Cani e coni

E’ incredibile come la stampa riesca ad inventarsi ogni giorno qualcosa per tenere in primo piano Obama, Michelle, la first family e cantarne lodi, imprese e gesta, come nemmeno Omero fece con Achille. Se non c’è in prima pagina Barack, c’è la first lady Michelle o le figlie. E se non ci sono loro, c’è il cane Bo “The first dog”  della Casa Bianca. Oggi tocca al cane. Ecco in prima pagina sul sito dell’ANSA un video che ci mostra il primo cane d’America alla ricerca (dicono loro) delle uova di Pasqua nel bellissimo giardino presidenziale.

Vedendolo in questo video montato ad arte (falso come solo i media sanno fare) fa un po’ tristezza questo cane, bello e solo in uno spazio enorme e curatissimo. Più che andare alla ricerca di uova pasquali, delle quali al cane non gliene può fregar di meno, sogna la compagnia di una cagnetta con la quale scorrazzare felici in questo grande prato verde, come le sconfinate praterie di Manitù. Invece, inconsciamente deve prestarsi a questa farsa della caccia alle uova, per il piacere degli addetti all’immagine del Presidente e per il tornaconto di chi pensa, organizza e realizza il video. Nonché per la gioia dei media nostrani sempre pronti a celebrare la first family, cane compreso.

Dai cani ai coni il passo è breve. Ancora nella Home page Ansa, ecco un’altra importantissima notizia. Si parla di coni gelati “Il gelato che fa impazzire il mondo“. La prima riflessione riguarda l’eccesso, fino alla nausea dell’enfasi e delle iperboli nei media. Non c’è mai niente di semplicemente bello o buono. Tutto deve essere esaltato ai massimi livelli con abbondanza di superlativi. Tutto deve essere grandioso, fantastico, straordinario, bellissimo. Tutti gli artisti sono grandissimi, inarrivabili, tutte le modelle hanno un fisico immancabilmente “mozzafiato”, qualunque cuoco da strapazzo che in TV improvvisi strani miscugli commestibili (a loro dire) sono dei “geni” dei fornelli e tutte le pietanze, ovvio, sono squisite, deliziose, divine.

In questo mondo dei media tutto è esaltato, non c’è niente che sia semplicemente “buono“. Il “buono” è scomparso sostituito ovunque dall’ottimo. Perfino la classica frittatona di cipolle fantozziana, se fatta in televisione, diventa un’opera d’arte  di inarrivabile squisitezza. Il povero Fantozzi non lo sapeva, ma la sua adorata Pina era una grande artista dei fornelli. E così anche il gelato non è solo buono, deve per forza essere più buono che più buono non si può  e “Fa impazzire il mondo“.

Che strana coincidenza, proprio ieri nel post “Fusti e gusti misti” parlavo di gelati e della mania di mischiare i diversi sapori. Ed ecco che oggi, in prima pagina c’è la conferma. I gelatai fiorentini hanno creato un nuovo gelato “Fantasia d’Europa” così composto: fior di latte variegato al cioccolato con mandorle pralinate. E perché l’hanno chiamato “Fantasia d’Europa”? Semplice, perché quei cervelloni del Parlamento europeo, quelli che sono indaffaratissimi a stabilire le misure della circonferenza dei piselli o la curvatura delle banane, con la loro fervida fantasia ne hanno inventata un’altra: hanno proclamato il 24 marzo, oggi, “Giornata europea del gelato“.

Siamo col culo per terra per la crisi economica che non accenna a passare, anzi peggiora (vedi Cipro).  Fra poco vedremo la gente che insegue i piccioni per rubargli le briciole, che ruba le crocchette ai gatti, gli ossi ai cani e queste menti geniali non hanno niente di meglio da fare che inventarsi la “Giornata europea del gelato“. Ma sono in buona compagnia, proprio qualche giorno fa si è festeggiata la “Giornata contro il razzismo” e giusto due giorni prima, un’altra invenzione di quei geniacci intercontinentali dell’ONU, la “Giornata mondiale della felicità“. Felicità? Con tutti i gravissimi problemi mondiali, le guerre, i conflitti infiniti, la povertà, la fame, le epidemie, una crisi economica senza soluzione, questi non hanno di meglio da fare che inventarsi una “Giornata della felicità“? Onestamente, non ci viene il dubbio che questi cervelloni impudenti e senza vergogna, ci stiano prendendo per il culo? Direi di sì.

