Muri e ministri

Anni fa a Pompei crollò un muro. Immediata reazione dell’opposizione di sinistra che denunciò l’accaduto come conseguenza di incuria, incompetenza e negligenza del ministro per i Beni culturali, Sandro Bondi. Tanto protestarono, addossando al ministro tutte le responsabilità possibili del crollo, che Bondi dovette dimettersi.

Oggi ad Ercolano è “crollato il tetto all’interno della Casa dell’Atrio Corinzio“. Ora, per coerenza, i parlamentari del PD chiederanno le dimissioni  del ministro dei Beni culturali, Massimo Bray? Ma no, quando mai, i ministri sono responsabili dei crolli e devono dimettersi solo se sono di destra. Gli altri non sono mai colpevoli e non devono dimettersi, specie se sono sponsorizzati dal Presidente Napolitano (vedi Cancellieri).

In Italia anche i muri ed i tetti sono double face. Alcuni, quando crollano, fanno dimettere i ministri, altri crollano ma senza conseguenze per il governo.  Ricorda molto da vicino l’etica dei maiali della Fattoria degli animali di Orwell. In questo caso si potrebbe sintetizzare così: “tutti i muri sono uguali, ma alcuni muri sono più uguali degli altri”. E’ l’applicazione dell’etica “suina” della sinistra. Che strano paese l’Italia. No?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...