Per chi suona la campana…


…La poesia della sera… ( Ma va bene anche al mattino, prima, dopo i pasti, a piacere…) La campana del villaggio suona triste o suona a festa, per chi parte e per chi resta, per lo sciocco e per il saggio. Per chi suona la campana? Essa suona anche per te! Pàrapa punzi punzi è… P.S. Capperi, che profondità di pensiero… Se continuo a questa profonità dovrò usare lo scafandro! A me Hemingway mi fa un baffo…!
Riferimenti: ( Torre di Babele)

16 pensieri su “Per chi suona la campana…

  1. katana

    ciao giano…..
    ho lasciato un poeta profondo e ritrovo un poeta in profondità…!!!
    accidenti!
    come stai?
    a parte le campane che rintoccanto nella tua testolina.. eh eh eh
    kiss
    katana

    Mi piace

  2. liberodivolare

    Non pensavo che Hemingway facesse il barbiere anche lui.

    Per chi suona la Campana?

    Suona forse per diletto
    Forse suona per dispetto
    Quando a mezzanotte in punto
    coi suoi tocchi dà lo spunto
    al cervello di pensare
    alle cose che hai da fare
    l’indomani e a cio che hai fatto
    per non dare poi di matto
    quando vedi che le cose
    con te fanno le ritrose.

    E ti affidi a quei rintocchi
    come fanno quegli allocchi
    che si credono aquilotti
    e fan poi la fin dei botti
    luci, suoni e tanto fumo
    ma di arrosto niun profumo.

    Mi piace

  3. Ebe

    E’ SUONATA LA CAMPANA

    E’ suonata la campana
    come quella di Hemingway,
    se non vado al lavoro
    saran proprio tanti guei. *

    + strabiliante licenza poetica

    Se non vado suonerà a morto, per me, quindi …mi tocca.
    Buona giornata comunque!
    🙂

    Mi piace

  4. Tamara

    Buongiorno a te, Giano! Ma a me piace tanto quando suona la campana. Grandissime campane oppure piccoli. Nel questo suono c’e’ sempre la serenita e solennita’.
    Buona giornata a te.

    Mi piace

  5. grisù

    Parapa punzi punzi e

    è il momento che preferisco di questa splendida poesia…..
    Meno male che ci sei tu ad allietare la giornata…. ancora non sento le campane ma è normale per chi è nello stato comatoso a quest’ora……
    Buona giornata!!
    Vado a leggiucchiare gli arretrati del tuo blog, non avrai mica scritto tanto in mia assenza, vero???

    Mi piace

  6. Giano

    Ma quanta bella gente che apprezza la poesia.
    Ok, vedrò di dedicarvi qualche altra perla del mio genio creativo.

    Ciao Laretta,
    felice di averti regalato un sorriso.
    Ho visto che sei appena arrivata in blog ed ho anche letto i tuoi post.
    Passerò a salutarti.
    Buona serata.

    Ciao Luce, come vedi mi diletto anche a fare il campanaro.
    Non sarò bravo come quello della Val Gardena, ma ci provo.
    Meglio suonare che…essere suonati.
    Ciao 😉

    Ciao Katana, vedi quali profondi mutamenti estivi?
    Sarà la calura?
    Boh…
    Spero che ti sia rilassata.
    Abbiamo un altro anno davanti, prima delle prossime vacanze.
    Coraggio 🙂

    Ciao Libero,
    sì, anche Hemingway si dilettava a fare il barbiere.
    E’ uno degli aspetti poco noti della sua biografia.
    In quanto all’arrosto, non sfottere, ma quello, se permetti me lo pappo io.
    Ciao 🙂

    Diva, non preoccuparti, è solo una crisi passeggera.
    Vedi, da quanto tu sei sparita e non si parla più di pianoforte, ho ripiegato sulle campane.
    Un abbraccio 🙂

    Ebe, la tua vena poetica è molto simile alla mia.
    Avremo mica la stessa “Musa”?
    Coraggio per la ripresa del lavoro.
    Buona serata 🙂

    Ciao Tamara, hai ragione.
    A parte gli scherzi, le campane hanno un fascino particolare.
    Una volta, specie nei piccoli paesi, erano le campane a scandire con i loro rintocchi tristi o allegri, i momenti importanti della comunità.
    E anche far bene il campanaro era un’arte.
    Ora sono scomparsi anche i campanatri, sostituiti da apparecchiature elettroniche che diffondono il suono delle campane preregistrato.
    Il campanaro è stato sostituito da un nastro magnetico.
    Non so quanto ci abbiamo guadagnato.
    Ciao 🙂

    Ciao Verità,
    ho visto il commento e ti ringrazio.
    Ti ho risposto poco fa.
    Buona serata 🙂

    Grisù, sono perfettamente d’accordo con te.
    Quello è anche il mio verso preferito.
    E’ così profondo, vero?
    Scritto tanto?
    Direi troppo. Ma dovevo pure distrarmi aspettando il vostro rientro.
    Abbraccio 🙂

    Layla, ti ringrazio per l’invito.
    Ho già risposto.
    Sarà sicuramente un bell’incontro, come gli altri.
    Divertitevi…:)

    Ciao Liz, grazie per la tua predilezione.
    Beh, allora dovrò impegnarmi un po’ di più…
    Mi sa che fra poco ti regalo un’altra perla.
    Ho un’ideuzza in testa…vediamo.

