Il gatto di Paolo Brosio

Miracolo, il gatto di Paolo Brosio sanguina, come la Madonnina di Civitavecchia. E’ successo ieri  durante un collegamento con il programma di RAI2 “Storie italiane” di Eleonora Daniele (quella che ha sempre un’espressione da tragedia, come se le sia appena successa una disgrazia). Questa volta, invece che una disgrazia è successo un “miracolo” in diretta: il gatto di Brosio sanguina.

Brosio gatto

Era in collegamento da casa dove la madre teneva in braccio il suo gatto Sushi. Ad un certo punto è comparsa sulla camicia una piccola macchia di sangue, forse causata da una ferita del gatto. Immediata interruzione del collegamento, il gatto accompagnato con urgenza dal veterinario, preoccupazione generale  in studio, pubblico in ansia e notizia che finisce in prima pagina sulla stampa con tutti i dettagli (Vedi Messaggero – Il Giornale), E accorato appello di Brosio sui social a pregare per Sushi: “Cari amici, aiutatemi con un piccolo pensiero, se ci uniremo tutti il Cielo lo aiuterà.“.

Il mio commento sul Giornale: “Queste sarebbero notizie serie da prima pagina? Ma siete sicuri di sentirvi bene? Mah, al posto vostro una controllatina presso un centro di igiene mentale la farei, così per scrupolo.“. Per correttezza devo riconoscere che il Giornale non applica una censura eccessiva. Su altri quotidiani questo commento non sarebbe passato; censura.

Brosio Sushi

Già dobbiamo pregare per il Papa che ogni volta che si affaccia alla finestra chiede ai fedeli di pregare per lui.  Chissà quali gravi colpe deve farsi perdonare Bergoglio, se ha bisogno di tante preghiere. Forse semplicemente di essere diventato Papa.

Ora dovremo pregare anche per il gatto di Brosio. Poi per Oliver, il cane di Antonella Clerici, morto a gennaio scorso: “Sei stato il mio primo figlio“, disse. Poi per la morte di Otello, il micio di Elisa Isoardi . Poi, forse, per la morte del criceto di una delle tante smutandate in TV. Le condizioni di salute degli animali domestici dei VIP stanno diventando argomenti da prima pagina. Fra poco sui quotidiani comparirà una apposita rubrica riservata ai necrologi degli animali dei VIP. Non è detto che non nasca anche un’edizione speciale dell’Isola dei famosi, “L’isola di pelosi” riservata ai VIP accompagnati dai loro cani e gatti.

Ho sempre avuto animali in casa, ci sono cresciuto insieme ed ho sempre avuto con loro un ottimo rapporto (Rondini e ricordi); specie con cani e gatti con i quali esiste una particolare empatia reciproca (ma credo che questo rapporto speciale sia comune a moltissime persone che amano gli animali). Ho allevato canarini, pappagalli, galline, anatre. Ancora oggi, nonostante l’età ed i problemi di salute, ho due galline, un gallo e sette gatti. Più passeri, piccioni e volatili vari che ormai sono di casa in giardino e sanno che il ristorante è sempre aperto; e scendono a beccare mangime, grano  e pane che è sempre  disposizione per le galline (che non si lamentano perché tanto ce n’è per tutti). E accudisco tutti con pazienza, cercando di allevarli nel miglior modo possibile. Solo per chiarire la mia grande passione per gli animali. Ma…

Ma non mi verrebbe mai in mente di comunicare in TV “Urbi e Orbi” che un gatto è ferito e sanguina. Se, invece, questa diventa notizia da prima pagina, allora significa che la gente è completamente rincoglionita. Ed in primis chi controlla i media (stampa, Web, TV) e Brosio che chiede di pregare per il suo gatto Sushi. Ormai questi personaggi dello spettacolo, e l’intero sistema mediatico, sono così pieni di sé ed autoreferenziali che sono convinti che tutto ciò che fanno in privato e che li riguarda, dalle peripezie professionali alle avventure sentimentali, alla salute del criceto, siano notizie importantissime di interesse pubblico e debbano essere diffuse con grande rilievo sui media. Il mondo dello spettacolo rappresentato dai media (specie dalla TV) sembra essere l’unico possibile e, pian piano, il mondo reale viene sta sostituito dalla sua rappresentazione, dalla realtà virtuale a base di effetti speciali; quella realtà alterata, falsa e grottesca in cui il gatto di Brosio finisce in prima pagina; neanche fosse l’ultimo esemplare della tigre bianca del Bengala.

Ma cosa avete al posto del cervello; la segatura? Se poi qualcuno vi risponde per le rime e vi manda a quel paese lo accusate di essere un Hater (odiatore), o un “napalm 51″ (leone da tastiera), come il personaggio di Maurizio Crozza? NO, siete voi che siete fuori di testa, avete perso il senso della realtà, del limite, della decenza, della misura, ed il semplice buon senso; ma non ve ne rendete conto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...