Libertà di stampa

Tema del giorno, tra appelli istituzionali alla libertà di stampa, all’art. 21 della Costituzione, cortei, striscioni, appelli al pericolo per la democrazia, dichiarazioni di solidarietà alla stampa ed alla categoria dei giornalisti; specie da parte dei giornalisti stessi (se la suonano e se la cantano). E immancabile dichiarazione di circostanza di Mattarella che ha sempre il discorsetto pronto per tutte le occasioni; forse per averli sempre pronti li preparano prima, in fotocopia (cambiano giusto la data, qualche nome ed il resto è sempre uguale, distillato di retorica buona per tutte le occasioni), non si sa mai che capiti una cerimonia all’improvviso e non sappiamo cosa dire): “Mattarella difende la libertà di stampa“.

Mattarella stampa

Ecco cosa pensava Giorgio Gaber della stampa e dei giornalisti.

Io se fossi Dio,
maledirei davvero i giornalisti
e specialmente tutti,
che certamente non son brave persone
e dove cogli, cogli sempre bene.
Compagni giornalisti avete troppa sete
e non sapete approfittare delle libertà che avete,
avete ancora la libertà di pensare
ma quello non lo fate
e in cambio pretendete la libertà di scrivere,
e di fotografare immagini geniali e interessanti,
di presidenti solidali e di mamme piangenti.
E in questa Italia piena di sgomento
come siete coraggiosi, voi che vi buttate
senza tremare un momento:
cannibali, necrofili, deamicisiani e astuti,
e si direbbe proprio compiaciuti.
Voi vi buttate sul disastro umano
col gusto della lacrima in primo piano.
Sì vabbè lo ammetto
la scomparsa dei fogli e della stampa
sarebbe forse una follia,
ma io se fossi Dio,
di fronte a tanta deficienza
non avrei certo la superstizione della democrazia!”

(Da “Io, se fossi Dio“, testo completo)

MI fa male il mondo

Ciò che fa davvero male è che il pubblico ride. Si vede che non hanno capito bene quello che dice Gaber; altrimenti dovrebbero piangere.

La stampa, oh…la stampa. (luglio 2008)

Distruggiamo intere foreste per ricavarne la cellulosa che serve a fabbricare la carta per stampare giornali che riportano notizie di nessun interesse reale per i cittadini. Forse, allora, sarebbe meglio tenersi le foreste.

Perché continuo a prendermela con la stampa e con l’informazione in generale? Perché hanno l’enorme potere di influenzare l’opinione pubblica e condizionare la vita sociale imponendo stili di vita e modelli da imitare. Tutti coloro che operano all’interno del sistema dell’informazione hanno una responsabilità enorme. E tuttavia sembra che non se ne rendano conto. Allora, o non l’hanno capito, oppure lo sanno benissimo e sfruttano questo potere per fini non proprio chiari. In entrambi i casi dovrebbero vergognarsi e cambiare mestiere.
A dimostrazione di questa accusa, che faccio da anni, oggi sul Corriere, Sergio Romano scrive un pezzo “Il teorema smontato” che mette sotto accusa proprio la stampa, con particolare riferimento al caso Telecom. Ecco un breve stralcio:
Esiste naturalmente una responsabilità dei mezzi d’informazione. La stampa, nel senso più largo della parola, è lo specchio che riflette i sentimenti, gli umori e le idiosincrasie della società. Ma quella italiana non si limita a registrare gli umori del Paese. In molti casi li amplifica e li rilancia. Le ragioni sono in parte antiche e in parte nuove. Là dove non esiste una netta distinzione tra stampa d’informazione e stampa popolare, il giornale è spesso condannato a essere contemporaneamente l’uno e l’altro per cercare di raggiungere il maggior numero possibile di lettori. Questa ambivalenza tende a diventare ancora più evidente in una fase in cui i giornali sono insidiati da nuovi mezzi d’informazione, moderni, aggressivi e destinati a conquistare una parte crescente della società. Esiste la concorrenza, beninteso, ma vi sono circostanze in cui costringe i concorrenti a rincorrersi verso il basso piuttosto che verso l’alto.”.