Mi viene in mente un altro profeta della felicità, un geniaccio italico, “L’homme qui rit“, quel Prodi dalla risata inquietante (Primarie e dentiere) che anni fa, in campagna elettorale, diceva di voler “Organizzare la felicità della gente“. Ma che abbiamo fatto di male per meritarci un Parlamento europeo che pensa ai gelati,  l’ONU che festeggia la felicità del mondo o uno sdentato Prodi? E’ una forma di punizione divina per i peccati del mondo? E’ una delle piaghe bibliche non menzionate nel testo sacro, che si avvera con millenni di ritardo? Avevano ragione i Maya e siamo davvero alla fine del mondo?  Boh! Misteri escatologici.

Vedi: “Le promesse vanno mantenute: la felicità, ah, ah, ah…”

Sanremo porta sfiga

Sì, il festival di Sanremo non porta bene. Anzi, porta decisamente sfiga. Tanto per cominciare, quasi in contemporanea con l’inizio del festival, si verifica un caso quasi unico nella storia millenaria della Chiesa: si è dimesso il Papa, cosa che non succedeva da secoli, dal tempo di Celestino V. Nello stesso giorno un fulmine colpisce la cupola di San Pietro.  A seguire una serie di strane coincidenze.

Era prevista la partecipazione di Daniel Baremboim e dei Ricchi e poveri come ospiti d’onore e di Carlo Verdone come componente della giuria. Hanno dovuto rinunciare tutti. Baremboim e Verdone per sopraggiunti problemi di salute, ed i Ricchi e poveri per l’improvvisa scomparsa di Alessio, figlio di Franco Gatti, componente del gruppo. Come se non bastasse, arriva un inaspettato meteorite che cade sugli Urali esplodendo e provocando 1.200 feriti ed ingentissimi danni. Nello stesso giorno l’asteroide 2012 DA 14 passa a circa 27.000 Km dalla Terra, sfiorandola pericolosamente. Basta? No, ecco l’ultimissima sciagura targata Sanremo 2013: terremoto di magnitudo 4,8 colpisce il Lazio.

Tutto questo nei pochi giorni di svolgimento del festival. Solo semplici coincidenze? No, decisamente l’abbinata Sanremo-Fazio/Littizzetto porta sfiga. Ragazzi, toccatevi le…qualcosa. E meno male che il festival è finito ieri sera.

E non è tutto. Proprio in questo momento apprendo dal Corriere un’altra tragedia: al festival ha vinto Marco Mengoni.  Ho sentito nei giorni scorsi la sua canzone. Se questa è la canzone più bella del festival, figuriamoci le altre. E se il “ragazzo col ciuffo“, stile Little Toni, ha vinto…beh, allora tutto è possibile. Vuol dire che, Maya o non Maya,  siamo proprio arrivati alla fine del mondo.

Eppure, a sentire i media, è tutto un coro di voci entusiaste, di elogi sperticati per i conduttori, di esaltazione di canzoni e cantanti, di proclami di vittoria per i grandi ascolti (il festival è stato seguito da 13 milioni di spettatori). Come se il numero degli spettatori sia direttamente proporzionale alla qualità del programma; più un programma è seguito, più è di qualità. Bene, ammesso e non concesso che i grandi ascolti siano garanzia di qualità, bisogna ricordare un piccolo dettaglio, che ho rimarcato anche in passato a proposito dei grandi ascolti di Santoro: l’altra faccia della medaglia.

