Migranti turisti

Vale più un’immagine di mille parole. Ormai lamentarsi dell’invasione africana non serve; fiato sprecato. Chi vuole capire ha già capito; chi ci specula, invece, fa orecchie da mercante. Allora, come dico spesso, è inutile discutere con chi fa come le tre scimmiette, si perde tempo, si sprecano energie e, a lungo andare, si mette a rischio la salute. Ma questa notizietta appena letta sul quotidiano locale L’Unione sarda on line non so come definirla, è l’ultima perla della serie “immigrati preziose risorse“: “Cabras, il Natale felice dei migranti,. Nessuno aveva mai assaggiato il panettone“. Leggetelo, sono poche righe, ma soprattutto guardate dove vengono alloggiati questi migranti.

Commovente, vero? Ci fa piacere che apprezzino il panettone. Speriamo che per Capodanno gli offrano, oltre all’immancabile cotechino (non ai musulmani; lo trovano indigesto) e lenticchie, un ricco menu a base di pesce e frutti di mare (trovandosi a Cabras sono nel posto ideale per gustare le specialità sarde  a base di pesce: i muggini li hanno già assaggiati a Natale). In verità non c’è niente di cui sorprenderci. Chiuso un centro di accoglienza di Elmas ed altre strutture pubbliche, sistemarli in hotel è quasi normale. Diversi sono gli hotel che ospitano immigrati, sia a Cagliari che in altri centri dell’isola. Vista la carenza di ospiti gli albergatori hanno trovato il mondo di riempire le stanze (e la cassa) con i nuovi turisti: quelli che arrivano già abbronzati, così non devono nemmeno usare creme particolari per difendersi dal sole. Siete curiosi di sapere qualcosa di più sull’Hotel e sulle opportunità offerte dal territorio? Guardate qui: “Hotel Summertime“.

Dice l’articolo che sono tutti giovanissimi, dai 20 ai 30 anni e, ovviamente, scappano dalla guerra e dalle torture, senza specificare quale; anche se questi baldi giovanotti a tutto fanno pensare meno che a vittime di torture. Stranamente tutti quelli che arrivano scappano dalla guerra e dalla fame. Anche quando non ci sono né guerre, né fame, né torture, come è il caso di un migliaio  di algerini arrivati in Sardegna quest’anno (arrivano su barchini di 5 metri; sono migranti fai da te) e che, come i nigeriani, non avrebbero diritto al riconoscimento dello stato di  profughi. Ma chissà perché sono ancora ospitati nei vari centri (a spese nostre, s’intende). Da tempo sia sui quotidiani, sia sul TG3 regionale si fanno quasi quotidianamente servizi sui migranti che vengono presentati sempre come un fatto positivo (sono “preziose risorse“), dando ampio spazio alle iniziative a loro favore: corsi di lingua, di informatica, si organizzano tornei di calcio per loro, si coinvolgono in esperienze teatrali, si organizzano pranzi solidali e raccolta fondi a loro favore (come se non bastasse assicurargli vitto, alloggio, assistenza sanitaria e legale, Wi-Fi, paghetta settimanale, sigarette, biancheria, abbigliamento e, nel caso la richiesta di  accoglienza non fosse riconosciuta gli paghiamo anche le spese legali del ricorso). Ma siccome, poverini, scappano dalle guerre immaginarie, raccolgono fondi per comprargli anche le biciclette (vedi “Natale solidale“). Così si tengono in forma.

Tutto questo mentre le fabbriche chiudono, aumenta la disoccupazione e la povertà assoluta, aumenta il numero delle persone che vanno a mangiare alla Caritas ed abbiamo il primato di avere le due province più povere d’Italia (Carbonia- Iglesias e Medio campidano). Però ospitiamo a spese nostre gli africani in hotel 3 stelle in amene località turistiche. Questa non è accoglienza, non è opera umanitaria, non è messaggio evangelico, come dice Bergoglio, non è nemmeno dovere di accogliere profughi e rifugiati perché, come ha certificato l’Unione europea, l’80% di questi migranti non viene da paesi in guerra e non ha diritto di asilo. Questa è idiozia pura. Perché se questa non è idiozia ditemi voi cos’è.

Raramente si parla degli aspetti negativi o di episodi di criminalità che avvengono quotidianamente.  Finiscono in cronaca solo in casi particolarmente eclatanti, come l’arresto, avvenuto di recente, di 13 algerini accusati di vari reati: scippi, furti, rapine, violenze sessuali. La cosa ridicola è che questi algerini, come tutti gli altri connazionali presenti in Sardegna, non avendo diritto all’accoglienza ricevono un decreto di espulsione, ma restano in città. Chiedetevi come mai sono ancora in libera circolazione a Cagliari. Mai che facciano un servizio serio chiedendo l’opinione della gente comune sull’accoglienza e l’immigrazione. Al massimo intervistano il vescovo, il responsabile della Caritas o i rappresentanti della comunità musulmana i quali, ovviamente, sono a favore dell’accoglienza e ogni volta che arriva un nuovo carico di migranti festeggiano. Questa è l’informazione che chiamano indipendente: silenzio assoluto sulla protesta dei sardi.  Inutile anche lasciare commenti, se non sono in linea col pensiero unico politicamente corretto non passano, li censurano. Alla faccia dei quotidiani liberi e indipendenti e della libertà di espressione. Tanto per chiarire, oggi su sette commenti inviati su diverse notizie ne hanno pubblicato uno, il più innocuo. Bella media, vero? Perfetta applicazione della peggiore censura di regime. Al loro confronto i fascisti erano dilettanti.

