Via del campo: l’originale…

Qualche mese fa, prendendo lo spunto da un articolo apparso sulla stampa, dedicai un post alla celebre canzone di Fabrizio De Andrè: “Via del campo, con sorpresa“. Quale è la sorpresa? Beh, leggetevi quel post. Ci sono alcune notizie sulla canzone, su come è nata, alcune curiosità, la notizia dell’allontanamento delle “graziose”, un video di De Andrè ed un altro video, realizzato con immagini della nota via genovese, col sottofondo di una canzone dedicata a Via del Campo che è, però, un adattamento, ben riuscito, di una vecchia canzone portoghese interpretata da Amalia Rodrigues. Eppure, succede che, leggendo qui e là, si scopre che non tutti sanno quale sia l’originale. Qualcuno pensa che “Via del campo” sia una canzone genovese dedicata alla strada regno delle “graziose”. Altri, più informati, sanno che è una canzone di Amalia, ma pensano che la grande cantante portoghese, avendola incisa anche nella versione italiana,  l’abbia dedicata a Genova. L’equivoco nasce dal fatto che quel brano sia stato tradotto in italiano come “La casa in via del campo” e sia stato interpretato da Amalia ed inserito nell’album “Amalia in Italia”. Insomma, c’è un po’ di confusione.

Niente di tutto questo. Si tratta di un vecchio fado  “Casa da Mariquinhas“, o più semplicemente Mariquinhas, che in realtà era una specie di bordello da angiporto in cui degli effeminati si prostituivano. Quel locale venne chiuso ed al suo posto si aprì, pare che ci sia ancora oggi, un’agenzia di pompe funebri. Mah, tutto passa…Aggiungo una precisazione. Quella canzone viene indicata anche come “Mariquinhas”, come si vede anche nel titolo del video linkato. In verità di quella canzone originale esistono diverse versioni con diversi titoli.  Il titolo esatto della versione di Amalia Rodrigues, su testo di A. Janes, che era anche il titolo dell’album originale inciso da Amalia nel 1968, era “Vou dar de beber à dor“.

Oggi, per caso, mi sono imbattuto in un video con l’originale cantato da Amalia Rodrigues ed ho pensato di proporlo, tanto per chiarire ogni dubbio su quel brano. La voce di Amalia è unica ed il fado è l’espressione autentica dell’anima portoghese. Buon ascolto…

P.S. (aggiornamento 24 aprile 2014)

Purtroppo quel video, non era disponibile. Altri tentativi di inserire semplicemente il link o altri video con altre canzoni di Amalia non sono riusciti. E nemmeno l’inserimento di un semplice link ad un file in MP3  (avevo registrato il brano originale da un mio LP del 1968) inserito nella piattaforma Splinder. Il problema è che  i video che cercavo di inserire erano stati pubblicati da un utente il cui account venne chiuso con conseguente scomparsa dei video pubblicati ed il file audio scomparve insieme alla piattaforma Splinder che, poco dopo, venne chiusa. Un’ecatombe di blog, video e file. E’ il rischio di internet; per qualche motivo, da un giorno all’altro, puoi perdere tutto ciò che hai prodotto in anni!

Oggi, stimolato da un recente commento sono tornato a leggere questo post e, oltre a scoprire che, appunto, nessuno dei link funzionava, andando su You Tube ho visto che qualche anima buona, nel frattempo aveva inserito quel video originale di Amalia. E così, con 6 anni di ritardo, dopo aver cancellato tutta la parte finale del vecchio post contenente i vari link, riusciamo, finalmente, ad ascoltare questa canzone e vedere Amalia che la interpreta in un video degli anni ’60. Eccola…