Dire che il festival è stato un grande successo perché seguito da 13 milioni di spettatori, significa dire che (la matematica non sbaglia), siccome gli italiani sono 60 milioni, ben 47 milioni di italiani non hanno guardato il festival. Ovvero, la stragrande maggioranza. E questo è un dato matematico, indiscutibile e che non si presta ad interpretazioni di sorta. Perché si conteggia solo e sempre il numero di coloro che seguono un programma e non il numero di coloro che non lo guardano? Misteri auditel!

Ora, la nostra società si basa su quel curioso principio (mai dimostrato, ma accettato come un assioma) che la maggioranza, in quanto tale, abbia diritto di prendere decisioni e amministrare la Res pubblica in nome della collettività (la verità è ciò che la maggioranza pensa sia vero). Il diritto della maggioranza a governare è un cardine del sistema democratico. Allora, nel nostro caso,  significa che per la maggioranza degli italiani, che non ha guardato Sanremo,  il festival è uno spettacolo inguardabile. E la maggioranza ha sempre ragione! Beh, questa è matematica e logica, mica è lo starnazzare degli opinionisti nei pollai televisivi pomeridiani. Anzi, questa  è la democrazia, bellezza!

Fini, la nonna ed il panda

Lunedì sera, facendo zapping sul tardi, capito su Porta a porta, mentre va in onda un servizio su un’anziana signora che, fra le lacrime, dice di non riuscire a fare la spesa per mancanza di soldi. Pian piano ha dovuto vendere tutti gli oggettini d’oro che aveva, braccialetti, collane, orecchini. Ha venduto perfino la fede nuziale per compare pane e latte. Una delle tante storie, purtroppo ormai diffuse, che possiamo sentire ogni giorno in televisione, o leggere sulla stampa o su internet. Storie di “normale disperazione“. Già, ormai anche la povertà, l’estrema indigenza, la disperazione, stanno diventando normali.

Una situazione drammatica che bisognerebbe affrontare con idee, proposte e progetti ben precisi, chiari, pratici, concreti ed attuabili a breve scadenza. Ardua impresa che è di competenza della classe politica, quella che è lautamente ricompensata per governare l’Italia. Ma nessuno sembra avere idea di come operare. Nessuno dei politici che quotidianamente pontificano a reti unificate in TV, ha mai fatto una proposta seria e concreta. Continuano a blaterare di soluzioni vaghe e generiche, ad accusarsi reciprocamente, a preoccuparsi più di garantirsi la poltrona in Parlamento che risolvere i problemi reali della gente.

Finito il servizio sulla “nonna” che vende la fede per comprare il pane, Vespa si rivolge a Fini chiedendo cosa intenda fare la politica per affrontare queste emergenze drammatiche. E cosa risponde Fini? Ha una sua proposta concreta? Ma quando mai, nessuno ha uno straccio di proposta, nemmeno Fini. Infatti, dopo un attimo di pausa riflessiva, in evidente imbarazzo, comincia a farfugliare qualcosa sulla precarietà del lavoro, sulla disoccupazione giovanile, sulla necessità di garantire il futuro ai giovani, di rilanciare dell’economia e bla bla bla. Solita solfa generica buona per tutte le stagioni e tutti i talk show; quella che, in mancanza di idee concrete, propinano ovunque ci sia un microfono. Ma in pratica niente di niente. Fini, guardi che qui si parlava di anziani che non sanno come campare e vendono le fedi per comprare il pane, non di giovani in cerca di prima occupazione.  In compenso, però, un’idea precisa ce l’ha. Non per risolvere la crisi economica, ma per dare la cittadinanza ai figli degli immigrati nati in Italia. Oh, ecco, questa sì è una buona soluzione. Ditelo alla “nonna“, così si tranquillizza.

