Quando l’alluce fa notizia.

L’immagine del soldato israeliano che sparava un proiettile di gomma ai piedi di un palestinese, colpendolo all’alluce, ha fatto il giro del mondo. Ovviamente suscitando lo sdegno e la condanna di tutti, specie se "pacifinti".  Per fortuna il prezioso alluce palestinese è stato colpito solo di striscio, tanto è vero che non è stato necessario nemmeno ricorrere a cure particolari. Ma tant’è, la foto è rimasta per tre giorni sulle prime pagine dei quotidiani on line.

Nessuno, ovviamente, si è degnato di notare, nemmeno per sbaglio, che quel soldato in servizio presso la linea di confine, insieme ai suoi colleghi è oggetto di pressioni, minacce, insulti e di attacchi da parte di palestinesi, assistiti incoraggiati e sostenuti da decine di pacifinti internazionali, dei quali buona parte italiani, che contro di loro e contro gli operai che lavorano lungo quel confine alla costruzione delle barriere anti terrorismo, lanciano di tutto, sassi, molotov e tutto quello che si può lanciare; talvolta parte anche qualche sparo. Così come succede a tutti i soldati in servizio presso il confine o i valichi di Gaza, sempre in stato di massima allerta e sotto una pesantissima tensione psicologica, perché non puoi mai sapere cosa ti aspetta, cosa può nascondersi dentro un camion o sotto i vestiti. Verosimilmente, allora, può darsi che questi soldati , spesso poco più che ragazzi, possano essere un tantino stressati e che talvolta possano compiere gesti avventati. Ma a loro è vietato sbagliare. Quindi per la nostra stampa non c’è alcuna giustificazione.

Poi succede, proprio due giorni fa, che due di quei soldati, della polizia di frontiera, durante la solita e quotidiana manifestazione degli estremisti di sinistra e pacifinti vari a Niilin, restino feriti. E debbano ricorre alle cure mediche in ospedale. E che succede? Niente, tutto regolare. Forse non si sono coperti bene, non si sono scansati in tempo per evitare una molotov, forse…insomma, hanno sbagliato ancora una volta. Comunque, è sempre colpa loro. Infatti la notizia non compare nemmeno sui quotidiani. Non è importante. Un alluce palestinese sfiorato da un proiettile di gomma è un fatto gravissimo, due feriti israeliani è normale. Sì, quando si trattano questioni palestinesi è sempre bene tener presente questo piccolo dettaglio. Tutto ciò che fanno gli israeliani è gravissimo, il terrorismo palestinese è…normale. Chiaro?

Perfino l’attentato di venerdì a Gaza, costato 5 morti e decine di feriti, è "quasi normale". La notizia è passata, ma fra le brevi di cronaca. Perché? E’ più grave l’alluce sfiorato di 5 morti? No, no, è che ancora una volta se i palestinesi si ammazzano fra loro è bene non dare troppo spazio. Certo se fossero morti per un raid israeliano, allora sì che avrebbe occupato le prime pagine.

Così succede che, per vendicare quelle morti, Hamas arresti circa 200 persone, della fazione avversa di Fatah. E tanto per non restare indietro Fatah arresta una sessantina di militanti di Hamas a Nablus,in Cisgiordania. E non finisce qui. Ma non cercate queste notizie sui quotidiani. O non ci sono oppure occupano giusto tre righe nelle pagine interne. L’onore della prima pagina è riservata al prossimo alluce palestinese colpito di striscio.

E’ la stampa, bellezza!

2 pensieri su “Quando l’alluce fa notizia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...