La coerenza è un optional

A proposito di migranti. Due giorni fa il cardinale Scola, ex arcivescovo di Milano, intervenendo al Meeting di Rimini, ha dichiarato: “Non possiamo accoglierli tutti.”. Ed ha precisato che “il Papa non lo pensa e non lo ha detto“. Ed ancora, come riportato da AgenPress: “Papa Francesco non sarebbe un sostenitore della bontà dell’accoglienza sempre e comunque.“. No? Strano, tutto il mondo ha sentito gli appelli che il Papa lancia quotidianamente in ogni occasione; hanno sentito tutti, eccetto Scola. Forse la sua radio non era perfettamente sintonizzata su Radio Vaticano e si è perso qualche dichiarazione papale.

Scola migranti 1

Ora, pensando che Papa Bergoglio  da anni, quotidianamente continua a  lanciare appelli all’accoglienza di tutti “buoni e cattivi“, perché “sono nostri fratelli”, il minimo che si possa dire è che il cardinale Scola o ha una pessima memoria, oppure è in malafede. Soprattutto perché è lo stesso cardinale che, come arcivescovo di Milano, in occasione della Pasqua del 2014, durante l’omelia della messa per la domenica delle palme in Duomo, invitando i milanesi ad accogliere a braccia aperte i migranti (come faceva spesso e volentieri), disse: “Gli stranieri rappresentano il futuro di Milano“.

Scola stranieri

Non è certo un buon esempio di coerenza. Ho l’impressione che la Chiesa, sulla questione migranti, stia seguendo la stessa tattica del PD. Si sono resi conto di aver esagerato con l’invito all’accoglienza. Cosa che per il PD si è rivelato un disastro in termini di perdita di consensi elettorali. E per la Chiesa in forti contestazioni anche da parte dei fedeli nei confronti del Papa terzomondista. Ed ora cercano di rimediare rimangiandosi, o cercando di correggere e reinterpretare, anche gli slogan che hanno ripetuto fino alla nausea in questi anni. Per fortuna, e purtroppo per Scola,  la gente ha buona memoria.

(Arcivescovo Scola; Milano, Domenica delle palme 2014)

Scola palme

3 pensieri su “La coerenza è un optional

  1. albertzanna

    Se si parlasse di uomini laici, con famiglia, si potrebbe pensare che a Scola non interessa un granchè delal sua famiglia.

    Ma si parla di preti, e tutto ed il contrario di tutto è possibile.

    Ora la parrocchie hanno scoperto il bisiness dei migranti, i soldi che lo stato paga per chi li mantiene a fare nulla dalla mattina alla sera, o al massimo che li fa diventare calciatori, così possono rendere anche di più.
    un mio amico conosce un parroco, in Veneto, che è il procuratore anonimo di almeno 15 giocatori di calcio, ma ha tolto un appartamento che aveva affittato ad una famiglia con due figli , che non ha grandi introiti, perchè gli occorreva per ospitarci dentro 8 di questi ragazzotti neri che non fanno altro, tutto il giorno, che allenarsi, andare in palestra e fare la bella vita

    Ma se sentono parlare di lavoro, a tutti viene la febbre gialla al solo pensiero di accettare una proposta per diventare operai o simili, perchè molti di loro non sanno quasi neppure parlare in italiano, nonostante siano in Italia da ormai 3 anni

    Questa è diventata la Chiesa al giorno d’oggi, con chiese sempre più vuote, ma i soldini non mancano, e pagano gli italiani con le loro tasse

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...