Del resto, Fini non è il solo a metterla sul vago quando si parla di crisi. Avete mai sentito qualcuno fare una proposta concreta? No, nessuno sa cosa fare. Ho sentito di recente D’Alema, ospite su La7, rispondere alla stessa domanda sul come risolvere la crisi, dicendo che “Occorre una forte azione sociale…”. Geniale, vero? Ma con la forte azione sociale riaprono le fabbriche? Si riassumono gli operai, Ci si compra il pane e il latte? D’Alema, ma che…baffo dice? Non sanno cosa fare e non sanno cosa dire. Ci prendono per i fondelli, facendo finta di essere seri, ma non glielo puoi nemmeno far notare. Se lo fai ti accusano di populismo. L’unica cosa certa di questa genia di politici è che tutti lottano per rientrare in Parlamento. Per il resto l’Italia non può fare altro che sperare in un miracolo. Ora, sarà anche vero che non riusciamo a risolvere i problemi di casa nostra e garantire un’esistenza decorosa agli anziani e pensionati, perché non ci sono i fondi necessari, però dedichiamo notevoli risorse per accogliere ed assistere immigrati, Rom e chiunque decida di venire in Italia.

Così, invece che pensare ai nostri problemi, siamo occupatissimi a garantire finanziamenti ed aiuti a mezzo mondo. Abbiamo promesso, come UE,  5 miliardi di euro all’Egitto, dove abbiamo sostenuto la “primavera araba“, consegnando di fatto l’Egitto ai Fratelli musulmani che predicano e  perseguono la guerra santa contro l’occidente, cioè noi. Ma noi siamo buoni e li finanziamo.

Ora l’Unione europea ha deciso di assegnare altri 20 milioni di euro di aiuti al Mali. Il Mali? Roba che se chiedete a cento persone cosa sia il Mali e dove sia, forse, al massimo, ne trovate dieci che sanno rispondere. Ma noi siamo buoni, siamo altruisti, siamo caritatevoli e, mentre i nostri pensionati sono al limite della sopravvivenza, abbiamo denaro da regalare per aiutare mezzo mondo.

Così spendiamo 30 milioni di euro in Afghanistan per insegnare come si organizza e si amministra la giustizia. Noi che abbiamo una giustizia tutta da ridere, con cause civili che durano dieci anni e spesso passano in eredità a figli e nipoti. Noi che abbiamo una giustizia in mano a magistrati che la usano come arma politica contro gli avversari. Noi andiamo ad insegnare la Giustizia agli afghani. Noi, cittadini di un paese in cui un magistrato, in tempi di crisi economica profonda ed ancora senza via d’uscita, ha il potere di chiudere la più grande acciaieria d’Europa e mettere a rischio il lavoro di decine di migliaia di lavoratori, fra azienda e indotto.

Abbiamo la Giustizia più disastrata del globo, ma andiamo all’estero a tenere lezione. Abbiamo scuole che cadono a pezzi, ma andiamo a costruire scuole in Afghanistan. Abbiamo una vecchissima rete idrica colabrodo che perde il 50% dell’acqua, ma andiamo a costruire pozzi in Africa. Stiamo inquinando il territorio nazionale, fiumi, laghi, falde acquifere, con veleni, discariche e rifiuti tossici di ogni genere, ma vogliamo salvare le foreste dell’Amazzonia. Abbiamo milioni di pensionati che per sopravvivere devono andare a mangiare alle mense della Caritas o recuperare qualcosa fra gli scarti dei mercati, ma raccogliamo fondi per combattere la fame nel mondo. Pazzesco, da non credere.

E se non bastassero gli aiuti sparsi nel mondo, dobbiamo anche garantire l’accoglienza e l’assistenza a tutti coloro che, in barba a tutte le norme che regolano l’immigrazione, decidono di venire in Italia. E non possiamo far niente per arginare l’invasione, altrimenti l’ONU e l’Alto commissario per i rifugiati, Boldrini, ci accusano di xenofobia e razzismo. Dobbiamo accoglierli, dargli assistenza, possibilmente una casa ed un lavoro. E sono milioni. E siccome arrivano in Italia senza arte, né parte, finiscono regolarmente per delinquere. Così nelle nostre carceri su 60 mila detenuti, un terzo, più di 20 mila, sono stranieri. Ed anche questi sono a carico nostro. Ma non è un problema, perché noi siamo buoni e ci sono soldi per tutti; tutti, eccetto per gli italiani, specie se anziani e pensionati. Per gli italiani ci sono sempre e solo nuove tasse da pagare. Così possiamo regalare qualcosa all’Egitto, al Mali, all’Afghanistan, alla Palestina, salviamo le foreste amazzoniche ed il panda.

