Mozart porno

L’opera “Così fan tutte” di Mozart vietata agli studenti di Ascoli: “Mozart è troppo osé“. Questa è l’opinione di alcuni professori di Ascoli che ritengono l’opera troppo esplicita sessualmente ed hanno negato la visione agli alunni. E dire che fino ad oggi nessuno se ne era accorto. Poi vieteranno la visione del Don Giovanni, troppo libertino. Poi La Traviata, storia di una mantenuta. E poi vedremo, l’elenco è lungo.

Mozart sesso

Vuoi vedere che Mozart e le sue opere saranno qualificate come opere per adulti, vietate ai minori,  e finiranno su YouPorn? In negozio i CD delle opere di Mozart li troverete nella sezione porno, vicini ai film di Rocco Siffredi e Moana Pozzi. Ma dove vivono questi professori; ad Ascoli o in un remoto eremitaggio sugli Appennini?

Eppure basta guardarsi intorno e vedere che oggi il sesso dilaga dappertutto. I media sono intrisi di messaggi e scene erotiche e i social sono vetrine di esibizioniste smutandate ansiose di mostrare al mondo la passerina (con o senza farfallina a livello pubico). Anche la stampa “seria” fa a gara a pubblicare in prima pagina selfie di nudità varie e richiami a tutto ciò che riguarda il sesso e dintorni. Richiama l’attenzione dei lettori, dicono, sono specchietti per le allodole; insomma, richiami per uccelli vari di passaggio o stanziali.

La TV è una vetrina quotidiana h24 di sesso e violenza; spettacolo, intrattenimento, satira e comicità sono un’enciclopedia di battutacce da caserma e di tutte le possibili allusioni sessuali. A scuola si fa educazione sessuale, cultura gender e… lezioni di autoerotismo e masturbazione. Luxuria va in un liceo di Modena a tenere una lezione di transessualità e parlare delle delizie della sodomia (così si chiama; cercano di mascherarsi chiamandosi gay, ma sempre sodomiti sono). In Spagna già dieci anni fa  distribuivano nelle scuole manuali di istruzione sulla masturbazione (Vedi “La Spagna si masturba“). E questi si scandalizzano per un’opera di Mozart che sarebbe “troppo esplicita“? Vi è andato in pappa il cervello; fatevi controllare perché potrebbe essere un problema serio.

Dieci anni fa nel post “La vagina di Rosalinda” (articolo fondamentale nella storia del giornalismo (per un pelo non ha vinto il premio Pulitzer) e  comparso sulla Home del Coriere.it che ci informava sulle abitudini sessuali di Rosalinda Celentano) scrivevo: “Ormai non ci si stupisce nemmeno che la gente senta il bisogno di far conoscere al mondo la propria vita sessuale. Sembra diventato un gioco di società. Su un altro quotidiano, ancora ieri, Ornella Muti sentiva l’esigenza incontrollabile di raccontare che lei ama fare sesso perché così si mantiene giovane. E così tutte le altre attrici e attricette o aspiranti tali, VIP e aspiranti VIP, tutte pronte a mostrarsi senza veli e raccontare i propri gusti sessuali, la frequenza, le performances, la prima volta, la seconda, la terza e l’ultima, dove, quando, con chi lo fanno e quante volte.”. E questi professoroni ascolani DOP, come le olive, nel 2018 si scandalizzano per “Così fan tutte”?

Non so perché, ma deve esserci una strana e morbosa relazione fra l’opera lirica ed i simboli sessuali. Frequento il teatro fin da ragazzo, in particolare proprio gli eventi musicali.  Ma non avevo mai notato questa simbologia nascosta nelle opere liriche. Finché un giorno non sono capitato per caso, su un sito di psicanalisi. Ed ho scoperto che…leggetelo qui: “Psicanalisi e peni volanti” (2006)

Magari censureranno anche il Flauto magico perché può essere un simbolo sessuale, come il clarinetto di Renzo Arbore.  Consoliamoci con l’aria della  Regina della notte…prima che la censurino perché nasconde  chissà quale simbologia sessuale.

