Ruby 2: la vendetta

Se la magistratura applicasse nei confronti dei cittadini italiani lo stesso accanimento e gli stessi metodi usati contro Silvio Berlusconi, oggi mezza Italia sarebbe in galera e l’altra metà in attesa di giudizio. Unici a salvarsi sarebbero loro: i magistrati. Perché possono sbagliare, ma non pagano mai pegno. E nessuno può criticarne l’operato perché qualunque rimostranza o sospetto sull’imparzialità e correttezza dell’azione giudiziaria diventa offesa ed attacco alla libertà e indipendenza della magistratura. Sono intoccabili.

Chi giudica i giudici? Ovvio, altri giudici. E se non ci fidassimo di questo giudizio, chi giudicherebbe i giudici che giudicano i giudici? Ancora altri giudici. Nessun altro è autorizzato a farlo, perché, come cantava la Caselli “Nessuno mi può giudicare, nemmeno tu…”. Sono l’unica categoria in Italia con l’immunità incorporata.

Per intendersi, sarebbe come se i deputati e senatori, invece che essere eletti dal popolo e periodicamente ripresentarsi al giudizio popolare che ne valuta l’operato e decide se confermare o meno la fiducia, decidessero al loro interno la validità del proprio operato e ne confermassero il mandato. Né più, né meno. Sarebbe una “dittatura parlamentare“. Una forma strana ed anomala di dittatura, ma pur sempre dittatura. Esattamente come quella della magistratura.

14 pensieri su “Ruby 2: la vendetta

  1. angela

    Quanto dici è pur vero…ma alla fine Berlusconi ha un po’ stancato…perchè non governa con maggior serietà? E poi…se sa di essere al centro dell’interesse nazionale ( del mio no di sicuro comunque) perchè non cerca di essere meno megalomane ( regali in soldi ecc…)e piu’ attento a chi frequenta? ( gente che comunque prima ammazzerebbe la mamma per andare ad una sua festa, conoscerlo ecc e poi comincia a dichiare di tutto e di piu’ ai vari giornali.Diciamo che se le cerca.Lo cerdevo piu’ furbo alla fine è stupido.

    "Mi piace"

    1. Giano

      Angela, anche in quello che dici tu c’è un fondo di vero. Forse Berlusconi esagera nel suo privato. Ma chi esagera di più, e volutamente, sono i media che lo tengono sempre sotto tiro, qualunque cosa faccia o dica. E ovviamente i vari pm che cercano il pelo nell’uovo pur di tentare di incastrarlo.

      "Mi piace"

  2. ciao carissimo,
    spesso mi leggi e quindi sai bene che da tempo scrivo che le caste intoccabili sono tre, giudici, medici e giornalisti, gli interventi contro la malasanità sono solo fumo negli occhi, qui a Torino un primario cardiochirurgo che impiantava valvole difettose Brasiliane percependo tangenti, dopo la buriana, è stato reintegrato dal solito giudice creativo.

    La vicenda Ruby è più grave di quanto si possa pensare, il pool di Milano ha scientemente scatenato un putiferio sapendo di compiere un atto non legale in quanto fuori dalla propria competenza territoriale.

    I giornalisti “anti” sono partiti in quarta con immani cazzate sapendo di poter contare su una impunità garantita da parte dell’ordine, un organismo orbo e politicizzato prossimo a morire, speriamo.

    Ad una persona sana di mente e non condizionata da pregiudizi viene spontaneo porsi alcune domande, visto che sono 17 anni che il pool rosso del palagiustizia Milanese e non solo spende miliardi di soldi nostri per incastrare Berlusca e lui è ancora lì, ben saldo in sella… le ipotesi sono due:

    1) Berlusconi è innocente
    2) i giudici Milanesi sono degli incapaci

    E’ meglio parlare del caso Ruby piuttosto che di un De Magistris che si è appropriato INDEBITAMENTE di fascicoli per tentare di incastrare e fottere nemici politici.