Ma si fa tanto anche per gli italiani. I nostri politicanti sono impegnatissimi nell’inventarsi soluzioni geniali per problemi serissimi. Per esempio, l’assegnazione di alloggi popolari ai ROM, invece che ad italiani che aspettano da anni. O l’istituzione dei registri delle unioni di fatto (altro provvedimento essenziale per superare la crisi). O importantissime proposte parlamentari come la legge sul “Femminicidio“, ovvero “l’omicidio di una donna in quanto donna“. Scusate, ma ci siete o ci fate? E siccome i nostri parlamentari sono instancabili, lavoratori indefessi, una ne fanno e cento ne pensano. Come la proposta di aggiungere l’omofobia nel testo della legge Mancino del ’93. Gli effetti di quella legge? Ecco, se in uno stadio urli “Cornuto” all’arbitro non succede niente; è una semplice espressione di tifo sportivo. Se tu urli qualunque epiteto offensivo nei confronti di un calciatore bianco, è ancora tifo sportivo; tutto normale. Ma se tu fai “Buuu…” ad un calciatore nero fermano la partita, multano la società e tu passi guai e puoi finire in carcere.  Così, se quella proposta dovesse passare e ti azzardi a dire che preferisci le donne ai gay, ti accusano di omofobia, paghi una multa salata e puoi anche finire in galera. Beh, almeno risolvi il problema della spesa; vitto e alloggio gratis.

Bella la legge Mancino. Condanna l’odio e la discriminazione razziale, etnica e religiosa. Così se tu dici di odiare i neri, gli ebrei o i musulmani, puoi finire in carcere. Se invece dici di odiare Berlusconi, non succede niente. Anzi, se lo scrive Travaglio sul suo giornale, è una libera espressione del pensiero e vende più copie. In Italia abbiamo l’odio fluttuante, come la sessualità della Concia. Berlusconi si può odiare, Balotelli no. Chiaro? Peccato che, inoltre, questa legge sia vigente solo da noi. Per esempio i fanatici islamici, quelli che predicano la Jihad, non conoscono la legge e nemmeno Mancino. Così non solo odiano liberamente i cristiani, ma, ovunque li trovino, li ammazzano e bruciano le chiese. Altro che fargli “Buhhhh…” allo stadio. Ma noi siamo buoni e accogliamo anche questi fanatici, li ospitiamo e gli concediamo spazi per le moschee. E intanto che i cristiani vengono bruciati o devono scappare dai paesi islamici, il Papa auspica la pace. Più auspica la pace e più conflitti scoppiano nel mondo. Mi sa che porta sfiga.

Ci preoccupiamo di tutto e di tutti, anche degli angoli più sperduti del pianeta. Per tutti abbiamo attenzione, associazioni umanitarie che se ne occupano e raccolte fondi quotidiane. Ogni giorno nasce una nuova organizzazione che, mettendo sempre in primo piano i volti di bambini denutriti, ti chiedono 2 euro. con un sms. Di tutto ci occupiamo, eccetto dei bisognosi che abbiamo sotto casa. Quelli non li vediamo. Ne veniamo a conoscenza solo quando fanno notizia, meglio se in cronaca nera. I poveri li abbiamo nello stesso palazzo, sullo stesso pianerottolo, ma non li vediamo; pensiamo a salvare il panda. Abbiamo lavoratori disperati che hanno perso il lavoro per la chiusura delle fabbriche. Abbiamo imprenditori disperati che si suicidano perché non reggono davanti al fallimento delle loro aziende. Abbiamo pensionati che con pensioni minime dopo una vita di lavoro, sopravvivono per miracolo, mangiando alla Caritas, come barboni o vendendo i ricordi di una vita per comprare il pane. Ma noi pensiamo a sostenere la “Primavera araba“, ad aiutare il Mali, ad esportare la “Giustizia made in Italy“, finanziare progetti per le discariche di rifiuti a Nairobi (non è una battuta, è vero; era uno dei geniali progetti umanitari del governo Prodi). E, ovviamente, salvare il panda.

