Totò e lo stemma ritrovato.

Ritrovato a tempo record lo stemma nobiliare rubato pochi giorni fa dalla tomba di Totò. Un oltraggio che il “Principe” non meritava. E’ sempre stato uno dei miei preferiti. Ho una quindicina di libri su Totò (tutto quello che è stato pubblicato fino a qualche anno fa), biografie, raccolte di testi, poesie, canzoni, filmografia, oltre alla raccolta quasi completa di tutti i suoi film in VHS, più di cento. Ci sono film che ho visto e rivisto tante volte da conoscere i dialoghi a memoria. C’è qualcosa in Totò che, a mio giudizio, va oltre la sua bravura di comico. C’è in lui una profonda saggezza e qualità umane che non traspaiono sempre dalle sue battute, dai personaggi. Resta in sottofondo, come qualcosa di inespresso che, però, a saper leggere fra le righe, sono ben evidenti.

Sappiamo della sua grande generosità, delle sue frequenti donazioni di denaro ai colleghi attori meno fortunati o in difficoltà. Sappiamo del suo impegno nell’aprire e sostenere un canile per cani randagi e abbandonati. Sappiamo che usava andare nei quartieri poveri della sua Napoli, specie alla Sanità, suo quartiere natale, e lasciare in maniera anonima somme di denaro ai più bisognosi. C’era in lui una grande e vera nobiltà d’animo, prima che di casta. Citando una sua vecchia battuta, si direbbe “Signori si nasce. Ed io lo nacqui“. In verità, lui nacque povero e per tanti anni soffrì di questa situazione e del fatto che dovette aspettare anni prima di essere riconosciuto dal padre. Da questa infanzia tormentata nasce, forse, il suo desiderio di riscatto che lo portò a dedicare tempo e denaro alle ricerche araldiche per dimostrare la sua origine nobiliare.

Ecco perché, contrariamente a quanto potrebbe sembrare, ricordando forse la più famosa delle sue poesie, ‘A livella, non è una contraddizione con il testo della poesia volere lo stemma sulla tomba. E’ solo il compimento di quel riscatto degli anni bui dell’adolescenza. Uno stemma che, come ricorda la figlia Liliana, Totò ha realizzato personalmente.

Totò stemma

Appare del tutto logico che questo oltraggio alla sua tomba, ci riporti alla memoria la sua già citata ” ‘A livella“. Per chi non la conoscesse e per chi desideri riascoltarla, eccola nella interpretazione dello stesso Totò, in un video dei primi anni ’60 realizzato, nella sua casa romana, per un documentario televisivo.

 

 

 

2 pensieri su “Totò e lo stemma ritrovato.

  1. Totò è stato un vero e grande artista, un “pittore” della vita, creatore di una “corrente comica e mimica” ancora oggi presa a modello. Come quasi sempre accade a certi “pennelli”… i riconoscimenti e le giuste valutazioni arrivano post mortem

    …..
    Sì, sdat, proprio così. Ancora oggi molti campano rifacendosi alle sue battute, alle sue invenzioni. Eppure tutti lo snobavano. C’est la vie…:)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...