Alitalia, Adinolfi e crisi varie

Alitalia naviga in cattive acque. E per una società che dovrebbe volare invece che navigare è già un pessimo segnale. Così, col rischio di fallimento e senza un futuro certo, oltre al personale anche gli aerei sono depressi.

 

Anche in casa di Mario Adinolfi, però, ogni tanto deve esserci qualche segnale di crisi familiare, niente di preoccupante,  soliti piccoli screzi quotidiani, visto che la moglie dichiara: “Ogni tanto lo prendo a schiaffi“. “Ogni tanto” lo prende a schiaffi? Ecco l’errore. Dovrebbe fare il contrario:  prenderlo a schiaffi ogni giorno dalla mattina alla sera e “ogni tanto” riposarsi.

Ma anche il mondo dell’arte non se la passa molto bene; anzi è proprio in crisi. Ormai l’arte è personalizzata; ognuno se la fa come vuole. Ecco l’ultimo esempio: “L’arte di Cinus contro la violenza“. Giusto per distinguerli; l’opera d’arte è quel fantoccio crocifisso a sinistra, l’autore è a destra.

Curioso, come passa il tempo e cambiano i criteri di giudizio. Una volta questi si chiamavano spaventapasseri e si mettevano nei campi per tenere lontani gli uccelli. Oppure erano i fantocci che si preparavano a Carnevale per bruciarli in piazza. Oggi si chiama arte. Quanta “arte” hanno prodotto nei secoli scorsi i contadini, senza saperlo. Peccato; certo averlo saputo prima, invece che gettarli via o bruciarli, li avremmo tenuti cari e, magari, avremmo aperto un museo.

Ma ci sono crisi ben più serie e pericolose. Per esempio la Corea del nord, con i suoi test missilistici e nucleari e le continue minacce verso gli USA, la Corea del sud ed il Giappone, sta mettendo davvero in crisi il fragile equilibrio geopolitico di quell’area. Tanto che Trump ha inviato portaerei e sommergibili ed ha minacciato di usare la forza se Kim Jong-un continuerà nei suoi test. Ma il nostro dittatorello  coreano non sembra preoccuparsene più di tanto. Anzi, continua a sperimentare nuove armi e minaccia di affondare la portaerei USA con un sol colpo e di bombardare direttamente l’America. “Vi cancelleremo dalla faccia della Terra“, dice. E intanto, per nascondere il fatto che il popolo è alla fame (come il Venezuela; sono le delizie del socialismo) la stampa di regime diffonde la foto del leader coreano che va a visitare un’azienda che lavora la carne di maiale. Vista la strana rassomiglianza tra Kim ed i maiali è difficile riconoscerlo: è quello con il camice.

Adinolfi e il vitellino

Chi non ama gli animali, la musica, l’arte, la natura, la bellezza, non ama neppure se stesso; ed ancor meno gli altri. Sono persone dall’animo arido come un deserto, incapaci di provare sentimenti, più disposti all’odio che all’amore e capaci di rovinarvi l’esistenza scaricandovi addosso la loro negatività (esattamente quanto fa quotidianamente la televisione: ma questa è un’altra storia). Statene lontani. Amara constatazione, forse eccessiva, ma più reale di quanto si pensi. Mi è venuta in mente leggendo oggi un articolo che riporta alcune dichiarazioni di Mario Adinolfi: “Gli animali non vanno in paradiso; non hanno anima.”.

E’ curioso che si affermi che gli animali non abbiano un’anima, visto che la stessa etimologia direbbe il contrario. Ma questa è una vecchia disputa, e la Chiesa ha sempre negato che gli animali possiedano un’anima. In fondo, al di là di questioni teologiche, quello che conta non è che abbiano o  no un’anima; conta il rapporto di affetto che ci lega ai nostri fedeli compagni di viaggio. Lord Byron aveva un rapporto specialissimo con il suo cane Boatswain. E quando il suo amato cane morì a causa della rabbia, eresse un monumento funebre e gli dedicò questo epitaffio: “Qui accanto riposa chi aveva bellezza ma non vanità, forza ma non arroganza, coraggio ma non ferocia, ed ogni altra virtù, ma nessun vizio conosciuto all’uomo.”. Ecco, forse i cani non hanno un’anima come l’uomo, ma certo non hanno i vizi dell’uomo. E’ già tanto; ed è un punto a favore dei cani.

Se Adinolfi si fosse limitato a dire che gli animali non vanno in paradiso non gli avrei dedicato attenzione. Ma è andato oltre. Ecco cosa aggiunge: “Gli occhi del vitellino non mi commuovono, preferisco la scaloppina cucinata bene“. Se pensava di fare una battuta non dimostra grande senso dell’umorismo; non fa ridere. Se non è una battuta è ancora più esecrabile perché inutilmente sarcastica. Non sono vegano, non sono nemmeno animalista, e mangio la carne, anche se non ne vado pazzo. Ma non c’è bisogno di essere fanatici animalisti per notare che quella affermazione è di una crudeltà eccessiva e fuori luogo. Quelle parole denotano cinismo, mancanza di sensibilità, cattiveria d’animo ed una pericolosa predisposizione innata alla violenza. Mi ricorda quei bambini terribili e un po’ satanici che si divertono ad infilzare le lucertole o torturare i gattini. Gli animali forse non hanno un’anima, ma provano gli stessi sentimenti che proviamo noi umani; affetto, gioia, dolore. E come tali meritano rispetto.

Il fatto che, come dichiara nell’intervista, sia orgoglioso della sua militanza come servizio d’ordine in cortei e manifestazioni studentesche, e vada fiero delle sue imprese giovanili da picchiatore sessantottino, dimostra che non ha propriamente l’animo di un innocente e mansueto agnellino. Non ho mai dedicato molta attenzione a questo personaggio che sembra solo una copia di Giuliano Ferrara, di cui ha la stessa corporatura, lo stesso spirito polemico, ma non l’ingegno.  Penso che si sia guadagnato spazio mediatico per le sue battaglie in difesa delle posizioni della Chiesa sulla famiglia, l’eutanasia e le unioni civili. Prima mi era solo indifferente; ora, per usare un elegante eufemismo,  mi sta sulle palle. In un certo senso ha fatto un salto di qualità. Ho sempre pensato che per capire le persone bisogna fare attenzione a quello che dicono, ma ancor più a quello che NON dicono (ma questo meriterebbe un discorso a parte).

Quando si incontra una persona sconosciuta, osserviamo l’aspetto fisico, il volto, i gesti, l’atteggiamento, lo sguardo, perfino il tono di voce, la proprietà di linguaggio. In brevissimo tempo, istintivamente, ci facciamo un’idea, positiva o negativa, di quella persona; bastano anche poche parole, una battuta più o meno felice.  Così succede con Adinolfi: “Gli animali non hanno l’anima”, dice.  E su questo si potrebbe discutere a lungo. Dice ancora che “gli occhi del vitellino non lo commuovono“. E su questo, invece, non c’è niente da discutere; provoca un’immediata reazione allergica, come strofinarsi sulle palle una medusa urticante. Forse è meglio essere animali senza anima, piuttosto che umani senza cuore. In ogni caso è meglio non essere Adinolfi.

Più conosco gli uomini, più amo i cani” (Heinrich Heine 1797-1856)

Vedi: “Cane e padrone” (2008)