Vedi

Povero Mozart, conti meno di DJ Francesco. (2005)

NudoEdera

Milite Ignoto ed il Piave

Il 4 novembre, in tutta Italia, si svolgono cerimonie per la festa delle Forze Armate e per la celebrazione della Vittoria nella Grande guerra. Per una volta che abbiamo vinto è giusto ricordarlo. Non vincevamo una guerra dai tempi dell’impero romano! Immancabile l’omaggio al “Milite Ignoto“, presso l’Altare della Patria.

altare-della-patria-a-Roma

Poco o niente sappiamo di questo “Ignoto” (altrimenti non sarebbe ignoto). Ma se la Patria riconoscente gli ha dedicato un colossale monumento deve aver avuto dei meriti particolari. E’ probabile, visto che è Ignoto, che appartenesse ad un reparto speciale dei servizi segreti. Infatti è così segreto che nessuno ha ancora scoperto chi sia. Ma una cosa è certa: era un grande amatore. Ha avuto un numero incalcolabile di donne, roba da far impallidire Don Giovanni e Casanova.

In verità non lo si può definire propriamente un galantuomo, anzi. Aveva la pessima abitudine di sedurre le malcapitate fanciulle e poi abbandonarle con il frutto della colpa. La prova? Semplice, non c’è città d’Italia che non abbia un orfanotrofio o un brefotrofio che ospiti bambini abbandonati o senza padre. Decine, centinaia, migliaia di bambini, tutti figli di padre… Ignoto. E bravo Ignoto: ce la siamo spassata, eh?

Il Piave mormorò

Il Piave mormorò: non passa lo straniero.” E’ il verso più noto della canzone “La leggenda del Piave”, una celebre composizione del 1918 di E.A.Mario, pseudonimo di Ermete Giovanni Gaeta, autore delle parole e della musica. ( note biografiche)
Un ministro del tempo disse: “La Leggenda del Piave giovò alla riscossa nazionale molto più di un generale, e valse a dare nuovo coraggio ai soldati, quanto mai demoralizzati per la ritirata di Caporetto”.

Questa canzone fu talmente amata, anche nei decenni successivi alla grande guerra, che “rischiò” di diventare l’inno nazionale. L’idea fu di De Gasperi, quando l’inno di Mameli era stato adottato come inno provvisorio (e provvisorio, come molte delle cose “provvisorie” d’Italia, è rimasto per 60 anni; solo di recente è stato ufficializzato), il quale propose al compositore di scrivere un inno della Democrazia cristiana, garantendo, in cambio, che avrebbe proposto di adottare “La leggenda del Piave” quale inno nazionale. Ma il nostro autore, poco disponibile a compromessi e scambi di favori, rispose che lui scriveva solo con il cuore e non su commissione. E non se ne fece niente.

Mi sembra un doveroso atto di omaggio ricordare oggi questa suggestiva canzone ed il suo autore, uno dei più prolifici della storia della musica popolare italiana. Ma vuole essere anche un omaggio alla memoria di tutti i caduti della Grande guerra (furono 600.000). Potrebbe sembrare retorico, ma ogni tanto non guasta ricordare che c’è stato un tempo in cui i ragazzi non inseguivano falsi miti e il facile successo; non c’erano reality e talent show, non c’erano imbonitori televisivi. Allora li chiamarono “I ragazzi del ‘99” (vedi “La meglio gioventù“) ed oggi vengono ricordati giusto da qualche indicazione toponomastica. Ma loro, niente più che “ragazzi” andarono al fronte e molti di essi ci lasciarono la vita. In quegli altopiani carsici combatterono i nostri nonni e molti non tornarono più a casa. Alla loro memoria è dedicata questa canzone: “La leggenda del PiaveGiovanni Martinelli 1918). La versione del video sotto è cantata da Aurelio Gabrè; più conosciuto semplicemente come Gabrè.

