riguarda le spese del Quirinale. La cifra totale è di circa 228 milioni di euro all’anno. Circa 450 miliardi di vecchie lire; all’anno! Eppure, nonostante questo dato venga riproposto con frequenza sui media, nessuno si scandalizza, nessuno protesta, nessuno chiede interventi per ridurre drasticamente le spese, nessuno si vergogna; nemmeno Napolitano.

Pochi giorni fa il costo della residenza del nostro Presidente della Repubblica è stato ricordato nel programma “Quinta colonna“, che ha messo a confronto in una tabella i costi del Quirinale con quelli delle residenze del presidente francese, della regina Elisabetta e di Obama. La conclusione è che il Quirinale costa molto di più dell’Eliseo, Buckingham palace e Casa Bianca sommati insieme. Allucinante, incredibile, ma vero.

Quirinale costo annuo

Bisognerebbe ricordarci spesso di questa tabella. Almeno ogni volta che Napolitano appare in TV, lancia i suoi messaggi quotidiani o presenzia a cerimonie ufficiali. Dovremmo porci una semplice domanda: Napolitano, quanto ci costi? Dovremmo chiederci come mai e con quali giustificazioni, il Presidente della Repubblica italiana costa più del doppio di quello francese, quasi quattro volte la regina d’Inghilterra e quasi otto volte il presidente degli Stati Uniti. Noi italiani siamo più bravi degli altri? Siamo più belli, più simpatici, più furbi, più ricchi? La spiegazione possiamo trovarla in uno dei tanti articoli dedicati alle spese folli della casta politica, uno a caso, uno degli ultimi, questo: “Napolitano chiede sacrifici, ma vive in una reggia”. 

E’ per sostenere queste spese folli che tartassano i cittadini con sempre nuove tasse, imposte e gabelle. Ma con quale faccia tosta hanno ancora il coraggio di presentarsi in pubblico? Con che sfacciataggine osano ancora affollare i salotti televisivi a parlare del nulla, a cianciare del vuoto assoluto? Con che faccia si presentano ai cittadini spacciandosi per innovatori, riformatori e moralizzatori della politica? Con che coraggio chiedono ancora ai cittadini la fiducia? Come possono continuare a tassare i cittadini già stremati e sull’orlo della disperazione? Per sostenere queste spese? Per finanziare una reggia in cui alloggiare un presidente che ci costa più di un re o della regina Elisabetta? Dovrebbero vergognarsi…di esistere.

Quirinarie e diretta TV (2015)

Viviamo in mondi paralleli; intendo dire il mondo della gente normale che, alle prese con mille problemi quotidiani, si arrabatta per campare, ed il mondo quasi surreale di  quella rappresentazione tragicomica che è la politica e l’informazione. In questi tre giorni RAI3 e LA7 si sono contesi gli spettatori con lunghissime dirette televisive dalla Camera (fino a quattro ore) riprendendo la chiamata nominativa di oltre mille  parlamentari e “grandi elettori” regionali ed il successivo spoglio delle schede. Assistere per delle ore alla sfilata di facce note e meno note di quelli che  si dice siano i rappresentanti del popolo (ma qualcuno ne dubita) non è propriamente un passatempo piacevole e rilassante.  Anzi, se si pensa a quanto ci costa l’apparato parlamentare ed ai danni che fanno, si rischia di rovinarsi la giornata.

Se poi la chiamata viene fatta, con  la voce un po’ roca ed un po’ piagnucolosa da funerale in corso, dalla “presidentessa” Boldrini, allora questo rito potrebbe essere classificato a pieno titolo fra le torture in stile Arancia meccanica, ed essere perseguito a norma di legge. Se questa signora è arrivata a ricoprire la terza carica dello Stato (il come ed il perché è uno dei tanti misteri d’Italia, come l’unione contro natura di ex PCI ed ex DC, le convergenze parallele di Moro ed il disastro di  Ustica) deve avere certamente delle grandi doti nascoste. Ma osservando le doti che appaiono a prima vista, bisogna riconoscere che  madre natura non è stata molto benevola con lei in quanto a simpatia, fascino e gradevolezza vocale. Ma non si può avere tutto nella vita, bisogna accontentarsi di quello che si ha.

Per evitare di annoiare gli spettatori, in TV cercano quindi di riempire il tempo con interviste e commenti di politici, giornalisti “quirinalisti” (questo è il loro momento di gloria) e opinionisti più o meno esperti che si esibiscono in un ampio repertorio di ipotesi di voto, dietrologie su accordi più o meno segreti, patti nazarenici, aspetti tecnici delle votazioni, aneddoti, voci di corridoio, giudizi sui candidati preferiti, in perfetto stile reality o talent show, pronostici e  puntate sui cavalli di razza che partecipano al Gran premio Montecitorio; mancano solo gli allibratori, le “Nomination” stile Grande fratello,  e la sala scommesse tipo La Stangata.

Osservando questo rituale, si ha la netta percezione della incolmabile frattura tra la realtà quotidiana ed un mondo, quello della politica e dell’informazione,  fatto di parole e immagini che con la realtà hanno poco o niente a che fare. Per rendersene conto basta confrontare i due livelli esistenziali. La realtà è fatta, purtroppo, da gravissimi problemi economici, precarietà del lavoro, decine di migliaia di aziende che hanno chiuso definitivamente o stanno per chiudere o essere vendute ad imprenditori stranieri, livelli di disoccupazione drammatici (quella giovanile è al 40%),  povertà in aumento (le statistiche ufficiali parlano di circa 9 milioni di italiani in grave difficoltà), emergenza immigrazione con reali rischi per la sicurezza e la convivenza sociale; piccoli o grandi conflitti sono sempre più frequenti ed accrescono l’insofferenza degli italiani nei confronti di una immigrazione senza limiti e regole.

Si aggiunga il pericolo concreto di azioni terroristiche da parte di gruppi organizzati, come Al Qaeda o Isis, o di pazzi e fanatici isolati pronti a farsi saltare in aria insieme a vittime innocenti, convinti di trovare nell’al di là 72 vergini (ma dove le trovano oggi tutte queste vergini? All’asilo “Infanzia lieta”?) a disposizione per l’eternità (c’è chi ci crede), ed il quadro della realtà risulta molto preoccupante e non lascia sperare niente di buono. A questi problemi pensano gli italiani, non alle beghe quirinalizie o nazareniche.

Ora si osservi l’altra faccia della realtà, quella della politica. Un mondo fatto di parole, promesse, dichiarazioni, slides, tweet, di toni sempre ottimistici se si è al governo, o di toni catastrofici se si è all’opposizione, di attribuzione dei meriti a se stessi o alla propria parte politica e di addebito delle colpe agli avversari, di assillante presenza in tutti i salotti televisivi a tutte le ore del giorno e della notte, di risse e scambio di accuse reciproche, di difesa del proprio branco, e di demonizzazione dell’avversario, sempre e comunque. Mai, dico mai, in decenni di dibattiti televisivi, che grazie a questi confronti televisivi abbiano risolto anche uno solo dei problemi reali. Chiacchiere, sempre e solo chiacchiere su questioni che, più che interessare i cittadini, interessano quelli che campano di politica, i conduttori televisivi di turno ed i giornalisti che su quelle chiacchiere il giorno dopo riempiono le pagine dei giornali e ci campano.

Al massimo questi politici da salotto si limitano a fare l’elenco dei problemi, come se già non li conoscessimo, senza mai fornire una risposta o una soluzione. E nessuno dei “bravi conduttori” di turno che gli dica chiaro e tondo “Guardi, onorevole, che i problemi dell’Italia li conosciamo  già da tempo e li viviamo drammaticamente tutti i giorni. Ma voi non siete in Parlamento per dirci quali sono i problemi, siete pagati per risolverli.”.

In realtà, non solo non hanno la capacità di affrontare e risolvere i problemi (la Costituzione non prevede che chi va in Parlamento abbia particolari competenze, anche lo scemo del villaggio può essere eletto; strano, incredibile, ma è vero), ma sembra che il loro massimo impegno sia quello di complicare ulteriormente la vita alla gente, con sempre nuove norme, nuove tasse, balzelli, lacci e lacciuoli burocratici; un orrido antro in cui un Minotauro  sempre assetato di sangue divora cittadini e contribuenti; un labirinto inestricabile dal quale è impossibile uscire, nemmeno portandosi appresso il filo di Arianna.

Eppure sembrano davvero convinti che questa nuova sceneggiata di regime appassioni gli italiani.   Pensano che gli italiani credano che eleggere Tizio o Caio possa cambiare la loro situazione o risolvere un qualche problema. Sembra che aver proposto il nome di Mattarella sia stata una grande scelta democratica, fatta a nome e per conto degli italiani. Si tessono le lodi, si decantano le sue capacità e competenze, le grandi qualità umane, lo si presenta come il candidato ideale. Manca solo che spunti qualcuno pronto a giurare che Mattarella abbia compiuto miracoli e loro ne siano stati testimoni oculari.

