Gentiloni chi?

Paolo Gentiloni ha ricevuto da Mattarella l’incarico per formare il nuovo governo. Chi è Gentiloni?

Eccolo qui, immortalato in questa foto che ne esalta l’acutezza e lo sguardo vivo ed intelligente. Non è chiaro cosa stia guardando: avrà le visioni mistiche, ha visto un UFO, gli è apparsa la Madonna? Mistero. E’ un mistero anche quella sua eterna espressione sempre assonnata. Casca dal sonno perché è in piedi da tre giorni e non vede l’ora di andare a dormire? Oppure è stato buttato giù dal letto e non si è ancora svegliato del tutto? Boh, certo è che ogni volta che lo si vede in TV sembra che dorma in piedi, come i cavalli. Né è più sveglio il suo eloquio. Roba che i suoi discorsi si possono usare tranquillamente come sonnifero. Immaginate cosa può scaturire da un incontro fra Gentiloni e Mattarella: dopo dieci minuti dormono tutti, anche i corazzieri.

E’ un mistero anche il fatto che in Italia un personaggio simile arrivi a fare il ministro. Del resto se in Parlamento ci sono andati Cicciolina e Luxuria, perché non Razzi e Gentiloni? Davvero questo è il livello della classe politica? Tanto vale affidarsi a Topo Gigio. Ma è anche la dimostrazione che i giovani devono aver fiducia in questa società, perché se un Gentiloni qualunque può diventare capo del governo, vuol dire che chiunque può farcela.  Stamattina, nella sua dichiarazione di accettazione dell’incarico da parte di Mattarella, ha avuto parole di elogio per Matteo Renzi al quale ha riconosciuto la grande “coerenza” nell’aver rispettato la promessa di dimettersi in caso di esito negativo del referendum. Dopo una sconfitta come quella subita, con uno scarto di 20 punti, non doveva dimettersi solo da premier, ma per la vergogna doveva dimettersi anche da segretario del PD, da semplice iscritto e perfino dagli elenchi anagrafici di Pontassieve; dovrebbe scomparire proprio per la vergogna. Ma a sinistra sono fatti così. Anche quando prendono una batosta tragica come sul referendum, invece che riconoscere la pesantissima sconfitta, mettono in risalto, come grande qualità morale, il fatto che Renzi si sia dimesso. E’ lo stesso criterio che usano quando qualcuno dei loro amministratori (quelli della superiorità morale, quelli che “noi abbiamo le mani pulite“) viene preso con le mani nella marmellata (cosa che succede sempre più spesso). Pensano di chiudere la storia e uscirne puliti dicendo che “si è dimesso“. Come se le dimissioni annullino il reato.  Sono ladri dimissionari. Ma sempre ladri sono.

Ma Gentiloni dice che bisogna avere rispetto per la coerenza di Renzi. Coerenza? Quella è una parola sconosciuta al nostro Pinocchietto, non c’è nemmeno nel suo vocabolario; forse qualcuno ha strappato la pagina. State a vedere che adesso il ballista toscano diventa anche modello, emblema e icona di “coerenza”. Ma Gentiloni parla di quel Renzi che aveva scritto a Enrico Letta “#enricostaisereno” (quello che sarà ricordato come il tweet più ipocrita della storia) e poi una settimana dopo lo sfiducia in direzione PD e gli frega la poltrona a Palazzo Chigi? E’ quel Renzi oppure è un omonimo? E’ quello che nel 2014, intervistato da Lucia Annunziata, disse che sarebbe andato a Palazzo Chigi “solo attraverso elezioni e non per inciuci di palazzo“?  E’ quello che disse che le riforme non si fanno a colpi di maggioranza? E’ quello che scrisse: “C’è bisogno di serietà in politica. Occorre imparare a mantenere la parola data. Io non sarò mai presidente del Consiglio senza essere eletto dai cittadini, non farò mai come D’Alema nel 1998.”. E’ quello che, appena insediato, disse che avrebbe fatto una riforma al mese? E’ quello che in questi mille giorni di governo è andato avanti a forza di bugie e promesse non mantenute? E’ sempre lo stesso Renzi? Beh, allora è davvero affidabile, un mito, un simbolo di coerenza e affidabilità. Cominciamo bene; non ha ancora cominciato a fare il premier e già ha sparato la sua prima cazzata. Sarà difficile riuscire a superare o almeno eguagliare il piazzista toscano. Ma mai dire mai.  Ha ragione Davigo, questi non hanno smesso di rubare, o di raccontare balle, hanno smesso di vergognarsi.

E intanto “The show must go on“, tra nani, ballerine, equilibristi, scimmiette ammaestrate, pagliacci e giullari di regime continua lo spettacolo del grande circo della politica. Cambiano i personaggi, chi entra e chi esce dalla pista, ma lo spettacolo è sempre lo stesso, e non fa nemmeno ridere; anzi, è squallido.

Cucù, Renzi non c’è più

Le promesse del Bomba appena eletto nel 2014, a confronto con Cetto La Qualunque: chi offre di più?

