Fontana di Trevi e Caritas

Risolta l’ultima polemica sulla Raggi e la destinazione della raccolta delle monetine che ogni giorno i turisti lanciano nella Fontana di Trevi. Aveva deciso di incamerarle fra le entrate del Comune; di fatto sottraendole alla Caritas.  Ma a seguito delle proteste ha cambiato idea, ci ha ripensato;  ha il ripensamento facile: “Dietrofront della Raggi, le offerte alla Caritas“.

raggi fontana trevi

Secondo quando riferito dai TG della sera, il totale di questa raccolta ammonterebbe a circa 4.000€ al giorno. Ovvero, circa 120.000€ al mese, circa 1,5 milioni di euro all’anno. Non proprio bruscolini. Viene in mente la celebre e mitica scenetta della vendita della famosa Fontana da parte di Totò nel film Totò truffa ’62. Eccola, per chi non la ricordasse.

 

‘O scar…rafone.

Ogni scarrafone è bello a mamma soja“, dicono a Napoli.  Ma il motto si è diffuso nel mondo, e forse fra i giurati del recente premio cinematografico “Europen film awards” di Siviglia, doveva esserci un napoletano o almeno un oriundo partenopeo. Ecco perché hanno assegnato l’Oscar come miglior attore europeo a  Marcello Fonte, come interprete del film “Dogman” di Garrone. Insomma, hanno dato l’Oscar a ‘O scar…rafone.

Così, dopo aver ricevuto il premio come miglior attore a Cannes, ha vinto anche a Siviglia.  Potevamo pensare che a Cannes sia stato un errore, una svista; succede. Ma se la cosa si ripete a Siviglia, allora è una cosa seria: “Premiato Marcello Fonte come miglior attore agli EFA” (Europen Film Award).

fonte oscar

In altri tempi non lo avrebbero preso nemmeno per una recita scolastica, per evitare traumi ai bambini sensibili. Ma oggi sono cambiati i canoni e i criteri estetici e artistici. Lo spettacolo è alla continua ricerca di ciò che  crea scalpore, reazioni  violente, polemiche, proteste. Bisogna essere sempre sopra le righe, borderline, stupire, provocare, per ottenere l’attenzione mediatica e del pubblico, per fare notizia. Così, in questa folle corsa verso l’horror, il trash, lo splatter, l’orrido, il ripugnante, truculento, si deve sempre superare il precedente limite; sempre oltre, sempre peggio.

Così si finisce per assegnare l’Oscar  a ‘O scar…rafone. Segno dei tempi che cambiano anche nel cinema. Siamo passati da registi come De Sica, Visconti, Fellini,  che hanno fatto la storia del cinema, a Emma Dante, quella che, per soddisfare le sue irrefrenabili velleità artistiche e creative (arte, fantasia e  e creatività le fuoriescono da tutti i pori), cura la regia di un Rigoletto che apre la stagione operistica a Roma, ambientando la storia non secondo il libretto dell’opera, ma “creativamente“, nel periodo della Repubblica sociale di Salò.  Cosa c’entra Rigoletto con Salò?  Niente, ma così può presentare il duca di Mantova come una specie di podestà o federale ante litteram, prepotente, autoritario, maschilista e fallocratico, e lasciare il messaggio antifascista (che oggi va sempre bene, si adegua al regime e ti garantisce futuri incarichi; e compensi).

Siamo passati dai capolavori del passato alle fiction TV, a Montalbano, Provaci ancora prof e Medici in famiglia; da Anna Magnani a Veronica Pivetti, da Gassman a Lino Banfi, da Sordi a Marcello Fonte e Rocco Papaleo, da mostri di bravura come Sordi e Gassman, a mostriEbbasta“; interpreti di fiction e B movies da salette di periferia per un pubblico di coatti e burini di bocca buona orfani di Er monnezza. Mi ricorda i premi e riconoscimenti ad Alba Rohrwacher ed al film Via Castellana Bandiera (regia di Emma Dante). Del resto, se qualche anno fa a Parigi hanno fatto una retrospettiva delle pierinate di Alvaro Vitali, possiamo aspettarci di tutto; anche un Oscar a Lino Banfi o un riconoscimento postumo alla carriera per i grandi meriti artistici a Franco e Ciccio.