14 pensieri su “Via del campo: l’originale…

  1. elle

    Mi ero sempre chiesta come mai un fado portoghese fosse stato dedicato alla via del Campo genovese,non ne conoscevo assolutamente l’origine…però leggendo il testo tradotto in italiano l’equivoco può starci,e non tanto per la via del Campo che erroneamente viene citata più volte, ma per le immagini che proprio il testo evoca…inserisco qui la traduzione che ho trovato in rete,così leggendolo,che ne dici?
    C’era sempre
    una canzone per voi
    un bicchiere due risate con noi
    nella casa in via del campo
    dove dolce andava il tempo
    dove ho riso amato e tante volte
    ho pianto
    ci scaldavano le ore
    qualche volta in fondo al cuore
    rimaneva un’ombra triste
    di rimpianto nostalgia di non poter
    guardare il sole nella casa in
    via del campo han riperto le
    finestre quel di’ le risate son
    volate lontano una ditta di trasporti
    per coloro che son morti
    con le insegne bianco e oro
    al terzo piano dove son le tende
    a fiori delle lampade i colori
    i capelli di Maria le sue mani
    si direbbe ormai finito tutto quanto
    nella casa in via del campo
    una notte son tornato però
    mi pareva di sentire
    come allora quelle voci
    rider forte un dischiudersi
    di porte quattro notte
    di chitarra cose morte
    ho cercato a lungo invano
    quella luce al terzo piano
    quella donna che
    sapeva anche amare
    io l’ho detto ormai e’ finito
    tutto quanto
    nella casa in via del campo
    io non piango i miei vent’anni
    e poi tante volte abbiamo
    pianto anche noi ma potevano lasciare
    tutto quanto riposare ora che non si potra’
    mai piu’ cantare io l’ho detto
    a Maria vieni a bere
    vecchia mia un bicchiere per
    poter dimenticare tanto vedi ormai e’
    finito tutto quanto
    nella casa in via del campo
    tanto vedi ormai e’ finito tutto quanto
    nella casa in via del campo.

    Tutto cambia,le vie,le situazioni,i locali,le persone,ma non la voce inegagliabile di Amalia col suo fado!

    Mi piace

  2. Non dimentichiamoci che questa canzone fù portata al successo anche nella versione cantata da Franco Simone , successivamente cantata anche da Amalia Rodriguez !

    Giano il video non è disponibile in quanto è stato rimosso ! Quindi non può esserci 🙂

    Mi piace

  3. Giano

    Ciao Lelli, il testo italiano riprende grosso modo quello originale (vedi la citazione della “ditta di trasporti per coloro che son morti”) adattandolo. Ma non è un caso raro, sono tantissime le canzoni italiane che sono versioni di celebri canzoni straniere, oggi le chiamano cover. E non sempre e non tutti conoscono la versione originale. Ogni tanto, però, bisogna fare chiarezza. Buona giornata…:)

    Ciao Giomba, i video non sono stati rimossi, tanto è vero che cliccando sui link vedi che sono disponibili, ma solo sulla piattaforma YouTube. Boh…mistero.
    In quanto a Franco Simone, lui l’ha incisa nel 1978, ma la canzone, di J. Janes, è del 1968, dieci anni prima. Ed era esattamente “Vou dar de beber ‘a dor”, la canzone che dava il titolo all’album originale di Amalia Rodrigues che, quindi, l’ha incisa dieci anni prima di Simone, e non successivamente. L’album in italiano, della EMI Columbia, fu presentato come “Amalia Rodrigues”, ed è pure del 1968. Anzi, visto che ce l’ho, quasi quasi lo registro e ci faccio un video, poi lo pubblico su YouTube…
    Buona giornata 🙂

    Mi piace

  4. Giano

    Ok, Daniele, ho appena aggiunto il file con la versione originale, direttamente registrata dal mio LP. Visto che si ascolta con Windows media player, potete salvarlo nel vostro PC. Certo che se Tiscali permetesse di inserire anche file audio dal proprio PC sarebbe tutto più facile. Buona giornata 🙂