Strano, avevamo un santo in casa e nessuno, fino a ieri, se ne era accorto. Ora, però, riflettiamo un attimo. Se quel nome non fosse stato fatto da Renzi e, quindi, imposto alla sua coalizione di governo (come continua a fare, imponendo il suo punto di vista, per tutto ciò che decide il governo), quanti sarebbero, sinceramente, gli italiani che avrebbero pensato a Mattarella come presidente e lo avrebbero votato? Forse nemmeno lo stesso interessato o i familiari e  parenti, fino a pochi giorni fa ci avrebbero mai pensato.  Eppure sembra che i nostri parlamentari siano convinti che gli italiani abbiano un solo pensiero fisso quando si svegliano al mattino: chi sarà il nuovo presidente. Già, dimenticano problemi, tasse, mutui, salute, sicurezza, perfino gli affetti; la loro mente è interamente occupata dalle beghe politiche sul Quirinale e sul fatto che il patto del Nazareno regga o no. Ne sono convinti i nostri rappresentanti del popolo.

Non solo ne sono convinti, ma a forza di mostrarci questa faccia della medaglia, finiscono per convincere anche noi, grazie alla compiacenza e complicità dei media. Questo, infatti, è l’altro termine di quel binomio funesto politica-informazione. Si reggono a vicenda, sono complementari, vivono e si integrano in perfetta simbiosi. La politica passa le “veline” e fornisce la materia prima da trattare quotidianamente e la stampa ricambia mettendosi a completa disposizione e diventando un grande ufficio stampa del Palazzo. Basta leggere la stampa, internet o ascoltare uno dei telegiornali per rendersene conto. Non è altro che una passerella dei soliti noti, delle solite facce, delle solite dichiarazioni di circostanza che ripetono come litanie, senza mai dire qualcosa di veramente interessante, intelligente e che abbia un riscontro ed una utilità pratica; un concentrato di banalità, insulsaggini, frasi fatte e dichiarazioni vaghe e generiche, inconsistenti e inutili. I media non fanno altro che dare spazio, volto e parola ai professionisti della politica, sono il loro megafono, l’ufficio stampa del Palazzo, al loro servizio, sono lo strumento per condizionare l’opinione pubblica, creare consenso, indottrinare e  plagiare il popolo.

Sono complici di una sorta di grande “famiglia” affaristica (la “Casta” di Rizzo è diventata Lobby), da far invidia a don Vito Corleone, istituzionalizzata e legittimata in nome della democrazia e finalizzata al mantenimento dello status quo, delle poltrone, dei privilegi di Stato e del potere. I titoli di prima pagina sono sempre per loro, i primi servizi sui TG pure e così  le poltrone dei talk show; ogni giorno dobbiamo sorbirci la indecorosa lagna di cosa dice Tizio, cosa risponde Caio e cosa ribatte Sempronio. Ogni giorno la stessa solfa. E questa la chiamano informazione. Ma davvero la gente crede o prende sul serio le dichiarazioni quotidiane delle ancelle renziane, del ciarlatano di Palazzo Chigi, dell’orecchinato Vendola o di quella specie di orso Yoghi che è il consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti?

Credo di no, gli italiani non ci credono più, lo hanno dimostrato alle ultime elezioni regionali, con un tasso di assenteismo del 50% perfino nella regione rossa per eccellenza, Emilia e Romagna, dove fino a ieri andare a votare per i candidati del partito (il PCI, ovviamente, e suoi derivati e discendenti) non era solo un diritto/dovere del cittadino, era un obbligo morale.  Se si sono stancati perfino i compagni significa che la credibilità della classe politica è in caduta libera.  Come è sempre meno credibile il loro megafono ufficiale, la stampa. Politica e  informazione sono pappa e ciccia, culo e camicia, il gatto e la volpe. Anche quando fanno finta di essere in  disaccordo o fingono di litigare; sono come i ladri di Livorno.

Mi chiedo che male abbiano fatto gli italiani per meritarsi questa gentaglia in Parlamento. Sembrano acquistati ai saldi estivi, in offerta speciale “prendi tre paghi uno”, o forse  da ambulanti africani, o  a Porta Portese. Forse non sono nemmeno originali, non possono essere politici veri. Sembrano falsi, parodie, controfigure, maschere, cattive imitazioni, caricature; un pollaio di gallinacei starnazzanti.

Quando vediamo parlare Renzi abbiamo il dubbio che sia lui o sia  Crozza che lo imita, oppure sia Renzi che imita Crozza quando imita Renzi; e non riusciamo più a distinguerli. Ci siamo cascati, ce li hanno venduti per buoni, ma sono il solito pacco, una fregatura, come le borse firmate dei marocchini. Anche questi non sono originali, sono  taroccati made in China. Ma ormai, in preda alla confusione totale, nessuno ci fa più caso. L’importante è partecipare al grande circo della politica e tirare a campare.

Vedi

La vecchia, il tiranno e le quirinarie.

Il galletto del Colle

Chisenefrega day

Presidenti e sesso

Quirinale News

L’acqua calda

Presidenti tuttofare

Che pale

Sconvolti d’Italia

Foibe e amnesie

Napolitano, il muro e le amnesie

Presidente, che diceva sui politici in TV?

Napolitano e l’Ungheria

Rosso Quirinale

Eurocomplotti

I misteri del Colle

Giorgio double face

Vedi “Re Giorgio e la cresta”.

 

 

Quirinarie e diretta TV

Viviamo in mondi paralleli; intendo dire il mondo della gente normale che, alle prese con mille problemi quotidiani, si arrabatta per campare, ed il mondo quasi surreale di  quella rappresentazione tragicomica che è la politica e l’informazione. In questi tre giorni RAI3 e LA7 si sono contesi gli spettatori con lunghissime dirette televisive dalla Camera (fino a quattro ore)riprendendo la chiamata nominativa di oltre mille  parlamentari e “grandi elettori” regionali ed il successivo spoglio delle schede. Assistere per delle ore alla sfilata di facce note e meno note di quelli che  si dice siano i rappresentanti del popolo (ma qualcuno ne dubita) non è propriamente un passatempo piacevole e rilassante.  Anzi, se si pensa a quanto ci costa l’apparato parlamentare ed ai danni che fanno, si rischia di rovinarsi la giornata.

Se poi la chiamata viene fatta, con  la voce un po’ roca ed un po’ piagnucolosa da funerale in corso, dalla “presidentessa” Boldrini, allora questo rito potrebbe essere classificato a pieno titolo fra le torture in stile Arancia meccanica, ed essere perseguito a norma di legge. Se questa signora è arrivata a ricoprire la terza carica dello Stato (il come ed il perché è uno dei tanti misteri d’Italia, come l’unione contro natura di ex PCI ed ex DC, le convergenze parallele di Moro ed il disastro di  Ustica) deve avere certamente delle grandi doti nascoste. Ma osservando le doti che appaiono a prima vista, bisogna riconoscere che  madre natura non è stata molto benevola con lei in quanto a simpatia, fascino e gradevolezza vocale. Ma non si può avere tutto nella vita, bisogna accontentarsi di quello che si ha.

Per evitare di annoiare gli spettatori, in TV cercano quindi di riempire il tempo con interviste e commenti di politici, giornalisti “quirinalisti” (questo è il loro momento di gloria) e opinionisti più o meno esperti che si esibiscono in un ampio repertorio di ipotesi di voto, dietrologie su accordi più o meno segreti, patti nazarenici, aspetti tecnici delle votazioni, aneddoti, voci di corridoio, giudizi sui candidati preferiti, in perfetto stile reality o talent show, pronostici e  puntate sui cavalli di razza che partecipano al Gran premio Montecitorio; mancano solo gli allibratori e la sala scommesse tipo La Stangata.

Osservando questo rituale, si ha la netta percezione della incolmabile frattura tra la realtà quotidiana ed un mondo, quello della politica e dell’informazione,  fatto di parole e immagini che con la realtà hanno poco o niente a che fare. Per rendersene conto basta confrontare i due livelli esistenziali. La realtà è fatta, purtroppo, da gravissimi problemi economici, precarietà del lavoro, decine di migliaia di aziende che hanno chiuso definitivamente o stanno per chiudere o essere vendute ad imprenditori stranieri, livelli di disoccupazione drammatici (quella giovanile è al 40%),  povertà in aumento (le statistiche ufficiali parlano di circa 9 milioni di italiani in grave difficoltà), emergenza immigrazione con reali rischi per la sicurezza e la convivenza sociale; piccoli o grandi conflitti sono sempre più frequenti ed accrescono l’insofferenza degli italiani nei confronti di una immigrazione senza limiti e regole. Si aggiunga il pericolo concreto di azioni terroristiche da parte di gruppi organizzati, come Al Qaeda o Isis, o di pazzi e fanatici isolati pronti a farsi saltare in aria insieme a vittime innocenti, convinti di trovare nell’al di là 72 vergini a disposizione per l’eternità (c’è chi ci crede), ed il quadro della realtà risulta molto preoccupante e non lascia sperare niente di buono. A questi problemi pensano gli italiani, non alle beghe quirinalizie o nazareniche.