E’ l’ennesima conferma che questo mondo è completamente rincoglionito e senza speranza. Qui lo dico e qui lo ridico.

Ma chi sono le menti geniali che assegnano questi premi? Ovvio, esperti di cinema, intellettuali, gente che se ne intende. Per esempio, questo critico cinematografico, autore di Blob  e della rassegna di cinema “Fuori orario; Cose mai viste” di cui scrivevo nel 2006: Il genio incompreso“.

Il genio incompreso (2006)

Il genio è incompreso, necessariamente. Se tutti lo capissero non sarebbe un genio. Ma non tutti coloro che sono incompresi sono dei geni. Anche coloro che hanno idee confuse e le esprimono in maniera confusa sono incompresi ed incomprensibili. Gli incompresi, quindi, appartengono a due specie: i geni ed i confusionari. Enrico Ghezzi è incomprensibile: a quale specie appartiene?

Corollario: Anche lo specchio riflette, ma non è un pensatore. La Nike di Samotracia ha perso la testa, ma non è pazza. Enrico Ghezzi parla, parla, parla, ma… Chi è Enrico Ghezzi? E uno degli autori di Blob, quello che presenta, il sabato e la domenica notte su RAI3, la rassegna di cinema “Fuori orario; cose mai viste”, che ricordano molto i classici film da cineforum alla Fantozzi (tipo film coreano anni ’40, ma con sottotitoli in cecoslovacco); quello che parla in asincrono ed usa un microfono che “sputacchia” fastidiosamente; quello che si assesta gli occhiali sul naso con una media di 15/20 volte al minuto; quello che presentando un film vi fa passare la voglia di vederlo.

Ecco la battuta storica da una famosa scena del Secondo tragico Fantozzi del 1976, che sintetizza benissimo il concetto di cinema impegnato.

Domanda: “Cos’è un incubo?“
Risposta: “Un incubo è sognare di imbarcarsi su un aereo per un lunghissimo volo di 8 ore, senza scalo, e di avere accanto Enrico Ghezzi il quale, per tutta la durata del viaggio, vi parla del cinema dell’Est o del cinema muto giapponese.”.
Curiosi? Volete verificare? Ok, leggetevi questo articolo di Ghezzi …Illuminazioni“. E’ davvero…Illuminante! Non è molto chiaro? Pazienza, gli intellettuali sono così, un po’ criptici, ermetici, astrusi. bisogna avere pazienza. Chi è l’intellettuale? Eccolo…

L’intellettuale Doc.

Ma esistono ancora gli intellettuali? Ceeeerto che esistono! Ecco uno splendido esemplare di intellettuale DOC made in Italy; Enrico Ghezzi. Quello che riesce sempre ad esprimere concetti complessi con un linguaggio semplice, chiaro e comprensibile a tutti. Beh, si fa per dire! Potete constatarlo subito guardando questo video in cui appare calmo, composto, rilassato ed esprime concetti semplici e chiari. No? Poi ci lamentiamo che il mondo vada a rotoli (come dicono alla Scottex). Questi sono i pensatori, gli intellettuali; figuriamoci i cretini!

 

Chiaro?

Sto esagerando? No, è che che abbiamo perso l’orientamento, la bussola, il buon senso, il buon gusto, il senso della realtà, della misura e della decenza;  e che stiamo prendendo una deriva pericolosa che ci spinge sempre più in basso, dritti nelle fogne. Leggete questo: Le Miss bioniche.

Miss Italia bionica

A proposito di intellettuali e registe creative vedi:

– “Blob e Arbasino“.

Un minuto d’ipocrisia, please… (2009)

 

 

Stampa di regime

Forse neppure durante il fascismo la stampa era così asservita al potere. Ed i mezzi d’informazione, nonostante quel che si racconta, erano molto meno influenti di quanto lo siano oggi. Se non altro perché non esisteva ancora la televisione, il più potente (e pericoloso) mezzo d’informazione che l’umanità abbia mai avuto, né internet, la rete globale che entra in tutte le case e fornisce informazione in tempo reale. La stampa era meno diffusa e, a causa di un alto tasso di analfabetismo, i lettori erano pochi. Il che significa che la gran massa del popolo non era informata abbastanza, ma significa anche, come rovescio della medaglia, che era più difficile condizionare ed influenzare l’opinione pubblica. Non era sottoposta alla martellante propaganda quotidiana come lo è oggi.