Oggi, guardando la situazione di totale sbandamento e degrado in cui versa la nostra Italia, ripensando a quei 600.000 morti, viene spontaneo chiedersi per chi e per cosa siano morti i nostri nonni ed i Ragazzi del ’99. Per lasciare l’Italia in mano ad immigrati africani, arabi, asiatici, cinesi, zingari e disperati del terzo mondo? Credo che in molti si stiano rivoltando nella tomba. Lasciare che l’Italia sia invasa dai nuovi barbari è un oltraggio alla memoria di quei caduti.

La campana di San Giusto“canzone patriottica del 1915, conosciuta anche come  “Le ragazze di Trieste“, è cantata da Anna Identici.

Tali e quali

C’era una volta un tale che era tale e quale il padre. Vedendoli insieme la gente esclamava: “Tale il padre, tale il figlio”. Tali e quali. Il padre era tale e quale il figlio, ed il figlio era tale e quale il padre. Tanto che era difficile stabilire chi fosse tale e chi fosse quale; e spesso si scambiava tale per quale e quale per tale. Questo tale, però, era tale e quale un altro tale di un vicino villaggio.
Ed anche questo secondo tale era tale e quale il padre. Il padre di questo secondo tale, essendo tale e quale il figlio, che era tale e quale al primo tale, il quale, a sua volta, era tale e quale il padre, era, quindi, tale e quale il padre del primo tale.
Ma anche il primo tale, essendo tale e quale il padre, che era tale e quale il padre del secondo tale, il quale era tale e quale il figlio, era, quindi, tale e quale il secondo tale. Erano tutti tali e quali.
Ora avvenne che il primo tale ebbe un figlio che era tale e quale il padre e poiché il padre era tale e quale suo padre anche il figlio di tale era tale e quale il padre e tale e quale il nonno.
Avvenne poi che anche il secondo tale ebbe un figlio che era tale e quale il padre.
E così…ma è una lunga storia che andò avanti per anni e anni e per generazioni; e vissero tutti a lungo, felici e tali e quali. Questa storia è tale e quale un’altra storia che cominciava così: “C’era una volta un tale che era tale e quale il padre…”. Tale e quale.

gorilla3

 

 

Ungheria, Czardas e tam tam

Il premier ungherese Orban è stato accusato di razzismo per aver chiuso i confini ungheresi all’immigrazione, specie se proveniente dall’Africa sub sahariana, e rischia pesanti sanzioni da parte dell’Europa: “Europa condanna Orban.

Ma perché gli africani sono così ansiosi di andare in Ungheria? Deve esserci qualcosa in Ungheria che li attira in maniera particolare, qualcosa di caratteristico. Ora, le specialità ungheresi sono in particolare due: il gulash e la czarda. Immagino, quindi, che sia per una questione di affinità culturali, artistiche o gastronomiche. Posto che il gulash possono farselo a casa, o ordinarlo su Amazon che ve lo consegna a casa nel giro di poche ore anche al Polo nord, resta solo la musica, la czarda. Pare che gli africani abbiano una passione particolare per le csardas, la tipica danza popolare ungherese che ha ispirato grandi musicisti come Brahms (Danze ungheresi),  Franz Liszt (Rapsodie ungheresi) e operette celebri come “La principessa della Czarda” o “La contessa Maritza” di Emmerich Kalman o autentiche perle come “Czardas” di Vittorio Monti.

E’ vero che sono abituati più al tam tam che ad altre forme musicali, ma hanno tanti grandi compositori che hanno creato opere immortali, come…mmm, come…mmm, beh, ora ho una piccola amnesia e non ricordo i nomi, ma se ci penso mi vengono in mente tanti capolavori. E poi fra il Tam tam e l’operetta non c’è poi tanta differenza. Sono solo espressioni di diverse culture musicali. Dicono che dobbiamo integrarci e diventare una società multietnica. Ma voi pensate davvero che Tam tam e valzer viennese possano integrarsi? Se lo pensate datevi una controllatina, perché c’è qualcosa che non funziona perfettamente a livello mentale. Magari bisogna fare una revisione o una pulizia alle sinapsi intasate.