Ora si osservi l’altra faccia della realtà, quella della politica. Un mondo fatto di parole, promesse, dichiarazioni, slides, tweet, di toni sempre ottimistici se si è al governo, o di toni catastrofici se si è all’opposizione, di attribuzione dei meriti a se stessi o alla propria parte politica e di addebito delle colpe agli avversari, di assillante presenza in tutti i salotti televisivi a tutte le ore del giorno e della notte, di risse e scambio di accuse reciproche, di difesa del proprio branco, sempre e comunque e di demonizzazione dell’avversario, sempre e comunque. Mai, dico mai, in decenni di dibattiti televisivi, che grazie a questi confronti televisivi abbiano risolto anche uno solo dei problemi reali. Chiacchiere, sempre e solo chiacchiere su questioni che, più che interessare i cittadini, interessano quelli che campano di politica, i conduttori televisivi di turno ed i giornalisti che su quelle chiacchiere il giorno dopo riempiono le pagine dei giornali.

Al massimo questi politici da salotto si limitano a fare l’elenco dei problemi, come se già non li conoscessimo, senza mai fornire una risposta o una soluzione. E nessuno dei “bravi conduttori” di turno che gli dica chiaro e tondo “Guardi, onorevole, che i problemi dell’Italia li conosciamo  già da tempo e li viviamo drammaticamente tutti i giorni. Ma voi non siete in Parlamento per dirci quali sono i problemi, siete pagati per risolverli.”. In realtà, non solo non hanno la capacità di affrontare e risolvere i problemi (la Costituzione non prevede che chi va in Parlamento abbia particolari competenze, anche lo scemo del villaggio può essere eletto), ma sembra che il loro massimo impegno sia quello di complicare ulteriormente la vita alla gente, con sempre nuove norme, nuove tasse, balzelli, lacci e lacciuoli burocratici; un orrido antro in cui un Minotauro  sempre assetato di sangue divora cittadini e contribuenti; un labirinto inestricabile dal quale è impossibile uscire, nemmeno portandosi appresso il filo di Arianna.

Eppure sembrano davvero convinti che questa nuova sceneggiata di regime appassioni gli italiani.   Pensano che gli italiani credano che eleggere Tizio o Caio possa cambiare la loro situazione o risolvere un qualche problema. Sembra che aver proposto il nome di Mattarella sia stata una grande scelta democratica, fatta a nome e per conto degli italiani. Si tessono le lodi, si decantano le sue capacità e competenze, le grandi qualità umane, lo si presenta come il candidato ideale. Manca solo che spuntino dei testimoni che giurino che Mattarella abbia compiuto dei  miracoli. Strano, avevamo un santo in casa e nessuno, fino a ieri, se ne era accorto. Ora, però, riflettiamo un attimo. Se quel nome non fosse stato fatto da Renzi e, quindi, imposto alla sua coalizione di governo (come continua a fare, imponendo il suo punto di vista, per tutto ciò che decide il governo), quanti sarebbero, sinceramente, gli italiani che avrebbero pensato a Mattarella come presidente e lo avrebbero votato? Forse nemmeno lo stesso interessato o i familiari e  parenti, fino a pochi giorni fa ci avrebbero mai pensato.  Eppure sembra che i nostri parlamentari siano convinti che gli italiani abbiano un solo pensiero fisso quando si svegliano al mattino: chi sarà il nuovo presidente. Già, dimenticano problemi, tasse, mutui, salute, sicurezza, perfino gli affetti; la loro mente è interamente occupata dalle beghe politiche sul Quirinale e sul fatto che il patto del Nazareno regga o no. Ne sono convinti i nostri rappresentanti del popolo.

Non solo ne sono convinti, ma a forza di mostrarci questa faccia della medaglia, finiscono per convincere anche noi, grazie alla compiacenza e complicità dei media. Questo, infatti, è l’altro termine di quel binomio funesto politica-informazione. Si reggono a vicenda, sono complementari, vivono e si integrano in perfetta simbiosi. La politica fornisce la materia prima da trattare quotidianamente e la stampa ricambia mettendosi a completa disposizione e diventando un grande ufficio stampa del palazzo. Basta leggere la stampa, internet o ascoltare uno dei telegiornali per rendersene conto. Non è altro che una passerella dei soliti noti, delle solite facce, delle solite dichiarazioni di circostanza che ripetono come litanie, senza mai dire qualcosa di veramente interessante, intelligente e che abbia un riscontro ed una utilità pratica. I media non fanno altro che dare spazio, volto e parola ai professionisti della politica, sono il loro megafono, al loro servizio, sono lo strumento per condizionare l’opinione pubblica, creare consenso, indottrinare e  plagiare il popolo.

Sono complici di una sorta di grande “famiglia” affaristica, da far invidia a don Vito Corleone, istituzionalizzata e legittimata in nome della democrazia e finalizzata al mantenimento dello status quo, delle poltrone, dei privilegi di Stato e del potere. I titoli di prima pagina sono sempre per loro, i primi servizi sui TG pure e così  le poltrone dei talk show; ogni giorno dobbiamo sorbirci la indecorosa lagna di cosa dice Tizio, cosa risponde Caio e cosa ribatte Sempronio. Ogni giorno la stessa solfa. E questa la chiamano informazione. Ma davvero la gente crede o prende sul serio le dichiarazioni quotidiane delle ancelle renziane, del ciarlatano di Palazzo Chigi, dell’orecchinato Vendola o di quella specie di orso Yoghi che è il consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti? Credo di no, gli italiani non ci credono più, lo hanno dimostrato alle ultime elezioni regionali, con un tasso di assenteismo del 50% perfino nella regione rossa per eccellenza, Emilia e Romagna, dove fino a ieri andare a votare per i candidati del partito (il PCI, ovviamente, e suoi derivati e discendenti) non era solo un diritto o dovere del cittadino, era un obbligo morale.  Se si sono stancati perfino i compagni significa che la credibilità della classe politica è in caduta libera.  Come è sempre meno credibile il loro megafono ufficiale, la stampa. Politica e  informazione sono pappa e ciccia, culo e camicia, il gatto e la volpe. Anche quando fanno finta di essere in  disaccordo o fingono di litigare; sono come i ladri di Livorno.

Mi chiedo che male abbiano fatto gli italiani per meritarsi questa gentaglia in Parlamento. Sembrano acquistati ai saldi estivi, in offerta speciale prendi tre paghi uno, o forse  da ambulanti africani, o  a Porta Portese. Forse non sono nemmeno originali, non possono essere politici veri. Sembrano falsi, parodie, controfigure, maschere, cattive imitazioni.  Quando vediamo parlare Renzi abbiamo il dubbio che sia lui o sia  Crozza che lo imita, oppure sia Renzi che imita Crozza quando imita Renzi; e non riusciamo più a distinguerli. Ci siamo cascati, ce li hanno venduti per buoni, ma sono il solito pacco, una fregatura, come le borse firmate dei marocchini. Anche questi non sono originali, sono  taroccati made in China. Ma ormai, in preda alla confusione totale, nessuno ci fa più caso. L’importante è partecipare al grande circo della politica e tirare a campare.

 

La vecchia, il tiranno e le quirinarie

Sono partite le votazioni per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Da un mese non si parla d’altro sui media. Ogni giorno l’argomento principale sulla stampa, su internet, in televisione, è il “Toto presidente“, con elenchi di personaggi che entrano ed escono dalla lista dei papabili. Si stilano graduatorie, si fanno sondaggi, si propongono i nomi più accreditati, si ipotizzano accordi segreti. In queste occasioni si scatenano le nostre menti più acute, gli opinionisti più in voga, gli esperti quirinalisti, le penne più autorevoli della stampa. Insomma, è una gara a chi è, o ritiene di essere, più titolato a fare previsioni.

Mentre ancora non si conosce la posizione ufficiale dei maggiori schieramenti politici (tengono rigorosamente segreto il nome dei propri candidati), i grillini, come loro abitudine e secondo la loro visione di democrazia virtuale, ancora una volta si affidano alla rete per scegliere i loro nominativi, le chiamano “quirinarie“. Ma vista la situazione politica generale ed il totale degrado della nazione, sarebbe più appropriato chiamarle “buffonarie“.

Così arriviamo alla svolta. Si è appena concluso, finalmente, il lungo mandato presidenziale di Napolitano, l’unico nella storia della Repubblica, ad essere stato eletto per la seconda volta; abbiamo avuto il presidente bis, il sequel, “Napolitano 2, la vendetta”.  Cosa penso di Napolitano e di come ha svolto il mandato l’ho scritto tante volte in questi anni. Si capì subito che il suo ruolo non sarebbe stato quello dei presidenti che lo avevano preceduto. Lo disse chiaramente fin dal suo insediamento: “Non mi limiterò a fare l’osservatore“, disse.  Più chiaro di così non poteva essere. In queste poche parole c’era tutto il suo programma. Ha mantenuto fede alle promesse. Non passava giorno che  non intervenisse su tutti gli argomenti possibili, dalla politica interna a quella estera, dall’economia all’attualità, dai lavori parlamentari alla cronaca, e che i media non riservassero ampio spazio a tutte le sue “esternazioni presidenziali“. Questo suo eccessivo presenzialismo e protagonismo lo sintetizzavo così: “Canta ogni giorno il galletto del Colle. E’ convinto che se non canta non sorge il sole.”

