Cirinnà e il Pi greco

Oggi si celebra la giornata del Pi greco (π). Pian piano stanno cambiando il calendario sostituendo ai nomi dei santi le giornate di festività laiche. Per non dare troppo nell’occhio hanno cominciato con festività facilmente condivisibili: festa della mamma, festa del papà, festa degli innamorati, festa dei lavoratori, etc. Fa parte del progetto per cambiare radicalmente la società occidentale, cancellando ogni riferimento a cultura, tradizioni, religione. Vogliono creare un nuovo mondo a misura di meticciato, di cultura gender, di gay, lesbiche, trans, sessualmente confusi, ,musulmani, invasori africani e ibridi umani atei e unisex.  Ci stanno lavorando da anni, con una precisa strategia scientifica (vedi “Finestra di Overton“), nell’indifferenza generale di chi crede, ingenuamente, che certe battaglie culturali, ossessivamente proposte dai media, siano promosse per spirito umanitario, uguaglianza e diritti umani.

Pi greco

Così oggi, 14 marzo 2019, non è Santa Matilde, ma è il “Giorno delpi greco” (3,14159). Poi festeggeranno il giorno della radice quadrata, poi quello delle parentesi quadre, quello delle tabelline, poi si vedrà, secondo fantasia. L’importante è eliminare i santi. E Cirinnà? Eccola qui, sorridente e soddisfatta di mostrare il cartello in cui paragona Dio, la patria e la famiglia alla merda (molto fine e simpatica, vero? E’ il suo stile). Oltraggio, vilipendio, blasfemia, c’è di tutto in quel cartello. Se lo facesse uno sfigato di destra lo sbatterebbero in galera senza processo e butterebbero la chiave. Ma se queste cose le fanno gli idioti di sinistra è tutto concesso; sia perché sono di sinistra e possono contare sulla benevolenza della magistratura, sia perché hanno l’attenuante di essere idioti (basta guardarli in faccia). Per restare in tema di matematica “Idiozia e sinistrume sono termini direttamente proporzionali; al crescere di uno cresce anche l’atro, in maniera esattamente proporzionale”.

cirinnà Dio

Nel precedente post “Vauro, che faccia da…” ricordavo le disavventure di chi osa in Italia fare satira sulla sinistra (Forattini e vignetta su d’Alema: Satira libera? Dipende.) o fare accostamenti ironici (Calderoli, Borghezio) su personaggi intoccabili, sempre di sinistra (Satira da morire). Basta accennare a vaghe somiglianze fra neri e  primati, o fare allusione alle banane, e si  rischiano pesanti sanzioni e condanne penali.

Ora, però, qualcuno dovrebbe spiegarci quali sono (se ci sono) i criteri per giudicare la legittimità ed i limiti dell’ironia,  della satira e della libertà di espressione. Se Calderoli accenna a somiglianze fra  la Kyenge e un orango è una gravissima affermazione razzista (e come tale, gravemente punita), se Borghezio accenna all’inferiorità della cultura africana viene condannato a 18 mesi ed a pagare 50.000 euro di danni. Se dei tifosi di calcio fanno buuu verso un calciatore nero si ferma la partita, si squalifica il campo e tifosi e società pagano le conseguenze; se dei vignettisti francesi fanno delle caricature di Maometto succede un finimondo, si fa una strage nella redazione della rivista Charlie Hebdo (12 morti e 11 feriti) e  si bruciano chiese con i cristiani dentro.

Se, invece, Cirinnà accomuna Dio alla merda non succede nulla: è libertà di espressione; o magari è umorismo e satira. Qualcuno ce lo spiega? Provate a fare voi un cartello simile, sostituendo Dio con Maometto. E poi vediamo cosa succede. Ma da questa Cirinnà non ci si può aspettare niente di meglio. Ricorda la battuta di Sgarbi  su Rosi Bindi: “E’ più bella che intelligente”. Mi è venuta in mente a proposito del Pi greco; c’è una relazione.

Qualche anno fa la intervistarono, insieme ad altri parlamentari ponendole delle domande semplicissime di matematica, geografia e cultura generale. Per sintetizzare; non sapeva quanto fa 9×9, confondeva Pitagora con Archimede e non sapeva cosa fosse il Pi greco. Ecco, ci siamo arrivati, nel 2013 le dedicai un post “L’onorevole ed il pi greco“. tanto vale riportarlo:

L’onorevole ed il pi greco (2013)

Ma quanto fa 9×9? Lo sanno tutti i bambini delle elementari. Poi crescono, diventano onorevoli e dimenticano le tabelline, la geometria e confondono Pitagora con Archimede. Ecco perché poi sbagliano i conti degli esodati, dell’IMU, del debito pubblico e per compensare gli errori dei bilanci di previsione devono sempre aumentare le tasse. Già anni fa un servizio delle Iene dimostrò il livello di ignoranza dei nostri parlamentari. Ed ogni volta che qualche cronista d’assalto rivolge agli onorevoli delle domande un po’ inusuali, che mettono a dura prova le loro conoscenze, casca l’asino; è proprio il caso di dirlo.

Ogni giorno alle 20.30 su Rete 4 va in onda Quinta colonna che si occupa di temi politici e di attualità. Dura circa 40/45 minuti e la puntata si chiude con un brevissimo servizio che stila una divertente classifica che riguarda solitamente il mondo della politica. Si va dalle risse in Parlamento alle scuse più frequenti per giustificare le spese pazze, dalle case da sogno agli amori dei leader.

Pochi giorni fa è stata la volta di un breve servizio di Nausica Della Valle che intervista alcuni parlamentari mettendo alla prova le loro conoscenze in matematica. Poche domande e risposte imbarazzate. Qualcuno risponde che 9×9 fa 72 (e ride), un altro si ingarbuglia sulla differenza fra seno e coseno (e lo trova divertente), un terzo non ricorda come calcolare l’area del quadrato (sembra fare i disegnini nella mente e ride), un altro ancora non sa cosa siano i numeri primi (e scappa ridendo), un altro ha un’idea molto approssimativa della tangente (e ride). Ridono tutti. Ignoranti sì, ma ilari, hanno il riso facile. “Risus abundat in ore stultorum“, dicevano i nostri saggi antenati.

Vince la speciale classifica Monica Cirinnà del PD che confessa candidamente di non sapere quanto fa 9×9, identifica il teorema di Pitagora con il Pi greco e cerca di spiegarlo citando confusamente ed a sproposito la legge di Archimede sui corpi immersi in un liquido: “la linea di galleggiamento è inversa al suo peso…” (!?), dice.

Una specie di miscuglio male assortito, indefinibile, incredibile ed inaccettabile da parte di gente che guadagna cifre esorbitanti a carico dei cittadini, che usufruisce di privilegi indecenti e che non conosce nemmeno le tabelline elementari, non sa cosa sia il PI greco e confonde Pitagora con Archimede. Ma dove hanno studiato, nel Burundi? O forse, come dicevo nel post “Cuperlo ed il complesso di superiorità”, si sono laureati a Tirana, come il Trota? E forti di tanta ignoranza, ogni giorno, mattino, pomeriggio e sera, saltano da una poltrona all’altra nei salotti televisivi a blaterare del nulla, con l’aria insopportabile dei sapientoni, e fanno finta di occuparsi di politica.