 

Il bomba a Palazzo (17 febbraio 2014)

Al liceo lo chiamavano il Bomba perché le sparava grosse“.

Lo riferisce Aldo Cazzullo nelle brevi note biografiche su Matteo Renzi. (Quando Renzi al liceo…). Fra aneddoti, curiosità e citazioni, ricostruisce la carriera politica del “rottamatore“. Dai lupetti dei Boy Scout a palazzo Chigi. Una carriera così folgorante che, parafrasando Brecht, la si potrebbe definire come “La resistibile ascesa di Matteo Ui“. Nella sua opera Brecht narrava l’ascesa al potere del gangster Arturo Ui, una parodia di Adolf Hitler, grazie al potentissimo “Trust dei cavolfiori“. Nel nostro caso, visto che il nostro Matteo deve la sua notorietà alla “rottamazione“, si potrebbe dire che Matteo Ui è sostenuto dal “Trust degli sfasciacarrozze“.

Che ami “spararle” è un dato di fatto. Anche di recente, per la serie “Le ultime parole famose”, rispondendo ad una precisa domanda di Lucia Annunziata, a “In mezz’ora“, ha detto chiaramente che sarebbe andato a palazzo Chigi “solo attraverso elezioni e non per inciuci di palazzo“. Infatti! E’ chiaro che il nostro “lupetto” ha perso il pelo, ma non il vizietto…di spararle grosse.

Se aggiungiamo quest’altra dichiarazione sul rispetto della parola data, ci rendiamo conto che l’affidabilità di questo ragazzotto di belle speranze è quasi a zero. Il che lascia molti dubbi sui suoi programmi, sulle promesse e su tutto ciò che ha dichiarato fino ad oggi per ottenere consensi. Ricorda un po’ la promessa di Veltroni a Fazio, quando disse, anni fa,  che avrebbe abbandonato la politica e sarebbe andato in Africa per dedicarsi ad opere umanitarie. Evidentemente la coerenza dev’essere un termine scomparso dal vocabolario in dotazione ai dirigenti del PD.

Del resto basta guardarlo in faccia il nostro ex lupetto boy scout e sentirlo parlare. E’ la perfetta rappresentazione dell’immagine popolare del  classico toscanaccio, con quell’aria da  sbruffone, ciarliero, fanfarone, un po’ gradasso, che le spara grosse. Appunto. Più che a palazzo Chigi sembrerebbe più adatto a partecipare, in compagnia di altri comici toscani come Pieraccioni, Panariello, Ceccherini, ad un cine-panettone di Natale. Sarebbe un grande quartetto comico.

Invece il Bomba finisce a palazzo Chigi a governare l’Italia. Ci arriva dopo una campagna mediatica che nel corso degli ultimi anni, ne ha fatto un personaggio di primo piano del PD. Durante le ultime primarie lo si vedeva praticamente a reti unificate in TV. Ha fatto il giro di tutti i salotti, tutte le poltrone, tutti i programmi televisivi. Sarebbe interessante conoscere i dati sulla presenza di Renzi in TV e compararla con gli altri politici e con gli stessi candidati alle primarie. Ma nessuno farà questo conteggio. In questo caso la Commissione di vigilanza dorme. Si sveglia solo quando in TV compare Berlusconi. Allora contano i secondi di apparizioni sullo schermo. Se però Renzi “occupa” tutti i canali a tutte le ore, è normale. Compagni, zitti e Mosca!

Sabato scorso Napolitano ha tenuto le consultazioni per avviare il nuovo governo. Intanto, riferiscono i media, Renzi era a Firenze impegnato a stilare la lista dei ministri. Significa che Renzi sapeva già, sabato, di essere il nuovo premier designato. Ma allora se Napolitano stava ancora tenendo le consultazioni, come faceva Renzi a sapere di essere il premier in pectore? E se Renzi sapeva già di essere il nuovo premier, a che scopo Napolitano faceva le consultazioni? Misteri del Colle.

Così, dopo Monti e Letta avremo il terzo premier non eletto dal popolo, ma con la benedizione di Re Giorgio che, nel corso del suo mandato presidenziale, ha sempre condizionato pesantemente la politica e, specie dopo le dimissioni di Berlusconi nel 2011, ha di fatto deciso in prima persona la composizione dei governi. Ma siccome a condurre il gioco è Napolitano, tutto è “normale”. Anzi è giusto, fatto nel rispetto della Costituzione (!?) e nell’interesse del Paese. E’ corretto anche il fatto che a decidere la sfiducia al presidente del Consiglio non sia stato il Parlamento, ma la segreteria del partito. E’ corretto che Letta non si presenti in Parlamento per essere sfiduciato. E’ corretto che Napolitano prenda atto di una votazione della direzione nazionale del PD e la ritenga valida per accettare le dimissioni di Letta. Ed è corretto che, alla sola luce di questa votazione interna ad un partito, abbia avviato le consultazioni, sapendo già che assegnerà l’incarico al nostro “Bomba” Renzi. E tutti fanno finta che questa procedura sia corretta. Specie quelli che aspirano ad incarichi di governo o di sotto governo e pregustano già la comodità di una poltrona.