Ecco perché la grande diffusione dei mezzi d’informazione di massa oggi è molto più invasiva e pericolosa di quanto lo fosse ieri. Soprattutto perché la stragrande maggioranza del pubblico, non essendo a conoscenza dei subdoli meccanismi mediatici e delle insidie della comunicazione, non ha alcuna possibilità di difendersi.

Quando si parla di “poteri forti” si pensa sempre ai banchieri, l’alta finanza, il potere politico, la massoneria, le multinazionali, ma bisognerebbe comprendere fra questi anche i mezzi d’informazione, il “Quinto potere“; stampa, televisione, radio, internet. Poteri forti, ma ancora più subdoli di quelli nascosti, perché sono in grado di creare l’opinione pubblica e di guidarla, gestirla, manipolarla, condizionarla a beneficio di precisi interessi ben celati dietro il paravento dell’informazione, del diritto di cronaca e della libertà di stampa. Ancora più pericolosi perché si presentano come i paladini della libera informazione ed in tal modo possono più facilmente abbindolare un pubblico poco attento e critico. Ma la stampa tutto può essere, meno che libera. E quand’anche sembri che, in taluni casi, si schieri contro il potere, potete scommetterci che, in quello stesso momento, sta servendo un altro potere.

I media, oggi, hanno un potere enorme. Possono, attraverso ben orchestrate campagne mediatiche, creare idoli e miti dal nulla o distruggere personaggi scomodi, possono determinare il successo o meno di un prodotto, i gusti, le abitudini, lo stile di vita, l’alimentazione, l’abbigliamento, il tempo libero, le scelte politiche. Possono scatenare proteste di piazza e rivoluzioni: l’esempio della cosiddetta “Primavera araba” è ancora sotto gli occhi di tutti. L’imput della rivoluzione in Egitto, per citare un esempio recente, è partito su internet. I principi che regolano i mass media sono gli stessi che vengono usati scientificamente dalla pubblicità. Chi li conosce e sa sfruttarli al meglio ha il controllo dell’opinione pubblica.

L’ennesima conferma di quanto affermo l’abbiamo avuta nella creazione del “fenomeno Renzi“. Nel giro di poco tempo ne hanno fatto il nuovo riferimento politico, lo hanno accreditato di capacità che ancora deve dimostrare e lo hanno sostenuto attraverso la sua ascesa al potere. Una campagna mediatica che viene da lontano. Basterebbe ricordare l’esposizione mediatica delle ultime primarie del PD.

Ma prima ricordiamo che alle precedenti primarie del 2012 Renzi si fermò a meno del 40% di voti, mentre Bersani superò il 60%. Bisognerebbe chiedersi come sia possibile che, a distanza di un anno, quella stessa maggioranza schiacciante che aveva votato Bersani, improvvisamente, cambi opinione e si schieri tutta con Renzi che stravince con il 67,55% di voti. Un miracolo, oppure gli elettori del PD saranno stati contagiati da uno sconosciuto “Virus renziano“? Direi un miracolo voluto, creato, gestito e attuato con una campagna mediatica assillante che è andata avanti per mesi ed ha coinvolto stampa, TV e web.
Il nostro “fenomeno” era costantemente sotto i riflettori, sempre in prima pagina, sempre in televisione, saltando da una rete all’altra, quasi a reti unificate. Gli altri candidati alle primari erano quasi inesistenti; che fossero candidati lo sapevano loro, parenti, amici e conoscenti. Sembrava che Renzi fosse il candidato unico.