Questi sono i nostri rappresentanti, quelli che dovrebbero essere i migliori. Quelli che grazie ai principi fondamentali della democrazia ed a norme e leggi assurde e senza alcun fondamento logico e razionale, che sembrano fatte apposta per favorire i furbi e gli arrivisti senza scrupoli, consentono a chiunque, anche allo scemo del villaggio (lo dice la democrazia e la Costituzione), di entrare in Parlamento e governare l’Italia; senza presentare titoli, attestati e credenziali, senza dover superare alcun esame, selezione o test attitudinale, nemmeno un quiz da Settimana enigmistica.

Anche per fare i netturbini…pardon, gli “operatori ecologici” bisogna superare preselezioni, selezioni ed esami. Anche per assumere una “collaboratrice familiare” si richiedono delle referenze. Per fare i parlamentari non è richiesto niente. La democrazia dice che anche gli idioti possono andare al governo. Caligola nominava senatore il suo cavallo, noi mandiamo in Parlamento gli asini. E’ l’evoluzione della specie. Bella la democrazia: i furbi l’hanno inventata (e la sfruttano a loro favore; dicono che sia il miglior sistema possibile) e gli ingenui ci credono. E le conseguenze si vedono.
Vedi qui il video: “Politici e matematica“.

Vedi “Onorevoli?” (2014)

– Alcuni post su “Satira e dintorni

MIgranti e Finestra di Overton“; come funziona la manipolazione dell’informazione per condizionare,  controllare e indirizzare l’opinione pubblica.

 

– Vedi “Overton e Bergoglio“.

Finestra di Overton; come funziona.

Vauro, che faccia da…

Ecco l’ultima vignetta di Vauro, pubblicata oggi sul Giornale; quello che è convinto di essere spiritoso, ironico, divertente. Insomma è convinto di qualcosa; e tanto gli basta. Non passa giorno che Salvini non sia sotto attacco mediatico con insulti, accuse varie, vignette e perfino minacce di morte. Una quotidiana campagna di odio che nemmeno contro Berlusconi si era arrivati a tanto. Ricorda molto quella campagna di odio lanciata da Lotta continua nei confronti del commissario Luigi  Calabresi, accusato di essere responsabile della morte dell’anarchico Giuseppe Pinelli. E sappiamo come andò a finire; con l’assassinio di Calabresi.

Stesso metodo usato contro tutti gli avversari politici da una sinistra che non tollera avere rivali che non siano allineati al pensiero unico del partito. Uno dei più accaniti contro Salvini è proprio Vauro che continua a farne il suo bersaglio preferito. Eccolo sotto felice e sorridente, che augura a Salvini di spararsi in fronte. Ma, sinceramente, voi uno così lo invitereste a cena?

Vauro vignetta salvini.jpg

Spregevole, inquietante; ha dipinti sul volto i segni della malvagità d’animo, l’astio, il rancore, l’odio, contro tutto e tutti, contro il mondo intero, specialmente contro chi non è della sua parte politica (atteggiamento comune, appunto, a tutti quelli come lui). La classica “Faccia da comunista“. Teniamo presente che se qualcuno si azzarda a insultare personaggi di sinistra viene subito querelato e paga pesanti conseguenze: Forattini ne sa qualcosa (Vero, D’Alema? Vedi “Satira libera, dipende). Per una vignetta non gradita D’Alema querelò Forattini e gli chiese 3 miliardi di danni; non le scuse, ma 3 miliardi.

Tipico il caso della Kyenge che ha querelato Calderoli (condannato a 18 mesi per diffamazione e odio razziale) per aver paragonato la Kyenge ad un orango;  e Borghezio (multa di 1000 euro e risarcimento danni di 50.000 euro alla Kyenge; per aver detto durante un’intervista alla radio che “Gli africani sono africani“, e che “Per affermare che la civiltà africana non ha prodotto grandi geni, basta consultare l’Enciclopedia di Topolino, non occorre che lo dica io“) Tutto vero, ma non si può dire; altrimenti ti querelano e devi pagare i danni.

Se invece si insultano con tutti gli epiteti possibili personaggi di destra, li si minaccia e gli si augura la morte, non succede niente; è libertà di espressione, dialettica politica, satira. Con gli insulti a Berlusconi si potrebbe scrivere un libro. Basta saperlo e regolarsi, se non si vogliono passare guai; come Forattini che ha dovuto espatriare in Svizzera perché D’Alema, per una vignetta non gradita lo aveva querelato chiedendo 3 miliardi (di lire) di danni.

Ecco cosa diceva Forattini a proposito della situazione in Italia: “La tragedia italiana è rappresentata dal comunismo, dal ’68 e dalla magistratura che si è impossessata del potere – questa la visione dell’Italia di Forattini -. Il paese è diviso in due dai comunisti, se non sei con loro sei di destra. Sono i maggiori conservatori e sono letteralmente i fascisti di ora. Anche la satira è tutta di sinistra. Se non sei di sinistra non lavori in tv. Non credo a chi dice che c’é la censura: basta guardare uno come Vauro, bravissimo, lo considero un mio figlioccio.”. Forattini, diciamo che Vauro è un “figlioccio” andato a male (non tutti vengono bene). Che Vauro sia “bravissimo” e che non esista la censura la prendiamo come battuta; carina.

A proposito di facce da…Leo Longanesi, riferendosi ai militanti comunisti, diceva: “Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano quelle idee.”. Vauro è la conferma che Longanesi aveva ragione. Se poi vediamo anche le facce dei suoi degni compari non abbiamo più dubbi. Uno per tutti; Santoro, in una delle sue tipiche, simpatiche, accattivanti espressioni da (censura).

santoro broncio

 

Ecco sotto il link ad una serie di articoli su nostro vignettista Vauro, sull’umorismo di sinistra e sulla satira libera:

https://torredibabele.blog/?s=Satira libera? Dipende…

 

Parla come mangi

Sta diventando di moda usare anglicismi. Ormai, sia nei testi scritti, nei messaggi sui social, nella comunicazione politica, nell’informazione e nei dibattiti televisivi, si ricorre sempre più spesso a termini ed  espressioni idiomatiche  prese pari pari dall’inglese. L’elenco di queste forme sarebbe lungo. Basta pensare a termini come “Jobs act, Spending review, bail in, spread, spoils system …”.

Pensiamo ad un esempio che abbiamo tutti i giorni sotto gli occhi: Tutte le reti ormai annunciano i TG con l’espressione “Breaking News“, che significa semplicemente “Ultime notizie“.  Ma allora perché non si può scrivere “Ultime notizie” al posto di Breaking News? Perché detto in inglese sembra più importante e affidabile? No, solo perché siete scemi e siete convinti che parlare inglese sia chic. Se usati saltuariamente questi anglicismi  possono anche essere passabili. Ma quando si abusa diventa davvero insopportabile; quasi una provocazione. Per esempio, leggete questo articolo riportato oggi sul Giornale: “E’ iniziata l’era dei Direct brand“.