L’Italia è ancora in piena crisi, ma nessuno ha uno straccio di idea su cosa fare. Anche il nostro “Bomba”, nel suo discorso alla direzione nazionale del PD, ha cianciato di tutto, dai sentieri poco battuti nel bosco, al vento in faccia, ma di fatti concreti nemmeno l’ombra: fuffa, solo fuffa della peggior specie. E con quella fuffa ha sfiduciato Letta. Ma non è con le citazioni, le metafore e le immagini poetiche che si crea lavoro, si rilancia l’economia, si riaprono le aziende, si aumentano le pensioni, si diminuiscono le tasse. Le chiacchiere fino ad oggi non hanno risolto nulla: né le chiacchiere di Monti, né quelle di Letta. Ma del resto è la nostra politica che è fondata sulle chiacchiere, quelle dei talk show televisivi, dove da anni si confrontano i diversi schieramenti, scambiandosi accuse reciproche e difendendo con le unghie il proprio orticello, senza risolvere mai un problema.

La politica è una delle nostre vergogne nazionali, come la corruzione, i rifiuti tossici in Campania, la spazzatura di Napoli, la malavita organizzata, l’informazione manipolata, schierata ed al servizio del potere, la giustizia politicizzata, gli scandali e scandaletti quotidiani della pubblica amministrazione, la assillante burocrazia che avvolge tutto come una ragnatela immobilizzando la società produttiva, la tassazione insopportabile che porta le aziende a chiudere e gli imprenditori a suicidarsi; e l’elenco potrebbe continuare. E noi che facciamo? Mandiamo al governo un ragazzotto di belle speranze che al liceo chiamavano “Il Bomba” perché le sparava grosse, che non ha mai messo piede in Parlamento, che è all’oscuro dei regolamenti, della prassi, della complessità della guida di un governo. L’unica cosa in cui è bravo è la rincorsa al potere, raccontare balle e rimangiarsi nel giro di 24 ore ciò che aveva appena affermato.

E’ questo il nuovo che avanza? E’ con questi personaggi che pensiamo di salvare l’Italia, di rilanciare l’economia, di aiutare i milioni di italiani che vivono in povertà? Con quale serietà stiamo affidando l’Italia ad un “rottamatore” sponsorizzato e sostenuto dal “Trust degli sfasciacarrozze“? Con quale incoscienza assistiamo alla “Resistibile ascesa di Matteo Ui“? Fino a quando sopporteremo l’inaccettabile interferenza politica di un Presidente della Repubblica che, di fatto, travalicando spesso e volentieri le sue prerogative costituzionali, ha trasformato l’Italia in una Repubblica presidenziale? Cosa deve ancora succedere perché la gente apra gli occhi, scopra che il Re è nudo e ponga fine ad un sistema politico corrotto fino all’osso? Quanto dobbiamo ancora aspettare per scoprire l’inganno tragico di una democrazia che è tale solo sulla carta? Se mandiamo al governo un “Bomba” siamo proprio a fine corsa. E speriamo che quando esplode non faccia troppi danni.

Italia: azienda recupero relitti

Azienda Italia: specializzata in trasporto e accoglienza migranti, salvataggio naufraghi, recupero relitti di  navi e barconi (anche affondati), cadaveri compresi. Servizio completamente gratuito, spese a carico dei contribuenti italiani.

Come preannunciato tempo fa dal fanfarone toscano di Palazzo Chigi, è stata avviata l’operazione “Umanitaria” del recupero del barcone affondato il 18 aprile a circa 60 miglia dalla Libia (“Ecatombe nel Mediterraneo: 700 morti“).

Come già detto in passato, il “Canale di Sicilia“, che continuano a citare ogni volta che si riferisce di operazioni di salvataggio o di naufragi di migranti, non è a 60 miglia dalla costa Libica, ma ad oltre 200 miglia a nord, esattamente il tratto di mare che separa la costa della Tunisia dalla parte più occidentale della Sicilia. Ma i media continuano a citarlo così, erroneamente, perché così queste tragedie le sentiamo come avvenute in Sicilia, in casa nostra, il che fa nascere ed alimenta il nostro senso di colpa.

Questa operazione di recupero del relitto affondato è stata voluta da Renzi per dimostrare il grande spirito umanitario dell’Italia e per accrescere agli occhi del mondo l’immagine di un premier decisionista e disposto a tutto per sostenere la causa buonista, accoglientista e terzomondista, tanto cara alla sinistra europea, ed italiana in particolare, al Vaticano, alla Caritas, alle Coop rosse e bianche, alla Boldrini, agli albergatori in crisi che con i migranti riempiono le stanze e tutti coloro che sfruttano il lucroso business dell’immigrazione.

