Gatti e Sanremo

C’è più inventiva melodica e creatività musicale in questo scherzo rossiniano, “Duetto dei gatti“, che in tutto Sanremo, ospiti compresi. Animazione di Lele Luzzati. In verità a Sanremo più che gatti si vedono e si sentono cani (mascherati da cantanti).

In confronto a questa pagliacciata di regime le canzoncine dello Zecchino d’oro degli anni ’60 erano capolavori. (Ecco Cristina d’Avena nel ’68 ed il suo Valzer del moscerino).

 

Se arrivo a citare Cristina D’avena, significa che abbiamo proprio superato il limite di sopportazione, sono all’esasperazione, al limite di una crisi di nervi. ma non ne posso più di questa sceneggiata demenziale che chiamano spettacolo. Lasciate perdere la musica, non è roba per voi. Tornate in campagna dove mancano braccia per zappare la terra. Coltivate patate, allevate polli; almeno farete qualcosa di utile nella vita. E vergognatevi. Una volta non vi avrebbero fatti salire sul palco nemmeno alla sagra della porchetta.

Avete dei dubbi? Allora guardate cosa hanno il coraggio di pubblicare: “Standing ovation per Loredana Bertè“. Standing ovation? Per chi, per questa specie di oltraggio vivente all’estetica ed al buon gusto?

Bertè-1536075933

Bertè dovrebbe essere interdetta dal presentarsi in pubblico, specie in fascia protetta, per evitare traumi ai bambini ed alle persone sensibili. Solo a vederla si ha la sensazione di qualcosa di sconcio, di fastidioso, di depravato, di insopportabile, ripugnante; è un pugno nello stomaco per chiunque abbia conservato un minimo di buon gusto. Altro che standing ovation. “Se questo è un uomo…” si chiedeva Primo Levi. Guardando la Bertè viene spontaneo chiedersi “Se questa è una donna“. E si capisce perché i gay siano in costante crescita. Se queste sono le donne meglio tornare alle vecchie buone abitudini da ragazzini e farsi le pippe.

Ormai i media sono completamente fuori di senno. Pur di riempire le pagine e adulare gli sponsor ed i padroni del mondo dello spettacolo (quelli che pagano bene per avere articoli redazionali favorevoli) esaltano tutto e tutti ed usano l’iperbole per gonfiare qualunque scemotto voglia farsi passare per artista. Voi e l’estetica siete come le rette parallele.

Sì, io sarò pure un “Hater”, come dice Bisio, ma voi, con questa ipocrisia in quantità industriale, pronti a tessere le lodi di chiunque vi offra il panettone a Natale, ci avete abbondantemente rotto le palle. Per voi sono tutti bravissimi, fantastici, straordinari, le cantanti sono tutte bellissime (anche Bertè!) e le canzoni sono tutte capolavori. Sembrate tutti nipotini di Vincenzo Mollica. “Ma mi faccia il piacere“…direbbe il buon Totò. E Salinger direbbe che questo è “un mondo schifo” (dal Giovane Holden). Appunto.

7 pensieri su “Gatti e Sanremo

  1. Ascoltata. Non è il mio genere di musica. Sono decenni che non ascolto più musica pop. Ma spiegarne la ragione sarebbe lungo e non vale la pena dilungarsi. Riporto solo quanto disse tempo fa, a proposito della musica pop contemporanea, Zucchero: “La musica pop è morta. sono anni che ci propongono panini con la merda”. Opinione condivisa anche da Francesco Guccini, Angelo Branduardi ed altri Big del passato.E se lo dicono loro qualche motivo ci sarà. Ma “De gustibus…”, dicevano i latini! Buona serata.

    "Mi piace"

    1. Ma no, la musica pop ha ancora qualche fuoriclasse che la tiene in vita. Ti faccio almeno 3 esempi, in rigoroso ordine alfabetico: Lodovica Comello, Giuliano Palma, Nina Zilli. Grazie per al risposta, e buona serata anche a te! 🙂

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...