Pappagalli molesti, principi e palloni poetici

Notizie dal mondo dei pazzi. Ormai non ci facciamo più caso perché quando la pazzia è diffusa ci si fa l’abitudine, diventa normale. Però ogni tanto è bene fermarsi un attimo a riflettere su alcune notiziette; così, tanto per chiederci se davvero questo è ancora un mondo normale, oppure se abbiamo oltrepassato il limite della follia sostenibile. Ecco alcuni fatti riportati dalla cronaca solo nelle ultime 24 ore.

Pappagalli maleducati

I pappagalli sono belli, ci tengono compagnia e se riescono ad imitare la voce umana e pronunciare qualche parola sono anche un’attrazione curiosa. Ma bisogna stare attenti a ciò che ripetono. Per esempio, a Capoterra, in Sardegna, succede che una signora possieda un pappagallo che, forse, pronuncia qualche parolaccia di troppo. Il vicino di casa, un po’ troppo suscettibile, pensa che quelle parolacce siano rivolte a lui, visto che il pappagallo le pronuncia ogni volta che lo vede passare. Così, per vendicarsi, aspetta che la vicina vada a fare una passeggiata in un parco con un’amica, e l’ammazza con 11 coltellate: “Il tuo pappagallo mi dice le parolacce: e ammazza la vicina.”. Pare che gli attriti fra i vicini di casa andassero avanti da anni. Violenza assurda ed inspiegabile che la cronaca di solito  spiega con “futili motivi“. Non ripeterò cose che dico da anni su questo argomento. Però rendiamoci conto che, grazie a Basaglia, noi abbiamo chiuso i manicomi, e che  ci sono persone come queste, apparentemente normali,  che circolano liberamente e che, per “futili motivi”, all’improvviso possono ammazzare qualcuno per una parolaccia detta da un pappagallo.

Passatempi

Alcuni ragazzini, tra i 12 e i 14 anni (c’è anche una ragazzina), hanno sistemato dei sassi sui binari della linea ferroviaria a Cagliari: “Pietre sui binari; stop al treno” . Così, per vedere l’effetto che fa, per distrarsi, per passatempo, perché si annoiavano., o perché lo hanno visto fare da altri. La stupidità non ha bisogno di particolari motivi per manifestarsi. Proprio recentemente in diverse località della Sardegna si sono verificati casi di lanci di sassi su treni, pullman e auto in corsa sulla superstrada. Anni fa il passatempo  di moda era quello di lanciare sassi sulle auto da un cavalcavia. Ora siamo all’emulazione, ma con variazioni sul tema. La cronaca dice che si tratta di una “bravata“. Ecco ciò che lascia perplessi. Invece che chiamare le cose col loro nome e parlare chiaramente di “delinquenti”, questi fatti gravissimi, che potrebbero avere conseguenze tragiche, vengono considerati delle semplici ragazzate, niente di preoccupante. bravate. “Sono ragazzi…”, direbbe Greggio.

Monopoli col morto

Purtroppo non è quel vecchio gioco da tavolo col quale abbiamo trascorso serate fra amici da ragazzi. Questo è un gioco tragico che vede ancora coinvolti dei ragazzi di 15 e 17 anni che gettano in acqua un anziano di 77 anni che passeggiava lungo la scogliera a Cala Verdegiglio, provocandone la morte. Non è ancora chiaro se si tratti di una semplice “bravata” come la cronaca riportava in un primo momento, oppure di una aggressione a scopo di rapina. Che strani passatempi vanno di moda oggi. Non ricordo che una volta, per passatempo, i ragazzi scagliassero sassi su treni e auto, o gettassero a mare gli anziani. Mah, altri tempi, devono essere gli effetti dell’evoluzione della specie.

Notizie assurde come queste sono ormai all’ordine del giorno. E nessuno si chiede cosa sta succedendo a questa società? Abbiamo uno stuolo di psicologi, sociologi, psichiatri; perché nessuno si chiede cosa sta succedendo e perché la gente sta impazzendo? Perché una cosa è certa ed evidente; il mondo sta impazzendo. La cosa preoccupante è che non solo non ci sono segni di rinsavimento, ma  ormai siamo arrivati all’assuefazione e questi fatti vengono percepiti quasi come normali. Anche questo è un segno della pazzia dilagante. Siamo così distratti da mille informazioni inutili che la gente sta impazzendo, ma non se ne rende conto. Pensiamo alla Ferrari, ai talent, i reality, sport, gossip, fiction fatte in serie, la posta di De Filippi, ballerini, comici e cantanti. Ci riempiamo la testa di cose superflue e tralasciamo di occuparci delle cose serie ed importanti. Incoscienti, balliamo mentre la nave affonda; come sul Titanic.

Ultimissime tra principi e palloni

Ma anche se non siamo proprio pazzi, certo almeno un minimo di confusione mentale deve esserci, specie tra gli addetti ai lavori del mondo dell’informazione. Non sono un appassionato di sport, gossip e inutili pettegolezzi da cortile; quindi, non leggo questo tipo di notizie. Ma dando uno sguardo alle pagine dei quotidiani in rete, non si può non leggere almeno i titoli, sia di sport che di gossip. Bene o male, volenti o nolenti, sappiamo chi segna in campionato, cosa fanno le Ferrari e Valentino Rossi, le liti Morgan-De Filippi, Parietti-Lucarelli, con chi scopa Belen Rodríguez, chi vince i reality. Tutte notizie importantissime per l’umanità.