Non basta andare a prenderli direttamente alla partenza dalla Libia. Non basta accoglierli e sistemarli in hotel. Non basta pagare le spese di vitto, alloggio, biancheria, abbigliamento, sigarette, ricariche telefoniche, televisione con parabola, piscina, intrattenimento, corsi di lingua, cultura, informatica, paghetta settimanale,  connessione internet, consulenza legale e sindacale e assistenza da parte di “mediatori culturali” a libro paga delle stesse associazioni che sui migranti campano da anni. Non basta. Per farci belli agli occhi del mondo, della Boldrini, del Papa, dell’UNHCR, dell’UNAR e delle anime belle del pianeta, andiamo perfino a recuperare i relitti in fondo al mare carichi di cadaveri di disperati provenienti dall’Africa, in acque internazionali lontanissime dalle nostre acque territoriali, senza che nessuno ce lo abbia chiesto, senza che nessuno ci obblighi a farlo, senza che ce lo suggerisca una qualche norma internazionale, una postilla della Costituzione o una clausola di accordi europei o dell’ONU.

Niente e nessuno ci obbliga a farlo, ma Renzi dice che dobbiamo farlo per mostrare all’Europa la gravità del problema. E lo facciamo volentieri ed a spese nostre. a spese dei cittadini italiani vessati da tasse insopportabili, in piena crisi economica, con milioni di italiani in stato di povertà, milioni di disoccupati, pensionati che raccolgono scarti ai mercati o mangiano alla Caritas. Ma noi abbiamo 20 milioni di euro da spendere per andare a recuperare i corpi di migranti annegati vicino alla Libia.  Tutto per la bella faccia del nostro premier umanitario.

Ma non bisogna dare troppa evidenza alla notizia, meglio che passi sotto silenzio; anzi meno se ne parla e meglio è. Ed ecco, infatti, come l’ANSA ieri dava la notizia: “ROMA – Su indicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri sono iniziate nello Stretto di Sicilia le operazioni di recupero dei corpi dal peschereccio inabissatosi il 18 aprile 2015 con circa 700 persone a bordo. Lo rende noto la Marina Militare.”. Tutto qui, tre righe . Più che una notizia sembra un conciso telegramma ad uso interno della Marina.

Ora, visto che sono gli italiani a pagare i circa 20 milioni di spese previste (ma, come succede sempre in Italia, per qualche strano meccanismo contabile, alla fine le spese sono sempre molto superiori alle previsioni), sarebbe opportuno che, invece che lo striminzito comunicato Ansa, si spiegasse bene e chiaramente agli italiani  come nasce questa operazione; chi e quando l’ha approvata, chi ha autorizzato l’impegno di spesa e la copertura, se il ministro della Difesa ha autorizzato l’uso di mezzi e uomini della Marina Militare per un’operazione al di fuori del limite delle nostre acque territoriali, in base a quali norme l’Italia compie questa operazione a 60 miglia dalla costa libica. Ed infine, a che titolo e con quale competenza la procura di Catania ha aperto un’inchiesta per accertare le cause e le responsabilità del naufragio di un barcone partito dalla Libia, carico di africani  e naufragato poco fuori dalle acque territoriali libiche, ovvero con un evento tragico del quale l’Italia non ha alcuna responsabilità?

In mancanza di risposte e chiarimenti dovremmo pensare che l’unica spiegazione, come riporta la brevissima nota ANSA,  sia che l’operazione è stata avviata semplicemente “Su indicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri…”. Il che, visto che decide tutto lui,  equivale a dire “Su indicazione del Presidente del Consiglio…Renzi.”. Ovvero, ancora più chiaramente, per uno sfizio del fanfarone toscano, premier per caso e per nostra  disgrazia.

Insomma, equivale a dire che abbiamo un presidente del Consiglio con i poteri speciali che dispone della Marina Militare quando e come vuole; un regime che, al confronto,  la Corea del Nord è il massimo della democrazia. Così, quando si sveglia al mattino, se gli gira, il nostro uomo solo al comando può disporre di navi da guerra e marinai come se giocasse a battaglia navale, può mandarli in giro per i mari del globo a ripescare cadaveri di africani e recuperare relitti sommersi in acque libiche. Oppure potrebbe inviare l’intera flotta alla ricerca dell’isola del tesoro o nelle isole del Pacifico a raccogliere conchiglie per la sua collezione personale. A sua discrezione. Basta una “Indicazione della presidenza del Consiglio” e la Marina militare parte in missione speciale. Questa la chiamano democrazia.

 

Pizzata fra amici

Due giorni fa il nostro Miles gloriosus in veste di premier, ha incontrato a Palazzo Chigi l’ex premier britannico Tony Blair al quale ha offerto uno spuntino. Ma per dimostrare che non se la tira, non si dà arie e che applica la spending review anche a Palazzo Chigi, invece che organizzare una cenetta coi fiocchi, come si usa nei ricevimenti ufficiali, ha fatto una cosetta alla buona; prosciutto e pizza al taglio.