Chiaro e tondo. E lo dice uno degli editorialisti del Corriere, uno che scrive quasi quotidianamente sul più importante ed autorevole giornale italiano. Beh, allora non sono io ad avere manie persecutorie sull’informazione. Forse qualcosa di vero c’è, se anche uno come Romano lo dice chiaro e tondo. Ma il problema, purtroppo, non riguarda solo la stampa, riguarda tutto il mondo della comunicazione; giornali, radio, Tv ed anche la rete Internet. Sono tutti afflitti dalla stessa grave patologia, quella “rincorsa verso il basso”, come dice Romano e come anch’io ripeto da sempre. Ma forse non è ancora chiaro quale sia la gravità della situazione. Almeno non agli addetti ai lavori, perché ci campano alla grande, giocando a fare i giornalisti, che è sempre meglio che lavorare. Eppure lo capisce anche un bambino che a forza di rincorrersi verso il basso, sempre più in basso, si finisce per cadere sul fondo del burrone. E poi sarà molto difficile risalire.

In democrazia anche essere idioti è un diritto. Ma c’è un limite? (2005)

Libertà di stampa; per chi? (2005)

Libertà di stampa con riserva (2009)

– Stampa, cozze e talebani (2009)

Stampa di regime (2014)

 

VIP e stress

Oggi se non sei intercettato non sei nessuno. Ormai, da alcuni anni, grazie all’intraprendenza di pm d’assalto in cerca di gloria, mezza Italia è stata intercettata. Ci passano tutti quelli che contano: politici, uomini d’affari, personaggi dello spettacolo, della cultura,  calciatori, giornalisti, divi della TV,  e perfino ercort ed aspiranti escort. Insomma, i VIP. Insieme a loro vengono intercettati anche  amici e conoscenti i quali, saltuariamente, hanno occasione di parlare con loro al telefono. Non è come essere VIP, però anche solo essere amico di un VIP e parlarci è già qualcosa.

Se però non rientri in questo elenco, allora cominci ad avere il sospetto di non aver combinato niente di buono nella vita. Ti senti un fallito, ti cala l’autostima e ti viene lo stress…

depressione Visualizzazione Web - Media

E che scazzi!

Credo che davanti alle tragedie umane, al dolore, alla morte, ci sia una sola risposta: il rispetto ed il silenzio. Ma oggi sembra che tutto sia diventato spettacolo. E così ai funerali si applaude, come fossero a Zelig. L’ultima tragedia, la morte di Sara Scazzi, è diventata una telenovela che riempie ogni giorno le prime pagine dei giornali, i TG, gli approfondimenti, i servizi speciali, gli scoop in diretta. Un esercizio mediatico in cui si cimentano giornalisti, inviati speciali, opinionisti, esperti, criminologi, psichiatri, avvocati di parte, testimoni, parenti, amici e conoscenti. E tutto finisce in prima pagina.

Non c’è scampo. I quotidiani fanno i titoloni di prima pagina con Scazzi, I TG  danno come notizia di apertura Scazzi. I programmi Tv pomeridiani parlano di Scazzi. Porta a porta fa puntate speciali su Scazzi. Matrix risponde parlando di Scazzi. Domenica su RAI1  Giletti comincia l’arena parlando di Scazzi. Su canale 5 la D’Urso parla di Scazzi. Scazzi su, scazzi giù, scazzi sopra e scazzi sotto. Ecchescazzi!

Diventerà una specie di Cogne bis. Vespa mostrerà orgogliosamente il plastico della casa e tutti gli ospiti giocheranno a fare gli investigatori, gli avvocati ed i giudici. Ad Avetrana, intanto è già scoppiata l’epidemia del turismo idiota delle comitive che vanno a vedere la casa degli orrori, fanno le foto, si soffermano davanti alla casa del mostro (o dei mostri, tutto da verificare) e poi torneranno a casa felici e contenti e racconteranno la loro splendida giornata trascorsa sul luogo del delitto. Forse anche quelli che organizzano gite a prezzi stracciati, per poi vendervi le pentoe, organizzeranno gite turistiche ad Avetrana; visita al garage, passeggiata per le vie del centro, pranzo al sacco e pentolino antiaderente in omaggio.

