Ama il prossimo tuo

Amare il prossimo, anche se il prossimo è il tuo peggior nemico?  Sembrerebbe di sì. Questo ripete spesso il Papa; dice che è il messaggio evangelico. Amare il prossimo come se stessi significa, quindi, amare anche il proprio nemico, amare chi ti odia e chi mette a rischio la tua stessa vita. Significa amare i malvagi, i truffatori, i ladri, gli assassini, i criminali. Significa mettere sullo stesso piano il bene ed il male, l’amore e l’odio, la vita e la morte. Ma si dice che al mondo esiste il male, il diavolo, Satana, e che il male va combattuto con tutte le nostre forze. Si dice che alla fine dei tempi il male sarà sconfitto ed il bene trionferà. Significa che è in atto da sempre una lotta fra il bene ed il male. Sono due entità perfettamente distinte, inconciliabili ed in eterno conflitto. Non sono sullo stesso piano, né simili, né equivalenti, né interscambiabili, né eticamente assimilabili; sono due entità che si combattono e cercano di annullarsi a vicenda.

Se il male esiste ed è una minaccia costante, significa che è diritto-dovere di ogni essere umano, e di ogni creatura vivente, salvaguardare la propria esistenza e difendersi da chi la minaccia. E’ diritto-dovere di ciascun individuo combattere chi mette a rischio la propria vita. Amare il prossimo che ci minaccia è contro la prima legge di natura insita nel profondo dell’animo umano e di qualunque essere vivente: la sopravvivenza. L’istinto di conservazione, di sopravvivenza, di riproduzione, è la prima e più forte pulsione che anima l’intera specie vivente; che sia uomo, animale o vegetale, che sia un santo, un filo d’erba o un’ameba. E’ la causa stessa della vita, della sua espressione e della sua perpetuazione. Chi attenta a questo principio, quindi, è contro natura. E come si può mettere sullo stesso piano la legge naturale che regola il mondo e chi quella legge la combatte, la disprezza, la odia e vorrebbe annullarla? Come si può affermare la necessità di combattere il male, se, al tempo stesso, si insegna ad amarlo? Come si può amare l’odio?

Quel principio di amore universale è chiaramente contradditorio, è un tragico paradosso. Ed è deprecabile chi predica la necessità di amare il prossimo come se stessi, o di perdonare sempre e comunque, a prescindere da qualunque considerazione, distinzione e valutazione di carattere morale. E’ deprecabile il principio e la sua attuazione pratica, perché le sue conseguenze sono catastrofiche per chi le applica. Amare chi mette a rischio la nostra vita è un peccato gravissimo contro la legge naturale che alberga nel cuore dell’uomo fin dalla nascita, oltreché evidente sintomo di masochismo e di idiozia.

E poiché, per i credenti, l’uomo  è creatura di Dio, è nostro dovere rispettare e difendere la vita come il dono più grande e prezioso che Dio ci abbia dato. Metterla a rischio porgendo l’altra guancia a chi ci offende o ci minaccia e, ancor più, amando il nemico, è come disprezzare il dono divino, è un peccato gravissimo contro Dio. Amare il nemico che ci minaccia e rinunciare ad usare tutti i mezzi per difendersi equivale a suicidarsi. Ed il suicidio è peccato gravissimo, perché la vita è nelle mani di Dio e solo Dio può privarcene; anche questo dice la Chiesa. Amare il nemico non è da santi, è da idioti. Checché ne dica il Papa.

2 pensieri su “Ama il prossimo tuo

  1. Bell’articolo, sono d’accordo con te, anche nel medioevo i dotti della chiesa si posero il problema di dove finisse “ama il prossimo tuo”. La conclusione portò al concetto di malicidio: se un non cristiano commette il male, e non vi è altro modo di fermarlo, bisogna ucciderlo.

    Mi piace

    1. Soluzione un po’ drastica, ma funziona. Ho sempre avuto grossi dubbi su alcuni principi evangelici. Credo, anzi, che alcune interpretazioni del testo siano almeno discutibili. Questo sull’amore per il prossimo (o porgere l’altra guancia) è uno di quelli.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...