Non solo non si è limitato ad essere il rappresentante dell’unità nazionale, imparziale e super partes, ed il supremo garante della Costituzione, come da prerogative costituzionali, ma è stato, a tutti gli effetti, un soggetto politico che ha condizionato fortemente la vita politica, l’attività parlamentare e la formazione dei governi, degli ultimi 9 anni. Ma tutti facevano finta di non accorgersene, perché la stampa ha una innata predisposizione al servilismo nei confronti del potere, perché non si sa mai, perché è meglio averli amici che nemici e perché “tengo famiglia…”. Solo ultimamente,  specie dopo le dimissioni di Berlusconi nel 2011 e l’ascesa al governo di tre personaggi non eletti dal popolo, Monti, Letta, Renzi, qualcuno ha cominciato a dire che, forse, ha esagerato e che spesso è andato oltre il ruolo costituzionale. Ed hanno cominciato a chiamarlo “Re Giorgio” ed a capire quale pericolo sia stato per l’Italia. Ecco uno dei tanti articoli che ne parlano, riprendendo quanto scritto da un ricercatore inglese: “Il nostro Presidente della Repubblica è la vera minaccia della democrazia italiana“.

Si è parlato di golpe, di accordi segreti a livello europeo, con la complicità dello stesso Napolitano, per far cadere Berlusconi. Ne ha parlato chiaramente Alan Friedman nel suo libro “Ammazziamo il gattopardo“, con tanto di interviste a Monti, a De Benedetti, e dettagli e testimonianze che confermano l’ipotesi del complotto. Ma nemmeno questi fatti gravissimi hanno portato ad una seria  valutazione dei fatti. Napolitano si è limitato a dire che tali illazioni erano solo “fumo“, senza specificare, come pensano in molti, se ci fosse anche un po’ di arrosto. I compagni del PD lo difendono, gli altri, per quieto vivere,  si astengono da esprimere giudizi e tutto procede come prima.

Pare che sia stata nominata, su richiesta di Forza Italia, una Commissione parlamentare d’inchiesta. Ma finirà come tante altre inchieste italiane, a tarallucci e vino (specie quando le inchieste riguardano le magagne della sinistra). Eppure gli ultimi avvenimenti sono solo la logica conseguenza di anni di debordante intromissione presidenziale nella attività politica italiana. Con una incidenza nelle scelte e nelle decisioni parlamentari, e nella formazione dei governi, che non si era mai vista nella storia della Repubblica. Ma ormai è tardi per recriminare. Bisognava accorgersene prima. “Del senno di poi son piene le fosse“, recita un vecchio adagio. Non posso fare a meno, però, di ricordare che queste cose le dicevo da subito e le ho ripetute in tutti questi anni.  Ma i piccoli blog di provincia non fanno testo, non fanno notizia, non hanno titolo a rappresentare l’opinione comune e la volontà popolare. Solo le “Signorine grandi firme” della stampa, i tribuni televisivi, i conduttori allineati al politicamente corretto, comici, ballerine, opinionisti di professione e giullari di regime (specie se premi Nobel) sono abilitati a parlare a nome del popolo. Amen.

Bene, ora si cambia. Ma non bisogna esultare, perché se Napolitano è stato un pessimo presidente, non è detto che il prossimo sia migliore. Anzi, bisogna ricordarsi della celebre battuta di Marty Feldman in Frankenstein junior: “Potrebbe andare peggio…potrebbe piovere:”. Già, mai pensare di aver toccato il fondo, potrebbe aprirsi improvvisamente una caverna sotterranea dove continuare a sprofondare. Ma c’è anche una vecchia e simpatica storiella, reminiscenze scolastiche, che è illuminante. E’ l’aneddoto narrato da Valerio Massimo sulla vecchia e Dionigi, il tiranno di Siracusa. Riporto qui una delle tante traduzioni che si trovano in rete.

La vecchia e Dionigi

Mentre tutti i siracusani si auguravano la morte del tiranno Dionigi per  l’eccessiva severità dei modi e la ferocia di animo, soltanto una  vecchia ogni giorno pregava gli dei affinché il tiranno non morisse.  Quando Dioniso venne a saperlo, incuriosito per l’immeritata  benevolenza, fece chiamare la vecchia e chiese il perché facesse questo. Allora quella: lo faccio ben consapevolmente. Quando ero giovane e i  siracusani erano oppressi da un crudele signore, io pregavo per la sua  morte. Quando quello fu ucciso, un tiranno ancora più malvagio prese il  potere e noi chiedevamo agli dei la sua fine. Ora sei venuto a  governarci tu, che sei malvagio quanti altri mai e crudelissimo. E per  tale ragione, nel timore che alla tua morte ti succeda uno ancora  peggiore, prego gli dei che ti conservino a lungo. Così Dionigi non punì la spiritosa  audacia e la vecchia andò via salva e incolume.  

Ecco, mai pensare di aver visto il peggio. Non ci resta che confidare nella buona fortuna e che il Signore ci protegga. Solo un intervento divino può salvarci da questa classe politica indegna, impresentabile e funesta; come una piaga biblica o una gravissima  calamità naturale.

                                                             Re Giorgio e il palazzo

Vedi

Il galletto del Colle

Chisenefrega day

Presidenti e sesso

Quirinale News

L’acqua calda

Presidenti tuttofare

Che pale

Sconvolti d’Italia

Foibe e amnesie

Napolitano, il muro e le amnesie

Presidente, che diceva sui politici in TV?

Napolitano e l’Ungheria

Rosso Quirinale

Eurocomplotti

I misteri del Colle

Giorgio double face

                                                        Re Giorgio e la cresta

Vedi

– Toh, Napolitano

 

Il candidato ideale

Sembra proprio che Napolitano abbia intenzione di lasciare il Quirinale. E si scatena subito il “totopresidente“, gioco preferito dei nostri giornalisti, osservatori ed opinionisti;  quelli che si spacciano per esperti tuttologi e ogni giorno imperversano  su stampa, radio e TV, facendo sfoggio di  cultura enciclopedica, informazioni segretissime e doti di preveggenza che esprimono in inutili chiacchiere come quelle che voi fate al bar dello sport. Solo che voi le fate gratis, loro sono pagati per farlo. Chi sarà il prossimo inquilino del Colle? Già si accennano i primi nomi e la Boldrini, giocando d’anticipo, dice che sarebbe la volta di eleggere una donna (che ci stia facendo un pensierino?)..

Non so chi sarà il prescelto (non ho doti da paracul…pardon, da paragnosta, come i nostri autorevoli esperti), ma posso elencare alcune caratteristiche del candidato ideale. Sono in corso mutazioni epocali, stiamo vivendo tempi di grandi cambiamenti, di rottura col passato, di grandi fermenti sociali, di nuove tendenze e di valorizzazione della diversità culturali, etniche, religiose, di tendenze sessuali poco ortodosse. Oggi i “diversi”, in tutti i campi, fanno scuola, fanno tendenza, fanno notizia, fanno carriera e fanno quello che gli pare, senza pregiudizi, senza scrupoli, senza remore, senza pudore, senza timore e senza vergogna.

Se sei una persona normale non ti nota nessuno. Ma se sei “diverso” entri automaticamente, di diritto, nel novero delle “categorie protette“, assistito, coccolato e tutelato da varie associazioni, come le specie in via di estinzione, come il panda o la foca monaca.  E come soggetto tutelato, hai molte probabilità di finire in prima pagina e di avere successo nel mondo dello spettacolo, della politica (puoi entrare in Parlamento o diventare vicepresidente di un grande partito), dell’arte, della cultura, del cinema, della televisione (puoi vincere un talent show, un reality o un festival europeo della canzone), della stampa (puoi diventare anche direttore di famosi settimanali di gossip).  Quindi, italiani, auguri e… figli diversi.

In USA hanno eletto Obama, il primo  presidente nero. In Italia una congolese nera è diventata ministro.  In Parlamento  sono entrate porno star come Cicciolina e trans come Luxuria. Le donne, grazie alle pari opportunità ed alle quote rosa, vivono un momento di riscatto e sono a capo di aziende, sindacati ed Enti pubblici. E’ una donna la presidente della RAI Tarantola, la segretaria generale della CGIL Camusso, la ex segretaria della Confindustria Marcegaglia, la presidentessa della Camera Boldrini, la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Serracchiani, l’ex direttore dell’Unità Concita De Gregorio.

Sono donne alcune delle calamità televisive nazionali di grande successo, come Antonella Clerici, Mara Venier, Maria De Filippi, Barbara D’Urso, Lucia Annunziata, Lilly Gruber e  molte conduttrici di rubriche e programmi televisivi o a capo di importanti testate giornalistiche; evito i nomi, l’elenco sarebbe troppo lungo.  Essere donna, carina e “renzina” è anche una condizione per scalare il PD; vedi Boschi, Moretti, Madia, Serracchiani, Bonafè, Picierno. Insomma, è un momento d’oro per le donne. Ecco perché la Boldrini auspica una donna al Colle; sarebbe il coronamento ideale del lungo percorso di riscatto femminile.