C’è tanto traffico che i carabinieri hanno dovuto, come abbiamo visto in TV, transennare la casa per evitare affollamenti di curiosi. Sembra di essere in piena fiera paesana. Turisti, curiosi e branchi (mi sembra il termine adatto) di inviati speciali di giornali e TV, tutti microfonati di serie, con relativa telecamera al seguito, che ficcano il microfono in bocca a chiunque passi per strada, compresi cani e gatti, per registrare una dichiarazione, un sospetto, una battuta, un’espressione di dolore, meglio se con lacrima in primo piano.

E tutti fanno la foto ricordo. Ora bisognerebbe che qualcuno fotografasse quelli che fotografano, così, per avere una visione di gruppo ed una catalogazione dei vari tipi umani dediti al turismo macabro. Possiamo chiederci cosa scatti nella mente di un uomo per portarlo ad ammazzare una ragazzina. Ma dovremmo chiederci anche cosa scatti nella mente umana per portare tanta gente sul luogo del delitto, in un delirio collettivo di curiosità morbosa. Dovremmo chiederci cosa passa per la mente dei giornalisti che frugano ovunque, senza alcun rispetto per il dolore di familiari e parenti, alla ricerca dello scoop più intrigante e morboso. Il tutto per vendere qualche copia in più, o per far crescere l’audience del programma TV. Dovremmo chiederci anche perché le persone coinvolte in qualche modo con la vicenda sembrano fare a gara per apparire in televisione, rilasciare dichiarazioni, mostrarsi più o meno addolorate.

Ecco, oltre a chiederci chi è l’assassino, dovremmo porci anche queste domande. E possibilmente fornire una risposta. Perché non c’è dubbio che questa società stia andando fuori dalle righe, anzi, fuori di testa. Non c’è dubbio che si stia perdendo il senso della misura, della decenza, del rispetto, del pudore, di quel minimo di buon senso che una volta regolava i rapporti umani. Bisognerebbe che Vespa facesse una puntata speciale, con tanto di plastico del cervello, per tentare di capire perché la gente sta impazzendo. E perché, in questa tragica corsa verso la follia, i giornalisti siano sempre in prima fila. Ma temo che questa puntata non la faranno mai. Meglio e più facile pensare agli scazzi altrui…

Quei "farabutti" della stampa…

Tempi duri per i giornalisti. Poco ci manca che vadano in giro con un cartello al collo su cui sia scritto "Il pericolo è il mio mestiere", come il titolo di un vecchio programma TV. E’ una professione a rischio, a quanto pare. Si sentono costantemente minacciati, censurati, limitati nella libertà di espressione, oggetto di ricatti, intimidazioni e…querele. Specialmente quelli che si occupano di informazione politica. Sarà vero? Basta dare uno sguardo all’informazione che passa quotidianamente su stampa e TV e possiamo renderci conto di quale sia la situazione. E’ un discorso già fatto e ripetuto, ma tanto vale ribadirlo. Su cosa si basa l’informazione politica? Sostanzialmente sulle dichiarazioni dei vari politici degli opposti schieramenti. L’opposizione impegnata a contestare tutto quello che fa o pensa di fare la maggioranza e la maggioranza impegnata a rispondere agli attacchi. Questa è la nostra dose quotidiana di informazione politica. Ed in questa estenuante battaglia a colpi di dichiarazioni si impegnano e si sprecano le migliori energie, invece che riservarle alla soluzione dei problemi veri e reali del Paese. E’ lo stesso pastone che troviamo sia sulla stampa che in televisione. Il succo non cambia.

Continua a leggere “Quei "farabutti" della stampa…”