Direct brand

Sapete cosa sono questi “Direct brand“? No? Allora, siccome è sempre meglio essere informati,  per curiosità leggete il pezzo. Ed ecco cosa si legge in questo articolo, firmato da Irene Serafica,  che dovrebbe spiegare chiaramente il mistero. Ho raccolto alcuni termini usati nel pezzo (qualcuno, ripetuto spesso, l’ho saltato). “Direct brand… indirect-brand-economy…businesss…digital disruption… shift verso il direct-to-consumer: il cloud…direct brand…supply chain…player nativi digitali…customer… experience…samples… unboxing…storytelling…shakes…streaming e web tv, service device… retail store…supplier…packaging… boutique brand… business model…customer experience… two-way…”. La Serafica (beata lei) è riuscita ad inserire ben 25 termini inglesi in un normale articoletto: figuriamoci se scrivesse un romanzo o un saggio.

Chiaro? Avete capito cosa sono questi misteriosi Direct brand? No? Ma allora siete irrecuperabili. Però avete ragione: la spiegazione è più oscura del previsto e non spiega niente. Anzi ora bisognerebbe scrivere un altro articolo per spiegare il significato di questi termini, E poi un altro ancora per spiegare la spiegazione. Non se ne esce.

Quando ho letto il pezzo stamattina non ho potuto fare a meno di lasciare un commento che, fino a questo momento non è ancora comparso; censura (come previsto).

Eccolo: “Cara Irene, sarà anche Serafica, ma la sua scrittura è quasi una provocazione, un pugno nello stomaco. Ma questo articolo era per il Giornale o per i lettori del Sun? Ma vi rendete conto di quello che avete scritto? E non vi vergognate? Una volta, a chi usava un linguaggio inutilmente complesso e astruso. si diceva “Parla come mangi”. Certi giornalisti di oggi, per una sorta di legge del contrappasso (Oggi Dante riserverebbe un Girone speciale ai giornalisti), bisognerebbe obbligarli a “mangiare come scrivono”; ingurgitare schifose pietanze,  torbidi intrugli e disgustose porcherie esotiche.

Quando si pubblicano articoli simili, invece che allegare al Giornale il solito volumetto “Fuori dal coro“, dovrebbero allegare un piccolo vocabolario inglese-italiano. Non tutti gli italiani al mattino fanno colazione con cappuccino, brioche e Shakespeare.

Scrivi in modo che ti capisca il lattaio dell’Ohio“, diceva  il suo direttore a Montanelli quando, all’inizio della carriera, lavorava in America; per dire di scrivere in maniera chiara, semplice e comprensibile a tutti. E’ un aneddoto che tutti i giornalisti conoscono, o dovrebbero conoscere e, soprattutto, dovrebbero applicare. Forse alla nostra Serafica, amante degli anglicismi, non glielo hanno mai raccontato. O forse ha studiato per corrispondenza e la dispensa in cui compariva l’aneddoto è andata smarrita. Soliti disguidi del servizio postale.  Succede.

Anche Giorgio Gaber, nel monologo “Io se fossi Dio” diceva qualcosa a proposito dei giornalisti. Nel caso la Serafica non lo conoscesse le ricordo alcuni versi:

“Io se fossi Dio
maledirei per primi i giornalisti e specialmente tutti
che certamente non sono brave persone
e dove cogli, cogli sempre bene.”.

Vedi

– “Cervelli unisex” (2015)

Giornalismo d’inchiesta (2016)

Rassegna stampa e maggioranze (2004)

The second waltz

Tanto per ricordarci cos’è la musica; per chi l’ha dimenticato o non lo ha mai saputo. Alla faccia di Mahmood, dei rapper sfigati da centri sociali, cresciuti a pane, Marx e lotta di classe, di chi al massimo conosce il giro armonico di Do maggiore, ma è convinto di essere un artista, un musicista, e non distingue una canzone dal latrato di un cane, e la musica dai rumori di una officina meccanica; quelli che, per gravissimo oltraggio alla musica e la cultura dovrebbero essere deportati alla Caienna, l’isola del diavolo, e condannati ai lavori forzati.

Bertè-smallTanto per ricordarci cos’è la bellezza, in tutte le sue forme; per chi non lo sa o l’ha dimenticato e pensa che basti mostrarsi in TV nude, o con vestitini a livello pubico, per essere belle. Alla faccia degli amanti dell’orrido, dello splatter, o di personaggi esteticamente e moralmente spregevoli e ripugnanti, ma che, proprio per questo, godono di grande successo mediatico;  dei fan strabici per i quali il massimo della goduria e dell’erotismo è vedere le mutandine di Loredana Bertè (quell’insopportabile oltraggio vivente all’estetica); quelli che hanno il buon gusto di uno scarabeo che rotola palline di sterco e la leggiadria  di un’oloturia che rigurgita le interiora.

Alla faccia di chi viene dalla Savana, arriva a nuoto e l’unica musica che conosce è il tam tam  che accompagna la danza della pioggia attorno al totem tribale; quelli che al posto di eleganti raffinati e fruscianti vesti si coprono con pelli e fogliame e indossano orride maschere apotropaiche. Quelli che, campassero mille anni, non capirebbero mai il nostro concetto di bellezza. In una società civile ed evoluta,  la mancanza di buon gusto e di senso estetico dovrebbe essere considerato reato; e punito di conseguenza.

neri musicistiAll’ultima carnevalata milanese dove un corteo ha sfilato a favore dell’accoglienza dei migranti, c’era anche questo cartello “Siamo musicisti”. Certo, si vede benissimo che hanno l’inconfondibile faccia da musicisti. L’unico dubbio è quale sia il loro genere preferito: Chopin, Schubert, Bach, Beethoven, o forse Mozart. Per la loro bellezza, finezza e classe si troverebbero benissimo nell’orchestra di André Rieu; quello che ha capito che per ottenere il massimo effetto  è necessario soddisfare l’udito e la vista insieme; unire la bellezza della musica alla bellezza e l’eleganza dell’orchestra. Allora, cari musicisti, tornate a suonarvela nella Savana, magari lì apprezzano il genere afro-pop.

Noi, per fortuna, abbiamo altri gusti.

Alla faccia dei cronisti, giornalisti e critici musicali che “tengono famiglia” e, per portare a casa la pagnotta, devono sempre parlar bene di chiunque salga sul palco di Sanremo; fosse anche un asino che raglia o un gallinaceo spennacchiato e starnazzante, ansioso di mostrare al pubblico  la farfallina inguinale ed il soffice e delicato piumaggio intimo.

Alla faccia degli sfigati e debosciati che, strafatti di alcol e droga, hanno perso la funzionalità mentale ed hanno uno stato di coscienza gravemente alterato. Alla faccia di una umanità rincoglionita che sta impazzendo, ma non se ne rende conto.