E coloro che dovrebbero occuparsene, i politici, blaterano, chiacchierano, farfugliano programmi vaghi e generici, fanno fumo. E sono sempre in TV a fare la passerella, inconsistenti, vuoti, inutili personaggi di un circo mediatico autoreferenziale ed autocelebrativo. Personaggi che si arricchiscono sfruttando la credulità dei poveri o presentandosi in TV come novelli tribuni della plebe,  che sono “onorevoli” anche se cretini, ma cretini di successo. Perché questo insegna la democrazia; tutti sono uguali, tutti hanno diritto di voto, tutti possono essere eletti; anche i cretini. E da cretini hanno spazio mediatico e diritto di dire cretinate in pubblico.

Già, perché anche i cretini hanno libertà di parola. E’ un diritto garantito dalla Costituzione. Quella Costituzione che un ricco giullare di corte, per la modica cifra di qualche centinaio di migliaia di euro,  ha definito di recente in televisione “La più bella del mondo“. Sì, perché ormai sono loro a spiegarci la Costituzione e la politica, i comici: Benigni, Grillo, Guzzanti, Luttazzi, Littizzetto, Crozza e compagnia comicante.  Ecco perché, per rivalsa, i politici si danno all’arte comica e drammatica e, secondo le circostanze, ci fanno ridere o piangere.

Tutti rincorrono il successo, il denaro, il potere, ma fanno finta di farlo per passione, per dedizione, per spirito di servizio, per il bene del Paese. Ma il successo costa, richiede tempo, impegno continuo. Ecco perché tutta questa bella gente, impegnatissima per il bene del Paese,  non ha tempo di accorgersi della nonna che vende la fede nuziale per comprare il pane. Bisogna capirli, non hanno tempo da dedicare agli anziani. Quegli anziani che hanno allevato figli e nipoti a costo di sacrifici e privazioni e, lavorando sodo, hanno garantito  condizioni di vita migliori ai discendenti. Ma oggi quei nipotini sono preoccupati più di garantire il cibo ai panda di lontani e sconosciuti paesi, o tutelare la cultura dei tagliatori di teste del Borneo, piuttosto che assicurare il pane ai nonni.

Stiamo creando una società confusa, frastornata, in piena decadenza, imperniata su falsi valori, relativismo, pensiero debole e vecchi ideologismi anacronistici che hanno generato una nuova forma di barbarie culturale e morale; una società destinata inevitabilmente all’autodistruzione. Purtroppo la presunta profezia Maya sull’apocalisse del 20 dicembre 2012 si è rivelata la solita bufala mediatica. Peccato che non ci sia stata la fine del mondo. Peccato davvero.

Preti, vangelo e Concita

Da che pulpito viene la predica…”, si usa dire riferendosi a qualcuno che esprime giudizi o pareri chiaramente contrari al suo modo di essere, ai suoi principi ed alla sua pratica di vita. In questo caso il pulpito è proprio quello di una chiesa e colui che “predica” è davvero un prete. Ma non è il classico don Camillo, non è il vecchio curato di campagna che dal pulpito si rivolge ai fedeli leggendo ed illustrando un brano del Vangelo. E nemmeno il Vangelo è quello che conosciamo. Pare sia stato scoperto un nuovo Vangelo, apocrifo, ma autorevole e, di conseguenza, un nuovo evangelista: la direttora dell’Unità Concita De Gregorio.