    Mi piace

  5. Annalisa

    In traduzione si chiama “adattamento”, tecnica traduttiva usata principalmente nella traduzione letteraria o nel campo pubblicitario. Intento principale é ritrasmettere le immagini e nessuno italiano avrebbe immaginato un bordello, parlando della “Casa da Mariquinhas”, immagine invece molto nota agli amanti di fado. La scelta della casa in Via del Campo immagini simili nel lettore italiano a quelle del lettore portoghese. Esiste anche una versione in francese “La maison sur le port”, sempre cantata dalla grande Amália. 🙂

    Mi piace

    1. Giano

      Ciao Annalisa, benvenuta; giuste considerazioni. E’ bene ogni tanto riferire anche queste curiosità, giusto per chi non le conosce. Amalia è una delle mie cantanti preferite, da sempre. E la versione originale la conosco dagli anni ’60, era compresa in un suo LP (li ho quasi tutti). Mi piaceva che si sapesse da dove nasce l’edizione italiana. Sono andato a rivedere il post al quale ti riferisci col tuo commento. Allora tentai di inserire il video originale di Amalia in tutti i modi, ma inutilmente. Ho scoperto ora che quei video erano stati inseriti tutti dalla stessa persona ed erano spariti perché era stato chiuso il suo account. Ecco perché non apparivano. Allora ho registrato in MP3 la canzone originale, dal mio LP, e l’ho pubblicata come file musicale sulla piattaforma Splinder. E che succede? Splinder chiude i battenti e tutto il materiale scompare. Incredibile, sembra una congiura. Per fortuna, oggi, tornando su You Tube, ho visto che altri, di recente, hanno inserito lo stesso brano originale, sia in versione solo audio, sia una versione video dal vivo. Quasi quasi correggo il post del 2008 ed inserisco il video. Grazie alla tua visita ed al tuo commento che mi ha incuriosito e mi ha fatto rileggere quel vecchio post. Se volessi vedere quel video lascio il link. Il video è stato pubblicato dal portale http://www.portaldofado.net/ dedicato al fado con tantissime notizie sulla musica, gli autori e gli interpreti. Da tenere in evidenza, se ti interessa il fado. Ancora grazie…

      Mi piace

  6. francesco

    Salve, solo una precisazione, la casa in via del campo di De André e quella della canzone di Amalia non sono la stessa canzone (vo a dar ber au dor)quella di Franco Simone si. Sicuramente la più descrittiva sotto l’aspetto del testo è invece quella di Alfredo Marceneiro.

    Mi piace

    1. Giano

      Ciao Francesco, giusto. Infatti ho scritto questo post proprio per chiarire che le due canzoni di De Andrè e Amalia sono due canzoni diverse, cercando di chiarire anche le fonti di eventuali equivoci. Spero che leggendo il post questa distinzione sia chiara. Sulla canzone di De Andrè avevo già scritto in un precedente post “Via del Campo, con sorpresa”, citato e linkato all’inizio di questo post. Grazie per la visita, buona serata.

      Mi piace

  7. Mauro

    ma cosa state a dire !!!
    Via del Campo è una canzone di Fabrizio deAndrè..chiuso
    La c asa in Via del Campo è una canzone di Franco Simone in stile fado portoghese, poi ripresa dalla grande Amalia Rodriguez.
    Quindi non è tradotta dal portoghese!!!

    Mi piace

    1. Giano

      Mauro, ma che stai a dire tu…almeno, prima di sparare queste castronerie, informati meglio. Anzi, rileggiti il post, magari leggi anche il post linkato alla canzone di De Andrè. Via del campo è una canzone di De Andrè. Ma La casa in via del campo, quella interpretata da Simone, è un’altra canzone. E l’originale è quel fado portoghese interpretato anche da Amalia Rodrigues che poi fece una versione in italiano. Eppure mi sembra che il post fosse molto chiaro. Se prima di scrivere il commento avessi letto i commenti precedenti avresti visto che ho già spiegato che quella di De Andrè e quella di Amalia sono due canzoni diverse. Ed avresti letto anche le precisazioni sulla versione di Simone.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...