L’unica cosa bella che ancora sopravvive in questo mondo putrido e maleodorante è la musica che, in qualche modo, compensa le brutture umane. Forse è grazie all’esistenza della musica che Dio perdona la stupidità dell’uomo e non ha ancora mandato un secondo diluvio.

Waltz of roses (Eugen Doga)

Società multietnica e multiculturale? Accoglienza, solidarietà, tolleranza, rispetto delle tradizioni e culture diverse? Integrazione? Bene, bene; ma, sinceramente, voi ce li vedete gli africani ballare il valzer o cantare “Wiener Blut” (Sangue viennese)?

Tace il labbro- Valzer (Vedova allegra)

Le onde del Danubio (Josif Ivanovici)

On the Hills of Manchuria” (Old Russian Waltz)

Tredowata (Wojciech Kilar)

L’estetica è tutto. E tutto è riconducibile all’estetica; o quasi.

Di Maio cambia pelle

Grandi cambiamenti in casa grillini. La batosta in Sardegna impone riflessioni e cambio di strategia: “Nuovo statuto; il M5S cambia pelle” (Adn Kronos)

Di Maio pelle

Anche in casa 5 stelle cominciano i grandi cambiamenti, le pulizie di primavera in anticipo.

I partiti politici, quando sono in crisi,  per sopravvivere e adeguarsi ai tempi, ogni tanto fingono di rinnovarsi e danno una mano di tinteggiatura alla facciata di casa, cambiano colore per farla sembrare nuova. Cambiano nome, stemma, bandiere, inni, segretari, pur di mantenere poltrone e potere.

I politici, per sopravvivere,  periodicamente cambiano pelle: come i serpenti!

serpenti pelle

 

Fico e la supercazzola

Questo nel video è il presidente della Camera, Roberto Fico, del M5S, che spiega una norma del Regolamento: “Supercazzola di Fico“. Roba da far invidia al conte Mascetti di Amici miei.

Chiaramente”, conclude. Se questo per lui è esprimersi “chiaramente”, figuriamoci cosa dirà quando è confuso. Questo Fico, in qualità di presidente della Camera, è la terza carica dello Stato. Vi rendete conto in che mani abbiamo messo l’Italia?

Purtroppo non è il solo ad esprimersi così “chiaramente“.

Ecco altri due  perfetti esempi: “Pensioni e supercazzole“, e  “Maurizio Martina- Mascetti.

San Valentino e le anime gemelle

Tempo fa, facendo il solito zapping TV, mi capitò di seguire incuriosito per qualche minuto un dibattito sulla tendenza sempre più diffusa a restare single.
Una delle solite prezzemoline televisive, si vede che non hanno proprio altro da fare, insisteva molto seria sul fatto che lei, ed altre amiche, avessero deciso di restare single perché non riuscivano a trovare “l’Uomo vero“.
E per dimostrare che non era una semplice battuta rimarcò 3 o 4 volte l’espressione “Un uomo vero…vero…cerco un uomo vero…”. Se continua a cercarlo inutilmente forse non è così facile trovarlo; e, vedendo gli esemplari di “uomini” che passano in TV, è lecito avere delle riserve.  Ma per fortuna quelli fanno eccezione, sono “diversi” dalla norma.
La cosa mi fece un po’ sorridere, ma poiché è dalle piccole cose che talvolta si capiscono quelle grandi, la considero una ulteriore prova di ciò di cui sono convinto da tempo: la gente oggi ha perso il senso della realtà.

Si vuole tutto, subito e che sia il meglio sulla piazza.
E questa disposizione mentale condiziona pesantemente un certo modus vivendi delle ultime generazioni.
Nessuno parla più di adattamento, di sacrifici, di rinunce, di limiti ai sogni, della necessità di attenersi alla realtà, di sopportare anche gli imprevisti ed i guai della vita.
No, sembra che tutto ci sia dovuto e che tutti abbiano il diritto sacrosanto ad una vita piena di piacevoli passatempi, senza alcun imprevisto o guai di qualunque genere che possano turbare la nostra idilliaca esistenza.  Amos Oz, lo scrittore israeliano scomparso l’anno scorso, disse: “Ho una speranza ed una paura. La speranza è che la gente capisca che non può avere tutto ciò che desidera. La paura è che non lo capisca“. Chiaro.

Questa storia dell’uomo “vero” mi ricorda l’altra favoletta dell’anima gemella.
Quando aprii questo blog su Tiscali, ormai quasi 6 anni fa (2003), mi sorprendevo ogni giorno a vedere che la maggior parte dei blog, e dei post, fossero fatti da donne (sì, basta fare una verifica veloce per accertarlo), in particolare adolescenti, e che l’argomento principale fosse tutto ciò che riguarda gli aspetti connessi agli affetti, ai sentimenti, la sessualità ed i rapporti fra i due sessi, con tutto ciò che ne deriva.
Intendiamoci, niente di male e di drammatico.
Anzi, fa parte della normale fase di crescita e da sempre quelli sono gli argomenti preferiti dell’adolescenza.

Ma il guaio è che spesso questi temi sono al primo posto anche di persone adulte che ormai avrebbero dovuto superare quella fase adolescenziale.
Eppure continuano a sognare, ad inventarsi nick fantasiosi di ispirazione floreale, favolistiche, tutte rose e fiori, angioletti, poesiole, lacrimucce, baci, abbracci e promesse di amore eterno nel giardino delle delizie. Come se, appunto, questi fossero gli argomenti più importanti della nostra vita quotidiana.
Il bello è che anche la Home page, fra centinaia di post giornalieri, allora selezionava preferibilmente questo tipo di post, oltre all’immancabile poesia sempre selezionata in Home, “Lentamente muore…”, della scrittrice brasiliana Martha Medeiros, erroneamente attribuita per anni a Pablo Neruda (Perfino l’on Mastella intervenendo alla Camera ne citò un passo attribuendola, appunto, a Neruda). Gli dedicai questo post: “Lentamente muore (non c’è fretta).

CigniAnim

Quando aprivo la Home page mi veniva spontaneo descriverla così: “Fiorellini, cuoricini, cani, gatti e pene d’amore...”, perché questi erano i temi più presenti e ricorrenti.
La questione potrebbe sembrare del tutto irrilevante e potremmo considerarla poco più che una curiosità, qualcosa che non è vero, ma siccome ci piace sognare facciamo finta di crederci.
Ma non è così semplice, perché a furia di riempirci la vita di cose che “Non è vero, ma ci credo…”, come il titolo di una celebre commedia di De Filippo, degli anni ’40, si finisce per impostare una vita che di reale ha ben poco.
Per tornare all’uomo vero, però vorrei dare un consiglio a quelle single che lo cercano e pensano “O così o niente.”. Molto spesso, quando si è troppo esigenti, la conclusione è questa:

vergine

E non solo in senso zodiacale. Ma non disperate, oggi in commercio si trova tutto.
Basta andare all’Ikea, prendere un catalogo degli “uomini veri” disponibili in kit componibile, scegliere quello che è di vostro gradimento, portarvelo a casa, controllare che ci siano tutti i pezzi (non si sa mai), montarlo pazientemente seguendo le istruzioni e sistemarlo in bella evidenza nel salotto, pronto per essere mostrato con orgoglio alle amiche invidiose che, anche loro, correranno all’Ikea a scegliersi il loro uomo vero in kit. Magari capitano delle offerte promozionali ” Prendi tre paghi due” e potete portarvene a casa anche più di uno.
Beh, sempre meglio averne qualcuno di scorta, non si sa mai. Ma torniamo alle “anime gemelle“.