Ai lati dell’illustre ospite (notoriamente sensibile alle grazie muliebri) ha piazzato le due ancelle di governo, Boschi e Madia,  in rappresentanza della bellezza italica, che guardano Matteo ammaliate e in estasi come le pastorelle a Fatima davanti alla Madonna.  E fedele al suo stile pop di borgata, invece che in giacca e cravatta, come tutti gli altri, si presenta in camicia, con le maniche rimboccate ed i gomiti sul tavolo; come un qualunque “piscatore ‘e stu mar’e Pusilleco…”. Forse ha scambiato Palazzo Chigi per una pizzeria della Garbatella, l’osteria del pellegrino o la mensa Caritas, e l’incontro ufficiale con un ex premier per una pizzata di fine anno  fra compagni di scuola. E’ il suo stile da lupetto boy scout che le buone maniere le ha imparate sul “Manuale delle giovani marmotte”. Questo sbruffone toscano rappresenta oggi il nuovo stile “Made in Italy“. Auguri

Pil e puttane

Oddio, mi è calato il Pil.  Secondo i dati economici degli ultimi anni la situazione è drammatica. Siamo in piena recessione, in deflazione, crescita zero e calo dei consumi.  Le uniche cose che aumentano in Italia sono i poveri, i disoccupati, gli immigrati, le tasse ed il debito pubblico. L’unico tranquillo sembra essere Matteo Renzi, il Bomba, il premier  in jeans e maniche di camicia che offre gelati a Palazzo Chigi: ogni giorno spara la sua battutina quotidiana e va avanti, come se fossimo in pieno boom economico. Quello che non accetta critiche, contestazioni e consigli da nessuno; né dai sindacati, né dagli imprenditori, né dai suoi compagni di partito, né dall’opposizione, né dalla Commissione europea, né da Draghi, né da Katainen (il vice di Juncker).

Insomma, nessuno può permettersi di fare qualche osservazione sulle sue sparate e promesse da sbruffone toscano al bar dello sport. A tutti lui ribatte piccato, sdegnato ed offeso per tanto ardire ed anche la più piccola critica diventa  oltraggio e  lesa maestà. Quello che è arrivato direttamente a Palazzo Chigi senza passare per regolari elezioni ed essere votato dagli italiani: va direttamente all’arrivo senza passare per il via. Il signor “So tutto io…faccio tutto io…decido solo io“. Nemmeno il Duce all’apice del suo potere era così autoritario, borioso, spocchioso, supponente e pieno di sé.

Ma torniamo al nostro Pil. A sorpresa e contro le stime ufficiali che da tempo parlano di crescita zero e di calo del prodotto interno lordo, arriva una inaspettata rilevazione dell’Istat che parla di aumento del Pil. Possibile? Sarà un errore? No, ecco spiegato l’arcano in questo articolo: “Droga, prostituzione e contrabbando salvano il Pil italiano“.  Il Pil è sempre in calo, ma i furboni della Commissione europea hanno cambiato il metodo di calcolo, inserendo nel conteggio totale anche i proventi derivanti dal giro d’affari del lavoro sommerso, del traffico di droga, della prostituzione e del contrabbando. Sembra la classica soluzione all’italiana.  E così, siccome gli introiti di questi settori sono roba da capogiro, il risultato è che il nostro Pil risulta in crescita. Geniali, vero?

Conclusione. Cari italiani, se volete che l’economia riprenda vigore e slancio e si crei ricchezza, avete una sola cosa da fare. Fumare sigarette di contrabbando, fare regolare uso di droghe di ogni genere, ricorrere abitualmente al lavoro nero e, scopate, scopate, scopate. Ma non in casa con la vostra partner (così non crea ricchezza). No, per produrre reddito, bisogna incrementare la prostituzione; facilissimo in un’Italia in cui ormai tutto va a puttane. Fatelo anche voi; andate a puttane. Così cresce il Pil.

Laura non c’è

Laura Boldrini è rientrata in patria. Ebbene, lo confessiamo, se ne sentiva davvero la mancanza. Questa assenza la si percepiva nell’aria, nei discorsi della gente, nelle espressioni stupite di chi si sentiva orfano di una guida, nello sguardo di chi sperava di riaverla presto fra noi. E finalmente è tornata. Era in visita ufficiale in America. Stranamente la notizia appare su un quotidiano locale, l’Unione sarda (Laura Boldrini lascia gli Stati Uniti), ma non se ne trova traccia nei maggiori quotidiani. E’ un segreto di Stato, non si deve sapere? E’ meglio evitare che la gente mormori e si chieda quale sia l’utilità di quel viaggio? Misteri istituzionali.

Fatto sta che la nostra presidentessa della Camera era in viaggio negli USA. Guai a chiamarla al maschile “presidente“; si addolora, si rattrista, ne risente,  assume l’espressione tipica di un panda depresso, una lacrimuccia scorre sul viso e manda al macero quintali di carta intestata “Il presidente della Camera” e la sostituisce con “La presidentessa…”, tanto per risparmiare sulle spese in tempo di crisi. Ama viaggiare. Ecco perché è spesso assente dal suo scranno presidenziale. Lo riferiva proprio la settimana scorsa un articolo (Laura Boldrini assenteista) in cui si denunciava che alla Camera una volta su due lei è assente: “Dal 15 marzo a oggi, la terza carica dello Stato ha presieduto solo 120 sedute delle 225 che si sono svolte: poco più della metà.”.