    Buona serata a tutti, baci, abbracci, basi, basetti a piacere e…alla prossima…:)

    P.S.
    Memento: non prendetemi mai troppo seriamente.

    Mi piace

  7. Ebe

    A proposito di campane e di morti.
    Questa notizia, che è stata rigorosamente riservata per evitare pericolosi incidenti internazionali , spiega come avvenne in realtà il famoso incontro tra il gonfaloniere Pier Capponi e l’imperatore Carlo VIII di Francia, che minacciava la Signoria.
    Pier Capponi prima gli fece gnacche * e poi gli rispose:

    “SE VOI SUONERETE LE VOSTRE CAMPANE, NOI VI SI TROMBERA’ COME CAMPANE A MORTO!”

    * fare gnacche non è segno di buona educazione ma rende perfettamente l’idea del dileggio e dello scherno più abrasivo.

    A te, invece, caro Giano, auguro una buona serata ringraziandoti per tua generorità poetica perchè, come dice una fànfola di Fosco Maraini

    “un trillargento ci spàffera nel cuor la tua canzona”.

    :)))))))))

    Mi piace

  8. Giano

    Ciao Ebe,
    carino l’aneddoto.
    Superato il trauma del rientro?
    Nuove circolari dell’UCAS?
    Arrivano, arrivano…
    Ho risposto al tuo commento precedente sulla Fallaci.

    Visto che da ieri sera è tutto bloccato e non si possono inserire post, lascio qui un pensierino del mattino.

    ” Dai buonisti mi guardi Iddio,
    che ai cattivi ci penso io…”

    Boh…mah…
    Buona giornata…:)

    Mi piace

  9. Ebe

    Sono ancora viva nonostante l’UCAS e tutti i figli suoi. Bisogna prendere le cose con calma, un passo per volta altrimenti viene lo scoramento.

    Ho aggiunto un altro pezzo al tuo articolo in cui si parla anche della Fallaci. Spero che tu lo legga. Tutto, fino in fondo, non come fai coi libri eh?

    Ancora non ho composto odi o sonetti stamattina, ripiego ancora su Petrolini. Ecche qua.

    ?MA L?AMORE MIO NON MUORE!

    Tutto muore quaggiù. Muore l?insetto,
    muore il cane, il cavallo e il cammello;
    muore il rospo, la pecora e il capretto,
    muore il pesce, il mammifero e l?uccello.
    Muore la pianta, la radice e il fiore?
    ma l?amor mio, ma l?amore mio non muore!

    Era di maggio e c?erano le rose
    quando la vidi per la prima volta.
    Le dissi: T?amo! E lei non mi rispose.
    Allor le sussurrai: Fermati e ascolta.
    Son quasi le sette e il giorno muore?
    ma l?amor mio, ma l?amor mio non muore!

    Ma appena la sposai, quell?angiolella,
    divenne tosto un viscido serpente!
    La docile e gentile pecorella
    mise le corna, inaspettatamente?
    Poi le mise anche a me, senza pudore,
    -ma l?amor mio, ma l?amor mio non muore!

    Dicon che ci sia stato qualche cosa
    fra lei ed un dei miei migliori amici:
    ma la sfacciata giura senza posa
    che non c?è stata neanche la camicia!
    Ah, mi farà morir di crepacuore?
    -ma l?amor mio, ma l?amor mio non muore!

    Non mi fa che dispetti e sgarberie,
    mi nasconde le scarpe ed i calzoni,
    per cui se voglio far le cose mie
    le devo fare senza pantaloni!
    Mi tratta peggio assai d?un servitore..
    ? ma l?amor mio, ma l?amor mio non muore!

    Mi bastona, mi fa patir la fame,
    non ho neppure il pane a volontà.
    Se le chiedo una pera, quell?infame
    me l?avvicina e poi non me la dà!
    Mi devo accontentare dell?odore..
    -ma l?amor mio, ma l?amor mio non muore!
    Un amico m?ha dato un canarino;
    ma lei non può soffrir neppure quello!
    Per cui sono sicur che un bel mattino
    mi sveglierò, purtroppo, senza uccello!
    Ne proverò un terribile dolore?
    -ma l?amor mio, ma l?amor mio non muore!

    (parodia del film omonimo di Mario Camerini del 1913)

    Buona giornata!!!
    ;))))

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...