Renzi è oggi il simbolo di questo cambiamento, della rottura. E’ diventato segretario del PD perché predicava la rottura col passato, il cambiamento radicale e la “rottamazione” dei vecchi dirigenti.  Oggi questi sono i requisiti richiesti per avere successo. Parola d’ordine “cambiamento“; bisogna rompere con il passato, rompere gli schemi, rompere i pregiudizi, rompere gli stereotipi, rompere gli equilibri, rompere gli indugi…insomma, bisogna rompere qualcosa. Ed infatti è da tempo che la nostra classe dirigente e politica rompe; oh se rompe! Il guaio è che tutti rompono, ma nessuno paga.

Quindi, tenuto conto di ciò, ritengo che oggi il Presidente ideale, per essere al passo coi tempi e rappresentare al meglio l’aspirazione al cambiamento sociale, culturale, politico, etnico, religioso e sessuale,  debba avere le seguenti caratteristiche: essere donna, nera, lesbica, atea o, meglio ancora, musulmana o buddista. Se fosse anche trans e con ascendenze zingare sarebbe il massimo.

Hanno detto…

Dichiarazioni quotidiane di straordinaria banalità.

Dopo 34 anni dalla strage, finalmente la svolta storica. Il Presidente Napolitano, che non riesce a star zitto un solo giorno, nemmeno se lo torturano, rilascia la sua quotidiana dichiarazione su tutto lo scibile umano. Oggi tocca alla tragedia di Ustica  (Vedi ANSA). E cosa dice di nuovo, importante e fondamentale per far luce su quella tragedia? Dice che bisogna “accertare la verità“. Ecco a cosa servono i presidenti; a dire ciò che nessuno si aspetta, a sorprendere con visioni della realtà invisibili e sconosciute al popolino, a fornire spiegazioni di misteri inspiegabili, ad essere faro di riferimento per le menti deboli e confuse, ad illuminare il popolo ignorante e distratto, dispensando ogni giorno  perle di saggezza e di genialità. A nessuno verrebbe in mente di dire che su Ustica bisogna accertare la verità. Sono intuizioni straordinarie che vengono solo ai più geniali. Per questo sono presidenti e voi no.

Ecco un’altra sconvolgente rivelazione: Balotelli riconosce di aver sbagliato (ANSA). Ma va, sa che nessuno ci aveva fatto caso? Però ora, dopo aver litigato con tutti i compagni di squadra e con lo stesso CT ed aver contribuito in maniera determinante a farci eliminare dai mondiali, si scusa e dice di aver “capito la lezione“. Già, ma ormai il danno è fatto! Ora, però anche noi vorremmo capire la lezioncina di Prandelli. Significa che per quattro anni ha  messo su una squadra creata su misura ed in funzione di Balotelli, che poi si dimostra un bidone, e tutto, alla fine, si risolve nell’aver spiegato la lezioncina a Balotelli che, finalmente, l’ha capita? Caro Prandelli, ma non poteva spiegargliela un po’ prima? E come mai ha impiegato tanto tempo a capire che questo ragazzo aveva qualche leggerissima difficoltà di apprendimento e, forse,   aveva bisogno di un insegnante di sostegno?  Non sarà che non seguiva le lezioni perché anziché ascoltare Prandelli, come facevano i suoi compagni, lui ascoltava musica con le cuffie eternamente alle orecchie? Ma se questo ragazzo ha ancora bisogno di queste lezioncine elementari, invece che chiamarlo in nazionale perché non lo rimandano alle scuole materne, così ricomincia da zero e, con calma, impara le più elementari regole del vivere umano? Ma, soprattutto, ricordatevi di togliergli le cuffie.

Laura non c’è

Laura Boldrini è rientrata in patria. Ebbene, lo confessiamo, se ne sentiva davvero la mancanza. Questa assenza la si percepiva nell’aria, nei discorsi della gente, nelle espressioni stupite di chi si sentiva orfano di una guida, nello sguardo di chi sperava di riaverla presto fra noi. E finalmente è tornata. Era in visita ufficiale in America. Stranamente la notizia appare su un quotidiano locale, l’Unione sarda (Laura Boldrini lascia gli Stati Uniti), ma non se ne trova traccia nei maggiori quotidiani. E’ un segreto di Stato, non si deve sapere? E’ meglio evitare che la gente mormori e si chieda quale sia l’utilità di quel viaggio? Misteri istituzionali.

Fatto sta che la nostra presidentessa della Camera era in viaggio negli USA. Guai a chiamarla al maschile “presidente“; si addolora, si rattrista, ne risente,  assume l’espressione tipica di un panda depresso, una lacrimuccia scorre sul viso e manda al macero quintali di carta intestata “Il presidente della Camera” e la sostituisce con “La presidentessa…”, tanto per risparmiare sulle spese in tempo di crisi. Ama viaggiare. Ecco perché è spesso assente dal suo scranno presidenziale. Lo riferiva proprio la settimana scorsa un articolo (Laura Boldrini assenteista) in cui si denunciava che alla Camera una volta su due lei è assente: “Dal 15 marzo a oggi, la terza carica dello Stato ha presieduto solo 120 sedute delle 225 che si sono svolte: poco più della metà.”.

Così, se qualcuno nei giorni scorsi avesse chiesto di lei a Montecitorio “C’è Laura Boldrini?”, qualche funzionario avrebbe risposto ” Laura non c’è…”. Ma come, si potrebbe obiettare, lei è la presidentessa della Camera, non dovrebbe essere sempre al suo posto di lavoro? Non necessariamente, in Italia nessuno fa quello che dovrebbe e sta dove dovrebbe stare. Specie se ricoprono incarichi istituzionali, hanno sempre qualche importantissimo impegno da assolvere lontano dal loro ufficio. E più l’incarico è alto, più impegni si hanno; se gli impegni sono in amene località o all’estero, ancora meglio.

Succede a Vendola, che dovrebbe stare nel suo ufficio di governatore della Puglia, e invece è sempre in TV o davanti a qualche telecamera, o dalle parti di Montecitorio o del Senato, oppure  ovunque ci sia un corteo o una manifestazione di protesta.  Succedeva a Renzi, che doveva stare nel suo ufficio di sindaco a Firenze, e invece era sempre in TV (anche lui, è una passione comune ai politici) o in giro per l’Italia a coltivare le relazioni pubbliche e tenere incontri elettorali in vista delle primarie, oppure impegnatissimo ad organizzare e controllare i lavori del convegno del PD alla Leopolda (ne avete più sentito parlare?), evento importantissimo per creare le basi del suo programma di governo (che fine hanno fatto le proposte avanzate in quel convegno?). Succede a Debora Serracchiani, che dovrebbe stare nel suo ufficio di governatrice del Friuli Venezia Giulia, e invece la vediamo ogni giorno in qualche salotto televisivo. Lo stesso vizietto di Formigoni, ex governatore della Lombardia, anche lui, durante il suo mandato più presente in televisione che negli uffici della Regione. Sarà un vizio dei governatori regionali?

Del resto anche il nostro Presidente Napolitano, nel frattempo, era in Svizzera per una visita ufficiale di due giorni. Come vediamo nella foto a lato, ci è andato con la Clio. Qualcuno, distratto, potrebbe pensare “Con la Clio? Ma come, con tante auto blu che ha il Quirinale, poteva andarci almeno con una Marcedes o una BMW“.  Evidentemente si tratta di un equivoco. Ma oggi gli equivoci sono di moda, vanno come il pane. Anzi, più sono equivoci e più hanno successo; quindi tutto normale. Cosa è andato a fare in Svizzera? Solite visite di Stato che i governanti amano scambiarsi, giusto per coltivare i rapporti di buon vicinato. Visto che c’era, ne ha approfittato per rimproverare gli svizzeri sull’esito del  recente voto contro l’immigrazione di massa (mica sono scemi come noi). Su questioni importanti, come l’immigrazione, gli svizzeri fanno i referendum e chiedono il parere dei cittadini, come dovrebbe essere in una democrazia che sia degna di questo nome.  Noi no, abbiamo uno strano concetto di democrazia e le scelte vengono fatte da un ristretto gruppo di oligarchi (spesso nemmeno eletti dal popolo, Renzi docet…) e ci vengono imposte dall’alto, alla faccia della democrazia e della volontà popolare.

Dice Napolitano che così la Svizzera si allontana dall’Europa, facendo finta di ignorare che se quella è la volontà popolare bisogna rispettarla; piaccia o non piaccia. Ma si sa, per certi ex/post comunisti camuffati da democratici la democrazia va bene solo se vincono loro e la libertà di pensiero va bene solo se sei d’accordo col capo: “Potete esprimere liberamente il vostro pensiero, purché siate d’accordo con me“, diceva Stalin.  (Napolitano dà lezioni di democrazia…agli svizzeri). Anche lui ha il vizio dei viaggi di rappresentanza. Forse è andato in Svizzera a fare scorta di emmenthal e cioccolato per rimpinguare le dispense del Quirinale. Ho sempre avuto un dubbio sul formaggio svizzero, quello con i buchi: ma i buchi si pagano o sono in omaggio? Mah, misteri caseari.