Natale con gli ultimi

Meno male che anche questo Natale è passato. Aveva ragione Brecht: “Grazie a Dio, tutto passa presto, anche l’amore e persino l’affanno. Dove sono le lacrime di ieri sera? Dov’è la neve dello scorso anno?”. (Da “La canzone di Nanna“). Già, tutto passa, anche il Natale.

Non ne potevo più di questa bontà che esonda, tracima, deborda, straripa da tutti i media, un gigantesco e micidiale blob di melassa retorica buonista così mielosa e sdolcinata che si rischia il diabete. E’ vero, a Natale siamo tutti più buoni; o quasi. Siamo così buoni che trasudiamo bontà da tuti i pori. La bontà è così prorompente che ci esce dagli occhi, dalle orecchie, dal naso, ma soprattutto dalla bocca; perché è a parole che siamo particolarmente buoni. Con i fatti forse lasciamo un po’ a desiderare, ma a parole siamo tutti santi, o quasi; diciamo apprendisti beati.

E questa bontà la si vede dappertutto, negli addobbi delle strade, degli alberelli, i presepi, i bambini che cantano canzoncine di Natale e ricevono regali, imbecilli vestiti da Babbo Natale che spuntano ad ogni angolo di strada ed in tutti i mercati, mercatini e centri commerciali. E la televisione ci mostra un mondo che di colpo sembra uscito dalle favole, con casette di marzapane, elfi, fatine e animali parlanti, dove tutti sono buoni e vivono a lungo felici e contenti. Il mondo diventa un grande parco divertimenti in stile Disneyland, con sottofondo permanente di musichette natalizie ed un personaggio di bianco vestito che fa da gran cerimoniere del mondo delle favole: il Papa.

Lo vediamo a reti unificate mentre ripete il suo ritornello preferito: la vicinanza ai poveri, ai diseredati, agli emarginati; in una parola, agli ultimi. Ecco la parola magica; gli ultimi. Glielo sentiamo ripetere ogni giorno, in qualunque occasione, ma specialmente per Natale diventa una parola d’ordine. Così tutti si adeguano, preti e fedeli. Si visitano ospizi e ospedali, si portano doni ai barboni di strada e allestiscono mense speciali per il pranzo di Natale con i poveri. Tutta questa improvvisa attenzione nei riguardi degli poveri, degli ultimi è anche encomiabile, finché non diventa eccessiva e rischia di sembrare falsa. Non voglio dire che si debba prestare attenzione anche ai primi, ai ricchi, ai fortunati, alle persone di successo; non ne hanno bisogno. Ma a quelli che non sono primi, né ricchi, ma neppure ultimi e poveri, quelli che stanno a metà classifica e che a malapena vivacchiano, almeno uno sguardo ed un pensiero ogni tanto glielo vogliamo dare? Invece niente, nessuno li pensa. Sembra che il mondo sia composto esclusivamente di poveri buoni e ricchi cattivissimi. In mezzo non c’è niente. Tanto che sentendosi ignorati, anche quelli di metà classifica finiranno per sentirsi emarginati. E così, finalmente, qualcuno se ne occuperà.

Stranamente, però, fra i diseredati, gli emarginati, gli ultimi dimenticano qualcuno. Anche gli ultimi non sono tutti uguali. Per esempio, quasi in tutte le città per Natale si allestiscono mense per i poveri. Ma avete mai sentito che si allestisca una mensa per i cretini? No, vero? Eppure, a pensarci bene, la categoria più emarginata è proprio quella dei cretini. Non li pensa e non li vuole nessuno.

I poveri invece sono ricercati perché stare con i poveri è di moda, è politicamente corretto. Fanno a gara le autorità religiose e politiche per fare il pranzo con i poveri; si acquisisce punteggio per il premio “Bontà”. Lo fa il Papa, lo fa Boldrini, lo fa Virginia Raggi, sindaco di Roma, che va al pranzo dei poveri a Santa Maria in Trastevere.

Natale: S. Egidio, 800 persone a pranzo poveri a Roma

Stare con i poveri è motivo di onore ed orgoglio. Ma i cretini non li vuole nessuno. Eppure sono in tanti, molti, troppi. “La mamma dei cretini è sempre incinta”, si usa dire, con il massimo disprezzo e con l’invito a starne alla larga; come e peggio degli appestati. La categoria più maltrattata, emarginata e vessata è proprio quella dei cretini.

Eppure nemmeno i Radicali, sempre pronti a tutelare i criminali, li difendono. Neppure i sindacati e le associazioni umanitarie  li aiutano. Nemmeno qualche organismo dell’ONU. Gli assassini sì, i cretini no. Avete mai sentito qualcuno che si fa vanto di stare con i cretini, di andare a mangiare con loro, di assisterli, difenderli, tutelarmi, portargli conforto sostegno umano? Esiste un pranzo di Natale dei cretini? No, Esiste una mensa dei poveri, ma una mensa dei cretini non esiste. Strano, vero? I poveri mangiano alla Caritas, i panda li tutela il WWF, gli ultimi hanno l’attenzione particolare del Signore, ma ai cretini niente, né una parola buona, neanche una fetta di panettone, e nemmeno un panino con salame.

E nemmeno il Papa, che pure ha parole di conforto per tutti, ha mai detto una sola parola per i cretini. Non vengono citati nemmeno nel Vangelo, dove tutti trovano una parola buona ed il perdono, compresi  ladri e prostitute. Tutti, ma non i cretini. Non c’è una parabola che li riguardi. Dimenticati anche dal Signore.  Evidentemente non sono abbastanza “ultimi“. Oppure non sono figli di Dio? C’è qualche passo del Vangelo in cui si dice “Ama il prossimo tuo come te stesso; eccetto i cretini“? No. Allora è chiaro che anche il Papa fa figli e figliastri e tutti gli uomini sono figli di Dio eccetto i cretini. Più ultimi di così non si può; sono fuori classifica.