Oggi, per esempio, la notizia del giorno è quella che il principe Filippo va in pensione. Per renderlo noto è stata convocata d’urgenza una conferenza stampa con tutti i maggiori rappresentanti dei media. Così oggi è questa la notizia di apertura di tutti i TG e quotidiani, servizi e commenti dei corrispondenti esteri, degli inviati speciali e dei soliti opinionisti tuttologi che, a tutte le ore del giorno su tutti i canali, parlano di tutto, dalla minaccia nucleare alle previsioni del tempo, dalla Brexit agli amori di Belen Rodriguez, dai buchi neri alla dieta mediterranea. Ed in tutti i salotti TV sarà l’argomento del giorno. Ho sentito una giornalista dire che questa era “una notizia choc“. In effetti una notizia come questa getta nello sconforto interi popoli. Come faremo adesso se Filippo va in pensione e si ritira a vita privata? Se lo chiederanno angosciosamente i bracciati calabresi, i cassintegrati del Sulcis, i precari, gli esodati, perfino la casalinga di Voghera, signora Gavina di Tergu e pure tziu Nassiu di Masullas. Sì, sono notizie che segnano una vita.

Questa poi è una vera perla. “I gol di Gonzalo Higuain sono un romanzo. Ma il colpo di tacco e i passi di danza di Paulo Dybala sono poesia.”, scrive oggi Tony Damascelli sul Giornale.  Ora, d’accordo che ognuno fa quello che gli pare e che, come suol dirsi “Il mondo è bello perché è vario“. Nella vita, quindi,  si possono avere diversi interessi e  passioni: sport, musica, spettacolo, cinema, narrativa, poesia, numismatica, filatelia, cinema, teatro Kabuki, origami, collezionare farfalle o stampe cinesi, e qualunque cosa. Ed ognuno ha il diritto di seguire la propria passione, di parlarne e perfino di scriverne sui giornali (specie se ti pagano per farlo).

Capisco che la deformazione professionale porti ad enfatizzare gli eventi e trovare delle espressioni forti ed iperboli  per richiamare l’attenzione del lettore. Capisco pure che si ricorra a figure retoriche e fantasiose immagini per nobilitare un’attività ludica come il calcio o altri sport. Ma se dare calci ad un pallone diventa addirittura alta letteratura e per esaltare le gesta dei pallonari si ricorre ad azzardate similitudini ed accostamenti letterari con poeti e romanzieri, e  paragonando dei calciatori  a Manzoni o Dostoevskij, Leopardi o Baudelaire, allora c’è qualcosa che non va, si sta passando il limite del lecito. Le spiegazioni di questi strampalati paragoni giornalistici possono essere diverse. Ma sinceramente, stringi stringi, la spiegazione più plausibile è quella che sostengo da tempo: la gente è rincoglionita. Punto.

 

 

Razzismo, calzini e il Re di Rwenzururu

Oggi ti accusano di razzismo per un niente. Basta che guardi storto l’africano che vuole venderti calzini, salviette e accendini, e sei razzista. Qualunque atto, gesto, espressione, giudizio meno che benevolo nei confronti di un immigrato, specie se africano, è razzismo. Così alimentano il senso di colpa e favoriscono l’accettazione, volenti o nolenti, dell’invasione africana.

Sembra che la condizione per stabilire che si tratta di razzismo è che le parole o azioni siano rivolte ad un nero. Non conta tanto il contenuto di atti e parole, ma il soggetto al quale sono rivolti. Così, se tu dici che Tizio  faceva l’ambulante e vendeva calzini, non c’è niente di strano. Se però lo dici ad un nero è razzismo. Di esempi simili ormai ne abbiamo ogni giorno. Tempo fa toccò a Tavecchio, presidente Figc, che fu accusato di gravi insulti razzisti perché disse che un certi giocatori fino a poco tempo prima mangiavano banane e da un giorno all’altro arrivano in Italia e giocano in serie A. Voleva semplicemente dire che il mondo del calcio dà eccessivo spazio agli stranieri, anche sopravvalutandoli, a scapito dei giocatori di casa nostra. Ma tutti gli si scagliarono contro chiedendo le sue dimissioni. Basta che in uno stadio qualcuno faccia Booohhh nei confronti di un calciatore nero e scatta l’accusa di razzismo, si va incontro a sanzioni, multe e perfino alla squalifica del campo. In passato il tifo allo stadio non era certo più elegante. Ai giocatori avversari, e all’arbitro, si lanciavano accuse di ogni genere. Ma era solo tifo calcistico. Se, però, gli stessi insulti vengono rivolti oggi ad un calciatore nero, non è più solo tifo, ma è razzismo. Chiaro? Oggi abbiamo l’ennesimo esempio. Dopo il derby Roma – Lazio, giocata questo pomeriggio e vinto dalla Roma, il calciatore  Senad Lulic della Lazio ha fatto alcune dichiarazioni alla TV, riferendosi al calciatore della Roma Rudiger. E subito dopo scatta l’infamante accusa di “insulto razzista“: “Lulic attacca Rudiger“.

Cosa ha detto di così offensivo? Ha detto, riferendosi a Rudiger: “Già parlava prima della partita, due anni fa a Stoccarda vendeva calzini e cinture e adesso fa il fenomeno.”. Forse un’espressione poco elegante che poteva risparmiarsi. Ma è davvero così offensiva? Nel mondo del calcio si è sentito di molto peggio. E’ razzismo? Evidentemente sì, visto che sul Corriere già dopo poche ore compare in prima pagina con bella evidenza la notizia  riportata a lato in cui si definisce la frase di Lulic come “insulto razzista“. Già in passato ho evidenziato spesso questa strana interpretazione del termine “razzismo”. E faccio di solito degli esempi pratici per mostrare come la parola “razzismo” sia usata troppo spesso e quasi sempre a sproposito. Ma fa comodo perché così si blocca qualunque forma di espressione non proprio favorevole ai neri, all’immigrazione ed alla realizzazione della tanto agognata società multietnica.