Sarà perché siamo un popolo di poeti, santi e navigatori, ma noi il viaggio lo abbiamo nel sangue. Ecco perché i nostri beneamati rappresentanti del popolo passano più tempo in viaggi all’estero (viaggi di lavoro, di rappresentanza, certo…) che al loro posto in Italia. Anche Enrico Letta, appena insediatosi a palazzo Chigi, invece di dedicarsi, come sarebbe stato opportuno,  a risolvere i gravissimi problemi dell’Italia, cominciò a viaggiare; da Berlino a San Pietroburgo, da Parigi a Washington, da Londra a Dubai. Lo stesso ha fatto Renzi. Appena insediato, nemmeno il tempo di provare la poltrona, ed il primo giorno da premier era già in viaggio per andare a visitare una scuola a Treviso. Il giorno dopo  era in visita ad un’altra scuola in Sicilia. E subito dopo anche lui ha cominciato il tour degli incontri ufficiali nelle capitali europee:  Hollande a Parigi,  Merkel a Berlino, Cameron a Londra. E’ andato a presentarsi ed a presentare il programma di riforme del suo governo per ottenere l’approvazione e la benedizione, con pacca sulle spalle di incoraggiamento, dei leader europei.

Ed infatti tutti si sono mostrati entusiasti delle sue proposte. La Merkel addirittura si è dichiarata affascinata dall’audacia delle riforme renziane. Ma il nostro sindaco d’assalto dice che non è andato col cappello in mano a chiedere il consenso e l’approvazione. Strano, eppure non ricordo che Cameron, Hollande, Zapatero, Sarkozy, la stessa Merkel, appena insediati, siano venuti a Roma per illustrare i loro programmi di governo per avere la nostra approvazione o almeno un parere.  Ma Renzi dice che non ha chiesto  il benestare dei leader europei. E Renzi è un uomo d’onore!

Ecco perché la nostra presidentessa si adegua. E se chiedete di lei alla Camera vi risponderanno “Laura non c’è, è andata via…“, come cantava Nek. E’ andata dove? In America, oggi si usa, ci vanno tutti, non si sa bene a fare cosa, ma tutti vanno al quel paese. O ci vanno, o ce li mandano. Il guaio è che poi tornano. Sembra che durante il soggiorno americano abbia avuto diversi incontri. Oltre a quelli istituzionali, ha incontrato tanti italiani (poteva incontrarli in Italia, ce ne sono 60 milioni), ha visitato Ellis Island, la porta d’ingresso all’America durante il periodo delle grandi migrazioni del primo Novecento, ha visitato il memoriale dell’11 settembre a Ground Zero dove, ricordando quella immane tragedia,  ha dichiarato che “persero la vita tremila persone provenienti da 90 Paesi diversi…“. Una sconvolgente rivelazione per gli americani che non sapevano di avere avuto tanti morti. Meno male che è andata la Boldrini a dirglielo.

Ma ha avuto anche degli incontri particolarmente fruttuosi  e ricchi di “buone prospettive per il futuro“. Per esempio, riprendiamo dal pezzo sul quotidiano citato: “E anche temi di carattere sociale sono stati al centro degli incontri. Con una tavola rotonda a Washington sulle sfide dell’era digitale, dai diritti delle donne sul web, alla lotta al cyberbullismo.”. Ecco, credo proprio che gli americani aspettassero con ansia i suggerimenti della nostra presidentessa in formato esportazione sulle sfide digitali, i diritti delle donne ed il cyberbullismo. Ora sapranno come regolarsi; i cyberbulli hanno le ore contate.

Fondamentale anche la sua visita “all’Henry Street Settlement, una organizzazione no profit in prima linea nella lotta alla povertà, che si occupa di dare sostegno a decine di migliaia di cittadini a basso reddito.”. In Italia abbiamo la povertà che dilaga ed i pensionati che vanno a racimolare qualcosa fra gli scarti dei mercati ortofrutticoli e  la Boldrini, visto che non riesce a risolvere il problema della povertà in Italia,  va ad occuparsi dei poveri di New York. Ma l’argomento principale della sua visita e dei suoi incontri, è stato il tema a lei tanto caro,  l’immigrazione. E ti pareva che non battesse sul chiodo fisso. Bisognerebbe ricordarle che il presidente della Camera ha il compito istituzionale di presiedere le sedute della Camera e di regolarne i lavori. E non di andare in giro per il mondo ad incontrare italiani all’estero e occuparsi di poveri e migranti. Del resto lei sulla questione della tutela degli immigrati e rifugiati, come portavoce del Commissariato ONU, ci ha campato per anni, con diversi incarichi per conto dell’ONU ed una lauta retribuzione (Boldrini, una vita da regina grazie agli immigrati).

Ecco perché incontrando gli imprenditori e le “eccellenze italiane” in USA ha dichiarato: “La migrazione, quando si tratta di inquadrarla in un contesto più ampio, è una grande opportunità, muoversi è un valore aggiunto, oggi con la globalizzazione si muovono le idee e si muovono gli esseri umani.“. Chiaro? Per lei anche gli imprenditori italiani, che investono grossi capitali e realizzano affari d’oro in USA, grazie alle loro capacità ed al business del Made in Italy, e che fanno la spola, su jet privati, fra i due continenti, sono dei…migranti. Magari sono arrivati a New York andando alla deriva su un vecchio barcone rimediato a Lampedusa. Questa donna è ferma ai primi del ‘900, a Santa Lucia luntana, a “Partono ‘e bastimente pe’ terre assaje luntane, cantano a buordo; so napulitane.”.

Questa donna è fuori dal mondo, fuori dalla realtà. Finché resta in Italia, pazienza, ormai la conosciamo e sappiamo come giudicare le sue esternazioni buoniste e terzomondiste: le accettiamo con paziente rassegnazione, come si fa con i bambini e con gli anziani che mostrano  i primi segni di alzheimer. Il guaio è che ora va anche all’estero a boldrinizzare il “Nuovo mondo“. Boldrini, Boldrini, fa bene a tornare subito in Italia, prima che ce la rimandino indietro, come si dice dalle nostre parti…a son’e corru! E ci chiedano anche i danni. “Laura non c’è…”, dicono i commessi alla Camera, “E’ in missione speciale in USA.”. Già, è andata a quel paese.  Il guaio è che poi torna; purtroppo.

Giorgio double face

Non molto tempo fa il Presidente Napolitano, invocando il diritto alla segretezza delle comunicazioni (le sue) e appellandosi alla Corte costituzionale, sollevando un “conflitto di attribuzione” nei confronti della Procura di Palermo, chiese ed ottenne che venissero distrutte le registrazioni delle conversazioni telefoniche intercorse con Nicola Mancino, ministro dell’Interno all’epoca della presunta trattativa Stato-mafia (Distrutte le conversazioni Napolitano-Mancino). La telenovela su quelle telefonate la si può leggere qui “Mancino-Napolitano: un anno di romanzo Quirinale“. Forse quelle conversazioni erano del tutto insignificanti ai fini dell’inchiesta, ma il dubbio resta.   Ma se erano insignificanti perché tenerle segrete e poi distruggerle?  Magari   avrebbero potuto rivelare aspetti sconosciuti di quella trattativa e contribuire a fare chiarezza su quella oscura vicenda e, forse, anche sugli eventi che portarono alla morte dei giudici Falcone e Borsellino.

Ma potrebbe esserci anche un’altra pista da seguire. Quelle intercettazioni sulle utenze di Mancino sono state fatte per alcuni mesi a partire da novembre 2011, in piena crisi di governo, dimissioni di Berlusconi e nascita del governo tecnico di Monti. Un periodo denso di dubbi e di interrogativi che si pongono con insistenza anche a seguito delle ultime rivelazioni fatte dal libro di Alan Friedman, “Ammazziamo il giaguaro“, dalle interviste a Monti, De Benedetti e Prodi, dalle affermazioni di Zapatero e dalle ultime affermazioni di Tim Geithner il quale rivela come gli USA ricevettero pressioni da parte europea per far cadere il governo Berlusconi. In tutta questa faccenda viene tirato in ballo, per la sua diretta responsabilità in questo ipotizzato complotto, proprio il presidente Napolitano. Ma il nostro Presidente nega tutto e, invece che fornire prove concrete della sua estraneità (nonostante le dichiarazioni inequivocabili di Prodi, De Benedetti e dello stesso Monti che lo smentiscono e confermano l’ipotesi di Friedman), si limita a smentire genericamente. “Complotto? Solo fumo…”, dice. Troppo facile, Presidente, troppo facile uscirsene con una vaga smentita. Davvero sicuro che sia tutto fumo e non ci sia anche un po’ di arrosto?

E se in quelle conversazioni fra Napolitano e Mancino si accennasse anche a quella “invenzione” del Quirinale, che solleva molti dubbi sul rispetto della Costituzione, che portò alla nomina di Monti a senatore a vita e, subito dopo, a palazzo Chigi? Allora, quelle conversazioni sarebbero, forse, insignificanti per l’inchiesta Stato-mafia, ma sarebbero illuminanti su quella specie di golpe istituzionale che fu l’incarico a Mario Monti. E’ solo un’ipotesi, ma neanche tanto balzana (Vedi “Il contenuto delle telefonate fra Napolitano e Mancino“). Ma il presidente Napolitano fece distruggere quelle conversazioni. Non sapremo mai cosa ci fosse in quelle registrazioni; né che riguardino Berlusconi, né che riguardino la trattativa Stato-mafia.