Animazione2 pinguiniCoppia1

Domani è la festa degli innamorati; ovvero, di coloro che pensano di aver trovato “L’anima gemella“.

Non è tanto importante che lo sia, quanto che ci si creda.
Insomma, che si abbia l’illusione che quella persona sia proprio l’unica al mondo, l’altra mezza mela, il nostro completamento, la sola ed unica che, fra miliardi di persone, sia la predestinata “Anima gemella”.
Alcuni, impregnati di cultura new age e di influssi orientali le chiamano anche “fiamme gemelle“, arrivando anche ad individuare una predestinazione che si aggancia a vite precedenti.
Beh, se così è, c’è da stupirsi nel constatare come questa “anima gemella” che è predestinata, dai tempi dei tempi e fra miliardi di persone, ad incontrarsi con noi per unirsi in un abbraccio eterno, molto spesso la si trovi a portata di mano, magari sotto casa, nella stessa scuola, nella stessa classe o nello stesso ufficio.
Non è sorprendente? Un vero e proprio colpo di fortuna, come azzeccare una cinquina al lotto. O no? Ma…

Esiste davvero l’anima gemella? Sembrerebbe di sì, o almeno molti lo credono.
Quesito principe di tutti i discorsi di argomento affettivo, la questione dell’anima gemella riempie libri, rotocalchi, programmi radio, Tv e…blog.
Tutti coloro che si innamorano sono convinti di aver, finalmente, incontrato l’anima gemella. Non una persona qualunque, ma una persona speciale, anzi specialissima, l’altra metà della mela, l’unica al mondo.
E tutto funziona, almeno finché non cominciano a volare piatti in testa.
Ma questa è un’altra storia.
E siccome innamorarsi è cosa normalissima e succede a tutti, o quasi, se ne deduce che anche incontrare l’anima gemella sia cosa del tutto normale.

Allora, giusto per evitare lunghe disquisizioni, facciamo un esempio.
Immaginiamo una piccola isola, con pochissimi abitanti.
E’ del tutto normale che, in quell’isola, uomini e donne si incontrino e si innamorino. E che quindi trovino la loro “anima gemella”. Che colpo di culo! Non vi pare?
Fra miliardi di persone sparse nei vari continenti, la tua anima gemella, l’unica al mondo, capita proprio nella tua isola, magari abita di fronte a casa tua.
In Sardegna c’erano, e ci sono ancora, decine di  paesi che contano poche centinaia di abitanti. Setzu, un comune della Marmilla, conta 145 abitanti; meno di un normale condominio di Roma o Milano. Vi sembrerà strano, ma anche in questi piccoli “condomini”, tutti a piano terra, con cortile e giardinetto dove le galline razzolano felici,  uomini e donne si incontrano e si innamorano.
Ma il discorso non cambia di molto anche se si abita in una popolosa cittadina o una grande metropoli. Possiamo nascere e vivere nelle stessa città, ma in quartieri distanti. Forse non ci incontreremo mai.

In fondo la vita si svolge come entro i confini di un’isola.
Ogni giorno si incontrano più o meno sempre le stesse persone, quelle che abitano nello stesso palazzo, o quelle che si incontrano a scuola, o al lavoro o nei luoghi di intrattenimento; le stesse facce, stesse voci, stesse case, stesse strade, stessi rumori e suoni, stessi odori.

Sono tutte piccole isole entro le quali si fanno conoscenze, incontri e ci si innamora. Non perché abbiamo trovato l’anima gemella, ma perché se si mettono insieme a stretto contatto uomini e donne, prima o poi, per una semplice pulsione biologica, finiscono per provare attrazione reciproca. Esattamente quello che succede nei reality tipo Grande fratello, Isola dei famosi e simili. Inevitabilmente la convivenza fa scattare l’attrazione fisica e sessuale. Come due poli magnetici opposti che si attraggono.

Viviamo in piccole isole, lontanissime dalle altre isole di altri miliardi di persone che non incontreremo mai. Non ce ne rendiamo conto, ma la nostra vita si svolge all’interno di questi confini segnati: la nostra isola.
Non è strano, allora, che quell’unica persona, fra miliardi di altre persone, che è la nostra “altra metà della mela” si trovi proprio sulla nostra stessa piccola isola, fra i cento abitanti del condominio di Setzu?

La cosa non può essere casuale.
Anche un matematico, basandosi sul calcolo delle probabilità, vi dimostrerebbe che un evento che si verifica con tanta frequenza non può essere casuale.
Deve essere necessariamente la conseguenza di un piano preciso, pensato ed attuato da una mente superiore, da una Entità superiore.
Allora la conclusione non può che essere la seguente:
o questa è una prova inconfutabile, matematica, dell’esistenza di Dio (che tutto vede e provvede), oppure questa storia dell’anima gemella è una grande “Stronzata“.
Io propendo per la seconda ipotesi, meno romantica, ma molto più realistica.
Però, siccome sognare e illudersi non costa niente e ci aiuta a vivere meglio, direi che sia consigliabile non addentrarsi troppo in spiegazioni razionali e prendere per buona la massima di De Filippo “Non è vero, ma ci credo…”. E…Buon San Valentino a tutti. (2009)

cignicoppia

 

Vedi:

– Sei una persona speciale, forse…(2005)

L’uomo Ikea in kit componibile (2013)

 

 

Papaveri e papere

A Sanremo ha vinto un tale perché si chiama Mahmood (Maometto), perché il padre è un immigrato egiziano, perché nel testo (impegnato) della canzone, che parla di  difficili relazioni familiari (infatti non è un cantante, ma un rapper), inserisce frasi in arabo, sembra avere (dicono)  sospette tendenze gay (oggi è trend), è coperto di tatuaggi, e perché, visti questi titoli di merito, ha il  sostegno della sinistra (si presume) che, forse, col voto popolare e della giuria, ha contribuito alla sua vittoria.