Una settimana fa è stata riportata dalla stampa la notizia di violenti scontri etnici in Uganda e in Congo tra militari e milizie separatiste che sostengono il re di Rwenzururu: “ Uganda, 55 morti per indipendenza del Rwenzururu“. Non sapete dove si trova Rwenzururu? Tranquilli, non è grave.

Il re di Rwenzururu”; sembra il titolo di una favola per bambini. Mi scappa da ridere. Migliaia di anni fa in Europa si costruivano città, piramidi, torri, acquedotti, strade, teatri, regge, Troia, Atene, Roma faro di civiltà e Caput mundi, e le sette meraviglie del mondo. Grazie alle scoperte scientifiche ed al progresso tecnologico  siamo andati sulla Luna e stanno già programmando una missione su Marte. E questi, dopo 5.000 anni di storia e di evoluzione sono ancora nelle capanne di fresche frasche. Esattamente come li trovarono i primi esploratori europei che si avventurarono nell’Africa nera. Ma guai a parlare di superiorità della cultura occidentale; sarebbe razzismo. Guai a maltrattare un africano o solo non apprezzarne usi, costumi e tradizioni o non gradire l’insistenza nel volervi vendere cianfrusaglie. Guai a lamentarsi dell’arrivo continuo di migliaia di africani, e non essere disposti a sostenere con grande gioia le spese di soggiorno di questi ospiti non invitati. Guai a dire che bisogna fermare questa invasione che sarà devastante per la nostra civiltà. Basta e avanza per essere accusati di xenofobia e razzismo.

Poi vedi che in Africa sono sempre in atto gravissimi scontri etnici e tribali e si arriva ad autentici genocidi, come è stato in Ruanda e Sudan. Oggi gli scontri sono in  Uganda e Congo, ma sono molti i conflitti etnici e le guerre che insanguinano l’Africa dalla fine del colonialismo e sono in atto ancora oggi. Neri che ammazzano neri e sterminano  intere tribù e fanno pulizia etnica. Se però in Italia guardi storto un africano è razzismo. Se Tavecchio dice che certi giocatori mangiavano banane è razzismo. Se fai degli apprezzamenti non proprio entusiasti sull’estetica della Kyenge è razzismo. Se Lulic dice che Rudiger vendeva calzini è razzismo. In Africa non solo si guardano storto o si accusano di vendere calzini e di mangiare banane, ma si stanno sterminando a vicenda da decenni. E stranamente nessuno accusa gli africani di essere razzisti. Curioso, vero? Allora è inevitabile chiedersi se, forse, queste continue accuse di razzismo per sciocchezzuole insignificanti che con il razzismo non hanno niente a che fare, siano esagerate e fuori luogo e siano usate in maniera strumentale per mettere a tacere qualunque forma di critica nei confronti dell’invasione africana.

Calcio multietnico

Non siamo ancora una vera società multietnica, ma ci stiamo avviando molto velocemente a diventarlo; per la gioia degli amanti del meticciato, delle contaminazioni culturali, del sushi e del kebab. Poi, quando saranno scomparse le tracce dell’identità dei popoli, si apriranno musei per riscoprire le antiche tradizioni, usi e costumi.  Allo stesso modo, dopo decenni di innovazioni e distruzione del patrimonio culturale in nome del modernismo, e dopo aver abbandonato l’antica arte culinaria a favore di fast food, paninoteche  e prodotti industriali prelavorati, precotti, preadulterati e predigeriti, ora si va alla ricerca delle antiche ricette e dei rimedi naturali della nonna (oggi che ormai sono scomparse).   Così, in questo clima di tripudio multiculturale e multietnico, anche lo sport si adegua. Una volta dai tratti somatici degli atleti si poteva capire, per grandi linee, la loro provenienza e si distingueva chiaramente un europeo da un africano o un asiatico. Oggi non più. O meglio, le caratteristiche etniche sono chiare, ma non necessariamente corrispondono alla loro nazionalità. Così succede che se vedi un nero pensi che sia africano, ma invece scopri che è di nazionalità svedese.

Guardando questa foto, a prima vista, tutti scommetterebbero che si tratti di un gruppo di calciatori africani che esultano durante una partita; magari la Coppa d’Africa. Invece no, non possiamo dirlo con certezza. A meno che non siate dei veri appassionati e tifosi di calcio e conosciate benissimo questi calciatori, uno per uno. Altrimenti si può sbagliare facilmente. Questi a lato, per esempio, se non sbaglio, sono calciatori della nazionale francese. Oggi i calciatori neri sono presenti in tutte le squadre di calcio. Anzi, sembra che siano molto ricercati; più ne hai in squadra meglio è. Tanto che l’essere neri sembrerebbe una garanzia di classe e bravura; anche se in certi casi l’essere nero non basta (vedi Balotelli).