Ma il nostro Presidente è molto riservato e schivo (!), non gradisce rendere pubbliche le sue conversazioni private, gli incontri, le telefonate e la corrispondenza. Del resto, è più che legittimo tutelare la privacy dei cittadini. A meno che non si tratti di Berlusconi; allora la tutela della privacy è temporaneamente abolita e si può pubblicare tutto, conversazioni, battute, incontri, fatti personali, dieta, confidenze fatte in privato ad amici, fotografie,  resoconti più o meno attendibili di cene e festicciole private e perfino (anzi, soprattutto) le abitudini sessuali. Ma Napolitano no; bisogna garantire la privacy.

Di recente i magistrati di Palermo, ancora nell’ambito della stessa inchiesta sopra citata,  hanno chiesto di sentire il Presidente Napolitano, citandolo come teste in merito ad una lettera ricevuta dal consigliere giuridico Loris D’Ambrosio. Niente di strano, una semplice testimonianza. Qualunque cittadino normale, di fronte ad una richiesta simile, sarebbe tenuto a presentarsi in tribunale per testimoniare. Ma non Napolitano il quale, essendo restio, come abbiamo detto, a parlare dei suoi fatti privati, declina sdegnosamente il cortese invito dei magistrati palermitani e, invece che rispondere alle eventuali domande, si limita a spedire una semplice  letterina con la quale dichiara di non avere niente di particolarmente interessante da rivelare (Vedi “Napolitano scrive ai giudici di Palermo“). Dice: “Non ho da riferire alcuna conoscenza utile al processo, come sarei ben lieto di potere fare se davvero ne avessi da riferire“.

Ora, nel caso vi arrivasse una lettera con la quale siete invitati a comparire in tribunale per testimoniare, considerato che “La legge è uguale per tutti“, visto l’esempio autorevole che viene dall’alto, fate come Napolitano; rispondete con una letterina in cui declinate l’invito perché…non avete niente di interessante da dire. Così, come cantava Iannacci…per vedere l’effetto che fa!

Questa premessa ci fornisce degli esempi lampanti di quale sia l’atteggiamento di Napolitano nei confronti dei processi sulla trattativa Stato-mafia e su altri misteri del Colle. Non si può dire che sia il massimo della collaborazione, della chiarezza e della trasparenza. Prima fa distruggere delle registrazioni di conversazioni telefoniche e poi, con nonchalance, invece che andare a testimoniare in tribunale, invia una letterina in cui dice che non ha niente da dire.  In quanto al complotto, poi, niente di speciale; solo fumo! Bene, questa premessa era necessaria per  interpretare una delle quotidiane esternazioni del nostro Presidente, puntualmente riprese e diffuse dai media.

Napolitano e la mafia

Ecco cosa ha detto oggi Napolitano (Fare chiarezza sulla morte di Falcone e Borsellino), in occasione della ricorrenza della strage di Capaci, in un messaggio inviato al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Caltanissetta, Sergio Lari: “Mi auguro che i processi in corso possano accertare compiutamente ragioni e responsabilità di fatti di così devastante portata, sgombrando il campo da ogni aspetto rimasto oscuro.”. I “processi in corso” che dovrebbero accertare le responsabilità, sono esattamente quelli di cui parliamo in premessa. Ecco, quelli che dovrebbero “sgombrare il campo da ogni aspetto rimasto oscuro“. Per fare dichiarazioni come quella riportata, dopo aver fatto distruggere delle registrazioni di cui non si conoscerà mai  il contenuto (lasciando molti dubbi sulla loro rilevanza ai fini del processo) ed aver declinato l’invito a testimoniare, bisogna avere la faccia come… una bella faccia da presidente.

Vedi

Eurocomplotti

Colpo di Stato

Napolitano denunciato per tradimento

Re Giorgio, il vero pericolo

Ammazziamo il gattopardo

Napolitano e la cresta

I misteri del Colle

Poltrone d’Italia

Momenti di suspense. Il “Bomba” Renzi è salito al Quirinale. E tutti i media sono in trepida attesa di conoscere la lista dei “nuovi ministri” del “nuovo governo” del “nuovo premier” Renzi. Come se cambiasse qualcosa. Non abbiamo ancora capito perché sia nato un “governo delle larghe intese” voluto da Napolitano. Non abbiamo capito nemmeno perché quello stesso governo, dopo programmi, buone intenzioni e tanti proclami rassicuranti, sia caduto per un capriccio della direzione del PD. Nessuno lo ha spiegato. Non abbiamo avuto il tempo nemmeno di capire il vecchio e già ci troviamo con un nuovo governo. Ma quando si tratta di problemi della sinistra è meglio evitare approfondimenti; meno se ne parla e meglio è. Compagni, zitti e Mosca!

E per evitare imbarazzanti riconoscimenti di fallimento di Letta, del suo governo, del PD, della sinistra e dello stesso Presidente Napolitano, si puntano gli occhi sulla nuova promessa della politica italiana, il fenomeno Renzi. Così si distrae l’attenzione della gente e del fallimento della politica di sinistra non se ne parla più. Ora tutti aspettano di sapere chi farà parte del nuovo governo e siederà sulle poltrone dei ministeri. Cambiano i ministri, i governi, i proclami, i programmi, gli slogan, ma l’Italia va sempre peggio. Viene quasi il sospetto che il problema dell’Italia non sia la politica ed i suoi esponenti, ma siano le poltrone: le poltrone d’Italia.

Eh sì, perché in quasi 70 anni di Repubblica abbiamo avuto governi di destra, di sinistra, di centro, di ogni colore, ma la situazione è sempre più tragica. Ad ogni tornata elettorale assistiamo al solito teatrino dei comizi, delle promesse, delle accuse reciproche tra fazioni avverse, della necessità di cambiamento, di moralizzazione della vita pubblica, di lotta all’evasione, di rilancio dell’economia, di potenziamento dei servizi pubblici, di riduzione degli sprechi…solita tiritera elettorale. E tutti si presentano come il “nuovo che avanza“, assicurano di rompere con il passato e tutti hanno in tasca la ricetta magica per risolvere i problemi, tutti sono capaci, onesti, preparati e chiedono la fiducia del popolo.

Poi, quando arrivano in Parlamento, sono colti da una strana ed improvvisa amnesia; la sindrome della poltrona. Dimenticano tutto ciò che hanno detto e promesso e si comportano  esattamente come tutti i predecessori: a cominciare dalla spartizione delle poltrone di governo, sottogoverno e giù a scendere fino alla sistemazione di assistenti, consulenti, portaborse, funzionari di partito, amici, parenti e conoscenti. Appena poggiano il culo sulle poltrone di governo cominciano a sproloquiare, a vaneggiare, ad inventarsi nuove tasse, nuovi balzelli e norme cervellotiche per complicare la vita dei cittadini. Vuoi vedere che in quelle poltrone c’è un pericolosissimo virus che contagia chi vi si siede sopra alterandone le facoltà mentali? Non c’è altra spiegazione, perché le uniche ad essere sempre al loro posto dopo decenni e superare indenni tutte le crisi di governo sono  sempre loro, le poltrone di governo. Eh, sì, le poltrone sono sempre le stesse; cambiano i culi!

Il Bomba a palazzo

Al liceo lo chiamavano il Bomba perché le sparava grosse“.

Lo riferisce Aldo Cazzullo nelle brevi note biografiche su Matteo Renzi. (Quando Renzi al liceo…). Fra aneddoti, curiosità e citazioni, ricostruisce la carriera politica del “rottamatore“. Dai lupetti dei Boy Scout a palazzo Chigi. Una carriera così folgorante che, parafrasando Brecht, la si potrebbe definire come “La resistibile ascesa di Matteo Ui“. Nella sua opera Brecht narrava l’ascesa al potere del gangster Arturo Ui, una parodia di Adolf Hitler, grazie al potentissimo “Trust dei cavolfiori“. Nel nostro caso, visto che il nostro Matteo deve la sua notorietà alla “rottamazione“, si potrebbe dire che Matteo Ui è sostenuto dal “Trust degli sfasciacarrozze“.

Che ami “spararle” è un dato di fatto. Anche di recente, per la serie “Le ultime parole famose”, rispondendo ad una precisa domanda di Lucia Annunziata, a “In mezz’ora“, ha detto chiaramente che sarebbe andato a palazzo Chigi “solo attraverso elezioni e non per inciuci di palazzo“. Infatti! E’ chiaro che il nostro “lupetto” ha perso il pelo, ma non il vizietto…di spararle grosse.  Fra i tanti commenti in rete, riportati oggi dall’ANSA (Renzi premier, tutta l’ironia social), quello di Antonello Piroso conferma quanto detto sulle “sparate” renziane e solleva molti dubbi sull’affidabilità futura di questo leader per caso.