Forse al prossimo festival vincerà un bantù africano che canterà una canzone in swahili sullo schiavismo dei negrieri, con accompagnamento di Tam tam ed esposizione di maschere apotropaiche. E la musica? Non pervenuta. Ormai la musica è un optional, non è strettamente necessaria, specie in tempi in cui furoreggiano i rapper, quelli che, invece di cantare parlano… di cazzate, moralismi e ideologie da centri sociali, e sono convinti di essere cantanti. Ciò che conta è il testo. Così, visto che sono falliti come musicisti, cercano di spacciarsi per cantautori impegnati.    Ecco cosa scrivevo lo scorso anno nel post “Andreoli, musica pop…. “

Parlando di musica pop moderna dico spesso che la musica è morta e che i musicisti, non avendo più fantasia per creare melodie e armonie, spostano l’attenzione sui testi (meglio se socialmente impegnati), spacciandosi per poeti. “L’ennesima dimostrazione di quanto ripeto da tempo è questa recente intervista di Biagio Antonacci:Vi racconto il mio nuovo disco.”. Antonacci ci “racconta” l’ultimo disco. Infatti nell’intervista non dice che in questi anni ha ricercato nuove melodie o nuove armonie; dice che ha cercato “argomenti diversi”. Dice il nostro cantautore: “I testi sono la parte più importante“.

Appunto, esattamente quello che scrivo da anni. Per i “musicisti” e cantanti di oggi la musica è morta. In assenza di una pur minima creatività musicale che sappia inventare una semplicissima melodia originale ed orecchiabile (nemmeno un motivetto infantile per lo Zecchino d’oro), cantano tutti la stessa canzone; ma non se ne rendono conto. Potreste unire in un unico file centinaia di queste canzoni, tutte uguali come ritmo, armonia e melodie vaghe e confuse, e nessuno saprebbe distinguere dove finisce una e cominci l’altra. Così, per ingannare il pubblico e se stessi antepongono il testo alla musica. Vedi “Musica in prosa“:

Nella vita si possono fare molte cose. Si possono scrivere poesie o romanzi (o fare i cantanti pop), oppure piantare ulivi e coltivare patate. La differenza è che ulivi e patate hanno una loro intrinseca utilità pratica. Chi vuole intendere in tenda; gli altri in sacco a pelo.

Antonacci, guardi che le canzoni non si raccontano; si suonano e si cantano. Quando si dà più importanza alle parole che alla musica (come succede da decenni) significa che la musica è morta, non si hanno più idee melodiche, ritmiche e armoniche e, per coprire questa grave carenza, si preferisce distrarre l’attenzione evidenziando più il testo che la musica. E ci si illude di passare per poeti o intellettuali “impegnati”. C’è chi ci crede.

Ma in una realtà ormai alterata e taroccata niente è ciò che sembra; tutto sembra ciò che non è. Anche la musica. Continuo a ripeterlo da anni; e non solo io. Ecco, per esempio, cosa riportavo nel post “Sanremo bazar; c’è di tutto, anche musica...” del 2016: “Lo hanno detto chiaramente, fra gli altri, personaggi di primo piano del mondo della musica come Zucchero, (Musica? “Negli ultimi anni ci stanno abituando a mangiare grandi panini alla merda“), Guccini (“Non ascolto più musica. Tanto sento in giro solo canzoni inutili, fatte tanto per fare…“) e Angelo Branduardi: “La musica occidentale è finita, è un cane che si morde la coda.” “. Ma siccome ci mangiano in tanti, si continua la finzione; finché la finzione funziona. Vedi “La musica è finita” del 2009.

Se miti del pop come Zucchero, Guccini e Branduardi pensano questo, forse hanno qualche ragione. La musica pop è morta e sepolta. Resta solo una parodia di canzone in cui conta solo il testo, la “Canzone che parla di…”. E su questa autentica truffa culturale e artistica ci campano in molti, si vendono dischi e si può anche vincere Sanremo.. In confronto a questa merda spacciata per cioccolato, Papaveri e paperi, seconda a Sanremo 1952 cantata da Nilla Pizzi, è un capolavoro.

Sì, non c’è dubbio: in confronto a Mahmood, Papaveri e papere è un capolavoro.

Foibe e dintorni

L’ipocrisia, insieme alla malafede, l’inganno e la mistificazione della realtà, sono gli ingredienti di base usati dal potere politico e dalla stampa di regime per cucinare il minestrone quotidiano da somministrare ai cittadini ingenui. Oggi è il “Giorno del ricordo“, istituito per ricordare la tragedia delle foibe ad opera dei comunisti di Tito, l’esodo dei profughi istriani ed il ritorno in patria, accolti dagli insulti dei comunisti e sindacalisti rossi. Un momento storico sul quale per decenni si è steso un velo di silenzio; non se ne doveva parlare. Ora non è il caso che ripeta cose dette da anni. Tanto vale riproporre dei post già pubblicati anni fa (con i link ad altri post sull’argomento) come esempio di ipocrisia di Stato, a cominciare dal suo più alto rappresentante, l’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Qui una serie di post, in ordine cronologico,  degli anni scorsi sull’argomento “Foibe e dintorni“)

Dopo il Giorno del ricordo e la Giornata della memoria, bisognerebbe istituire anche una “Giornata dell’ipocrisia“, così, tanto per non dimenticare nemmeno l’ipocrisia di chi governa, di chi celebra le giornate della memoria, ma poi ha la memoria corta e ricorda solo ciò che gli fa comodo: come classico dei comunisti. Diceva Togliatti, a proposito della verità storica: “La verità è ciò che conviene al partito“. Chiaro?

Nel 2005 moriva Aldo Bricco, l’ultimo superstite della strage di Porzus. E pensare che doveva morire sessant’anni prima, nel 1945. Così almeno avevano deciso i suoi assassini. Bricco mi aveva confidato questa storia all’indomani della caduta del muro di Berlino, quando lo incontrai a Pinerolo, dove abitava.
Per inquadrare storicamente la vicenda bisogna immaginare cosa era il Friuli-Venezia Giulia dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943. I tedeschi, reagendo alla defezione italiana, avevano costituito due regioni “speciali” al confine fra il Reich e la Repubblica sociale. Una, il “Territorio prealpino”, comprendeva le attuali province di Bolzano, Trento e Belluno, mentre l’altra era denominata “Litorale adriatico” e comprendeva le attuali province di Udine, Pordenone, Gorizia, Trieste, Lubiana, Fiume e Pola, compreso il golfo del Quarnaro con le isole di Cherso, Veglia e Lussino. Il “Litorale adriatico” era una zona di incontro fra varie etnie (italiani, friulani, tedeschi, sloveni, croati e addirittura 22.000 cosacchi antibolscevichi alleati dei tedeschi e trapiantati in Carnia), ma era anche una zona di scontro fra tendenze politiche diverse, addirittura opposte. Mentre la Repubblica sociale italiana tendeva a mantenere il possesso di quelle terre, i tedeschi operavano per l’annessione al Reich e il terzo protagonista, il movimento partigiano comunista, mirava all’annessione di quelle terre alla Iugoslavia con metodi semplici nella loro crudeltà: occupazione del territorio (le città di Trieste e Gorizia ne sanno qualcosa) ed eliminazione fisica dell’avversario mediante pulizia etnico-ideologica. Tristemente note sono diventate le “foibe“, cavità del terreno carsico in cui furono gettati, per lo più ancora vivi, 22.000 italiani. Tanto per fare un esempio, la sola foiba di Basovizza contiene 2.500 vittime, pari a 500 metri cubi di cadaveri, un ammasso di 34 metri di salme, una sopra l’altra.