Tam tam

E, come dicono Bergoglio, Kyenge, Boldrini e le anime belle terzomondiste e multietniche, non esistono culture e civiltà  superiori e inferiori. Beethoven, Strauss, Chopin, Tam tam  danza della pioggia sono solo diverse espressioni musicali. C’è chi ci crede. Non siete convinti? Guardate questo video: “Tutto è ritmo“, dice convinto ed orgoglioso il commentatore (in verità il senso del ritmo c’è, gli manca solo tutto il resto). E se lo dice lui…vuol dire che fra ascoltare il tam tam o un valzer viennese  o un’aria da un’operetta di Strauss, o Lehar (Meine lippen) non c’è differenza. Chiaro?

Esempio: Le onde del Danubio del compositore romeno Josif Ivanovici:

A pensarci bene, non conviene perdere tempo e rodersi il fegato parlando delle sanzioni a Orban, del lassismo e della cecità di un’Europa che, invece che cercare di impedire l’invasione africana,  punisce chi vi si oppone e cerca di limitarne i danni. Chi vivrà vedrà, ma sarà troppo tardi per rimediare.

Intanto, in attesa della tragedia finale e di una integrazione impossibile con chi non abbiamo niente da condividere, meglio godere della bellezza della vita e allietare lo spirito e la vista guardando un breve brano dall’operetta di Kàlmàn; una delle più celebri e amate dal pubblico. Ecco la celeberrima aria di Silva.  L’interprete non è una cantante qualunque, è la brava  e bellissima Anna Moffo in tutto il suo splendore di cantante e di donna.

Vedi anche

– “L’ora d’amor

– “Wiener blut

La contessa Maritza” (completa) di Kàlmàn

Chiudiamo in bellezza con un altro celebre valzer: Second waltz di Dmitri Shostakovich

 

 

 

 

Genova per noi

Il sindaco di Genova, Marco Bucci, non si lascia abbattere dalla tragedia del crollo del ponte Morandi. Anzi rassicura i genovesi e dice che Genova saprà reagire e “ne uscirà più forte e più bella“. Proprio quello che diceva Nerone (secondo Petrolini) ai romani per rassicurarli dopo l’incendio della città: “Roma rinascerà più bella e più superba che pria.”.

“Il popolo, quando si abitua a dire che sei bravo, pure che non fai niente, sei sempre bravo.” (Nerone – Petrolini).

 

 

Ma se ghe pensu (Gilberto Govi)

Think: Aretha Franklin

E’ morta ieri a Detroit Aretha Franklin, la “regina del soul“. Di solito non parlo della musica pop, ancora meno dei cantanti pop; scriverei solo insulti. Ma Aretha fa eccezione. Merita un pensiero ed un omaggio. Una delle poche vere grandi della musica. Non quei personaggi del pop famosi per le loro esibizioni scandalose a base di luci, fumi ed effetti speciali, più che per le qualità musicali. E non faccio nomi per carità cristiana. Fra le sue canzoni ce n’è una famosissima che, immagino, tutti conoscono; la sua interpretazione di “Think“, una perla all’interno di quel capolavoro che è “Blues Bothers” del 1980.  Ma se qualcuno non la conoscesse, magari i più giovani, ecco la famosa scena. Giusto due mesi fa, il 15 giugno, è morto anche Matt “Guitar” Murphy, che compare con Aretha nel video, interpretando il ruolo del cuoco che vuole lasciare la cucina per tornare a suonare con la Banda dei Blues Brothers.

Vedi anche “I Say a little prayer“. Visto che ci siamo vediamo anche un’altra mitica scena da Blues Brothers, in chiesa con James Brown  e l’illuminazione divina: “La banda“. “Siamo in missione per conto di Dio“.