Finché queste presenze di stranieri sono nelle squadre di club, ormai diventate delle multinazionali del calcio (cedi l’Inter cinese o il Real Madrid degli arabi) poco male. Il guaio, però, è che la presenza di calciatori di origine africana la si vede anche nelle  rappresentative nazionali che dovrebbero essere l’espressione dell’identità di un popolo e di una nazione. Ed allora si pone un problema di rappresentanza dell’identità nazionale. Ora, per esempio, è in corso di svolgimento in Francia il Campionato europeo di calcio ed anche se non si è tifosi di calcio, volenti o nolenti, qualcosa la si  vede per forza. Ieri giocava la Francia con l’Albania. E questa a lato è la squadra della selezione francese nella quale, su 11 calciatori, sono presenti ben 6 giocatori di colore (di origine o provenienza africana o dalle ex colonie francesi d’oltre oceano). Da molto tempo la nazionale francese schiera numerosi giocatori di colore, scatenando le ire dei nazionalisti e le polemiche degli stessi tifosi francesi. Alcuni sono stati anche determinanti per i successi dei francesi; uno per tutti, Zidane, di origine algerine. Ma quando metà squadra è costituita da giocatori di colore, l’identità nazionale ne risulta fortemente sminuita. Avranno certo tutti i diritti di giocare nella nazionale perché in possesso della nazionalità francese, che si può acquisire in diversi modi, ma non si può affermare che rappresentino l’etnia, la storia, la cultura, lo spirito francese. Ed infine, forse, è anche una questione di misura; uno o due calciatori di colore passino, anche altre nazionali hanno in squadra giocatori di colore o di diversa etnia. Ma non si può avere mezza squadra fatta da neri e farla passare come nazionale francese. Sarà anche legale, ma culturalmente rasenta la truffa.

Pensate che si tratti di una coincidenza momentanea e che in futuro la nazionale francese potrebbe essere più “bianca”?  Allora guardate questa foto sotto dalla quale si evince che il futuro sarà ancora più nero; è la Nazionale francese Under 19 del 2012 con ben 8 giocatori di colore. La prima impressione è che si tratti di una squadra africana. Non vi sembra che i “galletti” stiano esagerando?  E non c’entra niente la società multietnica o il razzismo. Se questo è il futuro dello sport e le differenze etniche non hanno più alcun valore, allora tanto vale eliminare tutti i riferimenti nazionali, i tornei e campionati europei o mondiali, le Olimpiadi, le bandiere e gli inni nazionali. Altrimenti è solo  ipocrisia; e vedere  8 calciatori neri, su 11, cantare la Marsigliese, forse è in linea con le prospettive della società multietnica, ma sinceramente rasenta il  ridicolo.

 

Palloni e rasoi

Le parole sono importanti…”, diceva Nanni Moretti. Identificano e rappresentano una situazione, un atto, un pensiero; secondo l’uso possono aiutare a spiegare un concetto o renderlo intricato ed incomprensibile.  Il linguaggio e la terminologia usata caratterizzano una persona. Si può usare un linguaggio colto, aulico, ricercato, appropriato, elegante, forbito, oppure un linguaggio volgare da caserma. Sì, le parole sono importanti e, specie sui media, sono la perfetta rappresentazione del mondo che le genera, le usa costantemente e le adotta come linguaggio quasi specialistico da addetti ai lavori.  Così la politica ha un suo linguaggio, il cosiddetto “politichese“, che capiscono solo i politici (e talvolta neppure loro stessi). La scienza, la cultura, l’arte, hanno un loro linguaggio, spesso astruso per i profani.  Anche lo sport ha un suo linguaggio specifico e perfino le diverse discipline sportive adottano una terminologia specifica per descrivere i movimenti, la strategia, le azioni di gioco e gli attrezzi usati.

Anche il calcio ha una sua terminologia che, più che ricordare un semplice gioco col pallone, evoca scene guerresche, battaglie, assalti all’arma bianca, trincee da difendere o da conquistare. Sentire la cronaca di una partita è come  ascoltare un corrispondente di guerra. Per descrivere le azioni, i passaggi, i tiri in porta, si sprecano termini come bomba, attacco, cannonata, fucilata, rasoiata etc…” e quello che segna di più diventa automaticamente il “Bomber“.  Lo stadio non è un campo di calcio, ma un campo di battaglia in cui si scontrano i gladiatori moderni che lottano per la vita o per la morte.

Lo stesso linguaggio, ovviamente, viene usato sulla stampa. Ed ecco uno dei tanti esempi che possiamo vedere ogni giorno nella cronaca sportiva. Un tale Ilicic ha segnato un gol. Ma non si può dire semplicemente che “ha segnato“. No, sarebbe troppo semplice; bisogna esagerare, enfatizzare. Quindi non è un semplice gol, è una “rasoiata” che evoca nella mente  la classica scena del delitto con violenti schizzi di sangue che arrossano l’erba verde del prato. Di Natale, invece, si limita a confezionare una “perla“, così dal nulla e senza ostriche. E grazie a questo prodigio diventa addirittura “immortale“, un semidio!

Questo linguaggio esasperato, che a lungo andare esalta la folla dei tifosi e ne stimola ed accresce l’aggressività, è una delle cause delle violenze negli stadi e di conseguenze spesso tragiche. Ma non bisogna dirlo, altrimenti i giornalisti sportivi potrebbero offendersi, appellarsi alla libertà di stampa, al diritto di cronaca e, magari, potrebbero  lanciarvi una bomba o una rasoiata (metaforica, s’intende).

Balotelli spara ai tifosi

Balotelli ne ha fatta un’altra delle sue. Ieri ha pubblicato su Twitter una foto col fucile puntato verso l’obiettivo (e verso chi guarda) con il messaggio “Un bacio a chi mi odia“. Poi, a seguito delle proteste e degli insulti, l’ha eliminata.