Così anche il vescovo di Ales, in Sardegna alla periferia dell’impero, per non essere da meno si adegua al coro ed alla moda “ultimista” e per Natale va a fare un giro pastorale fra gli “ultimi”: “Vescovo di Ales, Natale fra gli ultimi“. Visita un centro sanitario per l’assistenza ai disabili ad Ales, un ospedale a San Gavino per incontrare i malati, e la colonia penale di Is Arenas ad Arbus. Ma qualcuno ha avvisato questi malati e carcerati che sono “ultimi“?  Ed hanno qualche speranza di risalire la classifica? Cambieranno allenatore? Ma poi, cosa succede quando ricevono il conforto della parola del Signore? Gli scontano la pena? Scompaiono i dolori? Gli cambiano il pappagallo o il catetere? Cosa succede? E poi, siamo sicuri che questa gente trovi davvero conforto da queste visite pastorali? Mi ricorda quelli che si vestono da pagliacci e vanno negli ospedali a portare conforto, dicono, e far ridere i malati per tenerli su di morale. Ho sempre pensato che se fossi in un letto d’ospedale ed arrivasse un imbecille con una palla rossa sul naso, il volto dipinto e vestito da clown, per farmi ridere, gli lancerei addosso il pappagallo con tutto il contenuto.

Sarebbe interessante sapere se, dopo queste visite, ci siano state delle guarigioni miracolose nell’ospedale o se i detenuti della colonia penale si siano convertiti ed abbiano promesso che, appena usciti dalla colonia penale, si rinchiuderanno in un convento di carmelitani scalzi per espiare i peccati. Qualcuno dovrebbe spiegarci, prima o poi, quale sia l’effetto reale di queste visite e discorsi di circostanza delle autorità religiose e politiche. Cosa significa portare una parola di conforto? Ci sono parole speciali che confortano ed alleviano le pene, e si possono usare all’occorrenza come una compressa o una supposta? Si trovano sul vocabolario, oppure solo in testi segreti? Se esistono queste parole miracolose che guariscono le malattie, si vendono in farmacia o in libreria? E’ una domanda che mi pongo da sempre e temo che resterà senza risposta. L’importante, però, è stare vicini agli ultimi, anche se e quando gli ultimi preferirebbero restare da soli.

Penso, per esempio, alla visita di Mattarella ai terremotati per portare la “vicinanza” dello Stato e, ovviamente, una parola di conforto (Mattarella visita Amatrice). Ma voi avete presente la faccia di Mattarella?

mattarella jpg

Ha un’espressione così abbacchiata, triste, da funerale, che viene spontaneo fargli le condoglianze perché pensate che gli sia successa una disgrazia recente. Ed uno con quella faccia va a sollevare il morale dei terremotati?  Mi sa che sono i terremotati a confortarlo, dargli una pacca sulla spalla e sussurrargli “Coraggio Presidente, non si abbatta, riuscirà a superare questo momento difficile.”.

Ma così va il mondo. Ed oggi per chi ricopra più o meno alte cariche pubbliche o religiose l’imperativo categorico è stare con gli ultimi, portare conforto e vicinanza ai poveri ed alle vittime di cataclismi e disgrazie varie. Quindi, se anche voi volete adeguarvi e sentirvi in linea col pensiero corrente, trovatevi un “ultimo” da tenere vicino e coccolare. Se non avete qualche “ultimo” a portata di mano, nelle vicinanze, chiedete all’ufficio “Natale con gli ultimi, Onlus” che, su richiesta,  fornisce poveri, diseredati, emarginati e ultimi (tutti garantiti con bollino, certificato e marchio C€) , per cerimonie, pranzi, cene e foto di gruppo.  Se fossero momentaneamente sprovvisti, a causa della grande richiesta, non vi resta che una soluzione. Andate in un ufficio o sportello pubblico dove la gente è in fila, o in una sala d’attesa affollata, chiedete “Chi è l’ultimo?”. Appena lo  individuate, accostatevi e stategli vicino il più possibile. Meglio ancora seguite il vostro “ultimo” fino a casa. Più è lunga la “vicinanza agli ultimi” e più è meritoria.

Ecco perché oggi è quasi un obbligo stare vicino ai poveri ed agli ultimi; è diventato un segno distintivo, uno status simbol. Così si fa a gara ad assistere barboni, zingari, immigrati e derelitti vari, purché siano “ultimi” Doc e certificati (meglio se puzzano. Più puzzano e più la vicinanza è meritoria). Ma il massimo è ospitarne uno a pranzo, al posto d’onore. Poi si fanno le foto e si appendono alle pareti del salotto in ricordo dell’evento, o si mettono insieme alle foto del matrimonio, dei battesimi e cresime dei bambini e dei compleanni della nonna. Fanno parte integrante dell’album di famiglia, sono cari ricordi, documenti e testimonianze da tramandare a figli e nipoti, tesori di famiglia di cui andare fieri e mostrare orgogliosamente ad amici e parenti. Gli ultimi e i poveri, specie in occasione di importanti festività, sono così ricercati che, a quanto pare, in certe località in cui scarseggiano, i pochi poveri che hanno se li giocano, fanno una specie di tombolata e vengono estratti a sorte i fortunati che potranno ospitarli a pranzo. Del resto è giusto che godano di tanta attenzione, perché, come dice il Signore “Gli ultimi saranno i primi”.

Anche i Radicali, come loro consuetudine, per Natale, Pasqua e feste comandate, invece che passarle in famiglia, vanno in carcere a portare conforto, solidarietà e sostegno morale ai detenuti. Curiosi questi Radicali. Il loro pensiero fisso è quello di tutelare i delinquenti: non è un’offesa, se non fossero delinquenti non sarebbero in carcere. Mai una volta che vadano a portare conforto anche alle vittime dei delinquenti, truffatori, criminali, assassini, alle persone che subiscono furti, rapine, violenza sessuale, anziani massacrati e spesso ammazzati barbaramente dentro casa per rubare pochi euro. Non succede mai: si vede che le vittime dei criminali non sono abbastanza “ultimi”.

