Profondo rosso

E bravo Bertinotti. E’ riuscito ad aggiudicarsi la presidenza della Camera. Una carica fondamentale dello Stato e che, pertanto, dovrebbe essere assegnata ad una persona moderata, lontana da posizione estreme e tale da garantire una posizione super partes. E infatti hanno scelto lui, Bertinotti, comunista. Uno che si è portato appresso, facendoli eleggere in Parlamento, un palestinese, ex collaboratore di Arafat, un leader dei disubbidienti, Caruso, ed una pittoresca rappresentante del mondo dei non sessualmente ben definiti, Luxuria, all’anagrafe Guadagno. Cosa che ha già occupato parte del prezioso tempo dell’assemblea impegnata a discutere su un tema importantissimo, una questione fondamentale per il buon proseguimento dei lavori del Parlamento: la/lo si deve considerare come una signora Luxuria o come un signor Guadagno? Non sappiamo come finirà la querelle, ma per noi non è certamente un guadagno, è una perdita, in termini di serietà delle istituzioni.

Come se non bastasse, il Faustino rosso ha aperto il suo discorso di insediamento dedicando la vittoria "agli operai". E tutti gli altri cosa sono? Figli di nessuno? Un modo chiaro per ricordare a tutti che lui è comunista e che la sua vittoria è una vittoria dei comunisti. Per uno che dovrebbe essere super partes è un bell’inizio. Una bella figura di "moderato", uno che all’ultimo congresso del partito ha inserito nella relazione, approvata dal congresso, il perseguimento dell’abolizione della proprietà privata. Uno che dovrebbe essere garante della Costituzione democratica e che è leader di un partito che vuole abolire uno dei diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione e, sarà bene ricordarlo, anche dalla Carta universale dei diritti dell’uomo.

Stranamente tutti quelli che quotidianamente sbraitavano sugli attentati alla Costituzione non hanno notato questo piccolo dettaglio, o non c’erano, o dormivano. Forse erano distratti, forse erano troppo occupati a controllare le pisciatine di Berlusconi. Sì, per vedere se la fa e quanta ne fa e dove e quando, e se non ci sia conflitto di interessi perché, occupandosi di costruire case, e quindi anche bagni, se Berlusconi va in bagno a fare la pipì potrebbe essere pubblicità per le sue attività immobiliari. E controllare le pisciatine di Berlusconi è ben più importante che accorgersi che Bertinotti propone di abolire la proprietà privata. E’ una questione di priorità democratiche.

Ma non è tutto, non basta, Faustino cachemire vuole di più, vuole più rosso. Non basta nemmeno l’elezione a presidente del Senato di un altro "compagno" di battaglie operaie, Marini, realizzando un bell’ambo sindacale. Vuole, e lo ha chiesto esplicitamente, che anche al Quirinale venga eletto un "Ex comunista". Beh forse un comunista come rappresentante di tutti gli italiani sarebbe eccessivo. Vero? Proponete un altro "ex sindacalista". Non sarà proprio rosso rosso, ma almeno rosato lo è di sicuro. Non avete che l’imbarazzo della scelta. Gli ex sindacalisti abbondano in politica. Proponete D’Antoni o Cofferati, così vi fate un bel terno secco sulla ruota di Roma!

E poi cos’altro? Cambieremo lo stemma dei carabinieri, sostituendo la fiamma con una bella stella rossa? Inseriamo una falce e martello nella bandiera italiana? Sostituiamo l’Inno di Mameli con "Avanti popolo"? Nominiamo l disubbidiente Caruso ministro dell’Interno, a garanzia dell’ordine pubblico? Nominiamo il palestinese Ali Rashid ministro degli esteri? Nominiamo Luxuria ministro dell’istruzione, a garanzia della moralità pubblica? E poi ancora cosa? E meno male che i comunisti sono una minoranza. Qualcuno ha idea di cosa succederebbe se fossero la maggioranza? Non è difficile immaginarlo. Basta leggere la storia…
Riferimenti: ( Torre di Babele)

3 pensieri su “Profondo rosso

  1. gio

    Caro Giano
    io spero che Fausto Bertinotti, come presidente della Camera sappia essere al disopra delle parti.
    … non avrei dato un nichelino per l’elezione di Andreotti…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...