Questo ragazzo ha dei seri problemi; dovrebbe farsi vedere da uno psicologo, ma che sia uno bravo. E’ convinto che gli italiani lo odino perché è nero. Sbaglia, ovviamente. Il suo non è un problema di colore della pelle, è un problema di testa. Non è antipatico perché è nero, ma perché è bizzoso, presuntuoso, infantile, immaturo, capriccioso e insopportabile come un bambino viziato che fa i dispetti per attirare l’attenzione. Grazie all’inconsistenza in campo, è stato in gran parte responsabile (insieme a Prandelli)dell’eliminazione della nazionale dai mondiali in Brasile. Se avesse un minimo di buon senso, se ne starebbe buono e tranquillo e aspetterebbe che passi la bufera e che la gente dimentichi la sua inqualificabile prestazione mondiale. Invece, che fa? Il giorno stesso dell’eliminazione, mentre i compagni restano nello spogliatoio a discutere sul disastro, lui, con le immancabili cuffie in testa che lo isolano dalla squadra e dal mondo, dopo 5 minuti dalla fine della partita lascia i compagni, se ne va solo soletto sul pullman e resta lì per due ore, finché non vanno a chiamarlo e lo costringono a tornare negli spogliatoi. Questo la dice lunga sul feeling fra il nostro “campione” ed i compagni di squadra.

Il giorno dopo, tanto per passare inosservato e fare la persona seria,  si tinge la cresta e la fa bionda. Poi si tinge di biondo anche le sopracciglia. E per rispondere a chi lo criticava posta un messaggio su Twitter dicendo che i negri non l’avrebbero mai scaricato, come hanno fatto gli italiani. E per chiudere in bellezza, offende il Paese che lo ha accolto e adottato, aggiungendo che “Meglio negri che italiani“. Provate voi a dire che “Meglio italiani che negri” e poi vediamo che succede. Dieci procure aprirebbero immediatamente un’inchiesta per gravissime offese razziste. Ma se Super Mario offende l’Italia e gli italiani non succede niente. E’ l’effetto del razzismo al rovescio che ormai domina la nostra cultura. Dopo due giorni, alla faccia degli sportivi italiani, come se niente fosse successo,  è già in vacanza al mare, a Miami in Florida (mica al lido di Ostia), e si mostra ai fotografi mentre fuma, felice e  sorridente  in compagnia della fidanzata Fanny. E ieri, per ingraziarsi la simpatia dei tifosi, fa finta di sparare a chi lo odia. Ma anche in questo caso non succede niente. Se qualcuno postasse una foto col fucile puntato e dedicasse foto e messaggio a Balotelli, finirebbe inquisito per razzismo, minacce ed incitamento alla violenza.  Se lo fa Super Mario non succede niente. Qualunque stupidaggine faccia finisce immancabilmente sempre in prima pagina, perché fa notizia, ma  tutto gli viene perdonato. Chiedetevi il perché. Vi sembra normale?

Tempo fa, in uno dei tanti post in cui parlo di questo “campione“, dissi che, secondo me, non solo non era quel gran campione che i media vogliono farci credere, ma che addirittura, a causa delle sue turbe caratteriali, poteva essere  un elemento di disturbo all’interno dello spogliatoio e creare attriti e tensioni fra i compagni, a scapito del rendimento generale. Visto come è finita in Brasile, direi che forse non mi sono sbagliato di molto; anche se nessuno ha dato importanza a questo fatto che può sembrare ininfluente, ma può risultare, invece, determinante sul rendimento della squadra e, quindi, del risultato finale.

Del resto lui vive in un mondo tutto suo. Lo abbiamo visto anche nelle riprese fatte sul campo prima delle partite. Mentre i compagni facevano gruppo e, tutti in cerchio, parlavano e mettevano a punto gli ultimi dettagli su tattica e schemi di gioco, lui, a debita distanza dal gruppo, sempre con le cuffie alle orecchie, vagava sull’erba pensando ai fatti suoi.  Comportamento inusuale, scorretto e irrispettoso nei confronti dei compagni. Ma nessuno degli “esperti” e commentatori televisivi, sia a Roma che in Brasile, che vedevano in diretta ciò che hanno visto tutti,  lo ha notato e si è chiesto il perché di quell’atteggiamento. Eppure sarebbe stata la domanda più logica e spontanea: “Perché, mentre tutti i compagni fanno cerchio e parlano fra loro, Balotelli con le cuffie alle orecchie resta da solo a 7 o 8 metri di distanza?“.

Stranamente nessuno lo ha notato. O forse hanno fatto finta di non notarlo per evitare di dover dare spiegazioni imbarazzanti e non in linea con l’idea del “campione” e fenomeno del calcio. Mentre altri allenatori e calciatori, vista la posta in gioco, passavano ore a visionare le cassette con le partite delle squadre avversarie (lo hanno riferito i corrispondenti in TV), per capire i moduli di gioco e studiare le contromosse, lui, ad un giornalista che gli chiedeva come intendesse affrontare la forte difesa della Costa Rica (quella che poi ci ha mandato a casa), tomo tomo e cacchio cacchio, risponde che “Non conosco la difesa della Costa Rica“. Vi sembra serio?

Gli altri passano ore a studiare le squadre avversarie, ma lui, cuffie alle orecchie, non se ne preoccupa, ascolta musica e non conosce la squadra che sta per affrontare. Questo è quello che i media fanno passare per campione, per fuoriclasse, per “fenomeno“, come lo definiva prima della disfatta il Corriere, affiancandolo a Messi e Neymar. Quello che è pagato a peso d’oro, guadagna miliardi e va agli allenamenti in Ferrari. Poi va  ai mondiali e non si prende nemmeno la briga di sapere contro chi deve giocare e quali sono le caratteristiche degli avversari. Sembra che sia andato in Brasile per farsi una vacanza. Il fatto che giocasse un campionato del mondo di calcio è  del tutto secondario. Questo è un campione? E’ un atteggiamento serio da parte di un professionista superpagato? E poi si meraviglia che sia antipatico?