Certo che è uno strano Paese quello in cui, più che dare sostegno alle vittime, ci si preoccupa di aiutare i carnefici. Così succede che esiste un’associazione come “Nessuno tocchi Caino” che tutela e difende criminali e terroristi, ma non esiste un’associazione “Nessuno tocchi Abele”; come sarebbe logico, visto che ad essere “toccato a morte” è stato Abele e non Caino. Anzi, per come vanno le cose e ragionano certi intellettualoidi sinistri di casa nostra, poco ci manca che accusino Abele di aver provocato Caino e, quindi, di essere la causa, il responsabile morale del fratricidio. Non è una battuta; certi ragionamenti che si sentono fare oggi (e certe sentenze) seguono proprio questa strana logica tutta sinistra.

Eppure tutto questo eccessivo ed ostentato sfoggio di buoni sentimenti diventa quasi fastidioso, irritante. E appare falso, ipocrita, una forzatura, come una nota stonata, qualcosa fuori posto, avulso dalla realtà, artefatto, una bontà taroccata, costruita per l’occasione, da consumare nello spazio di una festività. Poi, come dice il vecchio adagio “Passata la festa, gabbato lo santo”, si smontano alberelli e presepi e si torna alla normalità.

Da domani cambia già lo scenario. Basta con la vicinanza agli ultimi, basta pranzi con i poveri, si sparecchiano le modeste tavolate con piatti di plastica e tovaglioli di carta e si imbandiscono ricche tavolate con porcellane, cristalli e argenteria; e via con i preparativi del gran botto di fine anno, con feste in piazza, concerti, spumante, luci, fumi, musica ed effetti speciali, spettacoli pirotecnici, cenoni pantagruelici, abbuffate proletarie in squallide trattorie di borgata, Capodanni aziendali fantozziani, e raffinati banchetti in palazzi aristocratici.

E la cronaca, abbandonati gli “ultimi” tornerà ad occuparsi dei primi e di quelli di mezza classifica con servizi quotidiani su mala sanità, corruzione, beghe politiche, tangenti, immigrati, terrorismo, Sanremo, sesso droga e rock’n roll, violenza assortita a tutte le ore, morti ammazzati, TG come bollettini di guerra, immagini splatter, mostri in prima pagina, scoop gossipari su chi scopa con chi, fiction e reality, commissari cani, squadre speciali e “Signor giudice, Montalbano sono“.

E la bontà col timer la lasciamo al Papa, ai preti di periferia ed a quelle sempre più rare vecchiette che continuano ad andare in chiesa per inerzia, perché lo hanno sempre fatto, e per assicurarsi il paradiso. Ma resta il dubbio che questa sceneggiata buonista sia solo un paravento per nascondere le brutture della realtà e mettere a tacere la coscienza sporca. Ed evitiamo di entrare nel merito della morale, dei riti e della liturgia che non sempre hanno giustificazione nel Vangelo.

Non entriamo nemmeno nel merito delle magagne della Chiesa, perché si aprirebbe un baratro di abominio, tra cardinali che vivono da nababbi, speculazioni finanziarie di banche Vaticane, preti che cantano Bella ciao alla messa di Natale (vedi “El gallo rojo“) ed altri che sul pulpito leggono L’Unità invece che il Vangelo. Dovremmo parlare di preti che a Potenza fanno un Presepe islamico con un San Giuseppe vestito come Totò in Un turco napoletanoed una Madonna in burqa sotto una tenda beduina con una bandiera arcobaleno al posto della Stella cometa ed il motto papale che invita all’accoglienza degli immigrati; oppure di preti di strada che fanno le barricate coi No global, preti che hanno la stanza del sesso nella canonica dove fanno prostituire l’amante, ed altri che abitualmente si sollazzano sessualmente con donne e ragazzini.

Costoro non sono certo “ultimi”. Anzi sono già ben piazzati in classifica. Forse, mentre il Papa è distratto perché intento ad occuparsi degli ultimi, i primi, non sentendosi osservati, ne combinano di cotte e di crude. Ecco perché dicevo che, forse, ogni tanto bisognerebbe dare uno sguardo non solo agli ultimi, ma anche a quelli di metà classifica. Così, tanto per evitare sorprese.

Vedi

El gallo rojo

Preti, Vangelo e Concita

Non c’è più religione

Santi in paradiso

Aboliamo la ricchezza

Come eliminare la povertà

Ricchezza e oscenità

I cristiani sono buoni

Ultimi e penultimi

Gli ultimi saranno i primi

Caro Papa ti scrivo, così mi distraggo un po’…

Ama il prossimo tuo

Servire i servi

Papa: acqua e fogne per tutti

Mimetismi e sonniferi

Paura di attentati terroristici in Europa. In particolare a Bruxelles, centro operativo della strage di Parigi. Così i principali luoghi pubblici, piazze, monumenti, scuole, sedi governative, sono costantemente sotto stretta sorveglianza di forze di polizia e soldati dell’esercito in tuta mimetica.

Niente di strano, è la divisa normalmente indossata dai reparti in operazioni militari. Però, a ben vedere, è un po’ curioso vedere dei militari in tuta mimetica al centro di Bruxelles. Devono mimetizzarsi per passare inosservati? Ma allora c’è una piccola contraddizione. La tuta mimetica ha una sua utilità se si è all’aperto, in campagna, in una boscaglia, in un terreno coperto di cespugli, allora può avere un effetto mimetico perché si confonde con l’ambiente. Ma indossare la mimetica in città ottiene l’effetto contrario, la notano tutti anche fra mille persone in una piazza piena. Allora che senso ha? Mah, mistero.