Facciamo un esempio. Qualcuno si ricorda chi sia Gianni Pittella? Forse lo sanno i dirigenti del PD e pochi funzionari del partito. Ma sono certo che se si chiedesse agli italiani chi sia Pittella, ben pochi saprebbero rispondere. Bene, era uno dei quattro candidati alle primarie, insieme a Renzi, Cuperlo e Civati ed è stato subito eliminato, dopo le prime consultazioni dei circoli. Ma in televisione non si è mai visto, Sulla stampa nessuno ne parlava, su internet tutta l’attenzione era per Renzi. Anche Cuperlo e Civati si sono visti pochissimo. Tutti i riflettori erano puntati su Renzi che spopolava in tutti i TG, nei salotti televisivi e nei talk show. Praticamente a reti unificate. Se avessero fatto un conteggio del tempo riservato a Renzi ed agli altri candidati il rapporto sarebbe stato, più o meno di circa il 60% di tempo a Renzi, di circa il 25% a Cuperlo e di circa il 15% a Civati; Pittella…non pervenuto. Questo è ciò che pensavo in quei giorni di pre-primarie. E guarda caso, più o meno, corrisponde alla percentuale di voti riportati dai candidati. Significa che una maggiore visibilità mediatica genera un maggior successo di voti? Non è detto e non è dimostrabile matematicamente, ma non è detto nemmeno il contrario. Anche se io ne sono convinto.

La prova di questa eccessiva sperequazione di visibilità fra i tre candidati la diede lo stesso Civati il quale, contestando il fatto di avere avuto poco spazio in TV e di non essere stato invitato nel programma di Fabio Fazio (il quale, invece, ospitò Renzi intervistandolo in maniera molto compiacente e servile) , durante un convegno dei suoi sostenitori, con un montaggio video ricavato con le vere domande poste da Fazio a Renzi, si “auto-intervistò“. Stranamente la Commissione di vigilanza, sempre attentissima a misurare i secondi dedicati ai politici, in quei giorni forse dormiva. Si svegliano solo quando va in TV Berlusconi. Ma se le reti RAI sono praticamente a disposizione di Renzi, nessuno ci fa caso, è tutto regolare.

Bene, ora passiamo alla stampa in rete. Già subito dopo l’elezione di Renzi a segretario, è stato tutto un peana cantato in coro da tutti i media. Se tornasse Gesù sulla terra non riceverebbe più attenzione del “Bomba”. E’ il nuovo Messia. Ampio spazio quotidiano in prima pagina e commenti sempre entusiastici.
Ieri, per esempio, era dedicato a lui il titolone di apertura del Corriere. Ma nella Home page i box riservati a Renzi erano addirittura sette. Ora, non per voler per forza criticare il nuovo Messia. Ma uno che promette che farà una riforma al mese, fino al 2018 (fanno oltre 50 riforme!), e che a marzo risolverà il problema del lavoro, ad aprile quello della Pubblica amministrazione ed a maggio il fisco, o è davvero il Messia e farà miracoli che al confronto quelli di Gesù sono trucchetti da mago Casanova, oppure è, come lo chiamavano al liceo, “Il Bomba“…quello che le spara grosse (Il Bomba a palazzo).

Ho una leggerissima propensione per la seconda ipotesi! Ma al Corriere, evidentemente, ci credono e infatti gli dedicano tanto spazio che la home del Corriere sembra la pagina personale del “Bomba” o il blog del “Renzi fan club“. Faccio spesso riferimento al Corriere perché è il più importante quotidiano italiano e quello che, insieme a tanti altri, si fa vanto di essere “libero e indipendente“. Figuriamoci gli altri, quelli schierati apertamente (Repubblica, tanto per citarne uno) o organi di partito.

Ben sette box che parlano di tutto, dai possibili nuovi ministri ai “mezzi di Renzi” (come si muove, bici, auto, treno, a piedi, in triciclo…), alla moglie che decide di restare a Firenze. Dedicano perfino uno spazio alle dichiarazioni del “barbiere Tony” che ci racconta di quando gli ha tagliato il ciuffo. E siccome devono essere dichiarazioni importantissime per l’avvenire dell’Italia, non contenti di avergli riservato un articolo, gli dedicano anche il video in alto alla pagina. Oggi contano più i barbieri, con tutto rispetto, che i parlamentari. Specie se si tratta del barbiere di Renzi. Stesso servizio si è visto in televisione, insieme ai commenti di amici personali del “Bomba” e dei cuochi del ristorante dove il nostro usa mangiare. E così si innalzano gli altarini mediatici, si celebra il santo patrono, gli si lucida l’aureola e si crea il mito del nuovo Messia.