No, caro ragazzo, non stai sulle palle, anzi sui palloni, perché hai la pelle nera, ma perché non ci sei con la testa. Ecco il tuo problema, le testa. A forza di sentirsi esaltato e glorificato come supercampione ed essere ogni giorno in prima pagina per le sue imprese quotidiane, si è montato la testa,  anche grazie, o soprattutto,  ai media che lo hanno pompato e ne hanno fatto un personaggio da copertina, non per i suoi particolari meriti sportivi (che non ha), ma perché è il testimonial ideale per la campagna terzsomondista, accoglientista, multietnica e multiculturale dei buonisti di casa nostra. E’ quello che continuo a ripetere da tempo.

 A quanto pare, visti anche i risultati della trasferta brasiliana, non avevo torto. Ora, pare che lo abbia capito anche Prandelli (Balotelli non è un campione). Un po’ tardi, ma anche il nostro  CT è arrivato a capire quello che avevano già capito milioni di italiani. Certo, sarebbe stato meglio se lo avesse capito un po’ prima. Invece, per sua stessa ammissione, per anni ha costruito una squadra e gli schemi di gioco, in funzione del “campione” Balotelli. Solo una questione tecnica, di capacità individuali dei calciatori o di moduli di gioco? Sicuri che fra i motivi che determinano la convocazione dei calciatori non ci siano anche, non dico pressioni, ma almeno amichevoli “suggerimenti” da parte delle squadre di appartenenza, della Federazione, degli sponsor e di chi sa quali altri interessi?

Qualcuno ricorda, giusto per fare un esempio del passato, i mondiali del Messico ’70 (quelli dell’indimenticabile Italia, Germania 4 a 3) e la famosa “staffetta” fra Mazzola e Rivera, che giocavano un tempo per uno? Siamo sicuri che fosse per motivi tecnici e tattici e non perché (come pensai allora e ne sono ancora convinto) dovevano giocare entrambi, perché uno dell’Inter e l’altro del Milan? Siamo sicuri che Prandelli abbia puntato su Balotelli come punta fissa e gli abbia costruito la squadra intorno, nonostante non fosse al massimo della forma e non  avesse mostrato un rendimento soddisfacente nelle partite di qualificazione ai mondiali,  perché è il più bravo fra gli attaccanti italiani e non per qualche altro strano e misterioso motivo? Sicuri, sicuri? Visti gli enormi interessi economici che ruotano intorno al mondo del calcio, io qualche dubbio ce l’ho; e me lo tengo.

Poi, fatto il patatrac, e riconosciuto che il suo “progetto tecnico” è miseramente fallito, anche lui se ne esce, tomo tomo e cacchio cacchio, a dire che “Balotelli non è un campione“. Tipica conclusione all’italiana; tutti sono pronti ad assumere incarichi, specie se ben retribuiti, anche senza avere particolari titoli, capacità e meriti, combinano guai e disastri (tanto paga Pantalone) ed al momento della resa dei conti e dell’assunzione delle responsabilità “Io non c’ero e se c’ero dormivo…”. L’Italia è il Bel Paese in cui, contrariamente a quanto recita il famoso detto popolare,  tutti rompono, ma nessuno paga.

Eppure, ad essere sinceri, anche altri osservatori avevano notato come questo presunto campione in realtà fosse un bluff. Del resto per capire se un calciatore è bravo o è un brocco, non c’è bisogno di essere grandi esperti, giornalisti di grido o aver soggiornato a  Coverciano. Basta un minimo di attenzione e guardare quello che succede in campo. Anche un bambino capisce che fra un Robben che macina chilometri, senza fermarsi un attimo, ed un Balotelli che sembra uno spaventapasseri (che, però, non spaventa nessuno), fermo, isolato, lento nei movimenti, che appena riceve la palla, invece che giocarla come un normalissimo attaccante fa e deve fare,  non vede l’ora di liberarsene, sbaglia anche i passaggi più elementari e che basta sfiorarlo o soffiargli addosso per farlo cadere, c’è una bella differenza. La differenza che passa fra un campione ed un bidone.

Esperti e pronostici.

In quanto agli “esperti“, quelli che vediamo pontificare in TV, dagli studi di Roma o di Rio de Janeiro, ve li raccomando. Hanno l’aria e la supponenza di chi ha la verità in tasca e sa tutto, ma proprio tutto del calcio. I loro giudizi sono incontestabili. Sono gli stessi che, prima dell’inizio del mondiale ogni giorno cantavano odi di gloria al Supercampione Balotelli, quello che  sarebbe “esploso” (così dicevano) con tutte le sue potenzialità e ci avrebbe regalato grandi soddisfazioni, gol a grappoli, vittorie e, forse, anche la coppa. Ecco, quelli, gli esperti.

Quelli che, prima della partita fra Spagna e Olanda esprimevano giudizi altamente positivi sui campioni del mondo in carica, sulle grandi doti individuali dei fuoriclasse spagnoli e sul fatto che avrebbero vinto facilmente la sfida con gli olandesi. Prima dell’inizio della partita, uno degli “esperti illuminati“, su richiesta del conduttore, fece il suo pronostico: Spagna-Olanda: 2 a 1.  Infatti, alla faccia degli esperti, l’Olanda strapazza la Spagna per 5 a 1! Altra previsione prima della partita fra Brasile e Germania. Grandi lodi ai supercampioni della “Selecao” (invece che dire semplicemente “Brasile“, esperti in studio e cronisti la chiamano così, “Selecao“, è più chic e fa tanto “esperto” e poliglotta). E infatti, alla faccia degli esperti e dei loro pronostici, succede quello che nessuno avrebbe mai immaginato: la Germania umilia il Brasile con un 7 a 1 che resterà nella storia del calcio brasiliano come un’onta, una tragedia nazionale.