Anche il premier Renzi, visitando il contingente italiano impegnato in Libano nella missione Unifil, ha indossato la tuta mimetica per passare in rassegna i reparti schierati (Vedi Gallery). Ma siccome il ragazzotto toscano è estroso, creativo e sempre controcorrente, invece che la divisa completa indossa solo il giubbino mimetico sopra i jeans, così  ha l’aria impettita da militare, ma non troppo; mezzo soldato e mezzo bullo. Ma è chiaro che è tutta una finzione. Inutile che cerchi di mimetizzarsi, si vede benissimo che è un militare fasullo; più fasullo che militare. La vita militare non gli si addice, quella è gente seria. Lui, al massimo, poteva fare il lupetto con i boy scout o con le Giovani marmotte.

Discorsi presidenziali

Il presidente Mattarella ha parlato agli italiani. Ma non si registrano particolari reazioni, tutto resta come prima; o gli italiani erano distratti, oppure dormivano. In concomitanza con il discorso presidenziale, però, si è verificato un imprevedibile effetto collaterale. Sembra che molti ristoranti e locali pubblici, dove si sarebbe festeggiato il Capodanno, abbiano registrato un insolito calo di presenze. Le prenotazioni risultavano al completo, ma moltissime persone, nonostante avessero già prenotato e perfino pagato in anticipo, non si sono presentati. Solo nel corso della giornata si è scoperta la causa. Pare che molti italiani, prima di uscire di casa per andare a festeggiare, incautamente abbiano seguito  il discorso di Mattarella in televisione. Ma dopo pochi minuti sono stati colti da irrefrenabile attacco di sonnolenza, cadendo in un sonno profondo dal quale si sono risvegliati solo al mattino, quando ormai cenoni e festeggiamenti erano finiti. Alcune associazioni hanno  annunciato una class action da parte dei cittadini nei confronti del Quirinale, per ottenere almeno il rimborso delle somme anticipate ed i danni morali per aver saltato il Capodanno.

Mamme, babbi e bebè

Le belle famiglie moderne: due mamme, tre papà, otto nonni e uno stuolo di zie, cugini e fratelli sparsi che non sanno nemmeno, finché qualcuno non organizza una bella riunione di famiglia, di essere parenti. Le chiamano “famiglie allargate“. Che bello quando si riuniscono tutti per il pranzo di Natale. Si perde un po’ di tempo all’inizio per le presentazioni, visto che non si conoscono fra loro, ma poi è tutta una festa generale. Se poi si fa un po’ di confusione con le parentele, pazienza. Ma vuoi mettere la soddisfazione di essere una famiglia moderna, progressista, aperta?

Magari c’è il fratello gay, la cugina lesbica, lo zio trans, ma c’è posto per tutti: aggiungi un posto a tavola. Magari il posto a tavola è per la nuova “compagna” di mamma (che ha scoperto di essere lesbica), così il pargoletto avrà due mamme. E forse un altro posto è riservato al nuovo “compagno” di papà, che nel frattempo è diventato gay, e porta a casa la nuova “mamma” che però ha i baffi. Che importa, tempi moderni, l’imperativo categorico è “cambiamento“, basta con regole e regolette del passato. Buttiamo tutto nella spazzatura, tradizioni, morale, usi e costumi, distruggiamo il passato. Sembra questa la soluzione per tutti i guai. Ma ne siamo davvero sicuri? Ci conviene davvero cambiare il mondo? Vedi “Il Papa mi copia il blog”.

Questa mania del cambiamento ad ogni costo mi ricorda una frase di Raffaele Morelli, quello che una volta stazionava in permanenza in TV (ora, per fortuna, sembra scomparso)  sempre pronto a dispensare saggezza in pillole o supposte. Quello che dovrebbe essere psicologo, psicanalista, psichiatra, psicoterapista o psicoqualcosa che non ho mai capito. Disse in televisione: “I giovani hanno il compito di distruggere i valori della generazione precedente. Se non fanno questo hanno fallito”. Forse la prima cosa da fare, invece, per avere una società decente, sarebbe quella di distruggere la gente come Morelli. Ne parlavo anni fa nel post ” Come vivere felici con 5 euro“.

Stiamo cambiando così rapidamente che facciamo fatica a seguire i tempi e adeguarci.  Basta seguire le notizie di cronaca ed ogni giorno se ne scopre una nuova. In Francia, Spagna, Inghilterra e Stati Uniti hanno abolito, addirittura, anche i termini “Mamma e papà“.  Sarebbe imbarazzante, qualora si abbiano due mamme o due papà. Chi è la mamma e chi è il papà? Difficile stabilirlo, se la mamma ha barba e baffi ed il papà porta il reggiseno.

Per ovviare a questo imbarazzante dilemma i Paesi progressisti, che più progressisti non si può, si sono già adeguati ai tempi.  Negli USA, grazie al “progressista” Obama, è già in vigore la legge che  elimina nei documenti ufficiali i termini “padre e madre“. La Spagna dell’allora premier socialista Zapatero, per non sembrare meno progressista di Obama,  si è subito adeguata. Non c’è da meravigliarsi, sotto il governo del “calzolaio” socialista, si era così aperti alle innovazioni che si volevano estendere i diritti umani alle scimmie (Zapatero e le scimmie), per consentire l’arruolamento dei trans nell’esercito si stabiliva che per essere considerati maschi arruolabili non è necessario avere il pene (La Spagna ed il pene superfluo) e nelle scuole della Catalogna venivano distribuiti opuscoli per spiegare ai ragazzi tutti i segreti della masturbazione. Una specie di Kamasutra del “Fai da te” (vedi “La Spagna si masturba“).