Tutto qui? No, perché a fine mattinata, forse non soddisfatti dello spazio dedicatogli, inseriscono un altro box, questo a lato, in cui riepilogano tutti i tweet del “fenomeno“. Materiale essenziale per coloro che dovranno scrivere l’agiografia del nostro santo protettore, nonché salvatore della patria. Ci sarebbe da ridere, se non fosse una cosa seria, molto seria. E se non si avesse l’impressione di aver consegnato l’Italia ad un avventuriero, arrivista e “Bomba“. Si può anche far finta di non notare l’evidenza, ma se questo non è spudorato servilismo nei confronti del potere, cos’è? (febbraio 2014)

Da “Quinto potere” (1976)

La domenica specialmente (Cane blu)

Il cane blu” è uno dei quattro episodi del film “La domenica specialmente” del 1991, ispirati ai racconti di Tonino Guerra. Questo episodio è diretto da Giuseppe Tornatore e interpretato da un bravissimo Philippe Noiret (e da un cane da premio Oscar). Gli altri sono diretti da Marco Tullio Giordana, Francesca Barilli e Giuseppe Bertolucci.

cane blu notteLa storia è semplice. Un piccolo cane randagio, con una grossa macchia blu sulla fronte, si affeziona ad un calzolaio-barbiere; lo segue a casa, in negozio, e perfino in chiesa, creando un piccolo subbuglio nella cerimonia. Ma il barbiere continua a scacciarlo, finché …

cane blu

Mi è venuto in mente proprio questi giorni. Chissà se c’è su YouTube, mi sono chiesto. Piccola ricerca et voilà…è stato inserito proprio di recente, a febbraio (2011). Il guaio è che ad inserirlo è un appassionato dell’est. Quindi, benché sia in lingua originale e non doppiato, c’è un commento in russo (credo). Ma non toglie niente alla godibilità del film che, per la linearità e semplicità della storia, si capirebbe benissimo anche se fosse muto. Dura circa 30 minuti. Ma, se non lo avete mai visto ed amate gli animali, e “specialmente” i cani, vi consiglio di guardarlo (giugno 2011).

P.S.
Solo oggi (27 ottobre 2018), notando che qualche visitatore è andato a vedere questo vecchio post, incuriosito sono andato a rileggerlo e verificare se su YouTube ci sia ancora il video (molto spesso spariscono). E vedo che finalmente un’anima buona ha inserito il film completo in italiano. L’episodio “Il cane blu” è proprio il primo (dopo una breve introduzione di pochi minuti). Quindi potete vedere solo quello, oppure il film completo. Vale la pena. Buona visione.

TV e violenza

Il pericoloso potere della televisione.

Popper Big

 

Già, proprio così, urla: “Siete tutti matti”. Quello che dico anch’io da quando 15 anni fa ho aperto un blog. Esattamente questo: “Il mondo sta impazzendo, ma non se ne rende conto“.

Quesito televisivo.

Dopo lunghe e profonde riflessioni su certi programmi e personaggi della TV, sono giunto ad un quesito fondamentale: quelli che fanno televisione vengono assunti perché sono idioti, oppure diventano idioti a forza di fare televisione? Mica facile rispondere.

Vedi

Think: Aretha Franklin

E’ morta ieri a Detroit Aretha Franklin, la “regina del soul“. Di solito non parlo della musica pop, ancora meno dei cantanti pop; scriverei solo insulti. Ma Aretha fa eccezione. Merita un pensiero ed un omaggio. Una delle poche vere grandi della musica. Non quei personaggi del pop famosi per le loro esibizioni scandalose a base di luci, fumi ed effetti speciali, più che per le qualità musicali. E non faccio nomi per carità cristiana. Fra le sue canzoni ce n’è una famosissima che, immagino, tutti conoscono; la sua interpretazione di “Think“, una perla all’interno di quel capolavoro che è “Blues Bothers” del 1980.  Ma se qualcuno non la conoscesse, magari i più giovani, ecco la famosa scena. Giusto due mesi fa, il 15 giugno, è morto anche Matt “Guitar” Murphy, che compare con Aretha nel video, interpretando il ruolo del cuoco che vuole lasciare la cucina per tornare a suonare con la Banda dei Blues Brothers.