Così, se qualcuno nei giorni scorsi avesse chiesto di lei a Montecitorio “C’è Laura Boldrini?”, qualche funzionario avrebbe risposto ” Laura non c’è…”. Ma come, si potrebbe obiettare, lei è la presidentessa della Camera, non dovrebbe essere sempre al suo posto di lavoro? Non necessariamente, in Italia nessuno fa quello che dovrebbe e sta dove dovrebbe stare. Specie se ricoprono incarichi istituzionali, hanno sempre qualche importantissimo impegno da assolvere lontano dal loro ufficio. E più l’incarico è alto, più impegni si hanno; se gli impegni sono in amene località o all’estero, ancora meglio.

Succede a Vendola, che dovrebbe stare nel suo ufficio di governatore della Puglia, e invece è sempre in TV o davanti a qualche telecamera, o dalle parti di Montecitorio o del Senato, oppure  ovunque ci sia un corteo o una manifestazione di protesta.  Succedeva a Renzi, che doveva stare nel suo ufficio di sindaco a Firenze, e invece era sempre in TV (anche lui, è una passione comune ai politici) o in giro per l’Italia a coltivare le relazioni pubbliche e tenere incontri elettorali in vista delle primarie, oppure impegnatissimo ad organizzare e controllare i lavori del convegno del PD alla Leopolda (ne avete più sentito parlare?), evento importantissimo per creare le basi del suo programma di governo (che fine hanno fatto le proposte avanzate in quel convegno?). Succede a Debora Serracchiani, che dovrebbe stare nel suo ufficio di governatrice del Friuli Venezia Giulia, e invece la vediamo ogni giorno in qualche salotto televisivo. Lo stesso vizietto di Formigoni, ex governatore della Lombardia, anche lui, durante il suo mandato più presente in televisione che negli uffici della Regione. Sarà un vizio dei governatori regionali?

Del resto anche il nostro Presidente Napolitano, nel frattempo, era in Svizzera per una visita ufficiale di due giorni. Come vediamo nella foto a lato, ci è andato con la Clio. Qualcuno, distratto, potrebbe pensare “Con la Clio? Ma come, con tante auto blu che ha il Quirinale, poteva andarci almeno con una Marcedes o una BMW“.  Evidentemente si tratta di un equivoco. Ma oggi gli equivoci sono di moda, vanno come il pane. Anzi, più sono equivoci e più hanno successo; quindi tutto normale. Cosa è andato a fare in Svizzera? Solite visite di Stato che i governanti amano scambiarsi, giusto per coltivare i rapporti di buon vicinato. Visto che c’era, ne ha approfittato per rimproverare gli svizzeri sull’esito del  recente voto contro l’immigrazione di massa (mica sono scemi come noi). Su questioni importanti, come l’immigrazione, gli svizzeri fanno i referendum e chiedono il parere dei cittadini, come dovrebbe essere in una democrazia che sia degna di questo nome.  Noi no, abbiamo uno strano concetto di democrazia e le scelte vengono fatte da un ristretto gruppo di oligarchi (spesso nemmeno eletti dal popolo, Renzi docet…) e ci vengono imposte dall’alto, alla faccia della democrazia e della volontà popolare.

Dice Napolitano che così la Svizzera si allontana dall’Europa, facendo finta di ignorare che se quella è la volontà popolare bisogna rispettarla; piaccia o non piaccia. Ma si sa, per certi ex/post comunisti camuffati da democratici la democrazia va bene solo se vincono loro e la libertà di pensiero va bene solo se sei d’accordo col capo: “Potete esprimere liberamente il vostro pensiero, purché siate d’accordo con me“, diceva Stalin.  (Napolitano dà lezioni di democrazia…agli svizzeri). Anche lui ha il vizio dei viaggi di rappresentanza. Forse è andato in Svizzera a fare scorta di emmenthal e cioccolato per rimpinguare le dispense del Quirinale. Ho sempre avuto un dubbio sul formaggio svizzero, quello con i buchi: ma i buchi si pagano o sono in omaggio? Mah, misteri caseari.

Sarà perché siamo un popolo di poeti, santi e navigatori, ma noi il viaggio lo abbiamo nel sangue. Ecco perché i nostri beneamati rappresentanti del popolo passano più tempo in viaggi all’estero (viaggi di lavoro, di rappresentanza, certo…) che al loro posto in Italia. Anche Enrico Letta, appena insediatosi a palazzo Chigi, invece di dedicarsi, come sarebbe stato opportuno,  a risolvere i gravissimi problemi dell’Italia, cominciò a viaggiare; da Berlino a San Pietroburgo, da Parigi a Washington, da Londra a Dubai. Lo stesso ha fatto Renzi. Appena insediato, nemmeno il tempo di provare la poltrona, ed il primo giorno da premier era già in viaggio per andare a visitare una scuola a Treviso. Il giorno dopo  era in visita ad un’altra scuola in Sicilia. E subito dopo anche lui ha cominciato il tour degli incontri ufficiali nelle capitali europee:  Hollande a Parigi,  Merkel a Berlino, Cameron a Londra. E’ andato a presentarsi ed a presentare il programma di riforme del suo governo per ottenere l’approvazione e la benedizione, con pacca sulle spalle di incoraggiamento, dei leader europei.