Così, per non essere secondi a nessuno, anche in  Francia gli illuminati progressisti socialisti di Hollande hanno deciso di abolire i vecchi ed anacronistici “padre e madre“:  si chiameranno “Genitore Uno e Genitore Due“. Olè! In Svezia, invece, hanno fatto ancora di più e meglio: hanno abolito addirittura anche le differenze fra maschietti e femminucce. Si chiamano con pronomi “Neutri“, hanno abolito i classici colori rosa e blu, hanno inventato giocattoli unisex ed abolito le favole che possono creare problemi sull’identificazione sessuale : “Egalia, l’asilo infantile che ha abolito maschi e femmine“.  Sembrano battute, barzellette,, le solite leggende metropolitane. Invece, purtroppo, è tutto drammaticamente vero.

Queste innovazioni, che sconvolgono le vecchie tradizioni consolidate da secoli, partorite dalle fervide menti dei progressisti d’assalto, hanno conseguenze anche nella vita sociale,  nelle relazioni interpersonali e nelle strutture pubbliche; per esempio la scuola e gli asili. Succede così che in una scuola materna di Roma ci sia un bambino che ha “due mamme“. Già, perché accontentarsi di una sola mamma quando se ne possono avere due?  Specie in tempo di crisi, una mamma di scorta fa sempre comodo. Viva l’abbondanza. E succede che domani sia la festa del papà.

Oh, perbacco, e adesso che si fa? Ovvio che il bambino con due mamme si troverà in imbarazzo perché lui un papà non ce l’ha e non può festeggiarlo. No problem, notoriamente noi italiani siamo dotati di una grande fantasia, siamo maestri nell’arte di arrangiarsi e risolvere i problemi e, quando ci troviamo di fronte ad ostacoli ed imprevisti, sfoderiamo la nostra rinomata creatività “che tutto il mondo ci invidia“ (così si dice) e diamo prova del più puro genio italico.

Arriva la festa del papà e c’è un bambino che il papà non ce l’ha? Ecco la soluzione: “Il bambino ha due mamme: l’asilo annulla la festa del papà“. Semplice, aboliamo la festa. Geniale, vero? E adesso cosa si potrebbe dire di questa ultima trovata dei nostri “progressisti” del piffero? Niente, si resta senza parole. E’ davvero questo il mondo che vogliamo? Questo è progresso? E’ progresso chiamare la mamma “Genitore Due“?  E’ progresso affittare un utero, come ha fatto Elton John, e farsi fare su ordinazione (questo è, come se ordinasse una credenza al mobiliere) due bambini e farli crescere fra due “babbi” o  due “Genitore Uno e Due“?

Ma poi, nel caso di coppie gay o lesbiche, come si riconosce il Genitore Uno dal Genitore Due? Si applicano una targhetta o portano un ciondolo al collo con l’indicazione? E se la coppia si allargasse (oggi, in tempi di famiglia allargata, tutto è possibile) e i genitori diventassero tre? Aggiungiamo ancora un posto a tavola per il “Genitore Tre“? Povero bambino, dovrà imparare presto l’aritmetica se vuole chiamare per numero il genitore giusto, perché rischia di fare confusione con tutti quei numeri genitoriali. A questo punto dovremmo essere sinceri e smetterla di giocare a fare i piccoli rivoluzionari per il gusto di sembrare moderni ed al passo coi tempi.  Siamo davvero così rincoglioniti o facciamo solo finta di esserlo per non turbare la sensibilità di un bambino senza papà, ma con due mamme?

Perché una società deve necessariamente adeguare i propri principi alle esigenze di una esigua minoranza, invece che a quelle della maggioranza? Ma in democrazia non è sempre valido il concetto che sia la maggioranza a decidere? E’ un cardine del sistema democratico. E allora perché in certi casi non è più valido? Oppure è valido solo quando ci fa comodo?  Oppure i nostri progressisti del cavolo sono una lobby così potente che riescono a condizionare l’intera società? Perché dobbiamo abolire la festa del papà perché c’è un bambino che ha due mamme, invece che una mamma ed un papà, come tutti gli altri? Perché dobbiamo smettere di fare il presepe e cantare i canti di Natale?  Perché dobbiamo abolire il Natale e sostituirlo con una generica “Festa d’inverno” e sostituire (come ha deliberato il Parlamento europeo) il classico “Buon Natale” con un generico “Auguri di stagione“?

Se festeggiare il Natale gli dà tanto fastidio (ma quanto sono sensibili!), possono restare a casa loro (non mi risulta che li abbiamo obbligati noi a venire in Italia) e festeggiare Maometto, Budda, Manitù e fare la danza della pioggia intorno al Totem. Per non urtare la sensibilità di immigrati che non sono cristiani, stiamo distruggendo principi e tradizioni.  Stiamo rinnegando le nostre radici e la nostra cultura millenaria. Ci stiamo rendendo ridicoli.

Perché dobbiamo cambiare le leggi naturali che regolano il mondo da millenni per consentire a Vendola di sposare in chiesa il suo amato Eddy e di considerare questa unione una “famiglia” normale? E’ davvero normale che sia la società ad adeguarsi alle paturnie sessuali di pochi? E’ come colorare di nero un intero gregge di pecore bianche per evitare che l’unica pecora nera del gregge si senta a disagio e diversa. Eppure è proprio questo che stiamo facendo. E’ proprio questo che stiamo diventando: un gregge di pecoroni bianchi che si adeguano ai ghiribizzi dell’unica pecora nera.