Vedi anche “I Say a little prayer“. Visto che ci siamo vediamo anche un’altra mitica scena da Blues Brothers, in chiesa con James Brown  e l’illuminazione divina: “La banda“. “Siamo in missione per conto di Dio“.

 

 

Parliamoci chiaro

Tre giorni fa nel post “Pensioni e supercazzole” prendevo di mira le dichiarazioni dei politici e gli articoli di stampa, spesso incomprensibili. Sembra che godano nell’esprimersi in maniera complicata, astrusa, criptica, ermetica; insomma, incomprensibile. E’ un vecchio vizio duro a morire. Mi viene in mente un vecchio post del 2006 “La ricetta segreta di Change” dedicato all’allora premier Romano Prodi che era solito esprimersi proprio in maniera così contorta e cervellotica da rasentare il nonsense. Eccolo:

La ricetta segreta di Change (2006)

Ieri i TG ci hanno mostrato il nostro bofonchiante Premier, dall’eterna e inconfondibile risatina sdentata, durante un suo intervento ad un convegno di Confesercenti, o Confcommercio, o qualcosa di simile. Ed hanno riportato una frase del suo intervento. Ovviamente, se si riporta una frase scelta all’interno di un discorso più ampio, in genere si sceglie una frase che riassuma in poche parole il concetto di fondo del discorso. E visto che, dato il carattere del convegno, i temi in discussione non potevano che essere quelli economici, evidentemente la frase del nostro Premier ridens non poteva che essere una profonda considerazione tesa al rilancio dell’economia italiana; una sua ricetta segreta, la summa del suo discorso. Ed ecco la frase riportata dai TG: “(L’Italia)…deve perdere dieci chili di grasso. Ma deve anche fare cinque chili di muscoli.

Oh, finalmente, questo si chiama parlar chiaro. Queste sono le grandi riforme per far ripartire l’economia. E tanto ci voleva? Basta mandare tutti gli italiani in palestra e l’economia riparte, anzi vola. Se frasi simili le avesse dette Berlusconi, i comici ci avrebbero campato per mesi. Ma forse, ormai siamo a luglio, tutti i comici sono in vacanza e quindi si perdono queste perle. Oppure sono distratti. Certo che se si raccogliessero queste “perle” ci si ricaverebbe un best seller. Anche se la migliore resta sempre quella detta a Palermo: “Quando saremo al Governo dovremo rimettere il dentifricio dentro il tubetto“. Geniale!

Prodibelpirlahome

Quest’uomo mi ricorda Chance, il protagonista di una deliziosa commedia del 1979 “Oltre il giardino“, interpretata da Peter Sellers e Shirley MacLane. La trama, in due parole, è questa. “Un giardiniere ignorante, e da anni imbottito solo di TV, grazie alle sue dichiarazioni vaghe, al limite del nonsense, e metafore riferite sempre al giardinaggio, interpretate come profonde riflessioni dense di significato, viene scambiato per un saggio filosofo. Di equivoco in equivoco diventa una celebrità nazionale, e viene ricevuto alla Casa Bianca come consigliere.“. Se volete saperne di più e vedere dei video del film, fate una ricerca in rete digitando “Oltre il giardino“.

Bene, il nostro saggio Prodi-Change, in quanto a dichiarazioni fumose ed incomprensibili, non ha niente da invidiare al giardiniere Change il quale, grazie ai suoi nonsense diventa presidente degli Sati Uniti. Ma Prodi, al contrario del giardiniere Change, farebbe bene a fare il percorso inverso, lasciare la politica e dedicarsi al giardinaggio, anzi in questo caso…ai salumi: dice che si toglie un po’ di grasso, si aggiunge la giusta quantità di carne muscolosa, qualche condimento, magari il pistacchio, e si ottiene un’ottima mortadella. Appunto.

Vi sembra che abbia esagerato con Prodi? E allora leggete questo:

 

  •  ProdiTav

Non basta? E allora beccatevi anche questa del 2006: Prodi e le grandi riforme 

Prodi ha annunciato che, se andrà al governo, attuerà una serie di “Grandi riforme”. Ecco la prima…

Prodi_Riforme1