    TADS

    "Mi piace"

    1. Giano

      Ciao sdat, questa è una storia surreale. Si stenta a credere che succeda davvero quello che leggiamo. Un altro medico che, falsificando la diagnosi, privava i pazienti di organi sani per il mercato dei trapianti. Sembrano cose da film horror, invece…
      I pm milanesi hanno un solo obiettivo, far fuori Berlusconi. Ora cavalcano questa storia di Ruby. Concussione e favoreggiamento della prostituzione. Mi viene da ridere. Sarei davvero cusrioso di sapere quante telefonate avranno fatto i sinistri del governo Prodi, quando erano al governo, per ottenere favori, raccomandare qualcuno, suggerire comportamenti, indirizzare appalti, concordare nomine in aziende ed enti pubblici, favorire amici parenti e conoscenti o per tentare di acquisire una banca. Ma di questo non si parla. E quando succede di doverne parlare, come nel caso della scalata Unipol, le telefonate di D’Alema non si possono utilizzare perché il Parlamento europeo non dà l’autorizzazione. Si salvano sempre in corner, ma poi fanno i moralisti.

      "Mi piace"

    1. Giano

      Ciao Ebe, bentornata, il nuovo anno va, va, per il momento. Troppo forte il video. Grande Proietti, riesce sempre a farmi sorridere, impresa ultimamente piuttosto difficile. Eh sì, altri tempi, altre escort, da Violetta a Ruby, un abisso. Buona giornata 🙂

      "Mi piace"

  3. Magistrato

    Non è vero che non pagano mai. Una volta ho sentito dire dal cugino della portiera del vecino dell’edicolante che vende repubblica, della famiglia De Benedetti, che un giudice è stato condannato dal CSM, dopo ben 17 minuti di attesa del processo, a mezz’ora di perdita di anzianità utile alla graduatoria di avanzamento carriera.
    Come vedi anche loro sono cittadini come gli altri e pagano per i propri errori.
    E’ ora di basta con queste malignità sui migliori del sarebbimo come tutti noi dell’IDV. La democrazia è in pericolo. Videla, Videla. Indipendenza della magistratura.
    Vota Antonio, vota Antonio.
    E buon tonno palamara a tutti.

    "Mi piace"

  4. Angelo C.

    Ciao Giano, noi italiani che non contano nulla ci siamo veramente rotti. Non contiamo nulla perchè nonostante votiamo il nostro voto è facilmente ribaltabile a seconda dei gusti della magistratura. Loro sono “la Via, la Verità e la Vita” (praticamente il Vangelo). Nonostante noi popolo decidiamo chi ci deve governare loro in un modo o nell’altro ribaltano la situazione. Allora penso che in Italia non ci sia libertà ma non per colpa della politica (come accade nei paesi canaglia) ma (anomalia tutta italiana) per colpa dei magistrati. Invece di vegliare sui diritti del cittadino vegliano sui diritti della loro “casta”, senza se e senza ma. Poveri noi!! Attenzione però che se si tira troppo la corda questa prima o poi si spezza. Allora quel giorno qualche giudice dovrà fare le valigie e biglietto aereo Airtunisi. La pazienza ha un limite.

    "Mi piace"

    1. Giano

      Ciao Angelo, stanno veramente tirando troppo la corda. La loro fortuna è che i moderati non hanno l’abitudine di scendere in piazza a sfasciare auto e vetrine o lanciare molotov. Se questa situazione si verificasse a parte invertite avremmo già avuto una guerra civile. Mi auguro che non succeda, ma stanno facendo di tutto per arrivarci. Coraggio…

      "Mi piace"

  5. Clara

    100 agenti 400 perquisizioni 200 persone interrogate 800 persone intercettate e processo per direttissima a Berlusconi….
    Boss mafioso Giuseppe del Castro pluriomicida e condannato a 3 ergastoli, scarcerato perchè dopo 1200 giorni nessuno si è preoccupato di trascrivere la sentenza
    QUESTA E’ LA MAGISTRATURA ITALIANA!!!!!

    "Mi piace"

  6. tatum

    Se per voi la prescrizione è uguale a innocenza non siete altro che dei protosilvio, nati per fregare il prossimo senza i mezzi per farlo. Un obbiettivo di alto profilo da perseguire per tutta la vita, sognando ville rubate, soldi di mafia, massoni ammiccanti e, finalmente, a 70 anni giovani bambine ai vostri piedi. Giovani anche se maggiorenni; non esiste che sia moralmente giusto avere relazioni con rappresentanti dell’altro sesso più giovani di 40 anni, specialmente se sono 25 anni che tramite i media si è cresciuto generazioni di ragazze sculettanti e tette al vento, sorridenti e ochette.
    Ti auguro di non commettere mai un reato, anche se stupido e veniale, dove l’unica alternativa alla galera sia la prescrizione. Non hai abbastanza soldi e potere

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...