Innumerevoli le stragi, come quella di Cave del Predil, dove il 23 marzo 1944 ventidue carabinieri furono catturati dai partigiani comunisti, avvelenati, torturati e tagliati a pezzi. La strage delle malghe di Porzus è forse la più nota, tant’è vero che ha ispirato anche un film. Ma non tutti i partigiani combattevano per l’annessione di quelle terre alla Iugoslavia; al contrario, alcune formazioni, quelle in cui militava Bricco, erano di ispirazione filomonarchica e si battevano per l’italianità di quelle zone. Erano le brigate “Osoppo”, caratterizzate dai fazzoletti verdi al collo, un colore che rammentava la provenienza alpina di tanti di quei combattenti. Di idee opposte erano quelli col fazzoletto rosso, di fede comunista: erano le brigate “Garibaldi” che, pur costituite da italiani, erano inquadrate nel IX corpus dell’armata iugoslava e avevano per obiettivo l’annessione alla Iugoslavia di tutte le terre friulane “fino al sacro confine del Tagliamento”, come sostenevano con una bizzarra interpretazione della storia e della geografia. Due razze opposte di partigiani, dunque: gli “osovani” e i “garibaldini”. Fazzoletti verdi e fazzoletti rossi. Gli uni erano più alpini che partigiani, gli altri erano più comunisti che italiani e fra loro non poteva esserci intesa, a parte il comune nemico nazifascista. Fu così che i garibaldini decisero di ricorrere al loro metodo preferito, quello dell’eliminazione fisica dell’avversario, e decisero di sterminare la leadership osovana.

Racconta Bricco: “Ci dissero che dovevamo trovare un compromesso fra le nostre idee diverse e ci proposero un incontro per discutere del futuro assetto del Friuli-Venezia Giulia. All’incontro, da tenere alle malghe di Porzus, dovevano partecipare tutti i comandanti partigiani dell’una e dell’altra parte, ma senza armi, precisarono. Noi accettammo, in buona fede, senza sospettare nulla. Era il mese di febbraio del 1945; noi eravamo in 23, arrivammo per primi e prendemmo posto all’interno delle malghe. Dopo un paio d’ore arrivarono anche i comunisti, ma la discussione non ci fu; il loro capo puntò l’indice contro il nostro comandante e gridò “Tu sei un traditore!”, poi estrasse il mitra da sotto il cappotto e gridò “A morte i traditori!”. Quello era il segnale. Tutti i rossi misero mano alle armi e fecero fuoco. Era un inferno, una strage, e noi non potevamo neanche reagire…” .

Continua Bricco: “Io e un altro, i più vicini ad una finestra, ci gettammo fuori. L’altro fu subito raggiunto da una raffica e rimase esanime. Anch’io fui colpito da una pallottola, caddi, ma mi rialzai e feci l’unica cosa che potevo fare: correre. I rossi continuavano a spararmi e a colpirmi; sentii una pallottola che mi perforava un braccio, poi un’altra che mi attraversava una spalla, poi ancora una che mi entrava in una gamba, ma io continuavo a correre, cercavo di essere più veloce delle pallottole, sentivo che altre pallottole mi trapassavano gambe, braccia e schiena, mi attraversavano come fa una lama nel burro, ma io continuavo a correre, mi buttai giù per un canalone, mi salvai solo io”.
“Che fine hanno fatto gli assassini? Sono stati assicurati alla giustizia?” chiesi. “Macchè – risposel’hanno fatta franca tutti quanti. Chi ha usufruito dell’amnistia di Togliatti subito dopo la guerra, chi si è rifugiato in Iugoslavia protetto dal governo di Belgrado, chi è stato condannato all’ergastolo o a 30 anni di galera ma è stato aiutato dal partito comunista italiano a fuggire in Cecoslovacchia o in Unione sovietica e poi è stato graziato dall’amnistia di Pertini nel 1978. Alcuni hanno ricevuto medaglie al valor militare e altri continuano a percepire pensioni dallo stato italiano...”.

E poi ci fu la tragedia dell’esodo. I 300.000 profughi italiani fuggiti dall’Istria e dalla Dalmazia per non finire nelle foibe furono distribuiti su tutto il territorio nazionale, dove non sempre furono bene accolti. In Emilia, ad esempio, al passaggio dei treni carichi di profughi i ferrovieri comunisti chiusero le fontanelle delle stazioni per impedire loro di dissetarsi. A Bologna la Pontificia Opera di Assistenza aveva predisposto un pasto caldo per i profughi destinati alla Liguria, ma non riuscì a distribuirlo, perché il sindacato comunista dei ferrovieri minacciò dagli altoparlanti che se i profughi avessero consumato il pasto uno sciopero generale avrebbe paralizzato la stazione, e il treno fu costretto a passare senza fermarsi. Ad Ancona il 16 febbraio 1947 il piroscafo “Toscana”, che approdava da Pola carico di famiglie italiane, fu accolto sul molo da una selva di bandiere rosse, fischi, insulti e gestacci col pugno chiuso.
Ma – fatto ignoto ai più – oltre all’esodo ci fu anche il controesodo: lo organizzarono i comunisti italiani verso la Jugoslavia per consentire a molte famiglie di riempire il vuoto lasciato dai cittadini giuliano-dalmati e perché potessero usufruire dei piaceri del paradiso comunista; un altro motivo fu quello di mettere in salvo tanti compagni che si erano macchiati di delitti durante e dopo la resistenza e che in Italia avevano problemi con la giustizia.
Ma venne il 1948, con la rottura fra Tito e Stalin. Il dramma della lacerazione ideologica dei comunisti italiani, soprattutto triestini, combattuti fra la fedeltà a Mosca e quella a Belgrado era nulla in confronto al calvario fisico e psichico che dovettero patire decine di migliaia di dissidenti rimasti fedeli al Cominform e al Cremlino e che caddero fra le grinfie dei titini. Questi comunisti fedeli a Mosca furono circa 32.000 e
vennero rinchiusi nell’isola-lager di Goli Otok, l’Isola Calva nell’arcipelago della Dalmazia settentrionale. Circa 4.000 detenuti morirono di stenti, di malattia, di torture, di lavori forzati e di percosse su quell’isola, dove finirono anche parecchi comunisti italiani, soprattutto da Monfalcone, i cosiddetti “cantierini” (circa 350) che si recarono fiduciosi oltre confine per “costruire il socialismo“. I più fortunati vi giungevano già cadaveri ma chi aveva la sventura di arrivarvi vivo, a bordo di stipatissime imbarcazioni maleodoranti, riceveva il primo benvenuto da parte di altri detenuti, già ospiti della brulla isola-lager, che armati di randelli si precipitavano urlanti nelle stive e massacravano di legnate i prigionieri prima ancora che scendessero. Poi i nuovi arrivati (o perlomeno i sopravvissuti) venivano fatti scendere in fila indiana, scalzi sulle rocce taglienti come coltelli e sotto il sole, e avviati verso il lager fra due ali di altri detenuti che continuavano a urlare e a randellarli a sangue.