Se aggiungiamo quest’altra dichiarazione sul rispetto della parola data, ci rendiamo conto che l’affidabilità di questo ragazzotto di belle speranze è quasi a zero. Il che lascia molti dubbi sui suoi programmi, sulle promesse e su tutto ciò che ha dichiarato fino ad oggi per ottenere consensi. Ricorda un po’ la promessa di Veltroni a Fazio, quando disse, anni fa,  che avrebbe abbandonato la politica e sarebbe andato in Africa per dedicarsi ad opere umanitarie. Evidentemente la coerenza dev’essere un termine scomparso dal vocabolario in dotazione ai dirigenti del PD.

Del resto basta guardarlo in faccia il nostro ex lupetto boy scout e sentirlo parlare. E’ la perfetta rappresentazione dell’immagine popolare del  classico toscanaccio, con quell’aria da  sbruffone, ciarliero, fanfarone, un po’ gradasso, che le spara grosse. Appunto. Più che a palazzo Chigi sembrerebbe più adatto a partecipare, in compagnia di altri comici toscani come Pieraccioni, Panariello, Ceccherini, ad un cine-panettone di Natale. Sarebbe un grande quartetto comico.

Invece il Bomba finisce a palazzo Chigi a governare l’Italia. Ci arriva dopo una campagna mediatica che nel corso degli ultimi anni, ne ha fatto un personaggio di primo piano del PD. Durante le ultime primarie lo si vedeva praticamente a reti unificate in TV. Ha fatto il giro di tutti i salotti, tutte le poltrone, tutti i programmi televisivi. Sarebbe interessante conoscere i dati sulla presenza di Renzi in TV e compararla con gli altri politici e con gli stessi candidati alle primarie. Ma nessuno farà questo conteggio. In questo caso la Commissione di vigilanza dorme. Si sveglia solo quando in TV compare Berlusconi. Allora contano i secondi di apparizioni sullo schermo. Se però Renzi “occupa” tutti i canali a tutte le ore, è normale. Compagni, zitti e Mosca!

Sabato scorso Napolitano ha tenuto le consultazioni per avviare il nuovo governo. Intanto, riferiscono i media, Renzi era a Firenze impegnato a stilare la lista dei ministri. Significa che Renzi sapeva già, sabato, di essere il nuovo premier designato. Ma allora se Napolitano stava ancora tenendo le consultazioni, come faceva Renzi a sapere di essere il premier in pectore? E se Renzi sapeva già di essere il nuovo premier, a che scopo Napolitano faceva le consultazioni? Misteri del Colle.

Così, dopo Monti e Letta avremo il terzo premier non eletto dal popolo, ma con la benedizione di Re Giorgio che, nel corso del suo mandato presidenziale, ha sempre condizionato pesantemente la politica e, specie dopo le dimissioni di Berlusconi nel 2011, ha di fatto deciso in prima persona la composizione dei governi. Ma siccome a condurre il gioco è Napolitano, tutto è “normale”. Anzi è giusto, fatto nel rispetto della Costituzione (!?) e nell’interesse del Paese. E’ corretto anche il fatto che a decidere la sfiducia al presidente del Consiglio non sia stato il Parlamento, ma la segreteria del partito. E’ corretto che Letta non si presenti in Parlamento per essere sfiduciato. E’ corretto che Napolitano prenda atto di una votazione della direzione nazionale del PD e la ritenga valida per accettare le dimissioni di Letta. Ed è corretto che, alla sola luce di questa votazione interna ad un partito, abbia avviato le consultazioni, sapendo già che assegnerà l’incarico al nostro “Bomba” Renzi. E tutti fanno finta che questa procedura sia corretta. Specie quelli che aspirano ad incarichi di governo o di sotto governo e pregustano già la comodità di una poltrona.

L’Italia è ancora in piena crisi, ma nessuno ha uno straccio di idea su cosa fare. Anche il nostro “Bomba”, nel suo discorso alla direzione nazionale del PD, ha cianciato di tutto, dai sentieri poco battuti nel bosco, al vento in faccia, ma di fatti concreti nemmeno l’ombra: fuffa, solo fuffa della peggior specie. E con quella fuffa ha sfiduciato Letta. Ma non è con le citazioni, le metafore e le immagini poetiche che si crea lavoro, si rilancia l’economia, si riaprono le aziende, si aumentano le pensioni, si diminuiscono le tasse. Le chiacchiere fino ad oggi non hanno risolto nulla: né le chiacchiere di Monti, né quelle di Letta. Ma del resto è la nostra politica che è fondata sulle chiacchiere, quelle dei talk show televisivi, dove da anni si confrontano i diversi schieramenti, scambiandosi accuse reciproche e difendendo con le unghie il proprio orticello, senza risolvere mai un problema.

La politica è una delle nostre vergogne nazionali, come la corruzione, i rifiuti tossici in Campania, la spazzatura di Napoli, la malavita organizzata, l’informazione manipolata, schierata ed al servizio del potere, la giustizia politicizzata, gli scandali e scandaletti quotidiani della pubblica amministrazione, la assillante burocrazia che avvolge tutto come una ragnatela immobilizzando la società produttiva, la tassazione insopportabile che porta le aziende a chiudere e gli imprenditori a suicidarsi; e l’elenco potrebbe continuare. E noi che facciamo? Mandiamo al governo un ragazzotto di belle speranze che al liceo chiamavano “Il Bomba” perché le sparava grosse, che non ha mai messo piede in Parlamento, che è all’oscuro dei regolamenti, della prassi, della complessità della guida di un governo. L’unica cosa in cui è bravo è la rincorsa al potere, raccontare balle e rimangiarsi nel giro di 24 ore ciò che aveva appena affermato.

E’ questo il nuovo che avanza? E’ con questi personaggi che pensiamo di salvare l’Italia, di rilanciare l’economia, di aiutare i milioni di italiani che vivono in povertà? Con quale serietà stiamo affidando l’Italia ad un “rottamatore” sponsorizzato e sostenuto dal “Trust degli sfasciacarrozze“? Con quale incoscienza assistiamo alla “Resistibile ascesa di Matteo Ui“? Fino a quando sopporteremo l’inaccettabile interferenza politica di un Presidente della Repubblica che, di fatto, travalicando spesso e volentieri le sue prerogative costituzionali, ha trasformato l’Italia in una Repubblica presidenziale? Cosa deve ancora succedere perché la gente apra gli occhi, scopra che il Re è nudo e ponga fine ad un sistema politico corrotto fino all’osso? Quanto dobbiamo ancora aspettare per scoprire l’inganno tragico di una democrazia che è tale solo sulla carta? Se mandiamo al governo un “Bomba” siamo proprio a fine corsa. E speriamo che quando esplode non faccia troppi danni.

Follie italiche

Quirinale, ma quanto mi costi? Periodicamente vengono forniti i dati dei costi stratosferici della politica; Camera, Senato, province, regioni, finanziamento ai partiti e via sperperando. Cifre pazzesche difficilmente comprensibili per un cittadino normale. Ma il dato più incredibile è quello che riguarda le spese del Quirinale. La cifra totale è di circa 228 milioni di euro all’anno. Circa 450 miliardi di vecchie lire; all’anno! Eppure, nonostante questo dato venga riproposto con frequenza sui media, nessuno si scandalizza, nessuno protesta, nessuno chiede interventi per ridurre drasticamente le spese, nessuno si vergogna; nemmeno Napolitano.

Pochi giorni fa il costo della residenza del nostro Presidente della Repubblica è stato ricordato nel programma “Quinta colonna“, che ha messo a confronto in una tabella i costi del Quirinale con quelli delle residenze del presidente francese, della regina Elisabetta e di Obama. La conclusione è che il Quirinale costa molto di più dell’Eliseo, Buckingham palace e Casa Bianca sommati insieme. Allucinante.

Bisognerebbe ricordarci spesso di questa tabella. Almeno ogni volta che Napolitano appare in TV, lancia i suoi messaggi quotidiani o presenzia a cerimonie ufficiali. Dovremmo porci una semplice domanda: Napolitano, quanto ci costi? Dovremmo chiederci come mai e con quali giustificazioni, il Presidente della Repubblica italiana costa più del doppio di quello francese, quasi quattro volte la regina d’Inghilterra e quasi otto volte il presidente degli Stati Uniti. Noi italiani siamo più bravi degli altri? Siamo più belli, più simpatici, più furbi? O siamo più ricchi? La spiegazione possiamo trovarla in uno dei tanti articoli dedicati alle spese folli della casta politica, uno a caso, uno degli ultimi, questo: “Napolitano chiede sacrifici, ma vive in una reggia”. 

E’ per sostenere queste spese folli che tartassano i cittadini con sempre nuove tasse, imposte e gabelle? Ma con quale faccia tosta hanno ancora il coraggio di presentarsi in pubblico? Con che sfacciataggine osano ancora affollare i salotti televisivi a parlare del nulla, a cianciare del vuoto assoluto? Con che faccia si presentano ai cittadini spacciandosi per innovatori, riformatori e moralizzatori della politica? Con che coraggio chiedono ancora ai cittadini la fiducia? Come possono continuare a tassare i cittadini già stremati e sull’orlo della disperazione? Per sostenere queste spese? Per finanziare una reggia in cui alloggiare un presidente che ci costa più di un re o della regina Elisabetta? Dovrebbero vergognarsi…di esistere.