Ed infatti tutti si sono mostrati entusiasti delle sue proposte. La Merkel addirittura si è dichiarata affascinata dall’audacia delle riforme renziane. Ma il nostro sindaco d’assalto dice che non è andato col cappello in mano a chiedere il consenso e l’approvazione. Strano, eppure non ricordo che Cameron, Hollande, Zapatero, Sarkozy, la stessa Merkel, appena insediati, siano venuti a Roma per illustrare i loro programmi di governo per avere la nostra approvazione o almeno un parere.  Ma Renzi dice che non ha chiesto  il benestare dei leader europei. E Renzi è un uomo d’onore!

Ecco perché la nostra presidentessa si adegua. E se chiedete di lei alla Camera vi risponderanno “Laura non c’è, è andata via…“, come cantava Nek. E’ andata dove? In America, oggi si usa, ci vanno tutti, non si sa bene a fare cosa, ma tutti vanno al quel paese. O ci vanno, o ce li mandano. Il guaio è che poi tornano. Sembra che durante il soggiorno americano abbia avuto diversi incontri. Oltre a quelli istituzionali, ha incontrato tanti italiani (poteva incontrarli in Italia, ce ne sono 60 milioni), ha visitato Ellis Island, la porta d’ingresso all’America durante il periodo delle grandi migrazioni del primo Novecento, ha visitato il memoriale dell’11 settembre a Ground Zero dove, ricordando quella immane tragedia,  ha dichiarato che “persero la vita tremila persone provenienti da 90 Paesi diversi…“. Una sconvolgente rivelazione per gli americani che non sapevano di avere avuto tanti morti. Meno male che è andata la Boldrini a dirglielo.

Ma ha avuto anche degli incontri particolarmente fruttuosi  e ricchi di “buone prospettive per il futuro“. Per esempio, riprendiamo dal pezzo sul quotidiano citato: “E anche temi di carattere sociale sono stati al centro degli incontri. Con una tavola rotonda a Washington sulle sfide dell’era digitale, dai diritti delle donne sul web, alla lotta al cyberbullismo.”. Ecco, credo proprio che gli americani aspettassero con ansia i suggerimenti della nostra presidentessa in formato esportazione sulle sfide digitali, i diritti delle donne ed il cyberbullismo. Ora sapranno come regolarsi; i cyberbulli hanno le ore contate.

Fondamentale anche la sua visita “all’Henry Street Settlement, una organizzazione no profit in prima linea nella lotta alla povertà, che si occupa di dare sostegno a decine di migliaia di cittadini a basso reddito.”. In Italia abbiamo la povertà che dilaga ed i pensionati che vanno a racimolare qualcosa fra gli scarti dei mercati ortofrutticoli e  la Boldrini, visto che non riesce a risolvere il problema della povertà in Italia,  va ad occuparsi dei poveri di New York. Ma l’argomento principale della sua visita e dei suoi incontri, è stato il tema a lei tanto caro,  l’immigrazione. E ti pareva che non battesse sul chiodo fisso. Bisognerebbe ricordarle che il presidente della Camera ha il compito istituzionale di presiedere le sedute della Camera e di regolarne i lavori. E non di andare in giro per il mondo ad incontrare italiani all’estero e occuparsi di poveri e migranti. Del resto lei sulla questione della tutela degli immigrati e rifugiati, come portavoce del Commissariato ONU, ci ha campato per anni, con diversi incarichi per conto dell’ONU ed una lauta retribuzione (Boldrini, una vita da regina grazie agli immigrati).

Ecco perché incontrando gli imprenditori e le “eccellenze italiane” in USA ha dichiarato: “La migrazione, quando si tratta di inquadrarla in un contesto più ampio, è una grande opportunità, muoversi è un valore aggiunto, oggi con la globalizzazione si muovono le idee e si muovono gli esseri umani.“. Chiaro? Per lei anche gli imprenditori italiani, che investono grossi capitali e realizzano affari d’oro in USA, grazie alle loro capacità ed al business del Made in Italy, e che fanno la spola, su jet privati, fra i due continenti, sono dei…migranti. Magari sono arrivati a New York andando alla deriva su un vecchio barcone rimediato a Lampedusa. Questa donna è ferma ai primi del ‘900, a Santa Lucia luntana, a “Partono ‘e bastimente pe’ terre assaje luntane, cantano a buordo; so napulitane.”.

Questa donna è fuori dal mondo, fuori dalla realtà. Finché resta in Italia, pazienza, ormai la conosciamo e sappiamo come giudicare le sue esternazioni buoniste e terzomondiste: le accettiamo con paziente rassegnazione, come si fa con i bambini e con gli anziani che mostrano  i primi segni di alzheimer. Il guaio è che ora va anche all’estero a boldrinizzare il “Nuovo mondo“. Boldrini, Boldrini, fa bene a tornare subito in Italia, prima che ce la rimandino indietro, come si dice dalle nostre parti…a son’e corru! E ci chiedano anche i danni. “Laura non c’è…”, dicono i commessi alla Camera, “E’ in missione speciale in USA.”. Già, è andata a quel paese.  Il guaio è che poi torna; purtroppo.