Per tornare al nostro supercampione nazionale, per avere il sospetto che Super Mario non fosse proprio quel fenomeno che i media esaltano,  bastava leggere questo pezzo, uno dei tanti, apparso a marzo scorso, quando ancora si era in tempo per decidere sulle convocazioni per il mondiale: “Balotelli, il grande bluff; non è da mondiale“. Lo avevano capito in molti, ma pochi avevano il coraggio di dirlo.  I più facevano come le tre scimmiette. Che abbiano qualche interesse particolare a creare miti e campioni o distruggerli, o spingere e proporre alcuni calciatori invece che altri? Certe volte si resta allibiti davanti alla faziosità e partigianeria della stampa; e non solo di quella sportiva. Ma, come il cuore, anche la stampa ha delle ragioni che la ragione non comprende. Magari la “ragione” è solo quella di assecondare l’editore o di far cosa gradita ai grandi club (in qualche modo, prima o poi se ne ha un ritorno). Insomma, l’importante è portare a casa la pagnotta perché “tengo famiglia“. Non servono tante ragioni, questa basta e avanza.

Ora, però, dopo la figuraccia rimediata dalla nostra nazionale, costruita su Balotelli, molti hanno cambiato di colpo giudizi e atteggiamento, secondo il più classico voltagabbana italico. Ora Balotelli non è più quel grande campione, in realtà è bravo, ma non troppo, ha delle potenzialità, ma deve maturare,  forse è stato sopravvalutato, forse non è un fenomeno da paragonare a Pelé o Maradona. Insomma, poco ci manca che gli stessi commentatori che fino ad una settimana fa lo esaltavano, dicano chiaro e tondo che Balotelli è un bidone. Lo ha capito anche Berlusconi il quale ha dichiarato che il Mondiale lo ha perso lui, perché doveva vendere Balotelli per 35 milioni, ma dopo la sua disastrosa prova brasiliana, ne vale la metà (e a quanto pare nessuno lo vuole più). E bravo Berlusconi, un altro che lo ha capito troppo tardi, forse a causa dei primi sintomi di senescenza. Ma, come ha dichiarato Apicella due giorni fa, “Ormai Silvio non è più quello di una volta“. Appunto.

Eppure anch’io, che non sono esperto di calcio, non vado allo stadio, non sono nemmeno tifoso secondo l’accezione comune, non sono un assiduo frequentatore del  bar dello sport e non passo ore a discutere di schemi, moduli e tattiche (al massimo, per quel pizzico di campanilismo che abbiamo in dotazione, se vince la squadra della mia città mi fa piacere, se perde pazienza), qualche sospetto sul valore di questo ipotetico fuoriclasse lo avevo e lo scrissi il 31 gennaio 2013 in questo post “Razzismo e danza della pioggia“.

Prendevo spunto da un articolo comparso su Repubblica, in cui, come si fa da anni,  si esaltava il valore di Super Mario ed il suo ritorno in Italia. Un grande colpo di mercato, secondo Repubblica che titolava: “Balotelli al Milan; che colpo!”. Per la cronaca, venne acquistato per 20 milioni di euro, più 3 di bonus con un contratto che garantiva al nostro “campione” un quadriennale da 4 milioni all’anno. Capito, cari italiani pensionati, precari, disoccupati, cassintegrati, che fate fatica a abarcare il lunario? Ecco perché poi questi pallonari si montano la testa e viaggiano in Ferrari; li pagano con 4 milioni all’anno, 8 miliardi delle vecchie care lirette. Alla faccia dei tifosi che si identificano in questi idoli fasulli e per difendere squadra, maglie, colori sociali e calciatori, si scannano fra ultras delle curve (e qualche volta ci scappa il morto) e rinunciano ad altre cose più importanti per pagarsi l’abbonamento allo stadio o per seguire le loro imprese pedestri su canali TV a pagamento.

Ecco cosa scrivevo in quel post: “Super Mario (così lo chiamano) è stato acquistato dal Milan. Così il calciatore che una ne fa e cento ne pensa (ma nessuna decente), torna in Italia. Insomma, esportiamo cervelli ed importiamo… pallonari. Sfido io che, come le palle, anche l’Italia vada a rotoli! Sempre in prima pagina per le sue trovate e intemperanze giovanili che destano scalpore, nonché critiche anche dure, dopo le avventure inglesi, ora verrà ad inventarsene di nuove direttamente in patria. I tifosi milanisti esultano. Io non sarei così entusiasta. Aspettate e vedrete. Non vorrei che qualcuno  (uno a caso, Berlusconi) debba presto pentirsi amaramente del nuovo acquisto. Ma tutti i quotidiani titolano “Colpo del Milan“. Sì, colpo di sole. Ancora più grave perché preso in pieno inverno.”.

