Eurabia news

Che bella l’accoglienza, l’integrazione, il multiculturalismo, la società multietnica. Ce lo dicono e lo ripetono continuamente tutte le anime belle della sinistra, i socialisti europei, i cattocomunisti, i buonisti della Caritas, delle Coop (tipo quelle di Buzzi che “si guadagna più con gli immigrati che con la droga“) e delle associazioni che guadagnano speculando sull’accoglienza. Lo dicono Hollande, Boldrini, Kyenge, l’ONU, l’UNHCR. Il Papa dice che “i musulmani sono nostri fratelli” ed invita ad accogliere tutti a braccia aperte (tanto paghiamo noi).  E’ un diluvio di buoni sentimenti. Poi oggi arriva la notizia: “Terrorismo islamico a Parigi, attentato al giornale satirico Charlie Hebdo, 12 morti“.

Ma la Boldrini, che non riesce a rinunciare alle sue boldrinate quotidiane, tanto per ribadire la sua stima nei confronti dei seguaci del profeta (da poco è stata in visita ad una moschea) si affretta a dichiarare che “Non bisogna confondere gli assassini con i musulmani“. No, non confondiamoli. Però Oriana Fallaci diceva “Non tutti gli islamici sono terroristi, ma stranamente tutti i terroristi sono islamici“. E per aver detto nei suoi libri la sacrosanta verità e previsto in maniera lucidissima ciò che sarebbe accaduto, cercando di mettere in guardia l’Europa e l’Occidente dal pericolo del fondamentalismo islamico,  venne derisa, sbeffeggiata, oltraggiata. Sabina Guzzanti, patetica tragi-comica, fece del sarcasmo vergognoso sul cancro che la stava divorando e Franca Rame, altra degna rappresentante della sinistra militante, dal palco di Firenze gridò che  “Fallacci è una terrorista“.

La guerra santa, la jihad, è già iniziata da tempo. E’ una guerra religiosa e culturale che tende alla conquista dell’Europa e dell’occidente ed alla sottomissione degli infedeli. I nemici sanno benissimo di essere in guerra, noi non l’abbiamo ancora capito. O forse facciamo finta di non capirlo. Anzi, sembra che facciamo di tutto per facilitargli il compito, accogliendo africani e arabi senza  controlli e limitazioni. Creiamo comitati, consulte, associazioni che lavorano all’integrazione ed alla tutela di tutti i diritti possibili. Abbiamo inventato addirittura un “ministero per l’integrazione” ad hoc e l’abbiamo affidato ad una signora proveniente dal Congo che dichiara convintamente che “La terra è di tutti” e che gli immigrati sono “preziose risorse per l’Italia“. Ma la realtà è diversa da quella che tentano di inculcarci i media al servizio della causa buonista. Non sono i migranti ad integrarsi nella nostra società, siamo noi che pian piano ci stiamo adeguando alla loro cultura, rinunciando alle nostre usanze e tradizioni, specie religiose, per non urtare la loro sensibilità.

In Europa hanno già capito che il multiculturalismo è un fallimento. Lo ha capito la Germania (fine della pazienza), l’Olanda (fuga da Amsterdam), l’Inghilterra (multiculturalismo flop) dove Cameron lo ha detto chiaramente e dove stanno attuando norme molto più restrittive sull’immigrazione. Noi non l’abbiamo ancora capito e, anzi, dobbiamo sentire e sopportare ogni giorno le litanie buoniste senza nemmeno protestare, pena l’accusa infamante di razzismo. Anche se, leggendo i commenti sulla stampa, si ha l’impressione che molti, anche fra quelli che l’hanno insultata, cominciano a pensare che forse Oriana Fallaci aveva visto giusto. Temo, però,  che ormai siamo quasi ad un punto di non ritorno. Forse è già troppo tardi. Ma è risaputo che la sinistra fa fatica a comprendere, hanno i riflessi lenti, hanno bisogno di tempo per capire, talvolta passano anni e quando lo capiscono ormai hanno già fatto danni incalcolabili e irrimediabili. In Russia, dopo aver distrutto un impero e procurato decine di milioni di morti per creare il paradiso dei lavoratori, hanno impiegato 70 anni per capire che avevano sbagliato tutto. Anche l’Europa stenta a capire e si sta autodistruggendo con le proprie mani e le proprie leggi, ma non l’ha ancora capito.

Vedi

Islam e Occidente sono incompatibili.

Immigrati e buon senso

Migrazione e ipocrisia.

Immigrazione, la strategia sinistra.

La profezia si avvera.

Islam, lezioni di odio.

Multiculturalismo flop (Discorso di David Cameron)

Il multiculturalismo è fallito.

La fine della pazienza (Dichiarazione di Angela Merkel sul fallimento del multiculturalismo)

Migrazione fra retorica e realtà (Cosa succede in Germania)

Banlieu, la città malata.

Evviva, ci arrendiamo (l’islam in Germania)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...