Con questa mania del cambiamento e della distruzione di tutto ciò che consideriamo vecchio e superato dai tempi finiremo per distruggere noi stessi, la società e l’umanità.  Diventeremo noi stessi degli automi inutili da rottamare o gettare dalla finestra, come si fa con gli oggetti rotti ed inservibili a Capodanno. Non saremo più persone umane, ma più verosimilmente somiglieremo a delle merdacce fantozziane. Rifiuti umani, da gettare nella spazzatura. L’unica consolazione è che, essendo materia organica, siamo riciclabili. Diventeremo compost per concimare fiori, piante e prati verdi. Almeno saremo di qualche utilità al pianeta.

Come si diventa intolleranti

Natale: festa degli alberi

Buone e cattive notizie

Natale multietnico (Bambino Gesù nero…)

L’Islam mi rende nervoso

Immigrati: c’è un limite?

Multiculturalismo buono, monoetnico no buono

Stiamo diventando tutti razzisti?

Il telefonista di Al Qaeda

Mi presta l’utero?

Capodanno col botto

Com’è andato il Capodanno? Benissimo, ci siamo divertiti da morire!

In verità, però, l’anno scorso ci siamo divertiti di più; ci furono 560 feriti. Ma siamo in crisi, anche i feriti sono in ribasso. La stupidità, invece, non conosce crisi: è stabile.

Ma il nostro Capodanno è niente in confronto a quello festeggiato in Costa d’Avorio dove si sono divertiti da pazzi: 60 morti e 200 feriti: “…le vittime si erano radunate per vedere i fuochi d’artificio“.

Anche in Nigeria, nonostante la crisi, si sono divertiti moltissimo; specie i cristiani: “Assalto a chiesa; 15 uccisi“. “Gli assalitori hanno attaccato una chiesa durante il servizio religioso e hanno ucciso 15 persone a colpi d’arma da fuoco”. E’ solo l’ultima delle continue stragi di cristiani in Nigeria. Appena un giorno fa veniva riportata quest’altra notizia “15 cristiani sgozzati“. “Nuova strage di cristiani nel nord-est della Nigeria: quindici fedeli, hanno riferito testimoni, sono stati sgozzati da presunti miliziani islamici. I quindici cristiani, secondo quanto riferito, sono stati attaccati e uccisi nel sonno nelle loro case”.

Tempi duri per i cristiani. Ancora di ieri è un’altra aggressione in una chiesa copta in Libia:E’ salito ad almeno 2 morti il bilancio dell’esplosione avvenuta in una chiesa copta egiziana di Misurata, in Libia“.  Già, in Libia, dove siamo andati a bombardare sulla testa di Gheddafi, dei figli e dei nipotini, per sostenere la “Primavera araba” e garantire la libertà e la democrazia (!?). Anche l’Egitto ha avuto la sua “Primavera araba” perché anelava alla libertà ed alla democrazia. Infatti già da appena cominciate le prime sommosse contro quel cattivone di Mubarak, più di 100.000 egiziani copti hanno lasciato l’Egitto, e l’esodo continua, perché perseguitati dagli islamici. Né possiamo dimenticare le stragi di cristiani avvenute in un recente passato in India e Pakistan.

E’ una specie di mattanza che prosegue quasi senza interruzione, dall’Africa all’Asia. Chiese bruciate, cristiani uccisi, interi villaggi assaltati e dati alle fiamme. Quando sono fortunati trovano scampo nei boschi o lasciano il loro paese. E’ una vera e propria persecuzione ad opera degli integralisti islamici. Quelli che quando sono in casa nostra vengono trattati con ogni riguardo e gli si concedono aree per costruire le moschee perché da noi c’è…libertà di culto. E poi perché l’ONU ci osserva e guai se non garantiamo a tutti i diritti civili e religiosi. Avete mai sentito l’ONU protestare nei confronti di India, Pakistan, Egitto, Libia, Nigeria per queste persecuzioni islamiche contro i cristiani? No, l’ONU si sveglia solo quando deve tutelare gli immigrati in Europa. E’ la “ONU version” del mondo.

E la chiesa che dice? Niente, il Papa “auspica la pace“, sopporta pazientemente le persone moleste, ama il suo prossimo come se stesso, perdona settanta volte sette e porge l’altra guancia. Sì, perché i cristiani sono buoni ed hanno una specie di predisposizione genetica al martirio. Più li perseguitano e più sono contenti. Eppure ho qualche dubbio su questa visione del mondo. Il Vangelo dice di perdonare, sopportare, amare il prossimo. Sì, dice di essere buoni, non di essere coglioni!

A proposito, tanto per capire che la questione delle persecuzioni dei cristiani da parte degli integralisti islamici è più seria di quanto si pensi e viene da lontano, leggete questo post “Questioni interne“. Ed ancora questo del 1 gennaio 2011 “Porgi l’altra guancia“.

Ma c’è qualche possibilità di convivenza pacifica fra Islam e Occidente? No, sono incompatibili. Lo facevo notare sei anni fa in questo post: “Islam e diritti umani“.  Ma ancora facciamo finta di non capire, non vogliamo accettare l’evidenza. Facciamo come le tre scimmiette. Hanno dichiarato la Jihad, mirano alla conquista del mondo e ci stanno invadendo, pian piano, giorno dopo giorno, nell’indifferenza generale. Anzi, li agevoliamo e facciamo di tutto per aiutarli in questa opera di distruzione della cultura occidentale. Ed i cristiani, ancora una volta,  finiranno crocifissi lungo la via Appia. E mentre bruceranno vivi continueranno a credere che sia giusto predicare la tolleranza, l’accoglienza e l’integrazione (!?). Ed intanto il Papa “auspica la pace“. Forse intende la pace eterna.