I pochi detenuti che alla fine riuscirono a sopravvivere e a ripararsi in Unione Sovietica o in Italia, scoprirono che a Mosca era impossibile pubblicare un articolo sugli orrori di Goli Otok. Sì, sarebbe stato un ottimo strumento propagandistico contro Tito, ma la cosa, di riflesso, avrebbe messo sotto accusa anche i gulag sovietici, fenomeno di ben più grande portata rispetto alla modesta Isola Calva, che al loro confronto era una località di villeggiatura.
Anche in Italia i sopravvissuti dei lager di Tito scoprirono di essere solo dei cadaveri ambulanti condannati all’oblio: per ragioni politiche non se ne poteva parlare. Non esisteva ancora una “Giornata del ricordo”, neanche per loro. (Giovanni Marizza – L’Occidentale 10 febbraio 2009)

Il Giorno del ricordo ed il treno della vergogna (come i comunisti accolsero i profughi): “A Bologna il treno dei profughi istriani fu preso a sassate dai comunisti.

Ahi, ahi, Presidente, mi è caduto sulle foibe… febbraio/2007 (le strane amnesie del giorno del ricordo)

Foibe, profughi e smemorati febbraio 2009 (Ricordiamo le stragi purché non si parli di comunismo…)

Smemorati e ipocrisia di Stato. (2016)

 

Ed ecco il pensiero di Palmiro Togliatti, segretario del Partito comunista, sui miliziani comunisti di Tito che occupavano Trieste: “Lavoratori triestini, il vostro dovere è accogliere le truppe di Tito come liberatrici e di collaborare con esse nel modo più stretto”.
Ecco, infine, il suo pensiero sui “profughi”: “Questi relitti repubblichini, che ingorgano la vita delle città e le offendono con la loro presenza e con l’ostentata opulenza, che non vogliono tornare ai paesi d’origine perché temono d’incontrarsi con le loro vittime, siano affidati alla Polizia che ha il compito di difenderci dai criminali. Nel novero di questi indesiderabili, debbono essere collocati coloro che sfuggono al giusto castigo della giustizia popolare jugoslava e che si presentano qui da noi, in veste di vittime, essi che furono carnefici. Non possiamo coprire col manto della solidarietà coloro che hanno vessato e torturato, coloro che con l’assassinio hanno scavato un solco profondo fra due popoli. Aiutare e proteggere costoro non significa essere solidali, bensì farci complici.” – Lettera di Togliatti sui confini orientali.

giorno del riordo

Beh, certo, erano altri tempi. Poi i comunisti sono maturati, evoluti, si sono aggiornati, si sono pentiti, sono diventati PDS, poi DS, una lenta metamorfosi, da Quercia sono diventati Ulivo, ed infine sono diventati Democratici. Allora, chissà cosa pensano oggi i nipotini di Togliatti di quella tragedia lontana nel tempo, delle foibe, dei comunisti titini, dei treni accolti a sassate. Oggi, giornata dedicata al ricordo di quei fatti, è interessante conoscere ill loro pensiero. Magari faranno autocritica, condanneranno la posizione di Togliatti. Non resta che andare a scoprirlo sul loro quotidiano storico, fondato da Gramsci: L’Unità.
Vediamo…sorpresa, scorrete la Home page del giornale, ma…di tutto si parla, meno che di foibe e del Giorno del ricordo. Nemmeno un box piccolo piccolo, due righe…niente. Che strano, nel “Giorno del ricordo” L’Unità non si ricorda di ricordare il Giorno del ricordo! Non c’era spazio nella pagina? Distrazione? Dimenticati? Mah, certo che questi comunisti, anche se ex/post, pentiti o meno, soffrono di strane improvvise amnesie. Mistero…

Gatti e Sanremo

C’è più inventiva melodica e creatività musicale in questo scherzo rossiniano, “Duetto dei gatti“, che in tutto Sanremo, ospiti compresi. Animazione di Lele Luzzati. In verità a Sanremo più che gatti si vedono e si sentono cani (mascherati da cantanti).

In confronto a questa pagliacciata di regime le canzoncine dello Zecchino d’oro degli anni ’60 erano capolavori. (Ecco Cristina d’Avena nel ’68 ed il suo Valzer del moscerino).

 

Se arrivo a citare Cristina D’avena, significa che abbiamo proprio superato il limite di sopportazione, sono all’esasperazione, al limite di una crisi di nervi. ma non ne posso più di questa sceneggiata demenziale che chiamano spettacolo. Lasciate perdere la musica, non è roba per voi. Tornate in campagna dove mancano braccia per zappare la terra. Coltivate patate, allevate polli; almeno farete qualcosa di utile nella vita. E vergognatevi. Una volta non vi avrebbero fatti salire sul palco nemmeno alla sagra della porchetta.

Avete dei dubbi? Allora guardate cosa hanno il coraggio di pubblicare: “Standing ovation per Loredana Bertè“. Standing ovation? Per chi, per questa specie di oltraggio vivente all’estetica ed al buon gusto?

Bertè-1536075933

Bertè dovrebbe essere interdetta dal presentarsi in pubblico, specie in fascia protetta, per evitare traumi ai bambini ed alle persone sensibili. Solo a vederla si ha la sensazione di qualcosa di sconcio, di fastidioso, di depravato, di insopportabile, ripugnante; è un pugno nello stomaco per chiunque abbia conservato un minimo di buon gusto. Altro che standing ovation. “Se questo è un uomo…” si chiedeva Primo Levi. Guardando la Bertè viene spontaneo chiedersi “Se questa è una donna“. E si capisce perché i gay siano in costante crescita. Se queste sono le donne meglio tornare alle vecchie buone abitudini da ragazzini e farsi le pippe.

Ormai i media sono completamente fuori di senno. Pur di riempire le pagine e adulare gli sponsor ed i padroni del mondo dello spettacolo (quelli che pagano bene per avere articoli redazionali favorevoli) esaltano tutto e tutti ed usano l’iperbole per gonfiare qualunque scemotto voglia farsi passare per artista. Voi e l’estetica siete come le rette parallele.

Sì, io sarò pure un “Hater”, come dice Bisio, ma voi, con questa ipocrisia in quantità industriale, pronti a tessere le lodi di chiunque vi offra il panettone a Natale, ci avete abbondantemente rotto le palle. Per voi sono tutti bravissimi, fantastici, straordinari, le cantanti sono tutte bellissime (anche Bertè!) e le canzoni sono tutte capolavori. Sembrate tutti nipotini di Vincenzo Mollica. “Ma mi faccia il piacere“…direbbe il buon Totò. E Salinger direbbe che questo è “un mondo schifo” (dal Giovane Holden). Appunto.