Bersani a Zelig

Ha consultato mezza Italia. Ancora un po’ ed avrà più “consultati” che voti. Lo dice lo stesso Bersani che queste consultazioni sono un’anomalia. E’ la prima volta che si antepone la consultazione di tante sigle e siglette alla vera consultazione, quella con le forze politiche in Parlamento. Ma il nostro smacchiatore è ricco di fantasia e, oltre ad inventarsi le sue metafore quotidiane, che costituiscono la parte più originale dei suoi discorsi, si inventa anche una nuova procedura parlamentare, interpretando a modo suo l’incarico ricevuto da Napolitano. Il suo è un incarico “creativo” che, fra una metafora ed una birretta al bar, lascia spazio a tutte le variazioni possibili.

Già tre giorni fa ironizzavo su queste consultazioni  anomale (Napolitano, Bersani e la mossa del cavallo  –  Sogni e bisogni), facendo l’elenco di tutte le “parti sociali” già incontrate, sindacati, banche, forum del terzo settore. Un lungo elenco al quale si sono aggiunti il Touring club, don Ciotti ed il cardinale Bagnasco. Forse incontrerà anche il parroco di Zagarolo ed il sagrestano di Ariccia.  Pare che in rete si sia scatenata l’ironia su queste bersanate, immaginando e proponendo  le più fantasiose personalità da consultare. Oggi, meglio tardi che mai, anche il Corriere se ne  è accorto e dedica un articolo a queste consultazioni  anomale: “Dal CAI al WWF, l’agenda del designato Bersani“.

Ancora ieri si lanciavano allarmi catastrofici e si sollecitava la formazione di un governo che affronti subito, superando le contrapposizioni di parte politica, la gravissima situazione. Ma Bersani perde tempo a consultare il CAI, don Ciotti, Saviano, il Touring club e forse Mago Zurlì e Topo Gigio. Questa non è politica, è una pagliacciata. Ma Bersani insiste sulla sua linea, anzi ne rivendica con orgoglio la validità. E si presenta, dopo gli incontri, a fare il punto della situazione e riferire di questa “pagliacciata” come se fosse una cosa seria. e tutti lo ascoltano in silenzio “come se fosse una cosa seria“, invece di spernacchiarlo.

Così pure stampa e televisione ne parlano come se fosse una cosa seria. E tutte le più “autorevoli” penne del giornalismo  e le più “illuminate” menti italiche, sui giornali e nei salotti TV, si esibiscono nella sublime arte, in cui noi italiani siamo maestri,  del futile chiacchiericcio da tuttologi o da lavandaie (dipende dalla location). Interpretano, commentano, azzardano ipotesi, fanno previsioni,  suggeriscono e analizzano a fondo queste allegre e originali consultazioni dal  marchio registrato, tutelate dal copyright “Made by Bersani“. Come se fosse una cosa seria. Ancora meno seria è una stampa che fa finta di prendere seriamente una pagliacciata. Ma se un comico va al Quirinale per parlare della formazione del governo, significa che siamo alle comiche finali. Anche la stampa, quindi,  si sente autorizzata a non essere seria. Tanto vale tornare a leggere Topolino.

Questa è la cosa veramente tragica di questa Italia ormai alla deriva: comici che fanno politica e vanno al Quirinale e incaricati di formare il governo che fanno i comici, ma tutti li prendono seriamente. Evidentemente non siamo più in grado di distinguere la realtà dalla fantasia, il dramma dalla commedia, la farsa dalla tragedia. Ma il governo di un Paese è una cosa tremendamente seria, non può essere lasciata in mano a tribuni improvvisati, ragazzotti di belle speranze in cerca di gloria (e di poltrone)  o politici creativi che, invece che cercare accordi in Parlamento, passano il tempo a consultare soggetti che nulla hanno a che fare con la formazione del governo.

Questa non è politica. E’ una sceneggiata, una pantomima, una parodia, una caricatura della politica: è satira pura. Ed i commentatori non dovrebbero parlarne come se fosse una cosa seria; dovrebbero farsi delle grandi, grasse e fragorose risate. Ecco perché Bersani, invece di andare a Palazzo Chigi, più appropriatamente, dovrebbe andare a Zelig.

Leggo adesso sul Corriere.it che, nel corso dell’incontro col M5S, la deputata  Roberta Lombardi ha detto che, ascoltando le dichiarazioni programmatiche di Bersani, le sembrava di essere a Ballarò.  Risposta un po’ piccata di Bersani: “Qui purtroppo non è Ballarò, qui è una roba seria”. Bella considerazione che ci rivela due verità. La prima è che anche Bersani si è accorto, finalmente,  che Ballarò non è una cosa seria. Ci fa piacere, meglio tardi che mai. La seconda è che, se è vero,  che questi talk show politici non sono una cosa seria, bisogna concludere che, al contrario, altri programmi che passano per essere leggeri, siano, invece, molto seri; esempio, Zelig. Ergo, come suggerivo prima, caro Bersani, sia serio, vada a Zelig!