Solo un valzer

In fondo è come un giro di valzer. Si sceglie la dama, si fa qualche giravolta nella sala, fra sorrisi, fruscio di vesti e profumi. Ci si abbandona al ritmo naturale della danza, si resta affascinati dalla leggerezza, la leggiadria, l’eleganza, la bellezza. Poi la musica tace, la sala si svuota e resta buia, in silenzio. Fino alla prossima festa. Altri invitati, altre dame, altra orchestra, altro valzer. Balliamo, dunque, finché c’è musica. E buon Capodanno a tutti…

 

Tanto per cominciare…

Capodanno è passato. Ed anche i festeggiamenti. Si può festeggiare in tanti modi. Ma bisogna stare attenti perché c’è una differenza sostanziale tra "Fare festa" e "fare la festa" a qualcuno. Nel primo caso è un divertimento, nel secondo una tragedia. E così anche quest’anno molte persone, forse, hanno confuso i due modi di far festa. E via con razzi, granate, mortaretti, petardi, piccole bombe, spari con armi da fuoco e tutto ciò che esplode e fa Booommmmm… E più il BOOMMM è grosso e più è festa. Risultato? Oltre 500 feriti, di cui una trentina gravi, una persona in fin di vita, dita amputate e ad una signora amputata l’intera mano sinistra. Ecco, come dicevamo, questo è il classico caso in cui invece che fare festa si tratta di "farsi la festa" da soli! Ma i TG ci consolano dicendo che, però, ci sono stati 50 feriti in meno rispetto all’anno scorso. Ah, beh, allora siamo tranquilli. Ci hanno fatto lo sconto, saldi di fine anno! Naturalmente non siamo solo noi italiani a festeggiare. Per esempio anche a Baghdad, dove i Boom e i Patapum sono all’ordine del giorno e sembra sempre Capodanno, c’era un clima di grandi festeggiamenti. Festeggia qui, festeggia là, festeggia questo e festeggia quello, nella confusione…hanno fatto la festa anche a Saddam. Ma il Rais non si è divertito molto. In compenso hanno diffuso in tutto il mondo il video di quella festa e qualcuno lo ha preso ad esempio. Infatti, ecco l’ultimissima delle ore 14.06…

Continua a leggere “Tanto per cominciare…”

Nuovo anno…vecchie storie!


Anno nuovo. E a Napoli, in due giorni…due morti di camorra! Bella media. Continuate così e in breve non ci sarà più un camorrista in circolazione: tutti morti. E la camorra sarà, finalmente, sconfitta. Però il presidente Ciampi, in visita nella città, afferma che " Napoli è una città unica". Ah, beh…allora siamo a posto. A pensarci…anche Roma è una città unica. E anche Milano e Torino e Venezia e Palermo e tutte le altre città italiane…sono uniche. Tutte le città del mondo sono…uniche. E allora? Cosa ha voluto dire il presidente Ciampi? Boh !? Anche di fronte alla tremenda catastrofe in Asia non bisogna scoraggiarsi. " Dio non ci abbandona mai, anche nelle calamità che hanno colpito, nei giorni scorsi, il sud est asiatico ". Lo ha affermato il Papa. Beh, meno male. Certo che se il buon Dio ci avesse pensato prima e avesse evitato lo tsunami…forse sarebbe stato meglio che…non abbandonarci dopo…!? Lo sanno tutti che "prevenire è meglio…! Per fortuna non manca la solidarietà… E finalmente fanno una cosa intelligente: un numero unico dove far confluire tutti gli aiuti in denaro. Ma…l’occasione è troppo ghiotta. Ed ecco che si scatena la gara fra Associazioni, banche e anche cittadini privati (basta dare uno sguardo anche solo in blog per vedere quanti raccoglitori di aiuti stanno spuntando…) per raccogliere fondi e dimostrare che si è più bravi di altri, più forti, che si arriva prima con i soccorsi, che…insomma, mica tutte le associazioni sono uguali! E’ una buona occasione per fare anche un po’ di propaganda alla propria associazione. Ma, comunque siamo tutti addolorati. Beh, chi più chi meno, ma…tutti si sentono solidali e partecipi di questo lutto che tocca tutto il mondo; se non altro perchè in quella zona c’erano turisti…di tutto il mondo. Ma non stiamo a sottilizzare. Il dolore è reale. Tanto è vero che molte città italiane hanno abolito le feste previste per il capodanno, o hanno abolito i fuochi artificiali o, almeno, hanno decretato il dolore…a tempo. Per esempio Milano, dove si è tenuto il concerto di capodanno in piazza Duomo, ma…dopo un minuto di silenzio. Insomma, un dolore col timer…a tempo. Immagino che gli organizzatori abbiano discusso sul tempo da assegnare al dolore. " Quanto dolore facciamo? Un giorno? Un’ora?" " No, no, troppo, la gente vuole anche divertirsi…facciamo un minuto!". E così è stato…un minuto di doloroso silenzio e poi…via a scatenarsi con canti e balli. In realtà, però, non era proprio un dolore vero…era una specie di sottoprodotto. Viene spacciato come dolore, ma solo i veri intenditori riconoscono la differenza. Quello non era "originale", era una specie di succedaneo…sì, come le uova di lompo. Sembra caviale, ma…è altra cosa. Beh, del resto, se fanno passare le sorelle Lecciso per ballerine…possono farci bere qualunque cosa. Anche un cavalletto lanciato in testa a Berlusconi diventa una Bravata. Certo che se avesse colpito la nuca, il nostro Premier non se la sarebbe cavata con un cerotto. Magari era quello che speravano in molti…visti certi commenti. Però non è niente di grave…solo una bravata. Un po’ come era una "ragazzata" l’aver allagato il Parini. Ma sì, sono ragazzi…solo goliardate. Mi sa proprio che questo anno nuovo somiglia molto al vecchio… Boh!?
Riferimenti:
( Torre di Babele)