Succede che in un paesino del Veneto il parroco, don Giorgio Morlin, durante l’omelia domenicale, invece che attenersi alla consuetudine e leggere le sacre scritture, abbia letto e commentato un recente articolo dell’Unità, quotidiano fondato da Gramsci e vangelo quotidiano di generazioni di comunisti mangiapreti. Insomma, il Vangelo secondo Concita. (Il prete fa la predica con l’Unità)

Non bastava il Travaglio nazionale che ogni giovedì, in prima serata TV, si alza, apre il suo breviario e recita il passo del giorno dal “Vangelo secondo Marco“, sotto lo sguardo attento ed amorevole del santo protettore San Toro. Ora anche la Concita può, a ragione, entrare a far parte della schiera dei nuovi evangelisti laici. Apocrifi, certo, ma accettati dalla Chiesa che li assume come testi di riferimento. Che tempi, signora mia, non esistono più i preti di una volta. Non c’è più religione. Aridatece don Camillo…

Ora, sembra che la direttora Concita, per ricambiare la cortesia, offrirà come gadget in omaggio ai lettori dell’Unità “I fioretti di San Francesco” e pubblicherà, a puntate, le lezioni di catechismo. Di questo passo, altri potrebbero seguire la stessa strada e in questo clima di totale confusione di idee, di ruoli e di radici storiche, aspettiamoci di tutto. Nelle sinagoghe i rabbini leggerano passi dal “Mein Kampf“. Gli imam nelle moschee doneranno ai fedeli una raccolta completa delle “Vignette sataniche” danesi stampate in elegante veste grafica.

Nell’Apocalisse di Giovanni è detto che la fine dei tempi sarà preceduta da una serie di prodigi. E di questi prodigi oggi abbiamo la prova quotidiana. Che abbiano davvero ragione le profezie Maya e che la fine del mondo si avvicini? Mah, visto che sarà la fine di tutto, questo è l’unico caso in cui non si può dire “Chi vivrà vedrà…”. Intanto, però, in questo clima di confusione totale, la serie dei sorprendendi prodigi si allarga contagiando la società ed i politici, sempre pronti a confrontarsi per vedere chi spara il prodigio più grosso.

Vedremo Rutelli apparire in televisione e dire qualcosa di intelligente. Di Pietro organizzerà una festa a piazza Navona e leggerà con voce commossa un “Elogio di Berlusconi“. Bersani, mentre è raccolto devotamente a recitare le preghiere della sera, avrà una visione mistica in cui gli appare lo spirito di Marx che gli consiglia di chiudere il PD ed aprire una pizzeria al taglio; almeno si guadagna qualcosa. Emma Bonino e Marco Pannella, in crisi mistica dopo un pellegrinaggio alla Madonna del Divino Amore, distribuiranno sul Lungotevere rosari benedetti  e copie dell’Osservatore romano. Berlusconi trasformerà la sua taverna “Bunga bunga” di Arcore in una raccolta cappella, adornata di candidi gigli, dedicata a Santa Maria Goretti.

Walter Veltroni, per non essere da meno, dopo aver dichiarato di non essere mai stato comunista, in un messaggio video affermerà “Non sono mai stato democratico“.  Anche Carla Bruni che di recente ha dichiarato di non essere più di sinistra, rilascerà una nuova sorprendente dichiarazione in cui, parafrasando il celebre spot della Deneuve,  confesserà “No, non sono Carla Bruni“. Alfonso Signorini diventerà leghista ed affermerà con orgoglio “Ce l’ho duro...”. Infine, Nichi Vendola, ansioso di diventare leader del PD, regalerà il suo prezioso orecchino a Platinette e, abbandonato il suo compagno canadese, si fidanzerà con Rosi Bindi.

Che tempi, signora mia, niente e nessuno è più ciò che dovrebbe essere. Che sia davvero la fine del mondo? Arrangiatevi, si salvi chi può…

pipa_magritte