Appunto. Ora siamo giunti alla resa dei conti. Prandelli riconosce che Balotelli non è un campione, ma ormai il disastro è fatto. Ed anche Berlusconi si è pentito di non averlo venduto prima e, quasi certamente, si era già pentito di averlo acquistato; troppo tardi. Questo è un altro vizietto che purtroppo ci costa molto caro: commettere gravissimi errori e dover aspettare anni prima di capire e riconoscere di aver sbagliato. Quando lo si capisce, purtroppo, è ormai tardi per riparare. Lo stesso errore che stiamo commettendo in politica, dando credito a ciarlatani e sbruffoni, a ruffiani, portaborse, mezze calzette, corrotti e corruttori, venditori di fumo, piazzisti e pifferai magici. Lo stesso tragico errore che stiamo commettendo, incuranti delle conseguenze devastanti per l’intera società, con una scellerata campagna buonista che ogni giorno esalta le delizie dell’immigrazione indiscriminata (sono “preziose risorse” dicono Kyenge e Boldrini, mentre tutti i buonisti fanno eco in coro), dell’accoglienza, della tolleranza, dell’integrazione e di una società multietnica e multiculturale che segnerà la fine della civiltà occidentale.

Diamo tempo al tempo. Così come per i “campioni bluff“, arriverà il giorno in cui qualcuno si renderà conto del gravissimo errore, dei danni prodotti da questa ideologia sciagurata, magari riconoscerà le proprie responsabilità (ma non è detto) e forse emigrerà in Turchia. E gli italiani? Beh, agli italiani non resterà che rimuovere le macerie, pagare i danni e ricominciare da capo. E siccome non è scontato e non è sempre vero che dagli errori si impara, cominceranno a seguire i nuovi pifferai che nel frattempo hanno preso il posto di quelli vecchi e ci porteranno alla prossima tragedia. Ammesso che ci siano sopravvissuti.

Qui alcuni post su Balotelli: “Balotelli News“.

 

Gigi Riva e Van Persie

Gigi Riva al San Paolo di Napoli, novembre 1969: Italia – Germania est 3 a 0.  Ecco cosa mi è venuto in mente vedendo lo spettacolare gol segnato dall’olandese Van Persie contro la Spagna. Non sono un patito di calcio, ma quell’immagine resta sempre nella memoria, mia e di tutti i tifosi italiani (e sardi in particolare). E vedendo il gol dell’olandese, giuro che la prima cosa che ho pensato è stato tornare a quel gol di Riva al San Paolo. Ecco perché mi sono sorpreso, e un po’ inc…to, vedendo questo box …

Quel gol di testa al volo sarebbe un’idea di Aldo, Giovanni e Giacomo? Ma che dite? E meno male che quel video, ed il commento, deve essere stato pubblicato da un tifoso di calcio, un esperto. O sono tifosi dalla memoria corta oppure sono tifosi di ultima generazione, quelli cresciuti a merendine e Playstation. Dice il testo (vedi articolo): “L’acrobazia dell’attaccante olandese contro la Spagna è uno dei gol più belli di questo mondiale ed è già un cult sul web grazie a  numerose parodie: alcuni hanno accostato il colpo di testa volante di Van Persie alla rete segnata da Aldo nella celebre partita sulla spiaggia del film ‘Tre uomini e una gamba“. Giusto, può ricordare anche  quella scena.  Ma citare i tre comici come ideatori di quella prodezza (costruita sul set), dimenticando il capolavoro (reale) del grande Gigi Riva è quasi un insulto alla storia del calcio ed alla memoria dei tifosi.

Mi son preso la briga, quindi di vedere se in rete ci fosse  traccia di quella partita, che fu decisiva per la qualificazione ai mondiali di calcio del ’70.  E per fortuna ho trovato un lungo articolo dedicato proprio a quella partita ed alla prodezza di Riva. L’articolo, sul sito Storie di calcio,  potete leggerlo qui: “Riva e quel tufo nel futuro“. E questa è la splendida immagine  che ha immortalato Gigi Riva sospeso a mezz’aria, mentre segna uno dei gol più belli della storia del calcio.


E’ anche più bello, più spettacolare e più difficile di quello di Van Persie, perché Riva si gettò al volo, con un tempismo incredibile ed una coordinazione eccezionale, su un lungo passaggio teso da destra del suo compagno di squadra nella nazionale e nel Cagliari, l’infaticabile Domenghini; un passaggio che arriva in area a mezza altezza e, quindi, impossibile da prendere in altro modo, se non con quella strabiliante invenzione di Riva.  Ma Gigi era Gigi. Non si dava arie, non viaggiava in Ferrari, non aveva la cresta in testa, non si limitava a fare la bella statuina in campo, non si liberava subito della palla passandola agli altri, ma da attaccante vero lottava su tutti i palloni giocabili, non cadeva al minimo contatto con l’avversario (cadevano gli avversari), non lo pagavano con vagonate di miliardi e non era in vendita al miglior offerente; nonostante le offerte di ingaggi favolosi non ha mai lasciato la maglia del Cagliari. Altri tempi, altri calciatori, altri uomini. (Ogni riferimento a personaggi del calcio di oggi e ad attaccanti bizzosi, infantili, presuntuosi, irascibili, irritanti, supervalutati e strapagati è puramente…intenzionale)

Per fortuna in quel sito c’è anche un breve video di quella impresa dell’Italia al San Paolo di Napoli, con le reti di Mazzola, Domenghini ed il volo d’angelo di Riva. Eccolo qui sotto, tanto per dovere di cronaca, per mostrarlo a chi non l’ha mai visto ed a chi deve rinfrescarsi la memoria. Aldo, Giovanni e Giacomo saranno anche bravi comici, ma se si deve cercare un precedente al gol di Van Persie, il precedente è solo uno, quello di  Rombo di tuono, come lo definì Gianni Brera;   sempre lui, unico, grande, inimitabile…Giggirriva.